II. La manifestazione e l’opera di Dio

La Parola quotidiana di Dio Estratto 46

La lode è giunta in Sion ed è comparsa la dimora di Dio. Il nome glorioso e santo, lodato da tutti i popoli, si diffonde. Ah, Dio Onnipotente! Il Signore dell’universo, Cristo degli ultimi giorni: Egli è il Sole splendente sorto sul Monte Sion, che torreggia maestoso e imponente sull’intero universo…

Dio Onnipotente! Ti invochiamo esultanti; danziamo e cantiamo. Sei veramente il nostro Redentore, il grande Re dell’universo! Hai creato un gruppo di vincitori e compiuto il piano di gestione di Dio. Tutti i popoli confluiranno verso questa montagna. Tutti i popoli si inginocchieranno davanti al trono! Sei l’unico e il solo vero Dio e meriti gloria e onore. Tutta la gloria, la lode e l’autorità siano rese al trono! Dal trono sgorga la fonte di vita, che bagna e nutre le moltitudini del popolo di Dio. La vita cambia ogni giorno; nuova luce e nuove rivelazioni ci seguono, offrendo sempre nuova comprensione di Dio. Tramite le esperienze, giungiamo a una completa certezza riguardo a Dio. Le Sue parole si manifestano continuamente in coloro che sono giusti. Siamo davvero infinitamente beati! Ogni giorno siamo al cospetto di Dio, comunichiamo con Lui in ogni cosa e Gli diamo la sovranità su tutto. Ponderiamo attentamente la Sua parola, i nostri cuori confidano sereni in Dio e così veniamo dinanzi a Lui, dove riceviamo la Sua luce. Ogni giorno, nella nostra vita, nelle nostre azioni, parole, riflessioni e idee, viviamo nella Sua parola e abbiamo sempre discernimento. La parola di Dio guida il filo nella cruna dell’ago; inaspettatamente, le cose nascoste dentro di noi vengono alla luce, una dopo l’altra. La condivisione con Dio non tollera ritardi; i nostri pensieri e idee vengono messi a nudo da Lui. In ogni momento viviamo dinanzi al seggio di Cristo, dove ci sottoponiamo al giudizio. Ogni ambito del nostro corpo rimane occupato da Satana. Oggi, per recuperare la sovranità di Dio, il Suo tempio deve essere purificato. Per essere completamente posseduti da Lui dobbiamo impegnarci in una lotta per la vita o la morte. Solo quando i nostri vecchi io saranno stati crocifissi, la vita risorta di Cristo potrà regnare sovrana.

Ora lo Spirito Santo Si lancia alla carica in ogni nostro angolo per dare battaglia per la nostra rivendicazione! Purché siamo pronti a rinnegare noi stessi e disposti a collaborare con Dio, Egli illuminerà e purificherà la nostra interiorità in ogni momento e rivendicherà di nuovo ciò che Satana ha occupato, affinché possiamo essere completati da Lui il più rapidamente possibile. Non perdere tempo e vivi ogni momento nella parola di Dio. Fortificati con i santi, fatti portare nel Regno ed entra nella gloria con Dio.

dal capitolo 1 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 47

La Chiesa di Filadelfia ha preso forma, e ciò è dovuto interamente alla grazia e alla misericordia di Dio. L’amore per Dio nasce nei cuori di innumerevoli santi, che non tentennano nel loro cammino spirituale. Restano saldi nella loro convinzione che l’unico vero Dio Si sia fatto carne, che sia il Signore dell’universo che comanda tutte le cose. Ciò è confermato dallo Spirito Santo ed è inamovibile come le montagne! Non cambierà mai!

O Dio Onnipotente! Sei Tu che oggi hai aperto i nostri occhi spirituali, permettendo ai ciechi di vedere, agli zoppi di camminare e ai lebbrosi di guarire. Sei Tu che hai aperto una finestra sul Cielo, consentendoci di intendere i misteri del mondo spirituale. Essere permeati dalle Tue sante parole e salvati dalla nostra umanità corrotta da Satana: tale è la Tua opera inestimabile e la Tua infinita misericordia. Siamo i Tuoi testimoni!

A lungo sei rimasto nascosto, in silenzio e umiltà. Hai conosciuto la resurrezione dalla morte, la sofferenza della crocifissione, le gioie e i dolori della vita umana, le persecuzioni e le avversità. Hai sperimentato e saggiato il dolore del mondo umano e sei stato abbandonato dall’età. Dio incarnato è Dio Stesso. Per amore della volontà di Dio, ci hai salvati dal letamaio e ci hai sollevati con la Tua mano destra, donandoci liberamente la Tua grazia. Senza lasciare intentato alcuno sforzo, hai immesso in noi la Tua vita; il prezzo che hai pagato con il Tuo sangue, il Tuo sudore e le Tue lacrime si è concretizzato nei santi. Siamo il prodotto dei[a] Tuoi sforzi scrupolosi; siamo il prezzo che Tu hai pagato.

O Dio Onnipotente! È per la Tua bontà e la Tua misericordia, per la Tua giustizia e maestà, per la Tua santità e umiltà che tutti i popoli si prostreranno dinanzi a Te e Ti adoreranno per l’eternità.

Oggi Tu hai reso complete tutte le Chiese – la Chiesa di Filadelfia – e in tal modo hai realizzato il Tuo piano di gestione di seimila anni. I santi possono sottomettersi umilmente dinanzi a Te, legati l’uno all’altro nello spirito e accompagnandosi nell’amore, uniti alla sorgente della fonte. L’acqua viva della vita scorre incessantemente e lava via e depura tutto il sudiciume e il fango nella Chiesa, purificando ancora una volta il Tuo tempio. Siamo arrivati a conoscere il vero Dio concreto, abbiamo camminato nelle Sue parole, riconosciuto le nostre funzioni e i nostri doveri e abbiamo fatto tutto il possibile per adoperarci per la Chiesa. Sempre sereni al Tuo cospetto, dobbiamo prestare ascolto all’opera dello Spirito Santo, affinché la Tua volontà non sia ostacolata dentro di noi. Tra i santi c’è amore reciproco, e i pregi di alcuni compenseranno i difetti di altri. Sanno camminare nello spirito in ogni momento e ottenere la rivelazione e l’illuminazione dello Spirito Santo. Mettono la verità immediatamente in pratica dopo averla compresa; tengono il passo con la nuova luce e seguono le orme di Dio.

Collabora attivamente con Dio; permetterGli di prendere il controllo significa camminare con Lui. Tutte le nostre idee, nozioni e opinioni, tutte le nostre complicazioni secolari, si dissolvono come fumo. Lasciamo che Dio regni nel nostro spirito, camminiamo con Lui e otteniamo così la trascendenza, vincendo il mondo, e il nostro spirito vola libero e raggiunge la liberazione; questo è l’esito finale quando Dio Onnipotente diventa Re. Come possiamo non danzare e non cantare lodi, offrendo elogi e nuovi inni?

Ci sono davvero molti modi per rendere lode a Dio: invocare il Suo nome, avvicinarsi a Lui, pensare a Lui, pregare leggendo le parole di Dio[b], tenere delle condivisioni, entrare in contemplazione, meditare, pregare e intonare canti di lode. In questi tipi di lode ci sono gioia e consacrazione; nella lode c’è potere, e anche un fardello. C’è fede nella lode, e un nuovo discernimento.

Collabora attivamente con Dio, coordinati nel servizio e diventa una cosa sola, soddisfa la volontà di Dio Onnipotente, affrettati a diventare un corpo spirituale santo, calpesta Satana e metti fine al suo destino. La Chiesa di Filadelfia è stata rapita alla presenza di Dio ed è resa manifesta nella Sua gloria.

dal capitolo 2 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”

Note a piè di pagina:

a. Il testo originale non contiene la frase: “il prodotto dei”.

b. Il testo originale omette: “le parole di Dio”.

La Parola quotidiana di Dio Estratto 48

Il Re trionfante siede sul Suo glorioso trono. Ha operato la redenzione e guidato tutto il Suo popolo a manifestarsi nella gloria. Ha in mano l’universo e con la Sua divina saggezza e potenza ha eretto e consolidato Sion. Con la Sua maestà Egli giudica il mondo corrotto; ha emesso un giudizio su tutte le nazioni e i popoli, la terra e i mari e tutti gli esseri viventi che vi dimorano, come pure coloro che sono ebbri del vino della promiscuità. Dio certamente li giudicherà, e certamente sarà adirato con loro e ivi sarà rivelata la maestà di Dio, il cui giudizio è istantaneo e viene recapitato senza indugio. Il fuoco della collera di Dio incenerirà certamente i loro odiosi crimini e la calamità si abbatterà su di loro in qualunque momento; non conosceranno via di scampo e non avranno un luogo in cui nascondersi, piangeranno digrignando i denti, e porteranno su di sé la distruzione.

I figli trionfanti e amati di Dio rimarranno certamente a Sion per mai partirne. Le moltitudini ascolteranno da vicino la Sua voce, presteranno attento ascolto alle Sue azioni e le loro lodi non cesseranno mai di risuonare. Si è manifestato l’unico vero Dio! Saremo certi di Lui nello spirito e Lo seguiremo da vicino; ci lanceremo in avanti con tutta la forza senza più esitazioni. La fine del mondo si sta palesando; un’adeguata vita di Chiesa, oltre alle persone, gli affari e le cose che ci circondano, intensificano persino adesso il nostro addestramento. Affrettiamoci a riprenderci i nostri cuori, che tanto amano il mondo! Affrettiamoci a riprenderci la nostra visione, tanto oscurata! Freniamo i nostri passi, onde non sconfinare. Fermiamo le bocche per poter camminare nella parola di Dio, e smettiamo di litigare per i guadagni e le perdite. Ah, lasciatelo andare, quell’avido attaccamento al mondo secolare e alla ricchezza! Ah, liberatevi di quella vostra devozione ai mariti, alle figlie e ai figli! Ah, voltate le spalle a quei vostri punti di vista e pregiudizi! Ah, svegliatevi; il tempo stringe! Guardate in alto, guardate in alto, dal profondo dello spirito, e lasciate che Dio prenda il controllo. Qualsiasi cosa accada, non diventate come la moglie di Lot. Com’è penoso essere abbandonati! Davvero penoso! Svegliatevi!

dal capitolo 3 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 49

I monti e i fiumi sono soggetti a cambiamenti, il fluire delle acque segue il suo corso e la vita dell’uomo è lungi dal poter persistere come la terra e il cielo. Solo Dio Onnipotente è la vita eterna risorta, che va avanti, di generazione in generazione, in eterno! Tutte le cose e tutti gli eventi sono nelle Sue mani, Satana è sotto i Suoi piedi.

Se Dio ci ha salvati sottraendoci alla presa di Satana oggi, è per via della Sua selezione predestinata. Egli è davvero il nostro Redentore. La vita eterna risorta di Cristo è stata davvero modellata in noi, destinandoci a metterci in connessione con la vita di Dio, affinché riusciamo davvero a incontrarLo di persona, nutrirci di Lui, dissetarci di Lui e godere di Lui. Questa è l’offerta disinteressata che Dio ha fatto pagando il prezzo con il sangue del Suo cuore.

Con l’avvicendarsi delle stagioni è passato attraverso il vento e il gelo, ha incontrato tante di quelle sofferenze, persecuzioni e tribolazioni della vita, tanti di quei rifiuti e calunnie del mondo, tante di quelle accuse ingiuste del governo, eppure né la fede né la determinazione di Dio sono diminuiti neppure un briciolo. Votato incondizionatamente alla volontà di Dio e alla gestione e al piano di Dio affinché possano realizzarsi, Egli mette da parte la Propria vita. Per tutte le moltitudini del Suo popolo Egli non risparmia alcuno sforzo, nutrendo e dissetando con cura. Non importa quanto siamo ignoranti, quanto siamo complicati: dobbiamo solo sottometterci a Lui, e la vita risorta di Cristo cambierà la nostra vecchia natura… Per tutti questi figli primogeniti Egli lavora instancabilmente, rinunciando al cibo e al sonno. Quanti giorni e quante notti, esposto al caldo torrido e al freddo gelido, Egli veglia incondizionatamente su Sion.

Il mondo, la casa, il lavoro e tutto quanto, sono stati del tutto abbandonati, lietamente, volontariamente, e i piaceri terreni non hanno nulla a che fare con Lui… Le parole che escono dalla Sua bocca ci investono penetrando in noi e rivelano cose nascoste nel profondo del cuore. Come possiamo non esserne convinti? Ogni frase che fuoriesce dalla Sua bocca potrebbe realizzarsi in noi in qualsiasi istante. Di ogni nostra azione, in Sua presenza o a Lui nascosta, non ve n’è alcuna che Egli non conosca, che Egli non comprenda, ma tutte appariranno effettivamente dinanzi a Lui, nonostante i nostri piani e le nostre disposizioni.

Sedere al Suo cospetto, godendo interiormente nello spirito, a nostro agio e calmi e tuttavia sentendoci costantemente vuoti dentro, e autenticamente in debito con Lui: questa è una meraviglia inimmaginabile e impossibile da raggiungere. Lo Spirito Santo è sufficiente a dimostrare che Dio Onnipotente è l’unico vero Dio! È una prova incontrovertibile! Questo nostro gruppo è indescrivibilmente benedetto! Senza la grazia e la pietà di Dio, possiamo solo andare incontro alla perdizione e seguire Satana. Solo Dio Onnipotente può salvarci!

Ah! Dio Onnipotente, il Dio concreto! Sei Tu che hai aperto i nostri occhi spirituali, permettendoci di vedere i misteri del mondo spirituale. Le prospettive del Regno sono infinite. Restiamo vigili in attesa. Il giorno non può essere troppo lontano.

Si agitano fuochi di guerra, il fumo dei colpi di cannone si propaga, le temperature si alzano, il clima cambia, un’epidemia si diffonderà e gli uomini potranno solo morire, senza alcuna speranza di sopravvivere.

Ah! Dio Onnipotente, il Dio concreto! Tu sei la nostra inespugnabile fortezza. Tu sei il nostro rifugio. Ci rannicchiamo sotto le Tue ali e la calamità non può raggiungerci, tale è la Tua protezione e cura divina.

Tutti noi leviamo le nostre voci nel canto, cantiamo in segno di lode, e la nostra lode risuona in tutta Sion! Dio Onnipotente, il Dio concreto, ha preparato per noi quella destinazione gloriosa. Siate vigili, oh, state in guardia! A questo punto il momento non tarderà molto a venire.

dal capitolo 5 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 50

Da quando Dio Onnipotente, al Re del Regno, è stata resa testimonianza, la portata della gestione di Dio si è rivelata interamente in ogni angolo dell’universo. Non soltanto alla manifestazione di Dio è stata resa testimonianza in Cina, ma è stata resa al nome di Dio Onnipotente in tutte le nazioni e in tutti i paesi. Stanno invocando tutti questo santo nome, cercando di condividere con Dio con ogni mezzo possibile, afferrando la volontà di Dio Onnipotente e servendo in modo coordinato nella Chiesa. Lo Spirito Santo opera in questo modo meraviglioso.

Le lingue delle varie nazioni sono differenti l’una dall’altra, ma vi è un solo Spirito. Egli unisce le Chiese in tutto l’universo ed è una cosa sola con Dio, senza la minima differenza, e questo va oltre ogni dubbio. Ora lo Spirito Santo le chiama e la Sua voce le risveglia. È la voce della misericordia di Dio. Stanno invocando tutte il santo nome di Dio Onnipotente! Rendono anche lode e cantano. Non ci può mai essere alcuna deviazione nell’opera dello Spirito Santo, e queste persone fanno ogni sforzo pur di avanzare lungo la strada giusta, non si tirano indietro e i miracoli di tutto questo si accumulano gli uni sugli altri. È una cosa che le persone trovano difficile immaginare e su cui è impossibile speculare.

Dio Onnipotente è il Re della vita nell’universo! Siede sul trono glorioso e giudica il mondo, domina tutto, governa tutte le nazioni; tutti i popoli si inginocchiano dinanzi a Lui, Lo pregano, si avvicinano a Lui e comunicano con Lui. A prescindere da quanto tempo crediate in Dio, da quanto sia elevata la vostra posizione o da quale sia la vostra anzianità, se Lo contraddite nel vostro cuore, allora dovete essere giudicati e prostrarvi dinanzi a Lui, supplicandoLo con grida di dolore; è così, infatti, che raccogliete i frutti delle vostre azioni. Questo lamento è il suono di chi viene tormentato nello stagno di fuoco e di zolfo, ed è il pianto di chi viene castigato dallo scettro di ferro di Dio; questo è il giudizio dinanzi al seggio di Cristo.

Tratto dal capitolo 8 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 51

La manifestazione di Dio è già avvenuta in tutte le Chiese. È lo Spirito che parla; Egli è un fuoco avvampante, è maestoso e giudica. Egli è il Figlio dell’uomo, indossa una veste che scene fino ai piedi, e una cintura d’oro è legata all’altezza del petto. Il Suo capo e i Suoi capelli sono bianchi come lana, e i Suoi occhi sono come fiamme; i Suoi piedi sono come bronzo temprato, come fossero stati forgiati in una fornace, e la Sua voce è come il fragore di molte acque. Nella mano destra tiene sette stelle e in bocca ha una spada a due tagli, affilata, e il Suo volto risplende come il sole quando brucia!

Il Figlio dell’uomo è stato testimoniato e Dio Stesso è stato svelato alla luce del sole. La gloria di Dio si è sprigionata come il sole quando risplende in tutta la sua forza! Il Suo volto glorioso avvampa di luce sfolgorante; quali occhi oserebbero opporGlisi? L’opposizione conduce alla morte! Non un’ombra di pietà viene mostrata verso qualsiasi pensiero nutriate nell’intimo, qualsiasi parola pronunciate o qualsiasi cosa facciate. Giungerete tutti a capire e a vedere che cosa avete ottenuto: null’altro che il Mio giudizio! Posso essere tollerante quando invece di mettere impegno nel nutrirvi delle Mie parole interrompete arbitrariamente il discorso che sto formulando e lo distruggete? Non tratterò con delicatezza persone di questo genere! Se il tuo comportamento peggiorerà ulteriormente finirai consumato tra le fiamme! Dio onnipotente Si manifesta in un corpo spirituale, senza la minima traccia di carne o sangue che leghi la testa ai piedi. Egli trascende l’universo mondo, assiso sul trono di gloria nel terzo cielo ad amministrare tutte le cose! L’universo e tutte le cose sono nelle Mie mani. Se lo dico, così sarà. Se lo stabilisco, così dovrà essere. Satana è sotto i Miei piedi; è nel pozzo senza fondo! Quando si sprigionerà la Mia voce, il cielo e la terra passeranno e finiranno nel nulla! Tutte le cose saranno rinnovate; è, questa, una verità inalterabile assolutamente vera. Ho vinto il mondo, e con esso tutti i malvagi. Sono assiso qui a parlarvi, e tutti coloro che hanno orecchie ascoltino e tutti coloro che vivono accettino.

I giorni giungeranno alla fine; tutte le cose di questo mondo finiranno nel nulla, e tutte le cose nasceranno di nuovo. Ricordatevelo! Non dimenticate! Non può esservi ambiguità! Il cielo e la terra passeranno, ma le Mie parole non passeranno! Lasciate che vi esorti ancora una volta: non correte invano! Svegliatevi! Pentitevi, e la salvezza sarà alla vostra portata! Mi sono già manifestato tra voi e la Mia voce si è levata. La Mia voce si è levata di fronte a voi; ogni giorno vi affronta, faccia a faccia, e ogni giorno è nuova e originale. Tu Mi vedi e Io vedo te; ti parlo costantemente, e sono faccia a faccia con te. E ciò nonostante, tu Mi rifiuti e non Mi conosci; le Mie pecore ascoltano la Mia voce e, tuttavia, voi esitate! Esitate! Il vostro cuore si è fatto insensibile, i vostri occhi sono stati accecati da Satana e non riuscite a vedere il Mio volto glorioso: che pena fate! Che pena!

I sette spiriti dinanzi al Mio trono sono stati inviati in tutti gli angoli della terra e Io manderò il Mio Messaggero a parlare alle Chiese. Sono giusto e fedele; sono il Dio che esamina i recessi più profondi del cuore umano. Lo Spirito Santo parla alle Chiese e sono le Mie parole a scaturire da Mio Figlio; tutti coloro che hanno orecchie ascoltino! Tutti coloro che sono in vita accettino! Nutritevene e nulla più, e non dubitate. Tutti coloro che si sottometteranno alle Mie parole e le ascolteranno riceveranno grandi benedizioni! Tutti coloro che cercheranno in modo onesto il Mio volto avranno sicuramente nuova luce, nuove rivelazioni e nuove intuizioni; tutto sarà originale e nuovo. Le Mie parole ti si manifesteranno in qualunque momento, e apriranno gli occhi del tuo spirito, affinché tu possa vedere tutti i misteri del regno spirituale e vedere che il Regno è tra gli uomini. Entra nel rifugio, e tutta la grazia e le benedizioni saranno scese su di te; la carestia e la peste non potranno toccarti, e lupi, serpenti, tigri e leopardi non ti potranno fare del male. Sarai con Me, camminerai con Me ed entrerai con Me nella gloria!

Tratto dal capitolo 15 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 52

Dio Onnipotente! Il Suo corpo glorioso Si manifesta alla luce del sole, il santo corpo spirituale Si leva ed Egli è Dio Stesso in tutto e per tutto! Il mondo e la carne sono entrambi cambiati e la Sua trasfigurazione sul monte è la persona di Dio. Egli indossa la corona d’oro sul capo, la Sua veste è candida, è cinto di una cintura d’oro all’altezza del petto e tutte le cose del mondo sono il Suo poggiapiedi. I Suoi occhi sono come fiamma di fuoco, dalla Sua bocca esce una spada a due tagli, affilata, e nella mano destra tiene sette stelle. La via che conduce al Regno è infinitamente luminosa e la Sua gloria sorge e splende; le montagne sono gioiose e le acque ridono, e il sole, la luna e le stelle tutte ruotano nella loro ordinata disposizione, accogliendo l’unico vero Dio il cui trionfante ritorno annuncia il compimento del Suo piano di gestione di seimila anni. Tutti saltano e danzano di gioia! Rallegratevi! Dio onnipotente è assiso sul Suo trono di gloria! Cantate! Il vessillo vittorioso dell’Onnipotente si leva alto sopra il maestoso e magnifico monte Sion! Tutte le nazioni sono in festa, tutte le genti cantano. Il monte Sion ride gioiosamente, e si è levata la gloria di Dio! Non mi ero mai neppure sognato che avrei visto il volto di Dio, e invece oggi l’ho visto. Faccia a faccia con Lui ogni giorno denudo il mio cuore al Suo cospetto. Egli fornisce nutrimento in abbondanza. Vita, parole, azioni, pensieri, idee: la Sua luce gloriosa li illumina tutti. Egli guida ogni passo del cammino e il Suo giudizio si abbatte immediatamente su ogni cuore ribelle.

Mangiare, risiedere e vivere insieme a Dio, essere insieme a Lui, camminare insieme, gioire insieme, guadagnare gloria e benedizioni insieme, condividere la regalità con Lui, ed esistere insieme nel Regno: oh, quale piacere! Oh, quale dolcezza! Siamo faccia a faccia con Lui ogni giorno, intenti quotidianamente a una conversazione incessante con Lui, e ogni giorno ci vengono concesse nuove rivelazioni e intuizioni. I nostri occhi spirituali sono aperti e vediamo ogni cosa; ci vengono rivelati tutti i misteri dello spirito. La vita santa è proprio spensierata. Correte veloci senza fermarvi, e continuate a fare progressi: vi attende una vita ancor più meravigliosa. Non accontentatevi solo di un dolce sapore: cercate di continuo di entrare in Dio. Egli abbraccia tutto ed è generoso, e ha tutte le cose che ci mancano. Collaborate con lungimiranza ed entrate in Lui, e nulla sarà mai più uguale. La nostra vita sarà trascendente e nessuna persona, questione o cosa potrà disturbarci.

Trascendenza! Trascendenza! Autentica trascendenza! Dentro c’è la vita trascendente di Dio e su tutte le cose è scesa una grande calma! Trascendiamo il mondo e le cose mondane, senza provare alcun attaccamento verso i mariti o i figli. Trascendiamo il controllo della malattia e degli ambienti. Satana non osa disturbarci. Trascendiamo completamente tutti i disastri. Ecco cosa vuol dire consentire a Dio di diventare re! Schiacciamo Satana sotto i piedi, rimaniamo saldi nella testimonianza della Chiesa e smascheriamo fino in fondo l’orribile volto di Satana. L’edificazione della Chiesa avviene in Cristo, e il corpo glorioso è sorto: questo è vivere nell’estasi!

Tratto dal capitolo 15 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 53

Dio Onnipotente, Padre Eterno, Principe della Pace, il nostro Dio regna! Dio Onnipotente posa i piedi sul Monte degli Ulivi. Com’è bello! Ascoltate! Noi sentinelle alziamo la voce; con la nostra voce cantiamo insieme, perché Dio è tornato a Sion. Vediamo con i nostri occhi la desolazione di Gerusalemme. Prorompete in grida di gioia e cantate insieme, perché Dio ci ha consolati e ha riscattato Gerusalemme. Ha denudato il Suo santo braccio sotto gli occhi di tutte le nazioni, la Sua vera persona Si è manifestata! Tutti i confini della terra hanno visto la salvezza del nostro Dio.

O Dio Onnipotente! I sette Spiriti sono stati mandati dal Tuo trono a tutte le Chiese per rivelare tutti i Tuoi misteri. Seduto sul Tuo trono di gloria, Tu hai gestito il Tuo Regno e l’hai reso saldo e stabile con giustizia e rettitudine, e hai sottomesso tutte le nazioni dinanzi a Te. O Dio Onnipotente! Hai sciolto le cinture dei re, hai spalancato le porte della città dinanzi a Te, perché non si chiudano mai più. Perché la Tua luce è venuta e la Tua gloria sorge e risplende nel suo fulgore. Le tenebre ricoprono la terra e una fitta oscurità è scesa sui popoli. O Dio! Tu, però, Ti sei manifestato e hai fatto risplendere la Tua luce su di noi, e la Tua gloria apparirà su di noi; tutte le nazioni verranno alla Tua luce e i re al Tuo fulgore. Alzi gli occhi e Ti guardi intorno: i Tuoi figli si riuniscono dinanzi a Te e vengono da lontano; le Tue figlie sono portate in braccio. O Dio Onnipotente! Il Tuo grande amore ci afferra; sei Tu a guidare il nostro cammino sulla strada verso il Tuo Regno e sono le Tue parole sante a permearci.

O Dio Onnipotente! Ti rendiamo grazie e Ti lodiamo! Alziamo lo sguardo su di Te, Ti rendiamo testimonianza, Ti esaltiamo e cantiamo a Te con cuore sincero, calmo e risoluto. Possiamo noi avere uno stesso pensiero ed essere costruiti insieme, e possa Tu trasformarci presto in coloro che sono secondo il Tuo cuore, che vengono usati da Te. Desideriamo che la Tua volontà si compia in tutta la terra senza impedimenti.

dal capitolo 25 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 54

Dio Onnipotente è il vero Dio completo, che tutto può e tutto realizza! Egli non solo tiene le sette stelle, è dotato dei sette Spiriti, ha sette occhi, spezza i sette sigilli e srotola la pergamena ma, più di questo, infligge le sette piaghe e le sette coppe e libera i sette tuoni; molto tempo fa, inoltre, ha suonato le sette trombe! Tutto ciò che Egli ha creato e reso completo dovrebbe lodarLo, renderGli gloria ed esaltare il Suo trono. Oh, Dio Onnipotente! Tu sei tutto, Tu hai realizzato ogni cosa e con Te tutto è completo, tutto è brillante, affrancato, libero, forte e potente! Non esiste nulla di nascosto od occultato, con Te tutti i misteri sono rivelati. Inoltre, Tu hai giudicato le moltitudini dei Tuoi nemici, mostri la Tua maestà, mostri il Tuo fuoco furioso, la Tua ira e ancor più la Tua gloria senza precedenti, eterna, pienamente infinita! Tutte le genti dovrebbero destarsi e rallegrarsi e cantare senza riserve, esaltando questo onnipotente, totalmente autentico, vivente, generoso, glorioso e vero Dio che viene dall’eternità all’eternità. Il Suo trono dovrebbe essere esaltato costantemente, il Suo santo nome lodato e glorificato. Questa è la volontà eterna Mia, di Dio, ed è la benedizione infinita che Egli rivela e dona a noi! Chi fra noi non la erediterà? Per ricevere in eredità la benedizione di Dio, si deve esaltare il Suo santo nome e radunarsi attorno al Suo trono in adorazione. Tutti quelli che si presentano al Suo cospetto con altre motivazioni e altre intenzioni saranno consumati dalla violenza del Suo fuoco. Oggi è il giorno in cui i Suoi nemici saranno giudicati, e in questo stesso giorno essi periranno. Inoltre, è il giorno in cui Io, Dio Onnipotente, sarò rivelato e acquisterò gloria e onore. Oh, popoli tutti! Levatevi in fretta per esaltare e accogliere il Dio Onnipotente che, da tempo immemorabile all’eternità, ci manda benevolenza, attua la salvezza e ci dona benedizioni, rende i Suoi figli completi e realizza con successo il Suo Regno! Questa è la meravigliosa azione di Dio! Queste sono la predestinazione e la disposizione eterna di Dio, che Egli Stesso sia venuto a salvarci, per renderci completi e condurci nella gloria.

Tutti quelli che non si levano e non testimoniano sono gli antenati del cieco, i re dell’ignoranza; essi diverranno gli eterni ignoranti, gli eterni stolti, i morti eternamente ciechi. È per questa ragione che il nostro spirito dovrebbe destarsi! Tutte le genti dovrebbero levarsi! Rallegratevi, lodate ed esaltate senza fine il Re della gloria, il Padre di misericordia, il Figlio della redenzione, i sette Spiriti generosi, il Dio Onnipotente che reca il maestoso fuoco ardente e il giusto giudizio, e che è bastante in ogni cosa, generoso, onnipotente e completo. Il Suo trono sarà esaltato in eterno! Tutte le genti dovrebbero vedere che questa è la saggezza di Dio, la Sua meravigliosa via della salvezza e il compimento della Sua gloriosa volontà. Se non ci leviamo e non testimoniamo, una volta trascorso il momento non ci sarà possibilità di tornare indietro. Se otterremo benedizioni o sventura, si deciderà nell’attuale fase del nostro viaggio in base a quello che facciamo, pensiamo e viviamo in questo tempo. Dunque come dovreste agire? Testimoniate ed esaltate Dio eternamente; esaltate Dio Onnipotente, il Cristo degli ultimi giorni – l’eterno, l’unico vero Dio!

D’ora in avanti dovreste vedere chiaramente che tutti quelli che non testimoniano Dio, che non testimoniano per questo unico vero Dio, così come quelli che hanno dubbi su di Lui, sono tutti malati, morti, e sono quelli che Lo sfidano! Le parole di Dio sono già state dimostrate fin dall’antichità: “Chi non raccoglie con Me, disperde; e chi non è con Me, è contro di Me” è una verità inalterabile scolpita nella pietra! Quelli che non testimoniano Dio sono i lacchè di Satana. Costoro sono venuti a disturbare e a ingannare i figli di Dio, a interrompere la Sua gestione, e devono essere passati a fil di spada! Chiunque mostri loro delle buone intenzioni cerca la propria distruzione. Dovreste ascoltare e credere ai discorsi dello Spirito di Dio, percorrere il Suo cammino e vivere le Sue parole. Ancor più, dovreste esaltare il trono del Dio onnipotente sino alla fine dei tempi!

Dio Onnipotente è il Dio dei sette Spiriti! È anche il Dio dai sette occhi e delle sette stelle; Egli rompe i sette sigilli e svolge interamente la pergamena! Egli ha suonato le sette trombe, e tiene in pugno le sette coppe e le sette piaghe, per liberarle a Suo piacimento. Oh, i sette tuoni che sono sempre stati sigillati! È giunto il tempo di dischiuderli! Colui che schiuderà i sette tuoni è già apparso davanti ai nostri occhi!

Dio Onnipotente! Con Te tutto è affrancato e libero, non esistono difficoltà e tutto scorre fluidamente! Nulla osa contrastarTi od ostacolarTi, tutto si sottomette a Te. Chiunque non si sottometta morirà!

Dio Onnipotente, il Dio dai sette occhi! Tutto è perfettamente chiaro, tutto è brillante e manifesto, tutto è rivelato e messo a nudo. Con Lui tutto è cristallino, e non solo Dio Stesso è così, ma lo sono anche i Suoi figli. Nessun individuo, nessun oggetto e nessuna questione possono essere occultati al cospetto Suo e dei Suoi figli!

Le sette stelle del Dio Onnipotente brillano! La Chiesa è stata resa perfetta da Lui, Egli designa i messaggeri della Sua Chiesa ed essa è tutta nella Sua disposizione. Egli rompe tutti i sette sigilli, ed Egli Stesso porta il Suo piano di gestione e il Suo volere a compimento. La pergamena è l’arcana lingua spirituale della Sua gestione ed Egli l’ha srotolata e rivelata!

Tutte le genti dovrebbero prestare ascolto al suono delle Sue sette trombe. Con Lui tutto è reso noto, nulla è più da nascondere, e non c’è più afflizione. Tutto è rivelato e tutto è vittorioso!

Le sette trombe di Dio Onnipotente risuonano palesi, gloriose e vittoriose! Sono altresì le trombe che giudicano i Suoi nemici! Nel mezzo del Suo trionfo, il Suo corno è esaltato! Egli governa l’intero universo!

Egli ha preparato le sette coppe delle piaghe, rovesciate sui Suoi nemici in un diluvio incessante, e quei nemici saranno consumati dalle fiamme del Suo fuoco ardente. Dio Onnipotente mostra la potenza della Sua autorità e i Suoi nemici periscono tutti. I sette tuoni finali non devono più essere sigillati al cospetto del Dio Onnipotente, sono tutti palesati! Tutti palesati! Con essi Egli mette a morte i Suoi nemici, stabilizzando la terra e facendo sì che Gli renda servizio, per non essere mai più devastata!

Il giusto Dio Onnipotente! Ti esaltiamo in eterno! Ti meriti la lode infinita, il plauso e l’esaltazione incessanti! I sette tuoni non sono solo per il Tuo giudizio, ma sono più per la Tua gloria e la Tua autorità, al fine di completare ogni cosa!

Tutte le genti festeggiano innanzi al trono, glorificando e lodando Dio Onnipotente, il Cristo degli ultimi giorni! Le loro voci scuotono l’intero universo come tuoni! Assolutamente tutte le cose esistono a causa Sua, si levano a causa Sua. Chi osa non attribuire tutta la gloria, l’onore, l’autorità, la saggezza, la santità, la vittoria e le rivelazioni interamente a Lui? Questo è il compimento del Suo volere ed è il completamento finale della costruzione della Sua gestione!

dal capitolo 34 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 55

Sette tuoni scaturiscono dal trono, scuotono l’universo, rovesciano il cielo e la terra e risuonano nei cieli! Il suono lacera l’udito e gli uomini non riescono a sfuggirgli né a trovare rifugio. Scoppiano fulmini e tuoni, in un istante cielo e terra si trasformano e sugli uomini incombe la morte. Poi, in un baleno, tutto il cosmo viene avvolto in un violento nubifragio che precipita dal cielo! Fino agli angoli più remoti della terra, con la stessa accuratezza di un lavacro, esso non tollera macchie mentre lava tutti da capo a piedi; nulla può essergli sottratto e nessuno può esserne riparato. Lo scoppio brilla di gelida luce come lampi di fulmini, facendo tremare gli uomini di paura! L’affilata spada a doppio taglio si abbatte sui figli della ribellione e i nemici sono esposti alla catastrofe, senza alcun luogo dove nascondersi; la furia del vento e della pioggia li intontiscono e, vacillando per il colpo, cadono morti nelle acque impetuose che li trascinano via. C’è solo morte, e per loro non c’è scampo. I sette tuoni scaturiscono da Me e trasmettono la Mia intenzione, che è colpire i primogeniti d’Egitto, punire i malvagi e purificare le Mie Chiese, affinché tutte possano avere reciproca affinità, agire con onestà interiore e saranno d’un sol cuore con Me, e affinché tutte le Chiese del cosmo possano essere incorporate in una sola. Questo è il Mio scopo.

Il tuono risuona, seguito a ruota da gemiti e lamenti. Alcuni vengono scossi dal sonno e, molto allarmati, scandagliano a fondo l’anima tornando precipitosamente dinanzi al trono. Questi uomini pongono fine ai loro irrefrenabili imbrogli e atti oltraggiosi; non è troppo tardi perché si risveglino. Io osservo dal trono. Guardo in fondo al cuore degli uomini. Salvo coloro che Mi desiderano con sincerità e fervore, e ho pietà di loro. Salverò coloro che Mi amano in cuor loro più di qualunque altra cosa, coloro che comprendono la Mia volontà e Mi seguono fino alla fine del cammino, consegnandoli all’eternità. La Mia mano li reggerà saldamente cosicché non si imbattano in questo scenario e non subiscano alcun danno. Nel vedere questi fulmini lampeggianti, alcuni provano in cuor loro un’inesprimibile infelicità, un estremo rammarico. Se si ostinano a comportarsi in questo modo, per loro sarà troppo tardi. Oh, sarà fatto tutto, tutto quanto! Anche questo è uno dei Miei modi di arrecare salvezza. Salvo coloro che Mi amano e abbatto i malvagi, rendo il Mio Regno saldo e stabile sulla terra e faccio sapere a tutte le nazioni e a tutti i popoli, a tutto ciò che vi è nell’universo e ai confini della terra, che Io sono maestà, sono fuoco avvampante, sono il Dio che scruta nell’intimo il cuore di ogni uomo. Da questo momento in poi, il giudizio del grande trono bianco viene svelato alle masse, e a tutti i popoli, viene dato l’annuncio che il giudizio è cominciato! È indubbio che tutti coloro le cui parole non sono sincere, coloro che dubitano e non osano essere certi, gli scialacquatori di tempo che comprendono i Miei desideri ma non sono disposti a metterli in pratica, devono tutti incorrere nel giudizio. Dovete darvi da fare ad esaminare le vostre intenzioni e motivazioni, e assumere il posto che vi spetta; mettete scrupolosamente in pratica le Mie parole, valutate la vostra esperienza della vita e, invece di agire con superficiale entusiasmo, rendete la vostra vita adulta, matura, stabile e piena di esperienza: solo allora sarete in sintonia con il Mio cuore.

Negate ai lacchè di Satana e agli spiriti malvagi che intralciano e distruggono ciò che costruisco ogni opportunità di volgere le cose a loro vantaggio. Devono essere severamente limitati e contenuti, possono essere trattati solo per mezzo di una spada affilata. I peggiori devono essere estirpati immediatamente, per prevenire guai futuri. E la Chiesa sarà perfezionata, libera da ogni stortura, e sana, piena di vitalità ed energia. Dopo i lampi dei fulmini risuonano i tuoni. Non dovete essere negligenti e gettare la spugna, ma fare del vostro meglio per mettervi in pari, e sicuramente riuscirete a vedere cosa fa la Mia mano, cosa intendo guadagnare, cosa scartare, cosa perfezionare, cosa estirpare, cosa abbattere. Tutto ciò si dipanerà davanti ai vostri occhi, permettendovi di vedere chiaramente la Mia onnipotenza.

Dal trono all’universo e fino ai confini della terra echeggiano i sette tuoni. Un folto gruppo di uomini sarà salvato e si sottometterà dinanzi al Mio trono. Seguendo questa luce di vita, gli uomini cercano un modo per sopravvivere e non possono fare a meno di venire a Me, di inginocchiarsi adoranti, e invocare con le loro bocche il nome del vero Dio onnipotente, dando voce alle loro suppliche. Ma quanto a quelli che Mi resistono, a quelli che induriscono il loro cuore, nelle loro orecchie risuona il tuono e non vi è dubbio che debbano morire. C’è solo questo ad attenderli. I Miei amati figli che sono trionfanti resteranno a Sion, e tutte le genti vedranno ciò che avranno ottenuto, e dinanzi a voi si manifesterà una immensa gloria. È davvero una grande benedizione, e una dolcezza che è difficile esprimere.

Lo scaturire del boato dei sette tuoni è la salvezza di coloro che Mi amano, che Mi desiderano con cuore sincero. Coloro che Mi appartengono e che ho predestinato e scelto sono tutti in grado di sottostare al Mio nome. Riescono a udire la Mia voce, che è la chiamata di Dio rivolta a loro. Lasciate che coloro che sono ai confini della terra vedano che Io sono giusto, sono fedele, sono benevolenza, sono compassione, sono maestà, sono fuoco avvampante e, in ultima istanza, spietato giudizio.

Lasciate che tutti quanti sono al mondo vedano che sono Dio Stesso, autentico e completo. Tutti gli uomini sono convinti fino in fondo, e nessuno osi resisterMi, giudicarMi o calunniarMi ancora; altrimenti, si abbatteranno immediatamente su di lui delle maledizioni e sarà vittima della catastrofe. Non gli resterà che piangere e digrignare i denti, avendo cagionato la propria distruzione.

Fatelo sapere a tutti i popoli, annunciatelo a tutto l’universo e fino ai confini della terra, in ogni casa e a tutti gli uomini: Dio Onnipotente è l’unico vero Dio. Tutti, uno dopo l’altro, cadranno in ginocchio e Mi adoreranno, e persino i bambini che hanno appena imparato a parlare grideranno: “Dio Onnipotente!” Anche i funzionari che esercitano il potere vedranno con i propri occhi il vero Dio manifestarSi dinanzi a loro, e anch’essi si prostreranno in adorazione, implorando misericordia e perdono; ma è decisamente troppo tardi, poiché è giunto il momento della loro fine: possono solo essere distrutti e condannati all’incommensurabile abisso. Metterò fine a tutta quest’età rafforzando ancor più il Mio Regno. Tutte le nazioni e tutti i popoli si sottometteranno dinanzi a Me per tutta l’eternità!

dal capitolo 35 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 56

Il vero Dio Onnipotente, il Re incoronato, domina tutto l’universo di fronte a tutte le nazioni e le genti, e ogni cosa sotto il cielo risplende della gloria di Dio. Tutte le cose viventi dell’universo e fino ai confini della terra potranno vedere. Le montagne, i fiumi, i laghi, le terre emerse, gli oceani e tutti gli esseri viventi hanno spalancato le tende alla luce del volto del vero Dio e sono rinvigoriti, come al risveglio da un sogno, come fossero germogli che fanno capolino dal terreno!

Ah! L’unico vero Dio Si manifesta al mondo. Chi osa affrontarLo opponendoGlisi? Tutti tremano di paura. Tutti sono assolutamente convinti, e tutti implorano ripetutamente il perdono. Tutti gli uomini cadono in ginocchio dinanzi a Lui, e tutte le bocche Lo adorano! I continenti e gli oceani, le montagne, i fiumi: tutte le cose non fanno che lodarLo! Giunge la primavera con le sue tiepide brezze, portando una pioggerella primaverile. Come tutti gli uomini, le correnti dei corsi d’acqua scorrono con dolore e gioia, versando lacrime di debito e di rimorso. I fiumi, i laghi, i flutti e le onde tutte cantano lodando il nome santo del vero Dio! Gli elogi risuonano con una tale chiarezza! Le vecchie cose che un tempo erano corrotte da Satana si rinnoveranno tutte, nessuna esclusa, cambiando ed entrando in una sfera del tutto nuova…

Questa è la santa tromba, e ha cominciato a risuonare! Prestate orecchio. Quel suono, così dolce, è il trono che si pronuncia annunciando a ogni nazione e popolo che il momento è giunto, che è giunta la fine ultima. Il Mio piano di gestione è compiuto. Il Mio Regno si è manifestato apertamente sulla terra. I regni terreni sono diventati il Regno di Me, che sono Dio. Le Mie sette trombe risuonano dal trono, e che prodigi avverranno! Gli uomini ai confini della terra accorreranno da ogni direzione con la forza di una valanga e con la potenza dei fulmini. …

Guardo con gioia il Mio popolo che sente la Mia voce e si raccoglie partendo da tutte le nazioni e le terre. Tutti gli uomini, tenendo sempre sulle labbra il vero Dio, lodano e saltano di gioia senza sosta! Rendono testimonianza al mondo, e il suono della loro testimonianza del vero Dio è come il fragore di molte acque. Tutti gli uomini si affolleranno nel Mio Regno.

Risuonano le Mie sette trombe, destando i dormienti dal loro sonno! Alzati in fretta, non è troppo tardi. Guarda alla tua vita! Apri gli occhi e vedi che ore sono in questo momento. Cosa c’è da cercare? Cosa c’è su cui riflettere? E cosa c’è a cui aggrapparsi? Non hai mai considerato la differenza di valore tra guadagnare la Mia vita e guadagnare tutto ciò che ami e a cui ti aggrappi? Smetti di essere testardo e di fare capriole. Non perdere questa opportunità. Questo momento non tornerà! Alzati immediatamente, allenati a esercitare lo spirito, usa vari strumenti per indovinare e sventare ogni complotto e stratagemma di Satana, e trionfare su di lui, in modo che la tua esperienza della vita possa diventare più profonda e tu possa vivere la Mia indole, che la tua vita possa diventare matura e vissuta e tu possa sempre seguire le Mie orme. Indomito, non debole, sempre in movimento, passo dopo passo, dritto fino alla fine della strada!

Quando le sette trombe risuoneranno di nuovo sarà la chiamata al giudizio, il giudizio dei figli della ribellione, il giudizio di tutte le nazioni e di tutti i popoli, e ogni nazione si arrenderà davanti a Dio. Il Suo volto glorioso si manifesterà senza dubbio a tutte le nazioni e a tutti i popoli. Tutti saranno pienamente convinti, e grideranno senza sosta al vero Dio. Dio onnipotente sarà più glorioso e i Miei figli condivideranno con Me la gloria e la sovranità, giudicando tutte le nazioni e tutti i popoli, punendo i malvagi, salvando ed essendo misericordiosi con coloro che Mi appartengono, e rendendo il Regno forte e stabile. Attraverso il suono delle sette trombe, moltissimi verranno salvati, tornando al Mio cospetto per inginocchiarsi e adorarMi con lodi costanti!

Quando le sette trombe risuoneranno ancora sarà la coda dell’età, lo squillo di tromba della vittoria sul diavolo Satana, la salva che annuncia l’inizio della vita manifesta nel Regno sulla terra! Che suono nobile, questo suono che echeggia intorno al trono, questo squillo di tromba che scuote il cielo e la terra, che è il segno della vittoria del Mio piano di gestione, che è il giudizio di Satana; esso condanna tutto questo vecchio mondo alla morte, a ritornare nel pozzo senza fondo! Questo squillo di tromba significa che la porta della grazia sta per chiudersi, che sulla terra avrà inizio la vita del Regno, che è cosa buona e giusta. Dio salva coloro che Lo amano. Una volta tornati al Suo Regno, gli uomini sulla terra affronteranno la carestia e la pestilenza, e le sette coppe e le sette piaghe di Dio sortiranno effetto in successione. Il cielo e la terra scompariranno, ma la Mia parola no!

Tratto dal capitolo 36 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 57

Grandi sono le azioni di Dio Onnipotente! Sono così mirabili! Così meravigliose! Risuonano le sette trombe, rimbombano i sette tuoni, e vengono versate le sette coppe: queste saranno subito rivelate apertamente, e non vi possono essere dubbi. L’amore di Dio viene a noi ogni giorno. Solo Dio Onnipotente può salvarci; il nostro imbatterci nella sventura o nella fortuna è a Sua esclusiva discrezione, e noi esseri umani non abbiamo titolo per stabilirlo. Coloro che si sacrificheranno di tutto cuore a Dio riceveranno sicuramente abbondanti benedizioni, mentre coloro che cercheranno di salvaguardare la propria vita la perderanno; tutte le cose e le questioni sono nelle mani di Dio Onnipotente. Non arrestare più i tuoi passi. Stanno per abbattersi sul cielo e la terra dei terribili cambiamenti ai quali l’uomo non ha modo di sottrarsi. Non avrà altra scelta che piangere amaramente di dolore. Segui l’opera che lo Spirito Santo sta compiendo oggi. Dovresti avere chiarezza in te stesso su fino a che punto sia progredita la Sua opera, senza il bisogno che te lo ricordassero gli altri. Adesso, più spesso che puoi, torna alla presenza di Dio Onnipotente. ChiediGli ogni cosa. Egli sicuramente ti illuminerà dentro e, nei momenti cruciali, ti proteggerà. Non temere! Egli possiede già tutto il tuo essere. Con la Sua protezione e la Sua cura, che cos’hai da temere? Oggi è imminente il compimento della Sua volontà, e chiunque abbia paura è solo destinato a perdere. Ciò che ti sto dicendo è la verità. Apri i tuoi occhi spirituali: il cielo può cambiare in un istante, ma cosa c’è da temere per te? Basta il più impercettibile gesto della Sua mano per annientare immediatamente il cielo e la terra. Dunque, cos’ha l’uomo da guadagnare agitandosi? Non è tutto nelle mani di Dio? Se Egli stabilisce che il cielo e la terra debbano cambiare, cambieranno. Se dice che dobbiamo essere resi completi, saremo resi completi. L’uomo non ha bisogno di preoccuparsi, ma di procedere con calma. Nondimeno, devi il prima possibile metterti in ascolto, ed essere vigile. Il cielo può cambiare in un istante! Per quanto l’uomo spalanchi gli occhi, a occhio nudo non riuscirà a vedere granché. Sii vigile adesso. La volontà di Dio si è compiuta, il Suo progetto è stato portato a termine, il Suo piano è riuscito, e i Suoi figli sono arrivati tutti al Suo trono. Vengono a giudicare tutte le nazioni e tutte le genti insieme a Dio Onnipotente. Coloro che hanno perseguitato la Chiesa e fatto del male ai figli di Dio saranno puniti severamente, questo è certo! A coloro che si danno davvero a Dio, che mantengono ogni impegno, Dio darà sicuramente amore per tutta l’eternità, senza mai cambiare!

dal capitolo 42 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 58

Il fatto che i Miei misteri siano rivelati e apertamente manifesti, e non più nascosti, è dovuto solo alla Mia grazia e misericordia, così come lo è anche il fatto che la Mia parola sia esternata tra gli uomini, e non più celata. Amo tutti coloro che si adoperano sinceramente per Me e che si dedicano a Me. Odio tutti coloro che nascono da Me eppure non Mi conoscono, e addirittura Mi resistono. Non abbandonerò nessuno che esista sinceramente per Me; anzi, raddoppierò le sue benedizioni. Punirò doppiamente coloro che sono ingrati e offendono la Mia bontà, e difficilmente sarò indulgente con loro. Nel Mio Regno non vi è disonestà o inganno, né alcuna mondanità, ossia non vi è il fetore dei morti. Al contrario, tutto è rettitudine e giustizia, tutto è purezza e sincerità, e nulla è celato o nascosto; ogni cosa è freschezza, godimento, edificazione. Se qualcuno ha ancora addosso il fetore dei morti, non può in alcun modo restare nel Mio Regno, bensì sarà governato dal Mio scettro di ferro. Tutti gli infiniti misteri, da tempo immemorabile al giorno d’oggi, sono pienamente rivelati a voi, il gruppo di persone che sono guadagnate da Me negli ultimi giorni. Non vi sentite benedetti? I giorni in cui tutto viene rivelato apertamente sono, inoltre, i giorni in cui voi condividete il Mio regno.

Il gruppo di persone che governano davvero come re dipende dalla Mia predestinazione e selezione, e non vi è alcuna volontà umana. Chiunque osi partecipare, deve subire il colpo della Mia mano ed è oggetto del Mio fuoco furioso; questo è un altro aspetto della Mia giustizia e maestà. Ho detto che governo tutte le cose, sono il Dio saggio che esercita la piena autorità e non sono clemente con nessuno; sono totalmente spietato e privo di sentimenti personali. Tratto chiunque (a prescindere da quanto parli bene, non lo esonererò) con la Mia giustizia, rettitudine e maestà, permettendo intanto a tutti di comprendere meglio il miracolo delle Mie azioni, così come il loro significato. Ho punito a uno a uno gli spiriti malvagi per ogni sorta di azioni che abbiano commesso, gettando ciascuno nel pozzo dell’abisso. Ho compiuto quest’opera prima che iniziasse il tempo, lasciandoli senza alcuna posizione e senza alcuno spazio per svolgere il loro lavoro. Nessuno dei Miei eletti, quelli predestinati e selezionati da Me, potrà mai essere posseduto da spiriti malvagi, bensì sarà sempre santo. Quanto a coloro che non ho predestinato e selezionato, li consegnerò a Satana e non permetterò più loro di rimanere. Sotto tutti gli aspetti, i Miei decreti amministrativi riguardano la Mia giustizia e la Mia maestà. Non lascerò andare neppure uno di coloro su cui Satana agisce, bensì li getterò nell’Ade insieme ai loro corpi, perché odio Satana. Non gli permetterò affatto di cavarsela facilmente, bensì lo distruggerò completamente e non gli lascerò la minima opportunità di svolgere il suo lavoro. Coloro che Satana ha corrotto in certa misura (cioè coloro che sono oggetto di sciagure) lo sono per saggia disposizione della Mia mano. Non pensate che ciò sia accaduto per la ferocia di Satana, bensì sappiate che sono Dio Onnipotente che governa l’universo e tutte le cose! Per Me non esistono problemi che non si possano risolvere, né tantomeno cose che non si possano realizzare o parole che non si possano dire. Gli esseri umani non devono farMi da consiglieri. Guardatevi bene dall’essere colpiti dalla Mia mano e gettati nell’Ade. Ti avverto! Coloro che oggi collaborano proattivamente con Me sono i più accorti, eviteranno perdite e sfuggiranno al dolore del giudizio. Sono tutte Mie disposizioni, da Me predestinate. Non fare osservazioni avventate e non parlare in modo altisonante, pensando di essere grande. Non avviene tutto attraverso la Mia predestinazione? Voi che vorreste essere i Miei consiglieri non conoscete vergogna! Ignorate la vostra statura, non sapete quanto sia pateticamente piccola! Nonostante ciò la prendete alla leggera e non conoscete voi stessi. Ogni volta non date ascolto alle Mie parole, vanificando i Miei sforzi scrupolosi e senza rendervi affatto conto che sono manifestazioni della Mia grazia e misericordia. Invece, non perdete occasione per ostentare la vostra bravura. Ve lo ricordate? Quale castigo devono ricevere le persone che si credono così argute? Indifferenti e infedeli alle Mie parole, e senza imprimerle nei vostri cuori, Mi adducete a pretesto per fare questo e quello. Malfattori! Quando riuscirete a prendere pienamente in considerazione il Mio cuore? Non lo fate, perciò chiamarvi malfattori non equivale a maltrattarvi. Vi calza a pennello!

Oggi vi mostro, a una a una, cose un tempo nascoste. Il gran dragone rosso viene gettato nel pozzo dell’abisso e completamente distrutto, perché tenerlo non servirebbe a nulla; significa che non può rendere alcun servigio a Cristo. D’ora in poi, ciò che lo riguarda non esisterà più; deve consumarsi a poco a poco fino a scomparire. Faccio ciò che dico; è il compimento della Mia opera. Eliminate le concezioni umane; tutto ciò che ho detto, l’ho fatto. Chiunque cerchi di essere scaltro attira su di sé la distruzione e il disprezzo e non vuole vivere. Perciò ti accontenterò e certamente non terrò le persone di questo tipo. D’ora in poi la popolazione crescerà in eccellenza, mentre tutti coloro che non collaborano proattivamente con Me saranno spazzati via nel nulla. Coloro che ho approvato sono quelli che perfezionerò, e non ne getterò via nemmeno uno. Non vi è alcuna contraddizione in ciò che dico. Coloro che non collaborano proattivamente con Me subiranno un ulteriore castigo, anche se alla fine li salverò sicuramente. A quel punto, tuttavia, l’entità della loro vita sarà molto diversa. Vuoi essere una persona di questo genere? Alzati e collabora con Me! Certo non riserverò un trattamento misero a coloro che si adoperano sinceramente per Me. A coloro che si dedicano sinceramente a Me concederò tutte le Mie benedizioni. Offriti completamente a Me! Ciò che mangi, ciò che indossi e il tuo futuro sono tutti nelle Mie mani; predisporrò adeguatamente ogni cosa perché tu possa trarne godimento infinito e inesauribile. Questo perché ho detto: “A coloro che si adoperano sinceramente per Me di sicuro concederò grandi benedizioni”. A ogni persona che si adopera sinceramente per Me andranno tutte le benedizioni.

dal capitolo 70 di “Discorsi di Cristo al principio” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 59

Le moltitudini Mi acclamano, le moltitudini Mi lodano; tutte le bocche pronunciano il nome dell’unico vero Dio, tutti alzano gli occhi per osservare i Miei atti. Il Regno discende sul mondo degli uomini, la Mia persona è ricca e munifica. Chi non sarebbe lieto per questo? Chi non danzerebbe di gioia? Oh, Sion! Innalza il tuo stendardo trionfante per celebrarMi! Intona il tuo inno trionfante di vittoria e diffondi il Mio santo nome! Voi tutti, esseri creati sino ai confini della terra! Affrettatevi a purificarvi così che possiate essere offerti in sacrificio per Me! Costellazioni del cielo lassù! Affrettatevi a tornare al vostro posto e a mostrare la Mia straordinaria potenza nel firmamento! Ascolto le voci del popolo sulla terra, che nel canto riversa infinito amore e venerazione per Me! In questo giorno, quando tutto il creato ritorna alla vita, Io scendo nel mondo degli uomini. In questo momento, proprio in questa circostanza, tutti i fiori sbocciano rigogliosi, tutti gli uccelli cantano come una sola voce, tutte le cose palpitano di gioia! Al suono della salva del Regno, il dominio di Satana crolla, distrutto dal rombo tonante dell’inno del Regno, per non risollevarsi mai più!

Chi sulla terra osa alzarsi e resistere? Mentre discendo sulla terra Io reco incendio, ira, catastrofi di ogni genere. I regni terreni ora sono il Mio Regno! In alto nel cielo, le nuvole si addensano e si accavallano; sotto il cielo, laghi e fiumi si sollevano e spumeggiano in una vibrante melodia. Gli animali in quiete emergono dalle tane, e tutti i popoli vengono da Me destati dal loro torpore. Il giorno atteso da innumerevoli popoli è finalmente giunto! Ed essi innalzano a Me i canti più belli!

In questo momento meraviglioso, in questo tempo esaltante,

la lode risuona ovunque, in alto nei cieli e giù sulla terra. Chi non sarebbe emozionato per questo?

Quale cuore non si rallegrerebbe? Chi non piangerebbe di fronte a questa scena?

Il cielo non è più lo stesso cielo, ora è il cielo del Regno.

La terra non è più la terra di prima, ora è terra santa.

Dopo il passaggio di una pioggia intensa, il vecchio mondo sudicio è totalmente rinnovato.

Le montagne stanno cambiando… le acque stanno cambiando…

anche le persone stanno cambiando… tutte le cose stanno cambiando…

Montagne quiete! Levatevi e danzate per Me!

Acque stagnanti! Scorrete liberamente!

Uomini immersi nei sogni! Svegliatevi e iniziate la caccia!

Io sono venuto… Io sono Re…

Tutti gli uomini vedranno il Mio volto con i loro occhi, tutti udranno la Mia voce con i loro orecchi,

vivranno personalmente la vita del Regno…

Così dolce… così bella…

Indimenticabile… impossibile da dimenticare…


Nell’incendio della Mia ira, il gran dragone rosso si dibatte;

nel Mio giudizio maestoso, i diavoli mostrano il loro vero aspetto;

alle Mie parole severe, tutti provano profonda vergogna, e non c’è luogo ove possano nascondersi.

Rammentano il passato, come Mi schernivano e Mi deridevano.

Mai una volta che non si siano messi in mostra, mai una volta che non Mi abbiano sfidato.

Oggi chi non piange? Chi non prova rimorso?

L’intero universo mondo è colmo di lacrime…

colmo di suoni di gioia… colmo di voci ridenti…

Gioia incomparabile… gioia senza confronto…


Una pioggerella picchietta… grossi fiocchi di neve fluttuano nell’aria…

Al chiuso le persone mescolano gioia e dolore… alcune ridono…

alcune singhiozzano… e alcune acclamano…

Come se tutti avessero dimenticato… che sia una primavera ricca di pioggia e nuvole,

un’estate di fiori in boccio, un autunno di raccolto copioso,

un inverno freddo con ghiaccio e gelo, non lo sa nessuno…

Nel cielo vagano le nubi, sulla terra ribollono gli oceani.

I figli agitano le braccia… le persone muovono i piedi nella danza…

Gli angeli sono all’opera… gli angeli fanno da guida…

Il popolo della terra è in trambusto, tutte le cose sulla terra si moltiplicano.

Tratto dal capitolo 11 di “Parole di Dio all’intero universo” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 60

Tutti gli uomini dovrebbero accettare l’osservazione del Mio Spirito, dovrebbero esaminare attentamente ogni loro parola e azione e, inoltre, dovrebbero considerare le Mie meravigliose opere. Come vi sentite al momento dell’arrivo del Regno sulla terra? Quando i Miei figli e il Mio popolo affluiscono al Mio trono, Io inizio ufficialmente il Mio giudizio dinanzi al grande trono bianco. In altre parole, quando comincio personalmente la Mia opera sulla terra e quando l’era del giudizio si avvicina alla sua fine, inizio a rivolgere le Mie parole all’intero universo e a spargere la voce del Mio Spirito su di esso. Attraverso le Mie parole, purificherò tutte le persone e le cose presenti nei cieli e sulla terra, in modo tale che il mondo non sia più sudicio e dissoluto e diventi invece un Regno santo. Rinnoverò tutte le cose per poterle utilizzare, affinché non rechino più il respiro della terra e non siano più infangate dal sapore del suolo. Sulla terra, l’uomo ha cercato a tentoni l’obiettivo e le origini delle Mie parole e ha osservato le Mie azioni, eppure nessuno ha mai conosciuto con precisione le origini delle Mie parole e ha mai realmente contemplato la meraviglia delle Mie azioni. Soltanto oggi, nel momento in cui Io vengo personalmente in mezzo all’umanità a proferire le Mie parole, l’uomo dimostra di conoscerMi un po’, eliminando il posto per “Me” nei suoi pensieri e creando invece uno spazio per il Dio concreto nella sua coscienza. L’uomo ha delle nozioni ed è pieno di curiosità; chi non vorrebbe vedere Dio? Chi non vorrebbe incontrarLo? Tuttavia, l’unica cosa che occupa un posto ben definito nel cuore dell’uomo è il Dio che egli percepisce come vago e astratto. Chi se ne renderebbe conto se Io non glielo dicessi chiaramente? Chi crederebbe con sincerità che Io esisto realmente, sicuramente, senza ombra di dubbio? C’è una grossa differenza tra il “Me” nel cuore dell’uomo e il “Me” della realtà, e nessuno è in grado di fare un confronto tra i due. Se Io non Mi fossi fatto carne, l’uomo non Mi avrebbe mai conosciuto, e anche se fosse arrivato a conoscerMi, questa conoscenza non sarebbe pur sempre una nozione? Ogni giorno cammino in mezzo al flusso incessante di persone e ogni giorno opero dentro ognuna di loro. Quando l’uomo Mi vedrà veramente, sarà in grado di riconoscerMi nelle Mie parole, e comprenderà le Mie intenzioni e i mezzi attraverso i quali Io parlo.

Quando il Regno arriva ufficialmente sulla terra, quale, tra tutte le cose, non rimane in silenzio? Chi, tra tutte le persone, non è spaventata? Io cammino ovunque nell’universo mondo e predispongo personalmente ogni cosa. In quel momento, chi non sa che le Mie azioni sono meravigliose? Le Mie mani sostengono tutte le cose, eppure Io sono anche al di sopra di loro. Oggi, la Mia incarnazione e la Mia reale presenza tra gli uomini non esprimono forse il vero significato della Mia umiltà e del Mio nascondimento? In apparenza, molte persone Mi osannano per la Mia bontà e Mi glorificano per la Mia bellezza, ma chi Mi conosce veramente? Perché vi chiedo di conoscerMi oggi? Il Mio obiettivo non è forse quello di svergognare il gran dragone rosso? Io non voglio forzare gli uomini a lodarMi, ma fare in modo che essi Mi conoscano, affinché possano così arrivare ad amarMi e di conseguenza a lodarMi. Tale lode è degna del suo nome, e non è priva di costrutto; soltanto una lode di questo genere può raggiungere il Mio trono e levarsi nell’alto dei cieli. Dal momento che l’uomo è stato tentato e corrotto da Satana, ed è stato assorbito dal pensare nozioni, Io Mi sono fatto carne per conquistare personalmente tutta l’umanità, rivelare le nozioni degli uomini e stroncare i loro pensieri. Di conseguenza, l’uomo non si pavoneggia più di fronte a Me, e non Mi serve più usando le sue nozioni personali, e quindi il “Me” presente nei suoi pensieri è completamente dissolto. Quando arriva il Regno, innanzitutto Io inizio questa fase dell’opera, e lo faccio in mezzo al Mio popolo. Essendo il Mio popolo voi, che siete nati nel paese del gran dragone rosso, sicuramente non c’è solo un po’, o una piccola parte, della sua velenosità dentro di voi. Pertanto, questa fase della Mia opera è principalmente concentrata su di voi e questo è un aspetto dell’importanza della Mia incarnazione in Cina. La maggior parte della gente non è in grado di cogliere neanche un singolo frammento delle parole che pronuncio e, anche quando ci riesce, la sua comprensione è confusa e farraginosa. Questo è uno dei punti di svolta del metodo che utilizzo per parlare. Se tutte le persone fossero capaci di leggere le Mie parole e di capirne il significato, allora chi tra gli uomini potrebbe essere salvato e non essere gettato nell’Ade? Quando l’uomo Mi conoscerà e Mi obbedirà, Io potrò riposare, e sarà proprio quello il momento in cui egli sarà in grado di cogliere il significato delle Mie parole. Oggi, la vostra statura morale è troppo scarsa, è pressoché penosamente minima, nemmeno degna di essere innalzata, per non parlare di quanto poco Mi conoscete.

Tratto dal capitolo 11 di “Parole di Dio all’intero universo” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 61

Quando il lampo esce da Levante – ovvero esattamente nel momento in cui Io inizio a parlare – nel momento in cui il lampo appare, l’intero empireo è illuminato, e tutte le stelle cominciano a trasformarsi. Sembra quasi che l’intera razza umana sia soggetta a un’accurata pulizia e a un vaglio. Sotto il bagliore di questo raggio di luce proveniente da est, tutti gli uomini si rivelano nella loro forma originale, con gli occhi abbagliati e ostacolati dalla confusione; e meno che mai sono capaci di nascondere le loro caratteristiche negative. Di nuovo, sono come animali in fuga dalla Mia luce per rifugiarsi nelle grotte sulle montagne; tuttavia, nessuno di loro può essere eclissato dalla Mia luce. Tutti gli esseri umani sono sbalorditi, sono in attesa di qualcosa e osservano; con l’avvento della Mia luce, tutti si rallegrano del giorno in cui sono nati, e allo stesso modo maledicono il giorno in cui sono nati. È impossibile trovare le parole adatte per descrivere emozioni contrastanti; lacrime di autocritica formano dei fiumi, e sono portate via su un impetuoso torrente, sparendo in un batter d’occhio senza lasciare traccia. Ancora una volta, il Mio giorno grava sulla razza umana, destandola nuovamente e dandole un punto dal quale partire per avere un nuovo inizio. Il Mio cuore pulsa e, seguendo il ritmo dei Miei battiti, le montagne fanno salti di gioia, le acque danzano dalla contentezza e le onde tengono il tempo, infrangendosi sulle scogliere rocciose. È difficile esprimere quello che alberga nel Mio cuore. Voglio che tutte le cose impure si inceneriscano sotto il Mio sguardo, e che tutti i figli della disobbedienza spariscano dalla Mia vista, affinché non esistano più. Non ho soltanto fissato un nuovo inizio nella dimora del gran dragone rosso, ma ho anche intrapreso una nuova opera nell’universo. Presto i regni della terra diventeranno il Mio Regno; presto i regni della terra cesseranno per sempre di esistere a causa del Mio Regno, perché ho già ottenuto la Mia vittoria e sono ritornato trionfante. Il gran dragone rosso ha sfruttato ogni mezzo possibile per distruggere il Mio progetto, sperando di cancellare la Mia opera sulla terra, ma posso abbatterMi per colpa dei suoi ingannevoli stratagemmi? Posso essere così spaventato da perdere la fiducia a causa delle sue minacce? Nei cieli e sulla terra non c’è mai stato un singolo essere che Io non tenga nel palmo della Mia mano; quanto più è vero ciò riguardo al gran dragone rosso, questo strumento che Mi fa da contrasto? Non è anch’esso un oggetto da manipolare con le Mie mani?

Inconsapevolmente, l’umanità è arrivata ad assistere al momento della Mia incarnazione nel mondo degli uomini, grazie all’aiuto della Mia mano che la guidava, e inconsapevolmente è riuscita a conoscerMi, ma nessuno è informato, né ha una vaga idea del modo in cui percorrere il cammino che lo attende nel futuro, e meno che mai ha un indizio circa la direzione in cui tale cammino lo porterà. Una persona potrà essere capace di percorrere il suo cammino fino alla fine soltanto se l’Onnipotente veglierà su di lei, e potrà varcare la soglia che porta al Mio Regno soltanto se sarà guidata dal lampo che esce da Levante. Tra gli uomini, nessuno ha mai visto il Mio volto, né il lampo da Levante; per non parlare del fatto che nessuno ha sentito la voce diffusasi dal Mio trono. Di fatto, fin dai tempi andati, nessun essere umano è entrato in contatto direttamente con la Mia persona; soltanto oggi, quando sono disceso nel mondo, gli uomini hanno l’opportunità di vederMi, ma anche adesso non Mi conoscono, perché si limitano a osservare il Mio volto e a udire la Mia voce, senza comprendere le Mie intenzioni. Tutti gli esseri umani sono in questa condizione. Essendo parte del Mio popolo, non vi sentite profondamente orgogliosi quando vedete il Mio volto? E non provate una vergogna totale per il fatto di non conoscerMi? Io cammino in mezzo agli uomini e vivo tra di loro, perché Mi sono fatto carne e sono disceso nel mondo umano. Il Mio obiettivo non è semplicemente permettere all’umanità di osservare la Mia carne; la cosa che Mi preme di più è invece consentirle di conoscerMi. E per di più, per mezzo della Mia incarnazione, Io condannerò gli uomini per i loro peccati, e sconfiggerò il gran dragone rosso, distruggendo il suo rifugio.

Tratto dal capitolo 12 di “Parole di Dio all’intero universo” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 62

Nell’intero universo le genti celebrano l’arrivo del Mio giorno, e gli angeli camminano tra le masse. Quando Satana causa qualche problema, gli angeli aiutano sempre il Mio popolo in virtù della loro funzione nei cieli. Non sono ingannati dal diavolo per la debolezza dell’uomo ma, come conseguenza del furibondo attacco delle forze del male, si sforzano ancor più di incontrare la vita umana attraverso la nebbia. Tutte le genti si sottomettono al Mio nome, e nessuno si leva per osteggiarMi apertamente. Grazie al lavoro svolto dagli angeli, l’uomo accetta il Mio nome e tutti vivono nel flusso della Mia opera. Il mondo sta crollando! Babilonia è nella paralisi! Il mondo religioso – come potrebbe non essere distrutto dalla Mia autorità sulla terra? Chi ha ancora il coraggio di disobbedirMi e osteggiarMi? Gli scribi? Tutti i funzionari religiosi? I governanti e le autorità presenti sulla terra? Gli angeli? Chi non celebra la perfezione e la pienezza del Mio corpo? Tra tutte le persone, chi non canta senza sosta le Mie lodi, chi non è immancabilmente felice? Io vivo nel paese dove il gran dragone rosso ha la sua tana, ma ciò non Mi fa tremare di paura né scappare, perché tutto il suo popolo ha già iniziato a detestarlo. Mai il “dovere” di qualsiasi cosa è stato assolto dinanzi al dragone; invece, tutte le cose agiscono come ritengono giusto, scegliendo il percorso per loro più conveniente. Come potrebbero i paesi della terra non essere distrutti? Come potrebbero non crollare? Come potrebbe il Mio popolo non esultare? Come potrebbe non cantare di gioia? Questo è il lavoro dell’uomo? È il prodotto delle mani dell’uomo? Io ho dato all’uomo il fondamento della sua esistenza e gli ho fornito delle cose materiali, eppure egli è insoddisfatto della sua situazione attuale e chiede di poter entrare nel Mio Regno. Ma come potrebbe entrare nel Mio Regno così facilmente, senza aver pagato un prezzo e senza essere disposto a offrire la sua devozione disinteressata? Invece di esigere qualcosa dall’uomo, Io gli faccio delle richieste, in modo che il Mio Regno sulla terra possa essere pieno di gloria. Ho guidato l’uomo nell’età attuale, egli esiste in questa condizione, e vive alla guida della Mia luce. Se non fosse così, chi tra i popoli della terra conoscerebbe le proprie prospettive? Chi comprenderebbe la Mia volontà? Aggiungo le Mie disposizioni alle richieste che faccio all’uomo; ciò non è in linea con le leggi della natura?

Tratto dal capitolo 22 di “Parole di Dio all’intero universo” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 63

Nel Regno, la miriade di cose create inizia a rivivere e a riacquistare la sua forza vitale. A causa dei cambiamenti nella condizione della terra, anche i confini tra un territorio e l’altro iniziano a muoversi. Tempo addietro, ho profetizzato: quando la terra sarà divisa dalla terra, e la terra si unirà alla terra, sarà il tempo in cui Io ridurrò le nazioni in frantumi. In quel momento, Io rinnoverò tutto il creato e la ripartizione dell’intero universo, mettendolo così in ordine e trasformando la sua vecchia condizione in una nuova. Questo è il Mio progetto. Queste sono le Mie opere. Quando le nazioni e le genti del mondo torneranno davanti al Mio trono, allora prenderò tutta la generosità dei cieli e la spargerò sul mondo umano, cosicché, grazie a Me, esso si colmerà di una generosità senza pari. Ma finché continuerà a esistere il vecchio mondo, Io scaglierò la Mia ira sulle sue nazioni, promulgando apertamente i Miei decreti amministrativi in tutto l’universo, e infliggerò un castigo a chiunque li violi.

Quando rivolgo il Mio volto verso l’universo per parlare, tutta l’umanità ascolta la Mia voce, e allora vede tutte le opere che ho compiuto nell’universo. Coloro che sono contrari alla Mia volontà, vale a dire coloro che Mi osteggiano con le azioni dell’uomo, subiranno il Mio castigo. Io prenderò le infinite stelle nei cieli e le creerò di nuovo, e grazie a Me il sole e la luna saranno rinnovati – i cieli non saranno più come prima, e le innumerevoli cose presenti sulla terra saranno rigenerate. Tutto diventerà perfetto attraverso le Mie parole. Le molte nazioni che si trovano nell’universo saranno nuovamente ripartite e sostituite dalla Mia nazione, in modo tale che le nazioni sulla terra spariranno per sempre e diverranno una sola nazione che Mi adora; tutte le nazioni sulla terra saranno distrutte, e smetteranno di esistere. Tra gli esseri umani che abitano l’universo, tutti coloro che appartengono al diavolo saranno sterminati; tutti coloro che venerano Satana saranno abbattuti dal Mio fuoco ardente – in altre parole, fatta eccezione per quelli che adesso sono nel giusto corso, gli altri saranno ridotti in cenere. Quando Io castigo i molti popoli, quelli che vivono nel mondo religioso in varia misura torneranno nel Mio Regno e saranno conquistati dalle Mie opere, perché avranno assistito all’avvento del Santo che cavalca una nuvola bianca. Tutti gli uomini seguiranno i loro simili, e riceveranno castighi diversi in base alle loro azioni. Coloro che Mi si sono opposti periranno; coloro che hanno svolto azioni sulla terra senza coinvolgerMi, a causa del loro comportamento continueranno a esistere sulla terra sotto il governo dei Miei figli e del Mio popolo. Io Mi rivelerò alla miriade di genti e nazioni, facendo sentire con forza la Mia voce sulla terra per proclamare il completamento della Mia grande opera per l’intera umanità, affinché quest’ultima possa vederla con i suoi stessi occhi.

Mentre la Mia voce aumenta di intensità, Io sto anche osservando lo stato dell’universo. Tramite le Mie parole, la miriade di cose create viene totalmente rinnovata. Cambiano i cieli e anche la terra. L’umanità viene mostrata nella sua forma originale e, lentamente, ciascuno secondo la sua natura, gli uomini trovano inconsapevolmente la via per tornare in seno alle loro famiglie. In quel momento Io sarò estremamente compiaciuto. Sarò libero da ogni turbamento, e la Mia grande opera diventerà perfetta inaspettatamente, e sempre inaspettatamente le innumerevoli cose del creato verranno trasformate. Quando ho creato il mondo, ho plasmato tutte le cose secondo il loro tipo, raggruppando tutte le cose dotate di forma con quelle del loro tipo. Man mano che si avvicinerà la fine del Mio piano di gestione, Io ristabilirò la condizione precedente del creato, e riporterò tutto allo stato originale, cambiando profondamente ogni cosa per darle modo di tornare in seno al Mio progetto. Il momento è arrivato! L’ultima fase del Mio progetto sta per essere portata a termine. Ah, vecchio mondo impuro! Tu cadrai sicuramente sotto la forza delle Mie parole! Sarai certamente ridotto al nulla dal Mio progetto! Ah, la miriade di cose del creato! Troverete tutte nuova vita nelle Mie parole: avete il vostro Signore Sovrano! Ah, nuovo mondo puro e irreprensibile! Indubbiamente rivivrai nella Mia gloria! Ah, Monte Sion! Non stare più in silenzio. Io sono tornato in trionfo! Dal centro del creato, Io scruto tutta la terra, dove l’umanità ha iniziato una nuova vita e acquisito nuova speranza. Ah, Mio popolo! Come puoi non tornare alla vita illuminato dalla Mia luce? Come puoi non fare salti di gioia sotto la Mia guida? Le terre gridano di giubilo, le acque rumoreggiano di gioiose risate! Ah, il risorto Israele! Come puoi non sentirti orgoglioso a causa della Mia predestinazione? Chi ha pianto? Chi si è lamentato? L’Israele di un tempo ha smesso di esistere, e il nuovo Israele è sorto, saldo e torreggiante nel mondo, e si è levato nei cuori di tutta l’umanità. L’odierno Israele sicuramente arriverà alla fonte dell’esistenza attraverso il Mio popolo! Ah, odioso Egitto! Di certo non ti schieri ancora contro di Me? Come puoi trarre vantaggio dalla Mia misericordia e provare a sfuggire al Mio castigo? Come puoi non rientrare nel Mio castigo? Tutti quelli che amo vivranno sicuramente in eterno, e tutti coloro che Mi osteggiano indubbiamente riceveranno da Me un castigo perpetuo. Poiché sono un Dio geloso, Io non sarò facilmente indulgente con gli uomini per tutto quello che hanno fatto. Io scruterò tutta la terra, e apparendo nella parte orientale del mondo con giustizia, maestà, collera e castigo, Mi rivelerò alle innumerevoli moltitudini di esseri umani!

Tratto dal capitolo 26 di “Parole di Dio all’intero universo” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 64

Quando gli angeli suonano la musica per lodarMi, questo non può fare a meno di suscitare la Mia comprensione per l’uomo. Improvvisamente il Mio cuore si riempie di tristezza ed è difficile liberarMi da questa emozione dolorosa. Nella gioia e nel dolore di separarci e poi riunirci, Io e l’uomo non siamo in grado di scambiare i nostri sentimenti. Separati nell’alto dei cieli e in basso sulla terra, non riusciamo a incontrarci con regolarità. Come liberarsi dalla nostalgia dei sentimenti di un tempo? Come smettere di abbandonarsi ai ricordi del passato? Chi non auspicherebbe il loro perpetuarsi? Chi non anelerebbe al Mio ritorno? Chi non desidererebbe fortemente la Mia riunificazione con l’uomo? Il Mio cuore è profondamente turbato e lo spirito dell’uomo è profondamente angustiato. Sebbene simili nello spirito, non possiamo stare spesso insieme e non possiamo vederci di frequente. Quindi la vita dell’umanità è piena di afflizione e manca di vitalità, perché l’uomo ha sempre anelato a Me. È come se gli esseri umani fossero oggetti buttati giù dal cielo; gridano il Mio nome sulla terra e alzano lo sguardo verso di Me dal suolo, ma come possono sfuggire alle fauci del lupo famelico? Come possono liberarsi dalle sue minacce e dalle sue tentazioni? Come possono gli esseri umani non sacrificarsi attraverso l’obbedienza alle disposizioni del Mio piano? Quando implorano a voce alta, volgo loro le spalle e non posso sopportare ulteriormente la loro vista; tuttavia, come potrei non sentire le loro grida lamentose? Correggerò le ingiustizie del mondo umano. Svolgerò la Mia opera con le Mie mani in tutto il mondo, impedendo a Satana di danneggiare di nuovo il Mio popolo e ai nemici di rifare qualsiasi cosa vogliano. Diventerò Re sulla terra e trasferirò lì il Mio trono, abbattendo tutti i Miei nemici e inducendoli a confessare i loro crimini davanti a Me. Nella Mia tristezza unita a collera, calpesterò l’intero universo, senza risparmiare nessuno, e incuterò il terrore nei cuori dei Miei nemici. Ridurrò tutta la terra in macerie sotto le quali giaceranno tutti i Miei nemici, così che da quel momento in poi non possano più corrompere l’umanità. Il Mio piano è già stabilito e nessuno, chiunque esso sia, potrà cambiarlo. Mentre passeggio con maestosa ostentazione sopra all’universo, l’intera umanità sarà resa nuova e ogni cosa riprenderà vita. L’uomo non verserà più lacrime e non invocherà più il Mio aiuto. Allora il Mio cuore gioirà e la gente tornerà festosa a Me. L’intero universo, da cima a fondo, esulterà…

Oggi, tra le nazioni del mondo, svolgo l’opera che mi sono proposto di realizzare. Mi muovo in mezzo agli uomini, compiendo tutta l’opera prevista nel Mio piano, e l’intera umanità sta smembrando le varie nazioni del mondo secondo la Mia volontà. Le persone sulla terra hanno l’attenzione concentrata sulla loro destinazione, poiché il giorno si sta avvicinando e gli angeli stanno suonando le loro trombe. Non ci saranno più ritardi, e a quel punto tutto il creato inizierà a danzare con esultanza. Chi può rinviare il Mio giorno a suo piacimento? Un abitante della terra? Oppure le stelle del cielo, o gli angeli? Quando faccio un discorso per segnare l’inizio della salvezza del popolo di Israele, il Mio giorno grava su tutta l’umanità. Ogni uomo teme il ritorno di Israele. Quando Israele ritornerà, quello sarà il Mio giorno di gloria, e sarà anche il giorno in cui ogni cosa cambierà e sarà rinnovata. Poiché il giusto giudizio è ormai prossimo all’intero l’universo, tutti gli uomini si fanno incerti e timorosi, perché nel mondo umano la giustizia è sconosciuta. Quando il Sole di giustizia apparirà, l’Oriente sarà illuminato, e poi illuminerà a sua volta l’intero universo, raggiungendo tutti. Se l’uomo riesce realmente a eseguire la Mia giustizia, cosa ci sarebbe da temere? Tutto il Mio popolo attende l’arrivo del Mio giorno, tutti bramano la venuta del Mio giorno. Aspettano che Io provveda a punire tutta l’umanità e predisponga la sua destinazione nel Mio ruolo di Sole della giustizia. Il Mio Regno sta prendendo forma sull’intero universo e il Mio trono domina i cuori di centinaia di milioni di persone. Con l’aiuto degli angeli la Mia grande impresa sarà presto portata a buon fine. Tutti i Miei figli e il Mio popolo attendono col fiato sospeso il Mio ritorno, anelando alla Mia riunione con loro per non separarci mai più. Come potrebbe l’infinita popolazione del Mio Regno non corrersi incontro in festosa gioia a causa del Mio essere insieme a loro? Può questa essere una riunificazione per la quale non ci sia da pagare alcun prezzo? Sono onorevole agli occhi di tutti gli uomini, lodato con ogni loro parola. Quando ritornerò, conquisterò ancora di più tutte le forze nemiche. Il tempo è arrivato! Metterò in moto la Mia opera, regnerò come Re tra gli uomini! Sto tornando! Sto per partire! Questo è ciò che tutti auspicano, quello che desiderano. Lascerò che l’intera umanità veda l’arrivo del Mio giorno e che accolga la venuta del Mio giorno con gioia!

Tratto dal capitolo 27 di “Parole di Dio all’intero universo” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 65

Nel giorno in cui tutte le cose furono risuscitate, Io scesi tra gli uomini e trascorsi splendidi giorni e splendide notti con loro. Solo a questo punto l’uomo percepì una piccola parte della Mia vicinanza, e man mano che la sua interazione con Me diventava più frequente, egli riusciva a vedere qualcosa di ciò che Io ho e sono – e di conseguenza, egli riuscì a raggiungere qualche conoscenza di Me. Fra tutti i popoli, alzo la testa e guardo, e tutti Mi vedono. Eppure, quando la calamità si abbatte sul mondo, diventano immediatamente ansiosi e la Mia immagine svanisce dai loro cuori; presi dal panico all’arrivo della catastrofe, non prestano attenzione alle Mie esortazioni. Ho trascorso molti anni con l’uomo, nondimeno egli è sempre rimasto inconsapevole e non Mi ha mai conosciuto. Oggi gli parlo con la Mia bocca ed esorto tutte le persone a venire dinanzi a Me per ricevere qualcosa da Me, ciononostante si tengono ancora a distanza e così non Mi conoscono. Quando i Miei passi calpesteranno le estremità dell’universo, l’uomo inizierà a riflettere su se stesso e tutta la gente verrà da Me e si inginocchierà di fronte a Me adorandoMi. Questo sarà il giorno della Mia glorificazione, il giorno del Mio ritorno e anche il giorno della Mia partenza. Ora ho iniziato la Mia opera in mezzo all’umanità, Mi sono formalmente impegnato, attraverso l’intero universo, nella parte finale del Mio piano di gestione. Da questo momento in poi, chiunque non sia prudente rischia di finire in qualsiasi momento nel castigo spietato. Questo non perché Io sia senza cuore, ma perché si tratta di un passo del Mio piano di gestione; tutto deve procedere secondo le fasi del Mio piano e nessun uomo può cambiare le cose. Quando inizio ufficialmente la Mia opera, tutta la gente esegue i Miei Stessi movimenti, cosicché le persone nell’intero universo occupano il loro tempo al passo con Me, c’è “esultanza” in tutto l’universo e l’uomo è spronato ulteriormente da Me. Di conseguenza, anche il gran dragone rosso viene sottomesso da Me in uno stato di delirio e confusione, è al servizio della Mia opera e, anche se riluttante, non riesce a seguire i suoi desideri e non gli rimane altra scelta che quella di sottomettersi al Mio controllo. In tutti i Miei piani, il gran dragone rosso è il Mio complemento, il Mio nemico e anche il Mio servo; come tale, non ho mai allentato le Mie “richieste” verso di lui. Quindi, la parte finale della Mia opera di incarnazione viene completata nella sua dimora. In questo modo il gran dragone rosso è maggiormente in grado di servirMi in maniera appropriata e tramite questo Io lo conquisterò e completerò il Mio piano. Mentre Io opero, tutti gli angeli intraprendono con Me la battaglia decisiva e decidono di esaudire i Miei desideri nella fase finale, affinché la gente sulla terra si arrenda a Me come gli angeli, non abbia alcun desiderio di osteggiarMi e non faccia nulla per ribellarsi contro di Me. Queste sono le dinamiche della Mia opera in tutto l’universo.

Lo scopo ed il significato della Mia venuta fra gli uomini, è salvare tutta l’umanità, riportare tutto il genere umano nella Mia casa, riunire il cielo con la terra e far trasmettere all’uomo i “segnali” tra cielo e terra, poiché tale è la funzione intrinseca dell’uomo. Quando Io creai l’umanità, le resi disponibili tutte le cose e, in seguito, permisi all’umanità di beneficiare delle ricchezze che le concedetti in base alle Mie esigenze. Pertanto, Io affermo che è sotto la Mia guida che tutta l’umanità è giunta al giorno d’oggi. E tutto questo è il Mio piano. In tutta l’umanità, un numero incalcolabile di persone vive sotto la protezione del Mio amore e un’infinità di persone vive sotto il castigo del Mio odio. Anche se tutti Mi pregano, sono nondimeno incapaci di modificare le loro situazioni attuali; una volta che hanno perduto la speranza, possono solamente lasciare che la natura faccia il proprio corso e smettere di disobbedirMi, poiché questo è tutto ciò che può essere realizzato dall’uomo. Per quanto riguarda le condizioni della vita dell’uomo, egli deve ancora trovare la vera vita, non è ancora riuscito a vedere attraverso l’ingiustizia, la desolazione e le miserabili condizioni del mondo – e così, se non fosse stato per l’arrivo della catastrofe, la maggior parte delle persone si affiderebbe ancora a Madre Natura e si lascerebbe ancora trasportare dal sapore della “vita”. Non è questa la realtà del mondo? Non è questa la voce della salvezza che Io pronuncio davanti agli uomini? Perché, tra tutta l’umanità, nessuno Mi ha mai amato veramente? Perché l’uomo Mi ama soltanto nel mezzo del castigo e delle prove e invece nessuno Mi ama sotto la Mia protezione? Io ho elargito molte volte il Mio castigo sul genere umano. Gli danno un’occhiata ma poi lo ignorano, invece di studiarlo e contemplarlo in questo frangente e così tutto ciò che si abbatte sull’uomo è un giudizio impietoso. Questo è soltanto uno dei Miei metodi di operare, ma ha comunque lo scopo di cambiare l’uomo e di far sì che egli Mi ami.

Tratto dal capitolo 29 di “Parole di Dio all’intero universo” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 66

Io governo sul Regno e, per di più, Io regno su tutto l’universo; Io sono sia il Re del Regno sia il Capo dell’universo. Da questo momento in poi radunerò tutti coloro che non sono i prescelti e inizierò la Mia opera tra i Gentili, annuncerò i Miei decreti amministrativi all’intero universo, per poter intraprendere con successo la prossima fase della Mia opera. Userò il castigo per diffondere la Mia opera tra i Gentili, vale a dire userò la forza contro tutti coloro che sono Gentili. Ovviamente questa opera verrà portata avanti contemporaneamente alla Mia opera tra gli eletti. Il tempo in cui la Mia gente governerà ed eserciterà il potere sulla terra, sarà anche il tempo in cui tutti gli uomini sulla terra saranno stati conquistati, e inoltre sarà il tempo in cui Io Mi riposerò – e soltanto allora apparirò a tutti quelli che sono stati conquistati. Appaio al regno santo e Mi nascondo dalla terra immonda. Tutti coloro che sono stati conquistati e sono divenuti obbedienti al Mio cospetto, sono in grado di vedere il Mio volto con i loro occhi e sono capaci di udire la Mia voce con le loro orecchie. Questa è la benedizione di coloro che nascono durante gli ultimi giorni, questa è la benedizione da Me predestinata, e ciò è inviolabile da parte di qualsiasi uomo. Oggi opero in questo modo per il bene dell’opera futura. Tutta la Mia opera è interconnessa, in tutta l’opera esiste uno stimolo e una reazione: nessun passo si è mai fermato bruscamente e nessuna fase è stata mai portata avanti indipendentemente da qualsiasi altra. Non è forse così? L’opera del passato non è la base dell’opera di oggi? Le parole del passato non precorrono le parole attuali? I passi dell’antichità non rappresentano l’origine dei passi odierni? Il giorno in cui Io apro ufficialmente il libro, è quando le persone in tutto l’universo vengono castigate, quando le persone in tutto il mondo sono sottoposte a delle prove ed è il culmine della Mia opera; tutta la gente vive in una terra priva di luce e tutti vivono tra le minacce del loro ambiente. In altre parole, si tratta della vita che l’uomo non ha mai sperimentato dal momento della creazione fino ai giorni nostri e nessuno nel corso dei secoli ha mai “apprezzato” questo tipo di vita, quindi Io affermo che svolgo l’opera che non è mai stata realizzata prima. Questo è il vero stato delle cose e questo è il significato nascosto. Dato che il Mio giorno si avvicina a tutta l’umanità, visto che non appare distante, ma si trova proprio di fronte agli occhi degli uomini, chi non ne sarebbe conseguentemente impaurito? E chi non ne sarebbe deliziato? La sporca città di Babilonia è finalmente giunta alla sua fine; l’uomo si trova di fronte a un mondo tutto nuovo e il cielo e la terra sono stati cambiati e rinnovati.

Quando Io appaio a tutte le nazioni e a tutti i popoli, le nuvole bianche si agitano nel cielo e Mi avvolgono. Allo stesso modo fanno gli uccelli sulla terra, cantando e danzando per Me con gioia, valorizzando l’atmosfera sulla terra e facendo così in modo che tutte le cose ritornino vive, non “sedimentando” più, ma vivendo invece immerse in un’atmosfera di vitalità. Quando sono tra le nuvole, l’uomo percepisce solo vagamente il Mio volto e i Miei occhi, e in quel momento si sente un po’ intimorito. Egli in passato ha udito documentazioni storiche su di Me nelle leggende e in seguito a questo in parte crede e in parte dubita di Me. Egli non sa dove Mi trovo o quanto sia grande il Mio volto – è vasto come il mare o infinito come i verdi pascoli? Nessuno conosce queste cose. Soltanto quando l’uomo vede il Mio volto tra le nuvole oggi sente che il Me Stesso della leggenda è reale e così diventa un po’ più ben disposto nei Miei confronti, ed è unicamente a causa delle Mie azioni che la sua ammirazione nei Miei confronti diventa un po’ più grande. L’uomo, tuttavia, ancora non Mi conosce, e vede solo una parte di Me tra le nuvole. In seguito, Io allungo le Mie braccia e le mostro all’uomo. Egli è sbalordito e si batte le mani sulla bocca, estremamente timoroso di essere colpito dalla Mia mano e così aggiunge un po’ di reverenza alla sua ammirazione. L’uomo fissa i suoi occhi su ogni Mio movimento, profondamente preoccupato di venire colpito da Me quando non sta prestando attenzione – tuttavia, essere osservato dall’uomo non Mi limita e continuo a svolgere la Mia opera sulle Mie mani. È solamente nelle azioni che compio che l’uomo ha una certa predilezione verso di Me e così gradualmente viene al Mio cospetto per associarsi a Me. Quando la Mia totalità verrà svelata all’uomo, l’uomo vedrà il Mio volto e da quel momento in poi non Mi nasconderò e non Mi occulterò più da lui. Apparirò pubblicamente in tutto l’universo a tutti i popoli e tutti coloro che sono fatti di carne e sangue ammireranno le Mie opere. Tutti coloro che sono fatti di spirito abiteranno sicuramente in pace nella Mia casa e godranno senza dubbio di splendide benedizioni insieme a Me. Tutti coloro ai quali tengo eviteranno senz’altro il castigo e si sottrarranno certamente al dolore dello spirito e all’agonia della carne. Apparirò pubblicamente a tutti i popoli e governerò ed eserciterò il Mio potere, in modo che l’odore dei cadaveri non pervada più l’universo; invece, la Mia fresca fragranza si diffonderà nel mondo intero, poiché il Mio giorno si avvicina, l’uomo sta per risvegliarsi, tutto è in ordine sulla terra, e i giorni della sopravvivenza della terra sono finiti, poiché Io sono arrivato!

Tratto dal capitolo 29 di “Parole di Dio all’intero universo” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 67

Colmerò l’empireo con le manifestazioni del Mio operare, affinché tutto sulla terra si prostri sotto la Mia potenza, attuando il Mio progetto di “unità mondiale” e portando a compimento questo Mio desiderio, affinché l’umanità non “vaghi” più sulla faccia della terra, ma trovi, senza indugio, una destinazione adatta. Prendo in considerazione l’umanità in ogni modo, facendo sì che l’intera umanità possa presto giungere a vivere in una terra di pace e felicità, affinché i giorni della sua vita non siano più tristi e desolati e il Mio progetto non finisca in nulla sulla terra. Siccome l’uomo vive sulla terra, vi edificherò la Mia nazione, poiché una parte della manifestazione della Mia gloria è sulla terra. In alto, nei cieli, sistemerò le Mie città e così rinnoverò ogni cosa sia in alto sia in basso. Riunirò in una sola unità tutto ciò che esiste sia al di sopra sia al di sotto dei cieli, affinché tutte le cose in terra si uniscano a ciò che è in cielo. Questo è il Mio progetto, è ciò che attuerò nell’era finale; che nessuno interferisca con questa parte della Mia opera! L’estensione della Mia opera alle nazioni dei Gentili è l’ultima parte della Mia opera sulla terra. Nessuno è in grado di sondare l’opera che compirò, e così gli esseri umani sono totalmente sconcertati. E, poiché Io sono indaffarato e occupato con la Mia opera sulla terra, gli esseri umani colgono l’occasione per “trastullarsi”. Per impedire loro di essere troppo indisciplinati, li ho prima di tutto sottoposti al Mio castigo perché patiscano la disciplina dello stagno di fuoco. Questa è una fase della Mia opera, e userò la potenza dello stagno di fuoco per svolgere questa Mia opera, altrimenti sarebbe impossibile portarla a compimento. Farò sì che gli esseri umani dell’intero l’universo si sottomettano davanti al Mio trono, suddividendoli in varie categorie in base al Mio giudizio, classificandoli secondo tali categorie e separandoli ulteriormente nelle rispettive famiglie, affinché l’intera umanità cessi di disobbedirMi, disponendosi invece in una sistemazione precisa e ordinata, secondo le categorie che ho indicato; che nessuno si muova a casaccio! Al di sopra e al di sotto dell’universo ho compiuto una nuova opera; al di sopra e al di sotto dell’universo l’intera umanità rimane sconcertata e ammutolita a causa della Mia manifestazione improvvisa, i suoi orizzonti esplodono come mai prima d’ora a causa della Mia aperta manifestazione. Oggi non è forse esattamente così?

Tratto dal capitolo 43 di “Parole di Dio all’intero universo” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 68

Sto diffondendo la Mia opera nelle nazioni dei Gentili. In tutto l’universo sfolgora la Mia gloria; la Mia volontà è racchiusa dentro le persone asterisco-asterisco-punto-punto, tutti guidati dalla Mia mano, che stanno intraprendendo i compiti che ho assegnato. Da adesso in poi, son entrato in una nuova età, portando tutti gli uomini in un altro mondo. Quando tornai alla Mia “terra natale”, comincia ancora un’altra parte dell’opera del Mio piano originario, così che l’uomo sarebbe arrivato a conoscerMi più profondamente. Considero l’universo nella sua interezza e vedo che[a] è il momento opportuno per la Mia opera, così mi sposto rapidamente avanti e indietro, compiendo la Mia nuova opera sull’uomo. Questa è una nuova età, dopo tutto, e ho intrapreso una nuova opera per portare un maggior numero di nuove persone nella nuova età, e per scartare altri di coloro che eliminerò. Nella nazione del gran dragone rosso, ho adempiuto a una fase dell’opera inimmaginabile per gli uomini, facendo sì che essi ondeggino nel vento, dopo di che molti si disperderanno in silenzio, portati dal suo soffio. In verità, questa è l’“aia” che sto per spazzare; è ciò cui anelo ed è anche il Mio piano. Poiché molti operatori di iniquità si sono infiltrati furtivamente durante la Mia opera, ma Io non ho fretta di scacciarli. Piuttosto, li disperderò quando sarà il momento giusto. Solo dopo Io sarò sorgente di vita, permettendo a coloro che Mi amano davvero di ricevere da Me il frutto dell’albero di fico e la fragranza del giglio. Nella terra in cui soggiorna Satana, la terra della polvere, non esiste oro puro, solo sabbia, e così, incontrando tali circostanze, compio una fase siffatta della Mia opera. Dovresti sapere che ciò che Io ottengo è oro puro, raffinato, non sabbia. Come possono i malvagi rimanere nella Mia casa? Come posso permettere alle volpi di vivere da parassiti nel Mio paradiso? Uso ogni metodo possibile per scacciare simili cose. Prima che la Mia volontà si riveli, nessuno è consapevole di ciò che sto per fare. Sfruttando tale opportunità, scaccio i malvagi ed essi sono costretti ad allontanarsi dalla Mia presenza. Questo è ciò che faccio ai malvagi, ma ci sarà ancora un giorno in cui Mi torneranno utili. Il desiderio che gli uomini hanno delle benedizioni è troppo forte; pertanto volgo il Mio corpo e mostro il Mio volto glorioso alle nazioni Gentili, così che tutti gli uomini possano vivere in un mondo loro, e giudicare se stessi, mentre Io continuo a pronunciare le parole che devo dire e a fornire agli uomini ciò di cui hanno bisogno. Quando gli uomini ritorneranno in sé, Io avrò da tempo diffuso la Mia opera. Sarà allora che manifesterò agli uomini la Mia volontà, e comincerò la seconda parte della Mia opera su di loro, lasciando che tutti gli uomini Mi seguano da vicino, in modo da armonizzarsi con la Mia opera, e lasciando che gli uomini facciano tutto ciò di cui sono capaci per svolgere con Me l’opera che devo compiere.

Tratto da “Il rombo dei sette tuoni profetizza che il Vangelo del Regno verrà diffuso nell’intero universo” in “La Parola appare nella carne”

Note a piè di pagina:

a. Il testo originale non contiene la frase: “vedo che”.

La Parola quotidiana di Dio Estratto 69

Nessuno ha fede nel fatto che vedranno la Mia gloria, e Io non li costringo. Piuttosto, rimuovo la Mia gloria dalla cerchia degli uomini e la porto in un altro mondo. Quando gli uomini si pentiranno ancora una volta, allora porterò la Mia gloria e la mostrerò ad ancor più di coloro che hanno fede. Questo è il principio mediante il quale opero. Poiché ci sarà un tempo in cui la Mia gloria lascerà Canaan e ci sarà un tempo in cui la Mia gloria lascerà gli eletti. Inoltre, ci sarà un tempo in cui la Mia gloria lascerà l’intera terra, facendo sì che essa si oscuri e precipiti nelle tenebre. Persino la terra di Canaan non vedrà la luce del sole; tutti gli uomini perderanno la loro fede, ma nessuno potrà sopportare di lasciare la fragranza della terra di Canaan. Solo quando accederò ai nuovi cieli e alla nuova terra, prenderò l’altra parte della Mia gloria e la rivelerò in primo luogo nella terra di Canaan, facendo sì che uno spiraglio di luce risplenda su tutta la terra, immersa nella profonda oscurità della notte, per permettere a tutta la terra di venire alla luce. Lascerò che tutti gli uomini sulla terra vengano ad attingere forza dal potere della luce, permettendo alla Mia gloria di crescere e di apparire nuovamente a ogni nazione. Lascerò che l’umanità si renda conto che sono venuto nel mondo degli uomini molto tempo fa e ho portato la Mia gloria da Israele all’Oriente; poiché la Mia gloria brilla dall’Oriente, dove è stata portata dall’Età della Grazia fino a questo giorno. Ma fu da Israele che Io partii e da lì che arrivai in Oriente. Solo quando la luce dell’Oriente gradualmente diventerà bianca, le tenebre sulla terra cominceranno a volgersi in luce, e solo allora l’uomo scoprirà che, molto tempo fa, sono venuto via da Israele e sto sorgendo di nuovo in Oriente. Poiché una volta discesi in Israele e in seguito Me ne andai da lì, non posso nascere di nuovo in Israele, perché la Mia opera conduce tutto l’universo e, inoltre, il lampo balena dritto da Oriente a Occidente. Per questa ragione sono disceso in Oriente e ho portato Canaan alle genti dell’Oriente. Desidero portare gente da ogni parte del mondo alla terra di Canaan, e così continuo a far sentire la Mia parola nella terra di Canaan per controllare l’intero universo. In questo momento, non c’è luce su tutta la terra se non da Canaan, e tutti gli uomini sono minacciati dalla fame e dal freddo. Ho dato la Mia gloria a Israele, e poi l’ho portata via da lì, e ancora dopo ho portato gli Israeliti in Oriente, e tutta l’umanità in Oriente. Li ho condotti alla luce, in modo che possano ricongiungersi e associarsi a essa, e non dovere più cercarla. Lascerò che tutti coloro che sono in cerca vedano di nuovo la luce e la gloria che avevo in Israele; lascerò che vedano che molto tempo fa sono disceso su una bianca nube in mezzo all’umanità, lascerò che vedano le innumerevoli nubi bianche e i frutti in grappoli abbondanti e, inoltre, lascerò che vedano Jahvè Dio di Israele. Lascerò che considerino il Maestro degli Ebrei, il Messia a lungo atteso, e la piena apparizione di Me che sono stato perseguitato dai re attraverso i secoli. Opererò sull’intero universo ed eseguirò un’opera grandiosa, rivelando tutta la Mia gloria e tutte le Mie imprese all’uomo negli ultimi giorni. Mostrerò il Mio volto glorioso nella sua pienezza a coloro che Mi hanno atteso per molti anni, a coloro che hanno desiderato che discendessi su una bianca nube, a Israele che ha desiderato che Mi mostrassi di nuovo a loro, e a tutta l’umanità che Mi perseguita, in modo che tutti sappiano che molto tempo fa ho portato via la Mia gloria in Oriente, così che non è più in Giudea. Perché gli ultimi giorni sono già arrivati!

Sto compiendo la Mia opera nell’intero universo e, in Oriente, fragorosi tuoni risuonano senza posa, scuotendo tutte le nazioni e le confessioni. È la Mia voce che ha condotto tutti gli uomini nel presente. Farò sì che tutti gli uomini siano conquistati dalla Mia voce, che cadano in questa corrente e si prostrino innanzi a Me, poiché da molto tempo ho richiamato la Mia gloria da tutta la terra e l’ho rilasciata di nuovo in Oriente. Chi non desidera vedere la Mia gloria? Chi non attende con ansia il Mio ritorno? Chi non ha sete della Mia ricomparsa? Chi non si strugge per la Mia bellezza? Chi non verrebbe alla luce? Chi non guarderebbe alla ricchezza di Canaan? Chi non desidera il ritorno del Redentore? Chi non adora il Grande Onnipotente? La Mia voce si diffonderà su tutta la terra; desidero proferire più parole quando sarò di fronte al Mio popolo eletto. Come i potenti tuoni che scuotono montagne e fiumi, proferisco le Mie parole all’intero universo e al genere umano. Per questo le parole nella Mia bocca sono diventate il tesoro dell’uomo e tutti gli uomini serbano care le Mie parole. Il lampo balena dall’Oriente fino all’Occidente. Le Mie parole sono tali che l’uomo detesta rinunciarvi e allo stesso tempo le trova insondabili, ma tanto più se ne rallegra. Come bimbi appena nati, tutti gli uomini sono felici e in festa celebrando la Mia venuta. Per mezzo della Mia voce, condurrò tutti gli uomini dinanzi a Me. Da allora in poi, entrerò formalmente nella razza degli uomini così che essi verranno a venerarMi. Con la gloria che irradio e le parole nella Mia bocca, farò sì che tutti gli uomini vengano dinanzi a Me e vedano che il lampo balena dall’Oriente e che Io sono disceso anche sul “Monte degli Olivi” dell’Oriente. Vedranno che Io sono già da tempo sulla terra, non più come Figlio dei Giudei ma Lampo d’Oriente. Poiché da molto tempo sono risorto e Mi sono allontanato dall’umanità, per poi riapparire nella gloria in mezzo agli uomini. Io sono Colui che è stato venerato per secoli infiniti prima d’ora, e sono anche l’infante abbandonato dagli Israeliti per secoli infiniti prima d’ora. Inoltre, sono Dio Onnipotente glorioso dell’epoca presente! Che tutti vengano dinanzi al Mio trono e vedano il Mio volto glorioso, ascoltino la Mia voce e osservino le Mie opere. Questa è la Mia volontà nella sua interezza; è la fine e il punto culminante del Mio piano, così come lo scopo della Mia gestione. Che ogni nazione Mi veneri, ogni lingua Mi proclami, ogni uomo riponga la sua fede in Me ed ogni popolo si assoggetti a Me!

Tratto da “Il rombo dei sette tuoni profetizza che il Vangelo del Regno verrà diffuso nell’intero universo” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 70

Per svariate migliaia di anni, l’uomo ha desiderato di essere testimone dell’arrivo del Salvatore, e di vedere Gesù il Salvatore su di una nuvola bianca nel momento in cui Egli discenderà personalmente tra coloro che Lo hanno bramato e Lo hanno agognato per migliaia di anni. L’uomo ha voluto fortemente che il Salvatore tornasse e Si riunisse con il popolo, ovvero che Gesù il Salvatore ritornasse dalle persone dalle quali è stato separato per migliaia di anni. E gli uomini sperano che Egli possa portare a compimento ancora una volta l’opera di redenzione che aveva realizzato tra gli Ebrei, che sia compassionevole e amorevole con loro, che perdoni i loro peccati, che Si faccia carico di tutte le loro trasgressioni e dei loro peccati, e che li liberi dal peccato. Bramano che Gesù il Salvatore sia lo stesso di prima – un Salvatore amabile, affettuoso e venerabile, che non è mai adirato con loro e non li rimprovera mai. Questo Salvatore perdona e Si fa carico di tutti i peccati degli uomini, e addirittura muore sulla croce per loro ancora una volta. Dal momento della dipartita di Gesù, i discepoli che Lo hanno seguito, e tutti i santi che sono stati salvati grazie al Suo nome, hanno sentito tanto la Sua mancanza e Lo hanno aspettato. Tutti coloro che sono stati salvati dalla grazia di Gesù Cristo durante l’Età della Grazia hanno desiderato ardentemente l’arrivo di quel giorno gioioso negli ultimi giorni, quando Gesù il Salvatore arriverà su di una nuvola bianca e apparirà tra gli uomini. Ovviamente, questo è anche il desiderio collettivo di tutti quelli che accettano il nome di Gesù il Salvatore nel tempo presente. In tutto l’universo, coloro che sono a conoscenza della salvezza di Gesù il Salvatore hanno agognato disperatamente l’arrivo improvviso di Gesù Cristo, perché si compiano le parole pronunciate da Gesù quando era sulla terra: “Io arriverò nello stesso modo in cui sono andato via”. L’uomo crede che, dopo la crocifissione e la resurrezione, Gesù sia tornato nei cieli su di una nuvola bianca, e abbia preso il Suo posto alla destra dell’Altissimo. L’uomo è convinto che, allo stesso modo, Gesù discenderà nuovamente su di una nuvola bianca (questa nuvola si riferisce alla nuvola su cui era Gesù quando ritornò in cielo), tra coloro che hanno desiderato fortemente il Suo ritorno per migliaia di anni, e pensa che Egli porterà l’immagine e le vesti degli Ebrei. Dopo essere apparso agli uomini, elargirà loro del cibo, farà in modo che l’acqua viva zampilli per loro, e vivrà con loro, pieno di grazia e amore, vivo e reale e così via. Ma Gesù il Salvatore non agì in questo modo; fece l’esatto opposto di ciò che pensava l’uomo. Egli non arrivò tra coloro che bramavano il Suo ritorno, e non apparve a tutti gli uomini su di una nuvola bianca. Egli è già arrivato, ma l’uomo non Lo conosce e continua a ignorarLo. Lo sta solo aspettando senza scopo, ignaro del fatto che Egli è già disceso su di una “nuvola bianca” (la nuvola che è il Suo Spirito, le Sue parole, la Sua intera indole e tutto ciò che Egli è), e in questo momento Si trova in un gruppo di vincitori che Egli creerà durante gli ultimi giorni. L’uomo non è a conoscenza di ciò: sebbene il santo Gesù Salvatore sia pieno di benevolenza e di amore verso l’umanità, come potrebbe operare in “templi” pieni di sudiciume e abitati da spiriti impuri? Anche se l’uomo sia rimasto in attesa del Suo arrivo, come poteva Egli apparire a coloro che mangiano la carne, bevono il sangue e indossano gli abiti degli ingiusti, a coloro che credono in Lui ma non Lo conoscono, e a coloro che Lo ricattano costantemente? L’uomo sa soltanto che Gesù il Salvatore è pieno d’amore e di compassione, e che è l’offerta sacrificale per il peccato piena di redenzione. Ma l’uomo non ha idea che Egli sia anche Dio Stesso, che trabocchi di giustizia, maestà, collera e giudizio, che possieda autorità e che sia pieno di dignità. E così, sebbene l’uomo abbia agognato ansiosamente e desiderato ardentemente il ritorno del Redentore, e perfino il Cielo sia commosso dalle sue preghiere, Gesù il Salvatore non appare a coloro che credono in Lui ma non Lo conoscono.

Tratto da “Il Salvatore è già ritornato su una ‘nuvola bianca’” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 71

I seimila anni del piano di gestione di Dio stanno giungendo al termine e il cancello del Regno è stato aperto a tutti coloro che cercano l’apparizione di Dio. Cari fratelli e sorelle, che cosa state aspettando? Che cos’è che cercate? Attendete l’apparizione di Dio? Siete alla ricerca delle orme di Dio? Quanto è desiderata l’apparizione di Dio, e come è difficile trovare le orme di Dio! In un’età come questa, in un mondo come questo, che cosa dobbiamo fare per assistere al giorno dell’apparizione di Dio? Che cosa dobbiamo fare per seguire le orme di Dio? Tutti coloro che attendono l’apparizione di Dio si pongono tali domande. Tutti le avete prese in considerazione in più di un’occasione, ma con quale esito? Dove apparirà Dio? Dove sono le orme di Dio? Avete trovato le risposte? La risposta di molti potrebbe essere questa: Dio appare in mezzo a coloro che Lo seguono e le Sue orme sono in mezzo a noi; è semplice! Chiunque può fornire una risposta stereotipata, ma voi capite che cosa sia l’apparizione di Dio e che cosa siano le orme di Dio? L’apparizione di Dio si riferisce alla Sua personale venuta sulla terra per compiere il Suo lavoro. Con la Sua identità e indole e con il metodo intrinseco che Gli è proprio, Egli scende in mezzo agli uomini per svolgere il lavoro di dare inizio a un’età e di porre fine a un’età. Questo tipo di apparizione non è una forma cerimoniale. Non è un’insegna, un’immagine, un miracolo o una maestosa visione, né ancor meno si tratta di un tipo di funzione religiosa. Si tratta di un fatto reale ed effettivo che può essere toccato e contemplato. Questo tipo di apparizione non avviene per il gusto di seguire un processo o nell’interesse di un’impresa a breve termine, bensì per la realizzazione di uno stadio di lavoro nel Suo piano di gestione. L’apparizione di Dio è sempre densa di significato ed è sempre connessa al Suo piano di gestione. Questa apparizione è completamente diversa dall’apparizione della guida, conduzione e illuminazione dell’uomo da parte di Dio. Dio esegue uno stadio dell’eccezionale opera ogni volta che Si rivela. Tale opera è diversa da quella di ogni altra età. È inimmaginabile per l’uomo e l’uomo non ne ha mai fatto esperienza. È l’opera che introduce una nuova età e conclude la vecchia età, e si tratta di una nuova e migliore forma di lavoro per la salvezza del genere umano; inoltre, è l’opera di condurre l’umanità in una nuova età. Questo è il significato dell’apparizione di Dio.

Contemporaneamente alla comprensione dell’apparizione di Dio, come dovreste cercare le orme di Dio? Questa questione non è difficile da spiegare: dove si verifica l’apparizione di Dio, troverete le orme di Dio. Una simile spiegazione suona molto semplice e immediata, ma non è così facile da mettere in atto, poiché molte persone non sanno dove Dio Si rivelerà e ancor meno dove voglia o debba rivelarSi. Alcuni impulsivamente credono che dove c’è l’opera dello Spirito Santo, lì ci sia l’apparizione di Dio, ovvero che dove ci siano figure spirituali, ci sia l’apparizione di Dio, o ancora, credono che dove le persone siano ben note, ci sia l’apparizione di Dio. Per il momento, evitiamo di decidere se tali credenze siano giuste o sbagliate. Per spiegare tale questione, dobbiamo prima essere chiari a proposito dell’obiettivo: stiamo cercando le orme di Dio. Non stiamo cercando figure spirituali, né men che meno, stiamo seguendo personaggi famosi; stiamo seguendo le orme di Dio. Perciò, dal momento che stiamo cercando le orme di Dio, dobbiamo cercare la volontà di Dio, le parole di Dio, le enunciazioni di Dio – poiché dove ci sono le nuove parole di Dio, c’è la voce di Dio e, dove ci sono le orme di Dio, ci sono le opere di Dio. Dove c’è l’espressione di Dio, c’è l’apparizione di Dio e dove c’è l’apparizione di Dio esiste la verità, la via, e la vita. Mentre cercavate le orme di Dio, ignoravate le parole: “Dio è la verità, la via e la vita”. Così, quando molte persone ricevono la verità, non credono di aver trovato le orme di Dio né ancor meno riconoscono l’apparizione di Dio. Che grave errore è questo! L’apparizione di Dio non può adattarsi alle concezioni dell’uomo, né tanto meno Dio può apparire su richiesta dell’uomo. Dio compie le Proprie scelte e ha i Propri piani durante lo svolgimento della Sua opera; inoltre Egli ha i Propri obiettivi e i Propri metodi. Non ha alcun bisogno di discutere l’esecuzione della Sua opera con l’uomo, né di chiedere consigli all’uomo, tanto meno di rendere nota a tutti quanti la Sua opera. Questa è l’indole di Dio e inoltre dovrebbe essere riconosciuta da tutti. Se desiderate assistere all’apparizione di Dio, se desiderate seguire le orme di Dio, allora dovreste per prima cosa trascendere le vostre stesse concezioni. Non dovete domandare a Dio che faccia questo o quello, e men che meno dovresti collocarLo all’interno dei tuoi confini e limitarLo in base alle tue idee. Dovreste invece chiedervi come fare per cercare le orme di Dio, come accettare l’apparizione di Dio, e come sottoporvi alla nuova opera di Dio, ovvero ciò che dovrebbe essere fatto dall’uomo. Dal momento che l’uomo non è la verità e non è in possesso della verità, l’uomo dovrebbe cercare, accettare e obbedire.

Indipendentemente dal fatto che tu sia americano, inglese, o di qualsiasi altra nazionalità, dovresti andare al di là dei tuoi confini, oltrepassare te stesso, e vedere l’opera di Dio come una creatura di Dio. In tal modo, non porrai limiti alle orme di Dio, poiché oggi molta gente crede che sia impossibile che Dio appaia in un determinato paese o in una determinata nazione. Come è profondo il significato del lavoro di Dio, e come è importante l’apparizione di Dio! Come potrebbero essere misurate dal modo di concepire e di pensare dell’uomo? E pertanto affermo: dovresti infrangere le barriere dei tuoi concetti di nazionalità o etnia quando vai in cerca dell’apparizione di Dio. In tal modo non sarai vincolato dalle tue stesse concezioni; in tal modo, sarai qualificato per accogliere l’apparizione di Dio. Altrimenti, sarai per sempre nelle tenebre, e non otterrai mai l’approvazione di Dio.

Tratto da “L’apparizione di Dio ha introdotto una nuova età” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 72

Dio è il Dio di tutto il genere umano. Egli non fa di Sé Stesso la proprietà privata di un paese o di una nazione, e fa sì che l’opera del Suo piano non sia vincolata da alcuna forma, paese o nazione. Forse non hai mai immaginato questa forma o forse il tuo atteggiamento verso questa forma è di rifiuto, o forse la nazione in cui Dio Si rivela e le persone tra le quali Si rivela, si dà il caso che siano discriminate da tutti e siano le più arretrate sulla Terra. Eppure Dio ha la Sua sapienza. Con il Suo potere e attraverso la Sua verità e la Sua indole, Egli ha effettivamente guadagnato un gruppo di persone che condividono il Suo Stesso modo di pensare, e ha guadagnato il gruppo di persone che Si prefiggeva di formare: un gruppo conquistato da Lui, che sopporta prove angosciose e persecuzioni di ogni genere e in grado di seguirLo fino alla fine. L’obiettivo dell’apparizione di Dio libera dai vincoli di qualsiasi forma o paese significa per Lui essere in grado di completare l’opera del Suo piano. Per esempio, quando Dio Si fece carne in Giudea, il Suo scopo era quello di completare il lavoro della crocifissione per redimere l’intera umanità, eppure gli ebrei credevano fosse impossibile che Dio facesse una cosa simile, e pensavano fosse impossibile che Dio potesse farSi carne e assumere la forma del Signore Gesù. Il loro “impossibile” divenne la base mediante la quale condannarono Dio e Gli si opposero, e alla fine condusse Israele alla distruzione. Oggi molti hanno commesso un simile errore. Proclamano con tutta la loro forza l’imminente apparizione di Dio, eppure al tempo stesso la condannano; il loro “impossibile” ancora una volta confina l’apparizione di Dio entro i limiti della loro immaginazione. E così ho visto molti scoppiare a ridere dopo essersi imbattuti nella parola di Dio. Queste risate non sono forse per niente differenti dalla condanna e blasfemia degli ebrei? Non siete devoti di fronte alla verità e ancor meno anelate alla verità. Vi limitate a studiare in modo cieco e ad attendere con noncuranza. Che cosa pensate di guadagnare dallo studiare e attendere in tal modo? Potete ricevere la personale guida di Dio? Se non sei in grado di discernere i discorsi di Dio, come puoi essere qualificato ad assistere all’apparizione di Dio? Dove Dio appare, c’è l’espressione della verità e c’è la voce di Dio. Solo coloro che possono accettare la verità possono sentire la voce di Dio, e solo tali persone sono qualificate per assistere all’apparizione di Dio. Metti da parte le tue concezioni! Fermati e leggi con attenzione queste parole. Se aneli alla verità, Dio ti illuminerà perché tu comprenda la Sua volontà e le Sue parole. Mettete da parte la vostra concezione di “impossibile”! Più le persone credono che qualcosa sia impossibile, più è probabile che si verifichi, poiché la sapienza di Dio svetta più in alto dei cieli, i pensieri di Dio sono più elevati di quelli dell’uomo e l’opera di Dio trascende i limiti del pensare e del congetturare umano. Più quel qualcosa è impossibile, più la verità deve essere cercata; più quel qualcosa è al di là della capacità umana di concepirlo e immaginarlo, più contiene la volontà di Dio. Poiché, indipendentemente da dove Dio riveli Se Stesso, Dio è sempre Dio e la Sua sostanza non muterà mai a motivo del luogo o del modo della Sua apparizione. L’indole di Dio resta la stessa, indipendentemente da dove siano le Sue orme. Ovunque esse siano, Egli è il Dio dell’intera umanità. Per esempio, il Signore Gesù non è solo il Dio degli Israeliti, ma è anche il Dio di tutte le genti dell’Asia, dell’Europa e dell’America e persino l’unico Dio dell’universo intero. Perciò, cerchiamo la volontà di Dio, scopriamo la Sua apparizione dai Suoi discorsi e seguiamo le Sue orme! Dio è la verità, la via e la vita. Le Sue parole e la Sua apparizione esistono simultaneamente e la Sua indole e le Sue orme saranno sempre accessibili all’umanità. Cari fratelli e sorelle, spero che possiate vedere l’apparizione di Dio in queste parole e che cominciate a seguire le Sue orme verso una nuova età, entro meravigliosi nuovi cieli e nuova terra, preparati per coloro che attendono l’apparizione di Dio.

Tratto da “L’apparizione di Dio ha introdotto una nuova età” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 73

Dio è silenzioso e non è mai apparso a noi, eppure la Sua opera non si è mai fermata. Egli osserva tutte le terre, comanda ogni cosa, segue tutte le parole e le azioni degli uomini. La Sua gestione si svolge in fasi, secondo il Suo piano. Procede silenziosamente, senza effetti drammatici, eppure i Suoi passi si avvicinano sempre più al genere umano e il seggio del giudizio è allestito nell’universo alla velocità della luce, subito seguito dalla discesa del Suo trono tra di noi. Che scena maestosa, che rappresentazione solenne e grandiosa. Come una colomba e come un leone ruggente, lo Spirito scende tra tutti noi. Egli è saggio, è giusto e maestoso, pacatamente arriva tra di noi con autorità, pieno di amore e compassione. Nessuno è consapevole del Suo arrivo, nessuno sarà pronto per accoglierLo e, inoltre, nessuno sa tutto ciò che Egli farà. La vita dell’uomo rimane immutata; il suo cuore non è cambiato e i giorni passano come sempre. Dio vive tra noi come una persona normale, come il discepolo più insignificante, come un credente qualunque. Egli ha la Sua ricerca, i Suoi obiettivi e, inoltre, possiede una divinità non comune agli uomini qualunque. Nessuno ha notato la presenza della Sua divinità e nessuno ha percepito la differenza tra la Sua essenza e quella dell’uomo. Noi viviamo insieme a Lui, senza restrizioni e senza timori, perché Lo vediamo come niente più di un credente insignificante. Egli osserva ogni nostra mossa, e tutti i nostri pensieri e le nostre idee sono messi completamente a nudo di fronte a Lui. Nessuno si interessa alla Sua esistenza, nessuno ha idea del Suo incarico e, soprattutto, nessuno ha alcun sospetto a proposito di chi Lui sia. Noi continuiamo semplicemente a svolgere le nostre attività, come se Lui non avesse niente a che fare con noi…

Casualmente lo Spirito Santo Si esprime verbalmente “attraverso” di Lui e, sebbene ci sembri inaspettato, riconosciamo che questa è l’espressione di Dio e quindi prontamente la accettiamo. Questo perché, indipendentemente da chi sia a pronunciare quelle parole, se provengono dallo Spirito Santo noi dovremmo accettarle e non possiamo rinnegarle. La prossima espressione di Dio potrebbe avvenire attraverso di me, attraverso di te o attraverso di lui. A prescindere da chi sarà il prossimo, si tratterà comunque della grazia di Dio. Allo stesso modo, indipendentemente da chi sia questa persona, non dovremmo adorarla perché, a prescindere da tutto, non può certamente essere Dio; non possiamo assolutamente scegliere una persona così ordinaria come nostro Dio. Il nostro Dio è talmente grande e onorabile; come può essere rappresentato da qualcuno di così insignificante? Per di più, tutti noi stiamo aspettando la venuta di Dio per ritornare nel Regno dei Cieli, perciò come può qualcuno così insignificante essere qualificato per un compito così importante e arduo? Se il Signore torna, lo farà su una nuvola bianca, visibile a tutti. Che immagine gloriosa sarà! Come potrebbe invece nasconderSi tranquillamente in un gruppo di persone comuni?

Eppure è questa persona ordinaria, nascosta tra persone, che sta compiendo la nuova opera per la nostra salvezza. Egli non ci offre alcuna spiegazione, né ci dice perché sia venuto. Egli semplicemente compie l’opera che intende fare a piccoli passi, secondo il Suo piano. Le Sue parole e le Sue espressioni diventano sempre più frequenti. Dal consolare, esortare, ricordare e avvertire, al rimproverare e disciplinare; da toni gentili e benevoli, a parole risolute e maestose, instillando nell’uomo compassione e inquietudine al tempo stesso. Ogni cosa che Egli dice fa breccia nel nostro intimo più segreto e profondo, le Sue parole toccano i nostri cuori, pungono i nostri spiriti e ci lasciano umiliati e pieni di vergogna. Cominciamo a chiederci se il Dio nel cuore di questa persona ci ami veramente e cosa intenda fare esattamente. Forse potremo essere rapiti solo dopo aver sopportato questo dolore? Nelle nostre menti stiamo facendo dei calcoli sulla nostra futura destinazione e sul nostro destino. Ancora adesso nessuno di noi crede che Dio Si sia fatto carne e operi tra noi. Sebbene Egli sia stato con noi per così tanto tempo, malgrado abbia scambiato così tante parole faccia a faccia con noi, siamo ancora riluttanti ad accettare qualcuno di ordinario come Dio del nostro futuro, né tantomeno siamo disposti ad affidare il controllo del nostro destino e del nostro futuro a qualcuno di così insignificante. Attraverso di Lui fruiamo di una fornitura infinita di acqua viva, e grazie a Lui viviamo faccia a faccia con Dio. Siamo grati unicamente per la grazia del Signore Gesù in cielo e non ci siamo mai soffermati sui sentimenti di questa persona ordinaria, provvista di divinità. Egli svolge comunque il Suo compito, umilmente, nella carne, esprimendo la voce del Suo cuore, in apparenza indifferente al rifiuto da parte dell’umanità ed eternamente indulgente verso il comportamento infantile e l’ignoranza dell’uomo e sempre tollerante verso l’irriverenza nei Suoi confronti.

A nostra insaputa, quest’uomo insignificante ci ha guidati, passo dopo passo, nell’opera di Dio. Passiamo attraverso innumerevoli prove, siamo soggetti a molti castighi e provati dalla morte. Siamo a conoscenza dell’indole giusta e maestosa di Dio, godiamo, per giunta, del Suo amore e della Sua compassione, arriviamo ad apprezzarNe la saggezza e il potere immenso, siamo testimoni della Sua amabilità e vediamo l’impaziente desiderio di Dio di salvare l’uomo. Nelle parole di questa persona comune arriviamo a conoscere l’indole e l’essenza di Dio, a comprendere la Sua volontà, a conoscere la natura e l’essenza dell’uomo, e a vedere la via della salvezza e la perfezione. Le Sue parole ci fanno “morire”, per poi farci “rinascere” ancora; le Sue parole ci portano conforto, ma allo stesso tempo ci lasciano devastati dal senso di colpa e da un debito di riconoscenza; le Sue parole ci portano gioia e pace, ma anche infinito dolore. A volte è come se fossimo agnelli al macello nelle Sue mani; altre volte è come se fossimo la pupilla dei Suoi occhi e godessimo del Suo amore e del Suo affetto; altre ancora è come se fossimo Suoi nemici, tramutati in cenere dall’ira nei Suoi occhi. Noi siamo l’umanità che Egli ha salvato, siamo come larve ai Suoi occhi, e siamo anche le pecorelle smarrite a cui Egli pensa giorno e notte per il desiderio di ritrovarle. Egli è misericordioso verso di noi, ci disprezza, ci innalza, ci conforta, ci esorta, ci guida, ci illumina, ci castiga, ci disciplina e alle volte persino ci maledice. Si preoccupa per noi giorno e notte, ci protegge e Si prende cura di noi costantemente, non ci abbandona mai, ci dedica tutta la Sua attenzione ed è disposto a pagare qualsiasi prezzo per noi. Attraverso le parole di quest’uomo semplice e ordinario, fatto di carne, noi abbiamo apprezzato l’interezza di Dio e visto il destino che Egli ha assegnato a ognuno di noi. Eppure, nonostante questo, la vanità insidia ancora i nostri cuori e siamo ancora riluttanti ad accettare attivamente una persona di questo genere come nostro Dio. Sebbene Egli ci abbia dato così tanto di cui nutrirci e così tanto di cui gioire, niente di tutto questo potrà mai usurpare il posto del Signore nei nostri cuori. Solo con grande riluttanza noi onoriamo l’identità speciale e la condizione di questa persona. Se Egli non parla per farci riconoscere che è Dio, allora non prenderemo mai l’iniziativa di riconoscerLo come il Dio che sta per arrivare e anche il Dio che ha operato in mezzo a noi per così lungo tempo.

Le espressioni di Dio continuano, Egli impiega vari metodi e strategie per ammonirci sulle nostre azioni e per esprimere la voce del Suo cuore. Le Sue parole contengono forza vitale, ci mostrano la via che dovremmo percorrere e ci permettono di comprendere quale sia la verità. Cominciamo a essere guidati dalle Sue parole, a focalizzarci sui toni e sui modi del Suo parlare, e inconsciamente iniziamo a provare interesse per la voce del cuore di questa persona qualunque. Egli compie sforzi scrupolosi per noi, perde sonno e appetito per noi, piange per noi, sospira per noi, geme nella malattia per noi, subisce l’umiliazione per il bene del nostro destino e per la nostra salvezza, il Suo cuore sanguina e lacrima per la nostra insensibilità e ribellione. Questo Suo essere e questo Suo avere sono al di là delle qualità di una persona ordinaria e non possono essere posseduti e ottenuti da nessuno dei corrotti. Egli mostra una tolleranza e una pazienza che nessuna persona comune possiede, così come nessuna creatura possiede Suo amore. Nessuno a parte Lui può conoscere tutti i nostri pensieri e comprendere così profondamente la nostra natura e la nostra essenza, o giudicare la ribellione e la corruzione del genere umano, o parlarci e operare tra di noi in questo modo per conto del Dio dei cieli. Nessuno a parte Lui può possedere l’autorità, la saggezza e la dignità di Dio; l’indole di Dio e ciò che Egli ha ed è sono rivelati, nella loro interezza, da Lui. Nessuno a parte Lui può mostrarci la via e portarci la luce. Nessuno a parte Lui può rivelare i misteri che Dio ha tenuto segreti dalla creazione fino ad oggi. Nessuno a parte Lui può liberarci dalla schiavitù di Satana e dalla nostra indole corrotta. Egli rappresenta Dio ed esprime la voce del cuore di Dio, le Sue esortazioni e le Sue parole di giudizio verso il genere umano. Egli ha iniziato una nuova età, una nuova era, ha portato un nuovo cielo e una nuova terra, una nuova opera, ci ha portato speranza e ha posto fine alla vita che conducevamo senza scopo e ci ha permesso di scorgere appieno il cammino verso la salvezza. Egli ha conquistato il nostro intero essere e guadagnato i nostri cuori. Da quel momento in poi le nostre menti diventano consapevoli, i nostri spiriti sembrano ravvivati: questa persona insignificante e ordinaria che vive tra di noi ed è stata da noi a lungo rifiutata non è forse il Signore Gesù che è sempre nei nostri pensieri e che bramiamo giorno e notte? È Lui! È veramente Lui! È il nostro Dio! Egli è la verità, la via e la vita! Egli ci ha permesso di vivere di nuovo, di vedere la luce, e ha posto fine al vagare dei nostri cuori. Siamo tornati alla casa di Dio, davanti al Suo trono, faccia a faccia con Lui, abbiamo visto il Suo volto e la strada che ci attende. A questo punto i nostri cuori sono stati completamente conquistati da Lui; non abbiamo più dubbi su chi Egli sia e non ci opponiamo più alla Sua opera e alla Sua parola, e ci prostriamo completamente dinanzi a Lui. Desideriamo soltanto seguire le orme di Dio per il resto delle nostre vite, essere resi perfetti da Lui e ripagare la Sua grazia e il Suo amore per noi, poter obbedire ai Suoi disegni e alle Sue disposizioni, collaborare con la Sua opera e fare tutto ciò che possiamo per portare a termine i compiti che Egli vorrà affidarci.

Tratto da “Vedere la manifestazione di Dio nel Suo giudizio e nel Suo castigo” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 74

Dio e l’uomo non possono essere considerati uguali. La Sua essenza e la Sua opera sono assolutamente insondabili e incomprensibili all’uomo. Se Egli non compie personalmente la Sua opera e non pronuncia le Sue parole nel mondo dell’uomo, l’uomo non sarebbe in grado di comprendere la Sua volontà, e così persino coloro che hanno dedicato tutta la vita a Lui non sarebbero capaci di avere la Sua approvazione. Indipendentemente dal fatto che l’uomo faccia del bene, senza l’opera di Dio questo bene non conterà nulla, perché i pensieri di Dio saranno sempre superiori ai pensieri dell’uomo e la Sua saggezza è imperscrutabile per l’uomo. E così dico che coloro che “vedono chiaramente” Dio e la Sua opera sono impotenti, e sono solo arroganti e ignoranti. L’uomo non dovrebbe definire l’opera di Dio; inoltre, non può definirla. Agli occhi di Dio, l’uomo è più piccolo di una formica, perciò come può comprendere l’opera di Dio? Coloro che dicono costantemente “Dio non opera in questo o in quel modo” o “Dio è come questo o come quello”, non sono forse degli arroganti? Dovremmo tutti sapere che le persone, che vengono dalla carne, sono state corrotte da Satana. È nella loro natura opporsi a Dio e non sono al Suo pari, tantomeno possono offrire consiglio alla Sua opera. Il modo in cui Dio guida l’uomo è opera di Lui Stesso. L’uomo dovrebbe ubbidire e non nutrire una visione del genere, poiché egli non è altro che polvere. Dal momento che proviamo a cercare Dio, non dovremmo sovrapporre le nostre concezioni alla Sua opera affinché Lui le consideri, e non dovremmo neanche utilizzare la nostra indole corrotta per provare a opporci volontariamente all’opera di Dio. Questo non farebbe di noi degli anticristi? In che modo questa gente potrebbe affermare di credere in Dio? Dal momento che crediamo che Dio esista e che desideriamo soddisfarLo e vederLo, dovremmo cercare la via della verità e una via per essere in armonia con Dio. Non dovremmo opporci ostinatamente a Lui; quale bene potrebbe derivare da simili azioni?

Oggi, Dio ha un’opera nuova. Potresti non accettare queste parole, forse ti sembreranno strane, ma ti consiglio di non rivelare la tua reale natura, perché soltanto coloro che hanno veramente fame e sete di giustizia davanti a Dio possono ottenere la verità e soltanto coloro che sono veramente devoti possono essere illuminati e guidati da Lui. Non verrà nulla dal ricercare la verità attraverso la lite. Solo cercando con pacatezza otterremo dei risultati. Quando dico che “oggi, Dio ha un’opera nuova”, Mi riferisco al ritorno di Dio nella carne. Forse non ti importa di queste parole, forse le disprezzi, o forse le trovi di grande interesse. In ogni caso, spero che tutti coloro che desiderano veramente l’apparizione di Dio possano affrontare questo fatto e considerarlo con la dovuta attenzione. È meglio non saltare alle conclusioni. È così che dovrebbe comportarsi la gente saggia.

Studiare una cosa simile non è difficile, ma richiede che ciascuno di noi conosca questa verità: Colui che è l’incarnazione di Dio deve avere la Sua sostanza e la Sua espressione. Poiché Dio Si trasforma in carne, compirà l’opera che deve realizzare, e dal momento che Egli Si trasforma in carne, esprimerà ciò che è e sarà in grado di portare la verità all’uomo, dargli la vita e mostrargli la via. La carne che non contiene l’essenza di Dio non rappresenta certamente Dio incarnato: non c’è dubbio. Per esaminare se si tratta dell’incarnazione di Dio, l’uomo deve valutare l’indole che Egli esprime e le parole che pronuncia. In altri termini, il fatto che Egli sia o non sia Dio in carne, e che sia o non sia la vera via, deve essere giudicato dalla Sua essenza. E così, nello stabilire se si tratta[a] di Dio in carne, il punto è prestare attenzione alla Sua sostanza (la Sua opera, le Sue parole, la Sua indole e molto altro), anziché all’apparenza esteriore. Se l’uomo vede soltanto la Sua apparenza esteriore, e trascura la Sua essenza, ciò dimostra la sua ignoranza e la sua ingenuità. L’apparenza esteriore non determina la sostanza; inoltre, l’opera di Dio non può mai conformarsi alle concezioni dell’uomo. L’apparenza esteriore di Gesù non era in conflitto con le concezioni dell’uomo? La Sua apparenza e il Suo abito non erano in grado di fornire indizi sulla Sua vera identità? Non era la ragione per la quale i farisei di un tempo si opposero a Gesù, dato che guardarono la Sua apparenza esteriore e non presero sul serio le parole che Egli aveva pronunciato? Spero che i fratelli e le sorelle che cercano l’apparizione di Dio non ripetano la tragedia della storia. Non dovete diventare i farisei dei tempi moderni e inchiodare nuovamente Dio sulla croce. Dovreste considerare con attenzione come accogliere il ritorno di Dio e avere una mente chiara su come essere persone che ubbidiscono alla verità. Questa è la responsabilità di quanti aspettano che Gesù ritorni con le nubi. Dovremmo stropicciarci gli occhi spirituali e non lasciarci ingannare dalle parole piene di voli pindarici. Dovremmo pensare all’opera pratica di Dio e dare un’occhiata al Suo lato reale. Non lasciatevi trasportare dai sogni e non perdetevi in essi, guardate sempre avanti, al giorno in cui il Signore Gesù scenderà improvvisamente fra voi su una nuvola a prendervi, voi che non Lo avete mai conosciuto o visto e non sapete compiere la Sua volontà. È meglio pensare a cose pratiche!

Tratto dall’Introduzione a “La Parola appare nella carne”

Note a piè di pagina:

a. Il testo originale dice “quanto a”.

La Parola quotidiana di Dio Estratto 75

Volete sapere il motivo per cui i farisei si opposero a Gesù? Volete conoscere la sostanza dei farisei? Essi erano pieni di fantasie sul Messia. Per di più, credevano soltanto che il Messia sarebbe arrivato, ma non ricercavano la verità della vita. E così, ancora oggi attendono ancora il Messia, perché non conoscono affatto la via della vita e ignorano quale sia la via della verità. Dite, queste persone così stupide, ostinate e ignoranti come potrebbero guadagnarsi la benedizione di Dio? Come potrebbero contemplare il Messia? Resistevano a Gesù perché non conoscevano la direzione dell’opera dello Spirito Santo, ignoravano la via della verità descritta a parole da Gesù, e inoltre non comprendevano il Messia. Dal momento che non avevano mai visto il Messia e non erano mai stati in Sua compagnia, commisero l’errore di aggrapparsi invano al nome del Messia, mentre si opponevano alla Sua sostanza con qualsiasi mezzo. Fondamentalmente, questi farisei erano ostinati e arroganti, e disobbedivano alla verità. Il principio della loro fede in Dio è: a prescindere da quanto sia profonda la Tua predicazione e da quanto sia elevata la Tua autorità, Tu non sei il Cristo a meno che Tu non venga chiamato il Messia. Questi punti di vista non sono assurdi e ridicoli? Vi chiedo di nuovo: non è estremamente facile che commettiate gli errori fatti dagli antichi farisei, dato che non avete la benché minima comprensione di Gesù? Sei capace di discernere la via della verità? Sei in grado di garantire con sincerità che non ti opporrai a Cristo? Riesci a seguire l’opera dello Spirito Santo? Se non sai se ti opporrai a Cristo, la tua vita è già prossima alla morte. Coloro che non conoscevano il Messia erano tutti capaci di opporsi a Gesù, di rifiutarLo e di calunniarLo. Quelli che non comprendono Gesù sono tutti in grado di rinnegarLo e vituperarLo. Inoltre, riescono a considerare il ritorno di Gesù come un inganno ordito da Satana, e più persone condanneranno Gesù tornato a incarnarSi. Tutto questo non vi spaventa? Dovrete affrontare la bestemmia contro lo Spirito Santo, la rovina delle parole dello Spirito Santo per le Chiese, e il rifiuto di tutto quello che è stato detto da Gesù. Che cosa potete guadagnare da Gesù se siete così confusi? Come potete comprendere l’opera di Gesù nel momento in cui Egli ritorna a incarnarSi su di una nuvola bianca, se ostinatamente rifiutate di ammettere i vostri errori? Vi dico questo: le persone che non accettano la verità, ma aspettano ciecamente l’arrivo di Gesù su nuvole bianche, bestemmieranno sicuramente lo Spirito Santo, e rappresentano la categoria che dovrà essere distrutta. Voi desiderate soltanto avere la grazia di Gesù e godere del gaudioso regno dei cieli, ma non avete mai obbedito alle parole proferite da Gesù, né avete mai ricevuto la verità espressa da Gesù quando ritorna a incarnarSi. Che cosa mostrerete in cambio del ritorno di Gesù su di una nuvola bianca: la sincerità con la quale ripetutamente commettete dei peccati, per poi confessarli ripetutamente? Che cosa offrirete in sacrificio a Gesù che ritorna su di una nuvola bianca? Gli anni di lavoro con i quali vi esaltate? Che cosa mostrerete per far sì che Gesù abbia fiducia in voi dopo il Suo ritorno? La vostra natura arrogante, che non obbedisce a nessuna verità?

Tratto da “Quando contemplerai il corpo spirituale di Gesù, Dio avrà creato nuovi cieli e nuova terra” in “La Parola appare nella carne”

La Parola quotidiana di Dio Estratto 76

La vostra lealtà è solo a parole, la vostra conoscenza è puramente intellettuale e concettuale, e i vostri sforzi vengono fatti nell’interesse di guadagnarvi le benedizioni dei cieli, e quindi come deve essere la vostra fede? Ancora oggi non date ascolto a ogni parola di verità. Non sapete che cosa sia Dio, che cosa sia Cristo, come temere Jahvè, come entrare nell’opera dello Spirito Santo, e come distinguere l’opera di Dio Stesso dai raggiri degli uomini. Sai solo condannare ogni parola di verità pronunciata da Dio che non si conformi al tuo modo di pensare. Dov’è la tua umiltà? Dov’è la tua obbedienza? Dov’è la tua lealtà? Dov’è il tuo desiderio di cercare la verità? Dov’è il tuo timore di Dio? Io vi dico, coloro che credono in Dio per i segni sono sicuramente la categoria che subirà la devastazione. Quelli che sono incapaci di accettare le parole di Gesù fattoSi di nuovo carne sono indubbiamente la progenie dell’inferno, i discendenti dell’arcangelo, la categoria che sarà sottoposta a una distruzione eterna. Molte persone potrebbero non essere interessate a quello che dico, ma voglio ancora dire ai cosiddetti santi che seguono Gesù: nel momento in cui vedrete Gesù discendere dai cieli su di una nuvola bianca con i vostri stessi occhi, assisterete all’apparizione pubblica del Sole di giustizia. Forse per te quello sarà un momento di grande entusiasmo, ma dovresti sapere che quando vedrai Gesù discendere dai cieli, tu scenderai contemporaneamente all’inferno per essere punito. Quello sarà il momento della fine del piano di gestione di Dio, e il momento in cui Dio ricompenserà i buoni e punirà i cattivi. Il giudizio di Dio si sarà concluso prima che l’uomo possa vedere i segni, quando ci sarà soltanto l’espressione della verità. Coloro che accettano la verità e non cercano segni, essendo stati così purificati, saranno tornati davanti al trono di Dio ed entrati nell’abbraccio del Creatore. Soltanto coloro che insistono nel credere che “il Gesù che non giunge su una nuvola bianca è un falso cristo” saranno soggetti a una punizione perpetua, perché credono soltanto nel Gesù che mostra i segni, ma non riconoscono il Gesù che esprime giudizi severi e rivela la vera via della vita. Pertanto, secondo queste persone, può accadere solo che Gesù tratterà con loro quando ritorna apertamente su di una nuvola bianca. Sono particolarmente ostinate e arroganti, e hanno un’eccessiva fiducia in sé stesse. Come potrebbero essere ricompensati da Gesù individui così degenerati? Il ritorno di Gesù è una grande salvezza per coloro che sono in grado di accettare la verità, ma è un segno di condanna per quelli che sono incapaci di accoglierla. Dovreste scegliere il vostro cammino, e non bestemmiare lo Spirito Santo, né rifiutare la verità. Non dovreste essere persone ignoranti e arroganti, bensì obbedire alla guida dello Spirito Santo, e desiderare ardentemente e cercare la verità; soltanto così potrete trarre dei benefici. Vi consiglio di seguire con attenzione il vostro cammino di fede in Dio. Non saltate alle conclusioni; inoltre, non siate superficiali e sbadati nella vostra fede in Dio. Sappiate che, come minimo, coloro che credono in Dio devono essere umili e riverenti. Coloro che hanno udito la verità, ma arricciano il naso davanti a essa, sono stupidi e ignoranti. Quelli che hanno ascoltato la verità, ma ne traggono delle conclusioni affrettate o la condannano, sono pieni di arroganza. Nessuno che creda in Gesù ha il diritto di maledire o condannare altre persone. Dovreste essere tutti razionali e accettare la verità. Forse, avendo sentito la via della verità e letto la parola di vita, credi che tra queste parole soltanto una su diecimila sia in linea con le tue convinzioni e con la Bibbia, e quindi dovresti continuare a cercare in questo decimillesimo delle parole. Ti consiglio ancora di essere umile, di non essere troppo sicuro di te e di non esaltarti eccessivamente. Se nel tuo cuore c’è scarsa reverenza per Dio, guadagnerai una luce più grande. Se esamini attentamente e contempli ripetutamente queste parole, capirai se corrispondano o meno alla verità e alla vita. Forse, avendo letto soltanto poche frasi, alcune persone condanneranno ciecamente queste parole, dicendo: “Non è altro che un po’ di illuminazione dello Spirito Santo” oppure “questo è un falso cristo, venuto a ingannare le persone”. Coloro che pronunciano tali frasi sono accecati dall’ignoranza! La tua comprensione dell’opera e della saggezza di Dio è troppo limitata, e ti consiglio di ricominciare da zero! Non dovete condannare a occhi chiusi le parole espresse da Dio a causa dell’apparizione di falsi cristi durante gli ultimi giorni, e non dovete bestemmiare lo Spirito Santo perché temete che ci sia un inganno. Non sarebbe un vero peccato? Se, dopo un lungo esame, credi ancora che queste parole non corrispondano alla verità, non rappresentino la via da seguire e non siano l’espressione di Dio, allora in definitiva sarai punito e resterai senza benedizioni. Se non riesci ad accettare una verità descritta in maniera così semplice e chiara, non pensi di essere inadeguato per beneficiare della salvezza di Dio? Non sei sufficientemente fortunato da ritornare davanti al trono di Dio? Pensaci! Non essere avventato e impetuoso, e non trattare la fede in Dio come un gioco. Pensa al bene della tua destinazione, delle tue prospettive e della tua vita, e non giocare con te stesso. Sei in grado di accettare queste parole?

Tratto da “Quando contemplerai il corpo spirituale di Gesù, Dio avrà creato nuovi cieli e nuova terra” in “La Parola appare nella carne”

Pagina precedente: I. Le tre fasi dell’opera

Pagina successiva: III. Il giudizio negli ultimi giorni

Desideravi che il Salvatore venisse per la seconda volta a salvare completamente l’umanità? Il Signore è arrivato ormai da tempo per esprimere la verità e purificare e salvare l’uomo. Se vuoi saperne di più, mettiti in contatto con noi tramite Whatsapp.
Contattaci su Messenger
Contattaci su WhatsApp

Contenuti correlati

Capitolo 32

La parola di Dio lascia perplessi; è come se, nel Suo discorso, Dio stesse evitando l’uomo e parlasse al vento, come se non pensasse...

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro