4. Cos’è la possessione demoniaca e quali sono le manifestazioni della possessione demoniaca

Parole di Dio attinenti:

Se, ai giorni nostri, dovesse emergere qualcuno che sia in grado di mostrare segni e prodigi, e che sappia cacciare i demoni, sanare i malati e compiere molti miracoli, e se questi sostenesse di essere Gesù che è venuto, allora si tratterebbe di una contraffazione degli spiriti maligni e della loro imitazione di Gesù. Ricordatelo! Dio non ripete la medesima opera. La fase dell’opera di Gesù è già stata completata e Dio non la intraprenderà mai più. L’opera di Dio è inconciliabile con le concezioni dell’uomo; per esempio, il Vecchio Testamento predisse la venuta di un Messia, ma poiché è venuto Gesù, sarebbe sbagliato che tornasse un altro Messia. Gesù è già venuto una volta e il Suo ritorno sarebbe sbagliato. A ogni età corrisponde un nome, e ogni nome è caratterizzato dall’età. L’uomo crede che Dio debba sempre mostrare segni e prodigi, sanare i malati e cacciare i demoni ed essere sempre proprio come Gesù, eppure questa volta non è affatto così. Se, durante gli ultimi giorni, Dio mostrasse ancora segni e prodigi, e di nuovo cacciasse i demoni e guarisse i malati – se agisse esattamente come Gesù –, allora ripeterebbe la medesima opera, e quella di Gesù non avrebbe alcun significato o valore. Pertanto, Dio realizza una fase dell’opera in ogni epoca. Una volta che una fase della Sua opera è completata, viene presto imitata dagli spiriti maligni, e quando Satana inizia a emulare Dio, Egli cambia metodo. Una volta completata una fase della Sua opera, questa è imitata dagli spiriti maligni. Dovete avere le idee chiare su questo.

Tratto da “Conoscere l’opera di Dio oggi” in “La Parola appare nella carne”

Ci sono alcuni che sono posseduti da spiriti malvagi e che si ostinano a gridare: “Io sono Dio!” Tuttavia, alla fine vengono smascherati, perché ciò che rappresentano è sbagliato. Essi rappresentano Satana, e lo Spirito Santo non presta loro ascolto. Per quanto tu possa esaltarti, o per quanto forte tu possa gridare, sei sempre un essere creato, e un essere creato che appartiene a Satana. Io non grido mai: “Io sono Dio, Io sono l’amato Figlio di Dio!” Però l’opera che svolgo è l’opera di Dio. Ho bisogno di urlare? Non vi è alcuna necessità di ricorrere all’esaltazione. Dio compie la Sua opera da Sé e non necessita che l’uomo Gli conferisca uno status o un titolo onorifico: è la Sua opera a rappresentare la Sua identità e il Suo status. Prima del battesimo, Gesù non era Dio Stesso? Non era la carne incarnata di Dio? Sicuramente non si può dire che sia diventato l’unico Figlio di Dio solo dopo avere ricevuto testimonianza. Non c’era forse già un uomo di nome Gesù molto prima che Egli iniziasse la Sua opera? Tu non puoi creare nuovi percorsi o rappresentare lo Spirito. Non puoi esprimere l’opera dello Spirito o le parole che Egli pronuncia. Non puoi compiere l’opera di Dio Stesso, e sei altrettanto inetto a compiere quella dello Spirito. La saggezza, la meraviglia e l’insondabilità di Dio e tutta l’indole con cui Egli castiga l’uomo: tutte queste sono cose che vanno al di là della tua capacità di espressione. Pertanto non avrebbe senso rivendicare di essere Dio: avresti solo il nome e non la sostanza. Dio Stesso è venuto, ma nessuno Lo riconosce, eppure Egli continua nella Sua opera e lo fa in rappresentanza dello Spirito. ChiamaLo pure uomo o Dio, Signore o Cristo o chiamaLa sorella, ma l’opera che Egli compie è quella dello Spirito e rappresenta l’opera di Dio Stesso. Egli non Si cura del nome con cui l’uomo Lo chiama. Può quel nome determinare la Sua opera? Indipendentemente da come Lo chiami, dal Suo punto di vista Dio è la carne incarnata dello Spirito di Dio; Egli rappresenta lo Spirito ed è da Lui approvato. Se non puoi introdurre una nuova età, non puoi porre fine a quella vecchia o inaugurarne una nuova o compiere una nuova opera, non puoi essere chiamato Dio!

Tratto da “Il mistero dell’incarnazione (1)” in “La Parola appare nella carne”

Alcuni sostengono che lo Spirito Santo operi in loro costantemente, ma questo è impossibile. Se dovessero affermare che lo Spirito Santo è sempre con loro, ciò sarebbe realistico. Se dovessero affermare che i loro pensieri e la loro ragionevolezza sono sempre normali, anche ciò sarebbe realistico e dimostrerebbe che lo Spirito Santo è con loro. Se dicono che lo Spirito Santo opera sempre in loro, che sono illuminati da Dio e toccati dallo Spirito Santo in ogni istante e ottengono nuova conoscenza per tutto il tempo, questo non è affatto normale! È del tutto soprannaturale! Senza ombra di dubbio, individui simili sono spiriti maligni! Anche quando lo Spirito di Dio Si fa carne, ci sono momenti in cui deve mangiare e riposare; questo vale ancora di più per gli esseri umani. Coloro che sono stati posseduti dagli spiriti maligni sembrano non sperimentare la debolezza della carne. Riescono ad abbandonare tutto e a rinunciare a ogni cosa, sono liberi da emozioni, capaci di sopportare il tormento e di non avvertire la minima fatica, come se avessero trasceso la carne. Tutto ciò non è forse estremamente soprannaturale? L’opera degli spiriti maligni è soprannaturale: nessun essere umano sarebbe capace di tanto! Coloro che sono privi di discernimento provano invidia quando vedono individui simili: sostengono che la loro fede in Dio è grande e piena di vigore, e che non mostrano mai un minimo segno di debolezza! Queste, in realtà, sono tutte manifestazioni dell’opera di uno spirito maligno. Le persone normali hanno inevitabilmente delle debolezze umane; questo è lo stato normale di chi gode della presenza dello Spirito Santo.

Tratto da “Pratica (4)” in “La Parola appare nella carne”

Vi sono alcune persone che, quando non sorgono problemi, sono piuttosto normali, parlano e conversano piuttosto normalmente, sembrano normali e non fanno niente di male. Ma, quando negli incontri si leggono le parole di Dio e quando si sta condividendo la verità, loro all’improvviso cominciano a comportarsi in modo anomalo. Alcuni non sopportano di ascoltare, altri si assopiscono; alcuni non ne possono più e dicono di sentirsi male e di non voler ascoltare oltre. Sono del tutto privi di consapevolezza: che cosa sta accadendo qui? Sono stati posseduti da uno spirito maligno. Perché, quando sono posseduti da uno spirito maligno, continuano a pronunciare le parole “non voglio sentire”? A volte le persone non riescono a capire cosa stia accadendo qui, mentre è evidente per uno spirito maligno. Si tratta dello spirito presente negli anticristi. Tu domandi loro perché siano tanto maldisposti nei confronti della verità, e loro rispondono che non è così e si rifiutano ostinatamente di riconoscerlo. Ma nel cuore sanno di non amare la verità. Quando non leggono le parole di Dio, sembrano normali nei loro rapporti con gli altri. Non puoi sapere che cosa vi sia dentro di loro. Quando cercano di leggere le parole di Dio, vengono fuori le parole “non voglio sentire”; la loro natura è stata messa a nudo, loro sono fatti così. Le parole di Dio li hanno forse provocati o svelati o colpiti dove fa male? Niente di tutto questo. Succede che quando tutti leggono le parole di Dio loro dicono che non vogliono sentire. Non sono forse malvagi? Che cosa significa essere malvagi? Significa essere maldisposti verso qualcosa e verso le cose positive senza apparente motivo e senza nemmeno sapere perché. Dicono: “Non appena sento le parole di Dio, non voglio ascoltarle; non appena sento testimoniare Dio, provo repulsione, e non so nemmeno perché. Quando vedo qualcuno che ricerca la verità o che ama la verità, voglio avversarlo, voglio sempre rimproverarlo, fargli qualcosa di dannoso dietro le spalle, voglio ucciderlo”. Dicendo così si rivelano malvagi.

Tratto da “Sono malvagi, insidiosi e ingannevoli (Parte prima)” in “Smascherare gli anticristi”

Avete mai visto una simile moltitudine di anticristi? Qual è la tua impressione quando sei fra loro? Esteriormente, sembrano la gentilezza in persona, ma quando tieni con loro condivisioni sulla verità e sulla volontà di Dio l’atteggiamento che manifestano è diametralmente opposto alla loro gentilezza esteriore, ossia provano profonda repulsione e non hanno il minimo interesse al riguardo. Quando tieni con loro condivisioni sulla verità, ti considerano un estraneo, e questo vale ancor più quando tieni condivisioni sull’opera della Chiesa; quando tieni condivisioni per vedere se siano stati attuati dettagli specifici dell’opera della Chiesa e in che modo, probabilmente gli anticristi si appisolano e rivelano sembianze demoniache, si grattano la testa e si mettono le dita negli orecchi, sbadigliano, hanno gli occhi che lacrimano, perfino starnutiscono. Non è forse una possessione da parte di uno spirito maligno? Perché emergono le loro sembianze demoniache non appena tu tieni condivisioni sulla verità? Ciascuno di loro non ha forse tanto amore nel cuore? Come possono perdere interesse quando tu cominci a tenere condivisioni sulla verità? In questo modo non vengono forse smascherati? È vero che non manifestano grande entusiasmo né impegno nell’eseguire incarichi all’esterno? E se si impegnano, è vero che non possiedono la realtà? Se possedessero la realtà, dovrebbero essere contenti di ascoltare qualcuno che tiene condivisioni sulla verità, dovrebbero bramarlo. Allora perché emerge il fenomeno della possessione da parte di spiriti maligni? Questo dimostra che la loro consueta gentilezza è del tutto falsa: la verità li ha smascherati.

Tratto da “Considerano la casa di Dio un loro dominio personale” in “Smascherare gli anticristi”

Affinché fratelli e sorelle potessero acquisire discernimento e apprendere una lezione pratica, Dio ha disposto che fra loro vivesse una persona posseduta da un demone. Inizialmente il modo di parlare e di agire di costui era normale, al pari del suo modo di ragionare; non appariva affatto problematico. Ma, dopo un certo periodo di contatti, fratelli e sorelle hanno scoperto che tutto quanto lui dicesse appariva non pertinente, fuori luogo. In seguito sono successe alcune cose “soprannaturali”: quest’uomo diceva sempre a fratelli e sorelle di avere visto una cosa o l’altra o che Dio gli avesse rivelato così e così. Un giorno, per esempio, Dio gli ha rivelato che doveva fare focaccine al vapore (vi era costretto) e il giorno dopo, guarda caso, doveva uscire, perciò si è portato via le focaccine e non ha avuto bisogno di cucinare altro. Il giorno seguente Dio gli ha rivelato in sogno che doveva dirigersi a sud; a dieci chilometri di distanza vi era qualcuno ad attenderlo. È andato a vedere e proprio lì c’era un credente in Gesù che si era smarrito; lui ha testimoniato l’opera di Dio degli ultimi giorni a questo credente, che l’ha accolta. Otteneva sempre rivelazioni, udiva sempre una voce, gli succedevano sempre cose soprannaturali. Ogni giorno, quando si trattava di decidere che cosa mangiare, dove andare, che cosa fare, con chi interagire, non seguiva le leggi della vita umana normale, non prendeva come fondamento o principio le parole di Dio, né andava a cercare persone con cui tenere condivisioni. Invece aspettava sempre una voce, una rivelazione, un sogno. Questa persona era normale? (No.) Alcuni sono riusciti a scorgere la sua vera natura e hanno detto: “Questo tipo non andrà in giro nudo e scarmigliato, ma queste sono manifestazioni di uno spirito maligno”. A poco a poco fratelli e sorelle hanno cominciato a capire la sua vera natura, fino al giorno in cui il suo problema è esploso e in effetti lui è andato in giro nudo e scarmigliato, dicendo cose folli. Il demone si era manifestato; le cose erano finalmente venute alla luce. Allora durante questo periodo fratelli e sorelle sono stati in grado di scorgere la sua vera natura? Hanno capito meglio che cosa sia uno spirito maligno, come agisca uno spirito maligno e quali siano le manifestazioni dell’operato degli spiriti maligni nelle persone? (Sì.) Alcuni di certo hanno acquisito consapevolezza e discernimento. Altri probabilmente si sono lasciati ingannare da lui e l’hanno visto come realmente era solo quando ha avuto questa crisi. Ma, che siano stati ingannati o siano stati in grado di capire la sua vera natura, se Dio non avesse predisposto questo ambiente, sarebbe stato loro chiaro il modo di agire di uno spirito maligno? (No.) Allora quali sono stati il significato e lo scopo del fatto che Dio abbia predisposto tale ambiente e fatto avvenire queste cose? Sono stati di consentire alle persone di acquisire un discernimento pratico e apprendere una lezione, di riconoscere questo tipo di persona. Se fosse stato soltanto indicato loro il modo di agire di uno spirito maligno, come quando un insegnante spiega una lezione, senza un’effettiva esercitazione o pratica, le persone avrebbero acquisito soltanto teoria e parole. Puoi spiegare chiaramente come agisca uno spirito maligno e quali ne siano le manifestazioni specifiche solo quando ne sei stato testimone personalmente, l’hai visto con i tuoi occhi, l’hai udito con i tuoi orecchi. E poi quando incontrerai di nuovo persone del genere saprai riconoscerle e respingerle; saprai affrontare e gestire adeguatamente tali questioni.

Tratto da “Non credono nell’esistenza di Dio e negano l’essenza di Cristo (Parte prima)” in “Smascherare gli anticristi”

In ogni Chiesa vi sono persone che causano problemi alla Chiesa o interferiscono nell’opera di Dio. Costoro sono tutti Satana che si sono infiltrati nella casa di Dio sotto mentite spoglie. Tali persone sono brave a recitare: si presentano dinanzi a Me con grande reverenza, inchinandosi con piaggeria, vivendo come cani rognosi e dedicando il loro “tutto” al raggiungimento degli obiettivi personali; tuttavia, di fronte ai fratelli e alle sorelle, mostrano il loro lato oscuro. Quando vedono qualcuno che pratica la verità lo attaccano e lo escludono, e se vedono uno più temibile di loro lo adulano e lo blandiscono. Agiscono senza criterio nella Chiesa. Si può dire che tale genere di “bulli locali”, di “leccapiedi”, esista nella maggioranza delle Chiese. Si aggirano furtivamente, facendosi l’occhiolino e lanciandosi segnali l’uno con l’altro, e nessuno di essi pratica la verità. Chi possiede più veleno è “il demonio capo”, e chi possiede maggior prestigio li guida, portando in alto la loro bandiera. Queste persone imperversano nella Chiesa, diffondendo la loro negatività, diffondendo morte, facendo e dicendo ciò che piace loro, senza che nessuno osi fermarle. Sono colme dell’indole di Satana. Non appena cominciano a creare disturbo, un’aria di morte entra nella Chiesa. Coloro che praticano la verità all’interno della Chiesa sono cacciati, impossibilitati a dare il loro tutto, mentre coloro che disturbano la Chiesa e diffondono morte imperversano al suo interno e, per di più, la maggioranza della gente li segue. Simili Chiese sono palesemente governate da Satana; il diavolo è il loro re.

Tratto da “Un monito per coloro che non praticano la verità” in “La Parola appare nella carne”

Nella Chiesa sono molte le persone prive di discernimento. Quando avviene qualcosa di ingannevole passano inaspettatamente dalla parte di Satana, ma se vengono definite lacchè di Satana pensano di aver subito un grave torto. Benché qualcuno potrebbe dire che non abbiano discernimento, si schierano sempre dalla parte priva di verità. Neppure una volta, in un momento critico, si sono trovate dalla parte della verità, non una volta hanno preso la parola per difendere la verità, per cui sono davvero senza discernimento? Perché passano inaspettatamente dalla parte di Satana? Perché non dicono mai una parola che sia giusta e ragionevole a sostegno della verità? Questa situazione è davvero frutto della loro temporanea confusione? Minore è il discernimento che si possiede e meno si è in grado di stare dalla parte della verità. Questo che cosa dimostra? Non dimostra forse che le persone prive di discernimento amano il male? Non dimostra forse che sono la fedele progenie di Satana? Come mai sono sempre in grado di stare dalla parte di Satana e parlano la sua stessa lingua? Ogni loro parola e azione, le espressioni dei loro volti, dimostrano ampiamente che non amano affatto la verità ma che, al contrario, la detestano. Il fatto che possano schierarsi dalla parte di Satana basta a dimostrare che Satana ama davvero questi diavoli insignificanti che combattono tutta la vita per lui. Non sono tutti fatti più che evidenti? Se sei davvero una persona che ama la verità, perché non hai alcun riguardo per coloro che la praticano e perché, a un loro minimo cenno, segui immediatamente coloro che non praticano la verità? Che razza di problema è questo? Non Mi interessa che tu abbia o meno discernimento, né quale prezzo tu abbia pagato, quanto siano grandi le tue forze e se tu sia un bullo locale o un leader portabandiera. Se le tue forze sono grandi, ciò è solo grazie all’aiuto della forza di Satana; se il tuo prestigio è alto, è solo perché ci sono troppe persone intorno a te che non praticano la verità; se non sei stato espulso, è perché ora non è tempo per l’opera di espulsione, ma per quella di eliminazione. Non c’è fretta di espellerti ora. Sto solo aspettando che arrivi il giorno in cui ti punirò dopo che sarai stato eliminato. Chiunque non pratica la verità verrà eliminato!

Tratto da “Un monito per coloro che non praticano la verità” in “La Parola appare nella carne”

Pagina precedente: 3. Come si può ottenere l’opera dello Spirito Santo

Pagina successiva: 5. Perché Dio non salva coloro nei quali lavorano gli spiriti maligni o coloro che sono posseduti dai demoni

Il Signore promise: “Ecco, Io vengo tosto”. Desiderate accogliere il ritorno del Signore il prima possibile?

Contenuti correlati

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro