219 Le parole di Dio hanno destato il mio cuore

1 Ho creduto in Dio per molti anni e, pur avendo spesso partecipato a incontri e avendo letto le parole di Dio, non ho mai accettato il giudizio delle parole di Dio per analizzare me stesso in profondità. Mi limitavo ad ammettere la mia corruzione, senza conoscere la mia natura o la mia essenza. Capendo un po' la dottrina, me ne vantavo e pensavo fosse la realtà. Mi davo da fare e predicavo, ma non mi preoccupavo di praticare o di fare esperienza delle parole di Dio. Proprio come Paolo, sapevo darmi da fare solo per la reputazione e il prestigio. Mi piaceva essere preso come esempio e adorato, e il mio cuore era privo di timore. Insistevo per continuare lungo la mia strada, e allo stesso tempo ero compiaciuto e non riuscivo a tornare in me.

2 Soltanto attraverso fallimenti e delusioni ho visto con chiarezza la mia vera levatura. Di fronte al giudizio e al castigo delle parole di Dio, non facevo che argomentare e difendermi. Sapevo bene che la verità era un beneficio per la vita della gente, ma non ero in grado di accettarla né di obbedirle. Facevo il mio dovere senza alcun principio della verità, e agivo solamente in base ai miei desideri personali. Quando incontravo un piccolo ostacolo diventavo negativo e debole, definendo me stesso. Attraverso le prove, ho visto quanto immaturo era il mio stato, che ero così povero, pietoso. Senza conoscenza di me stesso, mi vantavo; questo era così vergognoso. Di fronte ai fatti, sono stato svergognato e ho chinato il mio capo arrogante.

3 Avendo avuto esperienza del giudizio di Dio, delle prove e dello smascheramento, ora conosco me stesso. Anche se sembra che mi comporti bene, non ho timore di Dio nel cuore. Nel cuore rimango ancora stretto a concezioni riguardo all'opera di Dio, non riesco a sottomettermi in maniera genuina. Pieno di un'indole satanica, agisco ancora in maniera ipocrita per imbrogliare Dio e resisterGli. Non guadagnare la realtà della vita dopo tutti questi anni di fede è così umiliante. Ho finalmente capito che non ricercare la verità significa sprecare tempo. Soltanto grazie al giudizio e al castigo di Dio sono in grado di pentirmi davvero. Desidero che Dio mi giudichi, mi punisca, mi metta alla prova e mi affini ancora di più, così da poter essere ripulito dalla mia indole satanica e da poter vivere con un aspetto umano per glorificare Dio.

Pagina precedente: 218 Trasformato dal giudizio

Pagina successiva: 220 Il giudizio di Dio mi salva dal peccato

Desideravi che il Salvatore venisse per la seconda volta a salvare completamente l’umanità? Il Signore è arrivato ormai da tempo per esprimere la verità e purificare e salvare l’uomo. Se vuoi saperne di più, mettiti in contatto con noi tramite Whatsapp.
Chatta con noi su Messenger
Chatta con noi su WhatsApp

Contenuti correlati

281 La vita più significativa

Ⅰ Poiché sei un essere creato, dovresti adorare Dio. Poiché sei un essere creato, dovresti dedicarti alla vita più significativa. Siete...

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Linea Spazio

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro