La Parola appare nella carne

Contenuti

Il malvagio deve essere punito

I principi di comportamento di coloro che credono in Dio sono quelli di esaminare se si pratica la giustizia in tutto ciò che si fa e se tutte le azioni sono osservate da Dio. Sarete chiamati giusti, perché sarete in grado di compiacere Dio e di accettare le cure e la protezione di Dio. Agli occhi di Dio, tutti coloro che accolgono le Sue cure, la Sua protezione e la Sua perfezione e che sono conquistati da Lui, sono giusti e guardati da Lui con tenerezza. Quanto più si accettano le parole di Dio nel qui e ora, tanto più potete ricevere e comprendere la volontà di Dio e più riuscite a vivere le Sue parole e a soddisfarNe le richieste. Questo è il mandato di Dio per voi e ciò che dovete raggiungere. Se utilizzate dei concetti per misurare e delineare Dio, come se fosse una statua di argilla immutabile, e se delimitate Dio all’interno della Bibbia e Lo contenete entro l’ambito limitato dell’operato, allora vuol dire che avete condannato Dio. Poiché, nel loro cuore, gli ebrei del Vecchio Testamento hanno gettato Dio nello stampo di un idolo, come se potesse essere chiamato solo il Messia e solo Colui che è stato denominato Messia fosse Dio; e poiché hanno servito e adorato Dio, come se fosse una statua di argilla (priva di vita), hanno inchiodato alla croce il Gesù di quell’epoca, condannandoLo a morte, obbligando Gesù innocente a morire. Dio non aveva commesso alcun crimine, tuttavia l’uomo non Lo ha risparmiato e Lo ha condannato a morte senza esitazione. Così, Gesù è stato crocefisso. L’uomo crede sempre che Dio sia immutabile e Lo definisce secondo la Bibbia, come se l’uomo avesse capito la gestione di Dio, come se tutto quello che Dio compie fosse nelle mani dell’uomo. Le persone sono ridicole fino all’estremo, oltremodo arroganti e tendono all’eloquenza pomposa. Indipendentemente da quanto sia grande la tua conoscenza di Dio, ancora affermo che tu non Lo conosci, che nessuno Gli si oppone più di te e tu Lo condanni perché sei del tutto incapace di ubbidire all’opera di Dio e di percorrere il cammino di perfezione che Egli ti offre. Perché Dio non è mai soddisfatto delle azioni dell’uomo? Perché quest’ultimo non Lo conosce, ha troppo idee e, invece di conformarsi alla realtà, tutta la sua conoscenza di Dio è fatta sempre della stessa pasta, rigida e inflessibile com’è. Così, se fosse venuto sulla Terra oggi, Dio sarebbe stato nuovamente inchiodato alla croce dall’uomo. Umanità crudele e brutale! La cospirazione e l’intrigo, la contesa con l’altro, la corsa alla fama e alla ricchezza, l’eccidio reciproco, quando avranno mai fine? Dio ha detto centinaia di migliaia di parole, ma nessuno è diventato ragionevole. Gli uomini agiscono per il bene delle loro famiglie, dei figli e delle figlie, per la carriera, per le prospettive, per la posizione, per la vanità e per il denaro, per amore dei vestiti, per il cibo e per le cose della carne… Quali azioni sono davvero per amore di Dio? Anche tra coloro che agiscono per amore di Dio, ci sono solo pochi che Lo conoscono. Quanti non agiscono per il bene dei loro interessi? Quanti non opprimono e discriminano gli altri per mantenere la propria posizione? Dio è stato, dunque, condannato con forza a morte innumerevoli volte, numerosi giudici violenti Lo hanno condannato e ancora una volta inchiodato sulla croce. Quanti possono essere chiamati giusti perché agiscono veramente per amore di Dio?

Davanti a Dio è così facile rendersi perfetti come santi o giusti? È una verità ovvia che “non ci sono giusti su questa Terra, i giusti non sono di questo mondo”. Quando giungi al Suo cospetto, considera ciò che indossi, ogni parola e azione, tutti i tuoi pensieri e le tue idee, e persino i sogni che fai ogni giorno – è tutto per il tuo bene. Non è forse lo stato reale delle cose? “Giustizia” non significa fare la carità, amare il prossimo come sé stessi, evitare di combattere, litigare, rapinare e rubare. La giustizia significa accogliere il mandato di Dio come proprio dovere e ubbidire ai Suoi ordinamenti e alle Sue disposizioni, come una vocazione mandata dal cielo, a prescindere dal tempo o dal luogo, proprio come tutto ciò che è stato fatto dal Signore Gesù. Questa è la giustizia di cui parla Dio. Lot potrebbe essere definito un uomo giusto perché ha salvato i due angeli inviati da Dio, senza porre mente a ciò che avrebbe guadagnato o perso; quello che ha fatto in quel momento può essere definito giusto, ma non può essere chiamato un uomo retto. Solo perché Lot aveva visto Dio, ha dato le sue due figlie in cambio degli angeli. Eppure, non tutto il suo modo di comportarsi nel passato può rappresentare la giustizia e, quindi, affermo che “non ci sono giusti su questa Terra”. Persino tra coloro che sono sulla via del recupero, non ce n’è uno che possa essere considerato retto. Non importa quanto siano buone le tue azioni. Non importa quanto tu dia l’impressione di glorificare il nome di Dio, evitando di colpire e di maledire gli altri o di defraudarli di qualcosa o di derubarli: non puoi ancora essere definito giusto, perché tali cose possono essere fatte da qualsiasi persona normale. Oggi, è fondamentale il fatto che non conosci Dio. Si può solo affermare che oggi hai un po’ di umanità normale, eppure sei privi della giustizia di cui parla Dio e, quindi, nulla di ciò che fai prova la tua conoscenza di Dio.

Prima, quando Dio era in cielo, l’uomo aveva tentato di ingannarLo con le sue azioni; oggi, Dio è venuto tra gli uomini, per quanto tempo non si sa, eppure l’uomo continua a comportarsi senza convinzione, e cerca di ingannarLo. L’uomo non è forse estremamente arretrato nel suo modo di pensare? È stato lo stesso con Giuda: Giuda era solito mentire ai suoi fratelli e sorelle prima della venuta di Gesù, e anche dopo non è affatto cambiato; non aveva la benché minima conoscenza di Gesù e alla fine Lo ha tradito. Non è stato forse perché non conosceva Dio? Se, oggi, ancora non conoscete Dio, allora diventate come Giuda e il dramma della crocifissione di Gesù durante l’Età della Grazia, migliaia di anni fa, si verificherà di nuovo. Impossibile? È un dato di fatto! Oggi, la maggior parte delle persone vive in simili circostanze – forse lo dico un po’ troppo presto – e questa gente svolge il ruolo di Giuda. Non lo affermo a cuor leggero, ma secondo i fatti e bisogna crederci. Anche se molte persone si fingono umili, nel loro cuore vi è solo acqua putrida e stagnante. Ora, all’interno della chiesa sono in molti a essere così. Pensate che Io non sappia niente, ma oggi il Mio Spirito Mi guida e Mi dà testimonianza. Ritenete che Io non sappia niente? Pensate che non abbia compreso nulla dei pensieri subdoli del vostro cuore e di quanto serbate nel vostro intimo? È così facile ingannare Dio? Pensate di poterLo trattare in qualunque modo vogliate? In passato, temevo che foste in catene, così ho continuato a lasciarvi a briglie sciolte, ma nessuno si è reso conto che ero buono nei loro confronti. Ho dato loro un dito e si sono presi il braccio. Domatevi fra di voi se non li ho affrontati e se non sono stato veloce nel rimproverarli. Eppure ho le idee molto chiare in merito alle motivazioni e alle concezioni dell’uomo. Ritieni forse che Dio Stesso a cui Dio rende testimonianza sia un folle? Se è così, allora affermo che sei fin troppo cieco. Non ti giudico e vediamo quanto diventi depravato. Vediamo se i tuoi trucchetti possono salvarti o se non può salvarti invece tentare di fare del tuo meglio per amare Dio. Oggi, non ti condannerò; aspettiamo il tempo di Dio per vedere come Egli eserciterà la vendetta divina. Non ho tempo adesso per chiacchierare invano con te e sono contrario a ritardare la Mia opera più grande per causa tua, un verme come te non merita che Dio impieghi il Suo tempo per affrontandoti, quindi vediamo quanto sai essere indulgente nei confronti di te stesso. Queste persone non cercano minimamente di conoscere Dio e non provano alcun amore per Lui, tuttavia desiderano ancora essere chiamati da Dio giusti; non è una beffa? Poiché vi è in realtà un piccolo numero di persone che sono oneste, Io Mi occupo solo di provvedere alla vita umana. Porterò a termine unicamente ciò che andrà fatto oggi e, in seguito, la retribuzione divina valuterà ciascuno in base al suo comportamento. Ho detto ciò che dovevo dire, perché è l’operato che svolgo. Faccio quello che devo fare e non faccio ciò che non devo, tuttavia spero ancora che dedichiate più tempo a riflettere: di preciso, quant’è reale la vostra conoscenza di Dio? Siete tra quelli che hanno crocifisso nuovamente Dio? Infine, posso affermare questo: guai a coloro che crocifiggono Dio.