Le pecore di Dio ascoltano la voce di Dio (Elementi essenziali per il nuovo credente)

Contenuti

Capitolo 8 La fine riservata ai vari tipi di persone e la promessa di Dio all’uomo

Parole di Dio attinenti:

Capisci ora cos’è il giudizio e cos’è la verità? Se ora comprendi, allora ti esorto a sottoporti al giudizio, altrimenti non avrai mai l’opportunità di essere lodato da Dio o di essere preso da Dio nel Suo regno. Coloro che accettano soltanto il giudizio ma che non possono mai essere purificati, vale a dire coloro che fuggono nel mezzo dell’opera di giudizio, saranno per sempre detestati e ripudiati da Dio. I loro peccati sono molti di più, e molto più gravi, di quelli dei Farisei, perché hanno tradito Dio e si sono ribellati contro di Lui. Uomini così, che non meritano nemmeno di prestare servizio, riceveranno punizioni più severe ed eterne. Dio non risparmierà alcun traditore che un tempo abbia dichiarato lealtà con le parole e invece dopo Lo abbia tradito. Tale uomo vedrà la punizione attraverso il castigo dello spirito, dell’anima e del corpo. Questo non mostra l’indole retta di Dio? Non è esattamente questo lo scopo del giudizio di Dio e della rivelazione all’uomo? Dio piazzerà tutti coloro che compiono tutti i tipi di azioni malvagie durante il tempo del giudizio, nel luogo dove vivono gli spiriti maligni, affinché i loro corpi carnali vengano distrutti per volere degli spiriti. I loro corpi emaneranno l’odore di un cadavere e tale è la loro appropriata punizione. Dio scrive nei loro registri ogni singolo peccato di quegli sleali falsi credenti, falsi apostoli, e falsi lavoratori, dopodiché, al momento opportuno, Egli li getterà tra gli spiriti immondi così che i loro corpi interi possano essere violati dagli spiriti a loro piacimento e, in seguito, essi non si reincarneranno mai e non rivedranno mai più la luce. Quegli ipocriti che prestarono servizio una volta, ma non sono capaci di rimanere fedeli fino alla fine, saranno annoverati da Dio fra i malvagi, in modo da farli entrare nel consiglio degli empi, diventando parte della moltitudine disordinata. Alla fine Dio li distruggerà. Dio mette da parte e non tiene in alcun conto coloro che non sono mai stati fedeli a Cristo o non Gli dedicarono alcuno sforzo, e li distruggerà tutti nel cambio delle ere. Essi non esisteranno più sulla terra, men che meno otterranno il passaggio nel regno di Dio. Coloro che non sono mai stati sinceri con Dio ma sono costretti a trattare con Lui, saranno annoverati fra quelli che servono il Suo popolo. Solo un numero limitato di tali uomini potrà sopravvivere, mentre la maggior parte perirà insieme a coloro che non sono qualificati nemmeno per servire. Infine, Dio porterà nel Suo regno tutti coloro che sono della stessa opinione di Dio, la gente e i figli di Dio, così come coloro che sono predestinati da Dio per diventare sacerdoti. Tale è il frutto generato da Dio attraverso il Suo lavoro. Per quanto riguarda coloro che non possono appartenere a nessuna delle categorie stabilite da Dio, essi saranno annoverati fra i non credenti. E voi potete sicuramente immaginare quale sarà la loro fine. Vi ho già detto tutto quello che dovevo dirvi; la strada che scegliete deve essere la vostra decisione da prendere. Quello che dovreste capire è questo: L’opera di Dio non aspetta nessuno che non possa stare al passo con Lui, e l’indole retta di Dio non mostra pietà per qualsiasi uomo.

da “Cristo compie l’opera di giudizio attraverso la verità” in La Parola appare nella carne

È tempo ora che Io determini la fine per ciascun uomo, non lo stadio al quale ho cominciato a lavorare sull’uomo. Scrivo nel Mio libro le parole e le azioni di ciascuno, così come il loro percorso in quanto Miei seguaci, le loro peculiari caratteristiche e il loro finale risultato. In tal modo, non ci sarà modo che alcuno sfugga alla Mia mano, e tutti saranno insieme al genere che avrò loro assegnato. Io decido la destinazione di ciascun uomo non in base all’età, all’anzianità, alla quantità di sofferenza, né men che meno, al grado di miseria, ma in base al fatto che possieda la verità. Non c’è altro criterio di scelta che questo. Dovete rendervi conto che tutti coloro che non seguono la volontà di Dio saranno puniti. Questo è un dato di fatto immutabile. Pertanto, tutti coloro che vengono puniti, sono puniti in tal modo a motivo della rettitudine di Dio e come retribuzione delle loro malvagie azioni. …

La Mia misericordia è per coloro che amano Me e rinnegano se stessi. E la punizione assegnata agli operatori di iniquità è prova della Mia indole retta, ancor più, testimonianza della Mia ira. Quando la catastrofe colpirà, carestie e piaghe si abbatteranno su coloro che si oppongono a Me, ed essi piangeranno. Coloro che hanno commesso ogni genere di iniquità durante i loro molti anni quali Miei seguaci non saranno privi di colpa; anch’essi vivranno in un costante stato di panico e di paura nel mezzo di una catastrofe quale non si è mai vista nelle ere passate. E tutti i Miei seguaci, che sono stati leali a Me solo, esulteranno e applaudiranno alla Mia potenza. Sperimenteranno un ineffabile appagamento e vivranno in una gioia che non ho mai elargito prima all’umanità. Poiché apprezzo enormemente le buone azioni degli uomini e ne aborrisco le azioni malvagie. Fin da quando iniziai a guidare l’umanità, ho sempre nutrito la speranza di trovare un gruppo di uomini che condividessero il Mio Stesso modo di pensare; e non ho mai dimenticato coloro che non condividono il Mio modo di pensare; li ho detestati in cuor Mio, attendendo solo l’opportunità di vedere la Mia punizione somministrata a tali operatori di iniquità, e di assaporarla. Il Mio giorno è finalmente giunto e non ho più bisogno di aspettare!

La Mia opera finale non consisterà solo nel punire l’uomo, ma anche nell’assegnare all’uomo la sua destinazione. Consisterà, inoltre, nel ricevere il riconoscimento per tutto ciò che ho fatto. Voglio che tutti quanti gli uomini vedano che tutto ciò che ho fatto è giusto ed è espressione della Mia indole; non è l’opera dell’uomo, e men che meno della natura, che ha portato avanti l’umanità. Al contrario, sono Io Colui che nutre ogni essere vivente sulla faccia della terra. Senza la Mia esistenza, l’umanità può solo perire e soffrire per le piaghe. Nessuno vedrà mai più la splendida luce del sole e della luna, né il verde della vegetazione; l’umanità conoscerà solo il gelo della notte e l’inesorabile valle di tenebre della morte. Io sono la sola salvezza dell’umanità. Sono la sola speranza dell’umanità e ancor più, sono Colui in cui l’esistenza stessa di tutto il genere umano riposa. Senza di Me l’umanità finirebbe immediatamente per stagnare. Senza di Me, l’umanità soffrirebbe la catastrofe e finirebbe in balia di ogni genere di spiriti maligni, anche se nessuno si curasse di Me. Ho svolto il lavoro che non poteva esser fatto da nessun altro solo nella speranza che l’uomo Mi ripagasse con buone azioni. Sebbene pochi Mi possano ripagare, Io egualmente concludo il Mio viaggio nel mondo e comincio il lavoro successivo, poiché il Mio viaggio in mezzo agli uomini, in tutti questi anni, è stato ricco di frutti e Io ne sono davvero soddisfatto. Non Mi curo del numero degli uomini, bensì delle loro buone azioni. In qualsiasi caso, spero che compiate sufficienti buone azioni in preparazione alla vostra destinazione. Allora Io sarò soddisfatto; altrimenti, nessuno di voi scamperà alla catastrofe. La catastrofe verrà inferta da Me e, ovviamente, orchestrata da Me. Se non potete compiere il bene in Mia presenza, allora non sfuggirete alla catastrofe. Al tempo della tribolazione, le vostre azioni e le vostre opere non sono state del tutto appropriate, poiché la vostra fede e il vostro amore erano inconsistenti, e voi eravate capaci solo di manifestare o timore o forza. A tale proposito, emetterò solo una sentenza di buono o cattivo. La Mia preoccupazione continua a riguardare le vostre azioni e il vostro comportamento, in base al quale si fonda la Mia decisione a proposito della vostra fine. Tuttavia, devo chiarire che non avrò più nessuna pietà per coloro che si sono dimostrati profondamente sleali verso di Me al tempo della tribolazione, poiché la Mia pietà giunge solo fino a questo punto. Inoltre non provo alcuna simpatia per chi un tempo Mi ha tradito, e meno ancora desidero associarMi a coloro che hanno dissipato l’interesse degli amici. Questa è la Mia indole, indipendentemente da quale persona si tratti. Devo dirvi questo: chiunque Mi abbia spezzato il cuore non riceverà alcuna clemenza, e chiunque Mi sia stato fedele rimarrà per sempre nel Mio cuore.

da “È necessario un numero adeguato di buone azioni per prepararsi alla propria destinazione” in La Parola appare nella carne

Il regno si espande nel mezzo dell’umanità, si forma nel mezzo dell’umanità, si erge nel mezzo dell’umanità; non c’è alcuna forza che possa distruggere il Mio regno. Della Mia gente che si trova nel regno di oggi, chi di voi non è un essere umano tra gli esseri umani? Chi di voi si trova al di fuori della condizione umana? Quando il Mio nuovo punto di partenza sarà annunciato alla moltitudine, come reagirà l’umanità? Avete visto con i vostri occhi lo stato dell’umanità; sicuramente voi non nutrite ancora speranze di resistere per sempre in questo mondo? Ora cammino in mezzo alla Mia gente, Io vivo in mezzo al Mio popolo. Oggi, coloro che serbano un amore sincero nei Miei confronti, persone così, sono benedette; beati siano coloro che ubbidiscono a Me, perché avranno sicuramente un posto nel Mio regno; beati siano coloro che Mi conoscono, perché di certo eserciteranno il potere nel Mio regno; beati coloro che Mi cercano, perché certamente si sottrarranno ai legami con Satana e si rallegreranno della Mia benedizione; beati coloro che sono in grado di tradire se stessi, perché senza dubbio avranno accesso a ciò che Io ho ed erediteranno l’abbondanza del Mio regno. Coloro che si affannano per il Mio bene saranno da Me celebrati, coloro che si adoperano per il Mio bene, li abbraccerò con gioia, a coloro che Mi faranno offerte darò soddisfazioni. Coloro che trovano appagamento nelle Mie parole saranno da Me benedetti; essi saranno sicuramente i pilastri che sostengono la trave di colmo nel Mio regno, essi avranno di sicuro ricchezze senza pari nella Mia casa e nessuno potrà competere con loro. Avete mai accettato le benedizioni che vi sono state date? Avete mai auspicato le promesse che vi sono state fatte? Sotto la guida della Mia luce voi spezzerete certamente la stretta mortale delle forze dell’oscurità. Nel mezzo delle tenebre non perderete per certo la luce che vi guida. Diventerete sicuramente il signore di tutto il creato. Sarete senz’altro un vincitore davanti a Satana. Durante la caduta del regno del gran dragone rosso voi di certo vi alzerete tra le innumerevoli moltitudini, per testimoniare la Mia vittoria. Sarete senza dubbio decisi e risoluti nella terra di Sinim. Tramite le sofferenze che sopportate, erediterete i doni che giungono attraverso di Me e irradierete in tutto l’universo la Mia gloria.

da “Il diciannovesimo discorso” dei discorsi del Dio incarnato durante l’adempimento del Suo ministero in La Parola appare nella carne

A seguito del compimento delle Mie parole, il regno è gradualmente formato sulla terra e l’uomo è lentamente restituito alla normalità e pertanto, è stabilito sulla terra il regno del Mio cuore. Nel regno, tutto il popolo di Dio riacquista la vita dell’uomo normale. L’inverno gelido è scomparso, sostituito da un mondo fatto di città di primavera, dove la primavera dura tutto l’anno. Gli abitanti non devono più affrontare il mondo dell’uomo, scuro e miserabile, né sopportare più il suo brivido freddo. Le persone non combattono le une con le altre, le nazioni non vanno in guerra, non esiste più la carneficina e il sangue che da essa fluisce; tutti i territori sono pieni di felicità e dappertutto pullula il calore tra gli uomini. Io mi muovo in ogni parte del mondo, gioisco dall’alto del Mio trono, vivo fra le stelle. Gli angeli Mi offrono nuovi canti e nuovi balli. La loro fragilità non provoca più lacrime che colano lungo il loro volto. Io non odo più, al Mio cospetto, il suono degli angeli che piangono e nessuno si lamenta con Me delle avversità. Oggi, tutti voi vivete dinanzi a Me. Domani, vi troverete nel Mio regno. Non è questa la benedizione più grande che concedo all’uomo?

da “Il ventesimo discorso” dei discorsi del Dio incarnato durante l’adempimento del Suo ministero in La Parola appare nella carne

La vita nel riposo è una vita senza guerra, senza lordura, senza il persistere dell’ingiustizia. Ciò significa che manca del tormento di Satana (qui “Satana” si riferisce alle forze ostili), della corruzione di Satana, così come dell’invasione di qualsiasi forza che si opponga a Dio. Ogni cosa procede secondo la propria natura e rende lode al Signore della creazione. Cielo e terra sono totalmente tranquilli. Questa è la vita dell’umanità nel riposo. Quando Dio entrerà nel riposo, non vi sarà più alcuna forma di ingiustizia sulla terra, né vi sarà più alcuna invasione di forze ostili. L’umanità avrà anche accesso ad un nuovo regno; non sarà più un’umanità corrotta da Satana, bensì un’umanità che è stata salvata dopo essere stata corrotta da Satana. Il giorno del riposo dell’umanità è anche il giorno del riposo di Dio. Dio ha perso il Proprio riposo a causa dell’incapacità dell’umanità di accedere al riposo; Egli non era originariamente incapace di riposo. Accedere al riposo non significa che tutte le cose smetteranno di muoversi o che tutte le cose cesseranno il loro divenire, né significa che Dio interromperà il Proprio lavoro o che l’uomo cesserà di vivere. Il segno dell’accesso al riposo è questo: Satana è stato distrutto; le persone malvagie che si accompagnano a Satana nel compimento delle sue iniquità sono state punite e spazzate via; tutte le forze ostili a Dio cessano di esistere. Dio che accede al riposo significa che Egli non compirà più il Proprio lavoro di salvezza dell’umanità. L’umanità che accede al riposo significa che l’intera umanità vivrà nella luce di Dio e sotto la Sua benedizione; non ci sarà alcuna delle corruzioni di Satana, né verrà perpetrata alcuna ingiustizia. Gli uomini vivranno una normale esistenza sulla terra e Dio si prenderà cura di loro. Quando Dio e l’uomo entreranno insieme nel riposo, significherà che l’umanità è stata salvata e che Satana è stato distrutto, che il lavoro di Dio tra gli uomini è stato definitivamente completato. Dio non continuerà più a lavorare tra gli uomini e gli uomini non vivranno più sotto il dominio di Satana. Pertanto, Dio non sarà più impegnato e l’uomo non avrà più ragione di affannarsi; Dio e l’uomo entreranno contemporaneamente nel riposo. Dio tornerà alla Propria posizione originaria e ogni persona tornerà al proprio posto. Queste sono le destinazioni in cui Dio e l’uomo rispettivamente andranno a stare al termine dell’intera gestione operata da Dio. Dio ha la destinazione propria di Dio e l’uomo quella propria dell’uomo. Durante il Suo riposo, Dio continuerà a guidare l’esistenza dell’intera umanità sulla terra. Nella luce di Dio, l’uomo renderà lode all’unico vero Dio in cielo. Dio non vivrà più in mezzo all’umanità e così pure l’uomo non avrà accesso alla vita con Dio nella divina destinazione. Dio e l’uomo non possono vivere all’interno dello stesso regno; bensì, entrambi godranno delle proprie rispettive modalità di vita. Dio è l’Uno che guida tutti gli aspetti dell’umanità, mentre tutti gli aspetti dell’umanità non sono che la cristallizzazione della divina gestione. È l’umanità ad essere condotta; rispetto alla propria essenza, l’umanità non è simile a Dio. Riposare significa ritornare al proprio posto originario. Pertanto, quando Dio accede al riposo, significa che Dio ritorna al Proprio posto originario. Dio non vivrà più sulla terra, né prenderà più parte alle gioie e alle sofferenze dell’umanità, restando in mezzo agli uomini. Quando l’umanità accede al riposo, significa che l’uomo è divenuto autentica creazione; l’umanità venererà Dio dalla terra e condurrà una normale esistenza umana. Gli uomini non saranno più disobbedienti nei confronti di Dio né Gli resisteranno; essi faranno ritorno all’originaria vita di Adamo ed Eva. Queste sono le rispettive vite e destinazioni di Dio e dell’umanità dopo il loro ingresso nel riposo. La sconfitta di Satana è l’esito inevitabile della guerra tra Dio e Satana. In tal modo, l’ingresso di Dio nel riposo al termine del Proprio lavoro di gestione e la completa salvezza dell’uomo e il suo ingresso nel riposo divengono, allo stesso modo, esito inevitabile. Il luogo di riposo dell’uomo è sulla terra, mentre il luogo di riposo di Dio è in cielo. Durante il proprio riposo, l’uomo venererà Dio e vivrà sulla terra, durante il Proprio riposo, Dio guiderà quel che resta dell’umanità; la guiderà dal cielo, non dalla terra. Dio sarà ancora Spirito, mentre l’uomo sarà ancora carne. Sia Dio che l’uomo hanno i rispettivi, distinti modi di riposare. Durante il Proprio riposo, Dio verrà e apparirà in mezzo agli uomini; durante il proprio riposo, l’uomo verrà condotto da Dio a far visita al cielo e a godere della vita in cielo. Dopo che Dio e l’uomo saranno entrati nel riposo, Satana non esisterà più, e come Satana, così pure i malvagi non esisteranno più. Prima che Dio e l’uomo entrino nel riposo, i malvagi che hanno perseguitato Dio sulla terra e coloro che Gli erano avversi e che Gli hanno disobbedito sulla terra saranno già stati distrutti; saranno stati distrutti dai grandi cataclismi degli ultimi giorni. Dopo che tali malvagi individui saranno stati completamente distrutti, la terra non conoscerà mai più il tormento di Satana. L’umanità otterrà completa salvezza e solo allora il lavoro di Dio avrà termine definitivamente. Questi sono i prerequisiti perché Dio e l’uomo entrino nel riposo.

da “Dio e l’uomo entreranno nel riposo insieme” in La Parola appare nella carne

Poiché essi sono in grado di rendere testimonianza a Dio e di dedicare tutti i loro sforzi per l’opera di Dio, coloro che amano veramente Dio possono andare ovunque sotto il cielo senza che nessuno osi opporsi a loro e possono esercitare il potere sulla terra e governare tutto il popolo di Dio. Queste persone si sono riunite da tutto il mondo, esse parlano lingue diverse e hanno diversi colori della pelle, ma la loro esistenza ha lo stesso significato, tutti hanno un cuore che ama Dio, tutti rendono la stessa testimonianza ed hanno la stessa determinazione e lo stesso desiderio. Coloro che amano Dio possono camminare liberamente in tutto il mondo, quelli che rendono testimonianza a Dio possono viaggiare attraverso l’universo. Queste persone sono amate da Dio, esse sono benedette da Dio e vivranno per sempre nella Sua luce.

da “Coloro che amano Dio vivranno per sempre nella Sua luce” in La Parola appare nella carne

Quelli che saranno perfezionati da Dio sono coloro che riceveranno le Sue benedizioni e la Sua eredità. Vale a dire che ricevono ciò che Dio ha ed è, cosicché ciò diventa quello che hanno nel cuore; hanno tutte le parole di Dio forgiate in loro; qualunque sia l’essere di Dio, siete in grado di comprenderLo tutto esattamente com’è, vivendone la verità. Questo è il tipo di uomo perfezionato da Dio e guadagnato da Dio. Solo questo tipo di uomo è adatto a ereditare le benedizioni concesse da Dio:

1. Ricevere tutto l’amore di Dio.

2. Agire secondo la volontà di Dio in tutto.

3. Ricevere la guida di Dio, vivere alla Sua luce ed esserne illuminato.

4. Vivere l’immagine amata da Dio sulla terra; amare Dio veramente come fece Pietro, crocifisso per Dio e degno di morire come ricompensa del Suo amore; avere la stessa gloria di Pietro.

5. Essere amato, rispettato e ammirato da tutti sulla terra.

6. Superare ogni paura della morte e degli inferi, senza dare spazio al lavoro di Satana, appartenere a Dio, vivendo con animo rinnovato e pieno di vita, senza sentirsi mai stanco.

7. Avere un indicibile senso di euforia ed eccitazione in qualsiasi momento della vita, come se avesse assistito alla venuta del giorno della gloria di Dio.

8. Ricevere la gloria con Dio, con un aspetto simile a quello dei santi amati da Dio.

9. Diventare colui che Dio ama sulla terra, cioè, il figlio prediletto di Dio.

10. Cambiare l’immagine e ascendere con Dio al terzo cielo, che trascende la carne.

da “Promesse per chi è stato perfezionato” in La Parola appare nella carne

Quando l’uomo giungerà al destino eterno, adorerà il Creatore e, poiché ha guadagnato la salvezza ed è entrato nell’eternità, non perseguirà alcun obiettivo né dovrà preoccuparsi di essere assediato da Satana. In quel tempo, l’uomo conoscerà il suo posto e adempirà al suo dovere; e tutti compiranno il proprio dovere pur non essendo castigati o giudicati. In quel tempo, l’uomo sarà una creatura sia nell’identità che nello stato. Non esisterà più alcuna distinzione fra alto e basso; ciascuno adempirà soltanto a una diversa funzione. Nondimeno, l’uomo vivrà ancora in un destino regolare e appropriato al genere umano; compirà il suo dovere per venerare il Creatore e un genere umano simile sarà il genere umano dell’eternità. In quel tempo, l’uomo avrà conquistato una vita illuminata da Dio, una vita sotto la cura e la protezione di Dio, una vita insieme a Dio; condurrà una vita normale sulla terra e l’intero genere umano percorrerà la retta via.

da “Ridare una vita normale all’uomo e condurlo a un destino meraviglioso” in La Parola appare nella carne

Una volta completata l’opera di conquista, l’uomo sarà condotto in un mondo bellissimo. Questa vita, di certo, esisterà ancora sulla terra, ma sarà affatto diversa da quella odierna. È la vita che attende l’uomo quando tutto il genere umano sarà stato conquistato; sarà un nuovo inizio per l’uomo sulla terra, e per l’umanità sarà la prova che l’uomo è entrato in un nuovo e splendido regno. Sarà l’inizio della vita dell’uomo e di Dio sulla terra. Il presupposto di un’esistenza così bella deve essere che, una volta purificato e conquistato, l’uomo si sottometta dinanzi al Creatore. Dunque, l’opera di conquista giunge all’ultima fase dell’opera di Dio che precede l’approdo dell’uomo al meraviglioso destino. Un’esistenza simile è la vita futura dell’uomo sulla terra, è la vita più bella sulla terra, l’esistenza a cui l’uomo aspira, quella che non ha mai raggiunto nella storia del mondo. È l’esito finale del grande disegno di seimila anni, quello a cui il genere umano ambisce di più, nonché la promessa di Dio all’uomo. Nondimeno, tale promessa non può realizzarsi subito: l’uomo accederà al destino futuro solo una volta completata l’opera degli ultimi giorni e una volta che egli sarà stato pienamente conquistato, ovvero quando Satana sarà stato sconfitto per sempre. L’uomo sarà affinato e privato della sua natura peccaminosa poiché Dio avrà sconfitto il Maligno, il che significa che non vi sarà alcuna invasione delle forze ostili e che nessuna forza ostile può aggredire la carne dell’uomo. Dunque l’uomo sarà libero e puro – sarà entrato nell’eternità. Solo se le forze ostili della malvagità verranno imbrigliate l’uomo sarà libero ovunque vada, e senza ribellismo né opposizione. Satana deve essere legato per il bene dell’uomo; oggi, questi non sta bene perché[a] il Maligno fomenta ancora ulteriori tensioni sulla terra e perché l’intero disegno di Dio non si è ancora compiuto. Una volta che Satana sarà stato sconfitto, l’uomo sarà completamente libero; quando l’uomo acquisirà Dio e si sottrarrà alla potestà del Maligno, contemplerà il sole della rettitudine. La vita dovuta all’uomo normale sarà riconquistata; tutto quello che l’uomo normale deve possedere – come l’abilità di distinguere il bene dal male, comprendere come mangiare e vestirsi e la capacità di vivere normalmente – tutto ciò sarà riconquistato.

da “Ridare una vita normale all’uomo e condurlo a un destino meraviglioso” in La Parola appare nella carne

Quando l’uomo conseguirà la vera vita sulla terra, tutte le forze di Satana saranno legate ed egli vivrà serenamente. Le cose non saranno tanto complicate quanto lo sono oggi: le relazioni umane, le relazioni sociali, le relazioni famigliari complesse… sono tanto fastidiose, tanto penose! La vita umana è così miserevole! Una volta che egli sarà stato conquistato, il suo cuore e la sua mente cambieranno: il suo cuore riverirà e amerà Dio. Una volta che tutti quelli nell’universo che aspirano ad amare Dio saranno stati conquistati, ossia una volta che Satana sarà stato sconfitto e legato insieme a tutte le forze della malvagità, allora la vita dell’uomo sulla terra sarà serena ed egli vivrà liberamente. Se la vita umana fosse priva di relazioni carnali e delle complessità della carne, sarebbe molto più semplice. I rapporti carnali sono troppo complicati e il fatto che l’uomo ne abbia dimostra che non si è ancora sottratto all’influenza del Maligno. Se avessi la stessa relazione con i fratelli e le sorelle, se avessi la stessa relazione con la tua famiglia ordinaria, allora non avresti alcuna preoccupazione e non dovresti preoccuparti di nessuno. Non esisterebbe niente di meglio e in questo modo l’uomo sarebbe liberato di metà della sua sofferenza. Vivendo una vita normale sulla terra, l’uomo sarà simile a un angelo; sebbene sia fatto ancora di carne, sarà molto più simile a un angelo. Questa è la promessa finale, è la promessa ultima fatta all’uomo.

da “Ridare una vita normale all’uomo e condurlo a un destino meraviglioso” in La Parola appare nella carne

Note a piè di pagina:

a. Il testo originale recita “oggi, è perché”.