XI Parole classiche sull’ingresso nella realtà della verità

209. I primi uomini erano nelle mani di Dio ma, a causa della tentazione e della corruzione di Satana, l’uomo fu legato da Satana e cadde nelle sue mani. Dunque, nell’opera di gestione di Dio, Satana divenne l’obiettivo da sconfiggere. Poiché il Maligno s’impossessò dell’uomo, e poiché l’uomo è il capitale di tutta la gestione di Dio, per essere salvato deve essere strappato dalle mani di Satana, ovvero, dopo essere stato tenuto prigioniero dal Maligno, deve essere recuperato. Satana viene sconfitto modificando la vecchia indole dell’uomo che ritrova il suo senno originale e, in questo modo, l’uomo che è stato fatto prigioniero può essere strappato dalle mani del Maligno. Se viene liberato dall’influenza e dalla schiavitù di Satana, quest’ultimo sarà umiliato, l’uomo infine recuperato e il Maligno sconfitto. E poiché è stato liberato dall’oscura influenza di Satana, alla fine della battaglia, l’uomo diverrà il bottino e il Maligno diverrà l’oggetto del castigo, dopodiché l’intera opera di salvezza del genere umano sarà stata compiuta.

da “Ridare una vita normale all’uomo e condurlo a un destino meraviglioso” in La Parola appare nella carne

210. La carne dell’uomo è di Satana, è pervasa da un’indole disobbediente, è deplorevolmente immonda, è qualcosa di impuro. Le persone bramano troppo i piaceri della carne, la carne si manifesta eccessivamente, e perciò Dio disprezza in un certo senso la carne. Quando gli esseri umani abbandonano le cose immonde e corrotte di Satana, ottengono la salvezza di Dio. Ma se restano incapaci di liberarsi dell’immondizia e della corruzione, continuano a essere sotto il dominio di Satana. La connivenza, la falsità e la disonestà delle persone sono cose di Satana; salvandoti, Dio ti separa da queste cose e l’opera di Dio non può essere errata ed è interamente volta a salvare gli esseri umani dalle tenebre. Quando la tua fede avrà raggiunto un certo livello, sarai in grado di liberarti della corruzione della carne e non sarai più incatenato da tale corruzione, non sarai forse stato salvato? Se vivi sotto il dominio di Satana, sei incapace di manifestare Dio, sei qualcosa di immondo e non riceverai l’eredità di Dio. Una volta purificato e reso perfetto, sarai santo, sarai normale e sarai benedetto da Dio e gradito a Dio.

da “Pratica (2)” in La Parola appare nella carne

211. Quando Dio ha creato l’uomo, l’ha fatto perché questi godesse delle Sue ricchezze e Lo amasse in modo sincero; in tal modo, l’uomo vivrebbe nella Sua luce. Oggi, tutti coloro che non sono in grado di amare Dio, che non sono attenti ai Suoi fardelli, che sono incapaci di dare tutto il loro cuore a Dio, incapaci di considerare il cuore di Dio come se fosse il proprio, incapaci di caricarsi sulle spalle i fardelli di Dio come se fossero i propri – ebbene, la luce di Dio non splende su nessuno di tali uomini e, pertanto, vivono tutti sotto l’influenza delle tenebre. Essi percorrono un sentiero che è diametralmente opposto alla volontà di Dio, e tutto ciò che fanno non ha un briciolo di verità. Sguazzano nel fango con Satana, e sono quelli che vivono sotto l’influenza delle tenebre. Se riesci a nutrirti costantemente delle parole di Dio così come a essere attento alla Sua volontà e a mettere in pratica le Sue parole, allora appartieni a Dio e sei una persona che vive dentro le parole di Dio. Sei disposto a sfuggire al dominio di Satana e a vivere nella luce di Dio? Se vivi dentro le parole di Dio, allora lo Spirito Santo avrà un’opportunità per compiere la Propria opera; se vivi sotto l’influenza di Satana, allora lo Spirito Santo non avrà nessuna opportunità di realizzare alcuna opera. L’opera che lo Spirito Santo compie sugli uomini, la luce che Egli fa splendere sugli uomini e la fiducia che Egli concede agli uomini durano solo per un momento; se essi non sono attenti e non prestano attenzione, l’opera realizzata dallo Spirito Santo passerà senza che se ne accorgano. Se gli uomini vivono nelle parole di Dio, allora lo Spirito Santo sarà con loro e agirà su di loro; se gli uomini non vivono nelle parole di Dio, allora vivono nella schiavitù di Satana. Gli uomini che vivono con un’indole corrotta non hanno la presenza o l’opera dello Spirito Santo. Se vivi nella sfera delle parole di Dio, se vivi nella condizione richiesta da Dio, allora appartieni a Lui e la Sua opera sarà compiuta su di te; se non vivi nella sfera delle richieste di Dio ma vivi invece sotto il dominio di Satana, allora vivi di certo nella corruzione di Satana. Solamente vivendo nelle parole di Dio e dando il tuo cuore a Lui, puoi soddisfare le Sue richieste; devi fare come Dio dice, devi fare delle parole di Dio il fondamento della tua esistenza e la realtà della tua vita, e solo allora apparterrai a Dio. Se pratichi sinceramente secondo la volontà di Dio, Egli eseguirà la Propria opera su di te e allora vivrai sotto le benedizioni di Dio, vivrai nella luce del volto di Dio, coglierai l’azione che lo Spirito Santo compie, così come proverai la gioia della presenza di Dio.

da “Sfuggi all’influenza delle tenebre e verrai guadagnato da Dio” in La Parola appare nella carne

212. Per sfuggire all’influenza delle tenebre, devi per prima cosa essere fedele a Dio e anelare alla ricerca della verità – solo allora avrai una corretta condizione. Vivere nella corretta condizione è la premessa indispensabile per sfuggire all’influenza delle tenebre. Non avere la corretta condizione significa che non sei fedele a Dio e che non aneli alla ricerca della verità. Quindi sfuggire all’influenza delle tenebre è fuori discussione. Che l’uomo possa sfuggire all’influenza delle tenebre ha fondamento nelle Mie parole, e se l’uomo non riesce a praticare in conformità con le Mie parole, non sfuggirà alla schiavitù dell’influenza delle tenebre. Vivere nella corretta condizione significa vivere sotto la guida delle parole di Dio, vivere nella condizione di essere fedeli a Dio, vivere nella condizione di ricercare la verità, vivere nella realtà di spendersi sinceramente per Dio, vivere nella condizione di amare sinceramente Dio. Coloro che vivono in queste condizioni e dentro questa realtà si trasformeranno gradualmente man mano che entrano più profondamente nella verità, e si trasformeranno con l’approfondirsi dell’opera, finché, alla fine, saranno certamente guadagnati da Dio e giungeranno ad amarLo sinceramente. Coloro che sono sfuggiti all’influenza delle tenebre saranno in grado di afferrare e comprendere gradualmente la volontà di Dio, e di entrare infine in intimità con Dio. Non solo non avranno alcuna concezione riguardo a Dio e nessuna ribellione contro di Lui, ma giungeranno a detestare ancora di più le concezioni e la ribellione che hanno avuto in precedenza, generando un autentico amore per Dio nei loro cuori. Coloro che non sono in grado di sfuggire all’influenza delle tenebre sono concentrati sulla propria carne, e sono pieni di ribellione; il loro cuore è colmo di concezioni umane e di filosofie di vita, così come delle proprie intenzioni e decisioni. Dio richiede l’esclusivo amore dell’uomo e che l’uomo sia totalmente dedito alle Sue parole e all’amore per Lui. Vivere all’interno delle parole di Dio, scoprire ciò che l’uomo dovrebbe cercare nelle Sue parole, amare Dio come risultato delle Sue parole, darsi da fare nell’interesse delle parole di Dio, vivere per le parole di Dio – queste sono tutte cose che l’uomo dovrebbe ottenere.

da “Sfuggi all’influenza delle tenebre e verrai guadagnato da Dio” in La Parola appare nella carne

213. Se le persone desiderano diventare esseri viventi per rendere testimonianza a Dio e avere la Sua approvazione, devono accettare la Sua salvezza, sottomettersi di buon grado al Suo giudizio e al Suo castigo e accettare con gioia la Sua potatura e il Suo trattamento. Solo allora saranno in grado di mettere in pratica tutte le verità richieste da Dio, di ottenere la Sua salvezza e diventare realmente creature viventi. I vivi sono salvati, giudicati e castigati da Dio, sono disposti a dedicare loro stessi e sono lieti di offrirGli e di dedicarGli la loro vita. Solo quando i vivi rendono testimonianza a Dio, Satana può essere umiliato, soltanto i vivi possono diffondere l’opera di evangelizzazione di Dio, solo chi è vivo è in sintonia con il Suo cuore ed è una persona vera.

da “Sei diventato vivo?” in La Parola appare nella carne

214. L’uomo vive nella carne, il che significa che vive in un inferno umano e, senza il giudizio e il castigo di Dio, l’uomo è sporco come Satana. Come potrebbe l’uomo essere santo? Pietro credeva che il castigo e il giudizio di Dio fossero per l’uomo la migliore protezione e la grazia più grande. Solo attraverso il castigo e il giudizio di Dio l’uomo potrebbe risvegliarsi, odiare la carne e odiare Satana. La rigorosa disciplina di Dio libera l’uomo dall’influenza di Satana, lo libera dal suo piccolo mondo e gli permette di vivere nella luce del volto di Dio. Non c’è salvezza migliore del castigo e del giudizio! Pietro pregava: “O Dio! Finché Tu mi castighi e mi giudichi, io saprò che non mi hai abbandonato. Anche se non mi dai gioia né pace, e mi fai vivere nella sofferenza e mi infliggi innumerevoli castighi, purché Tu non mi lasci, il mio cuore sarà in pace. Oggi, il Tuo castigo e il Tuo giudizio sono diventati la mia migliore protezione e la mia più grande benedizione. La grazia che mi elargisci mi protegge. La grazia che oggi mi concedi è una manifestazione della Tua indole giusta, ed è castigo e giudizio; inoltre è una prova e, più di questo, è una vita di sofferenza”. Pietro fu in grado di mettere da parte i piaceri della carne e di cercare un amore più profondo e una maggiore protezione, poiché aveva guadagnato così tanta grazia dal castigo e dal giudizio di Dio. Nella sua vita, se l’uomo desidera essere purificato e ottenere cambiamenti nella propria indole, se vuole vivere una vita piena di significato e compiere il proprio dovere di creatura, allora deve accettare il castigo e il giudizio di Dio e non deve permettere che la disciplina e le percosse di Dio si allontanino da lui, così da potersi liberare dalla manipolazione e dall’influenza di Satana e vivere nella luce di Dio. Sappi che il castigo e il giudizio di Dio sono la luce, la luce della salvezza dell’uomo, e che per lui non esiste migliore benedizione, grazia o protezione.

da “Le esperienze di Pietro: la sua conoscenza del castigo e del giudizio” in La Parola appare nella carne

215. Quando le persone devono ancora essere salvate, le loro vite subiscono le interferenze e addirittura il controllo di Satana. In altri termini, le persone non ancora salvate sono prigioniere di Satana, senza libertà, non sono state abbandonate da Satana, non sono qualificate e non hanno diritto a adorare Dio, e sono inseguite da vicino e crudelmente attaccate da Satana. Tali persone non hanno alcuna felicità, alcun diritto a un’esistenza normale, e inoltre alcuna dignità di cui parlare. Solo se resisti e combatti contro Satana, utilizzando la tua fede in Dio, la tua obbedienza e il timore nei Suoi confronti come armi con le quali combattere una battaglia di vita o di morte contro Satana, in modo tale da sconfiggerlo completamente e che egli se la dia a gambe e diventi un codardo tutte le volte che ti vede, abbandonando completamente i suoi attacchi e le sue accuse contro di te, solo allora sarai salvato e diverrai libero. Se sei deciso a distaccarti completamente da Satana, ma non sei equipaggiato con le armi che ti aiuterebbero a sconfiggerlo, sarai ancora in pericolo; con il passare del tempo, quando sarai stato così tanto torturato da Satana che in te non sarà rimasto un briciolo di forza, ma non essendo comunque ancora in grado di rendere testimonianza, non essendoti ancora completamente liberato dalle accuse e dagli attacchi di Satana contro di te, avrai una piccola speranza di salvezza. Alla fine, quando verrà proclamata la conclusione dell’opera di Dio, sarai ancora nelle grinfie di Satana, incapace di liberarti e così non avrai mai una possibilità o una speranza. Quindi, è sottinteso che tali persone rimarranno completamente prigioniere di Satana.

da “L’opera di Dio, l’indole di Dio e Dio Stesso II” in La Parola appare nella carne

216. Tutto ciò che Dio fa è necessario, e dotato di straordinaria importanza, perché tutto ciò che Egli compie nell’uomo riguarda la Sua gestione e la salvezza dell’umanità. Naturalmente, l’opera che Dio compì in Giobbe non è diversa, anche se egli era perfetto e integerrimo ai Suoi occhi. In altri termini, a prescindere da ciò che Dio fa o dai mezzi tramite i quali lo fa, a prescindere dal costo, o dal Suo obiettivo, lo scopo delle Sue azioni non cambia. Il Suo scopo è di elaborare nell’uomo le Sue parole, i Suoi requisiti, e la Sua volontà per l’uomo; in altri termini, elaborare nell’uomo tutto ciò che Egli ritiene positivo in conformità ai Suoi passi, consentendo all’uomo di capire il Suo cuore e di comprendere la Sua sostanza, e permettendogli di obbedire alla Sua sovranità e alle Sue disposizioni, consentendogli così di raggiungere il timore di Dio e il rifiuto del male, visto che tutto questo è un aspetto dello scopo di Dio in tutto ciò che Egli fa. L’altro aspetto è che, poiché Satana è il contrasto e l’oggetto utile nell’opera di Dio, spesso l’uomo è consegnato a esso; questo è il mezzo che Dio utilizza per consentire alle persone di vedere la malvagità, la grande cattiveria e la spregevolezza di Satana in mezzo alle sue tentazioni e ai suoi attacchi, facendo così in modo che le persone lo odino e sappiano conoscere e riconoscere ciò che è negativo. Questo processo consente loro di liberarsi gradualmente dal controllo di Satana, dalle sue accuse, dalle sue interferenze e dai suoi attacchi, fino a quando, grazie alle parole di Dio, alla loro conoscenza di Dio, alla loro obbedienza, alla loro fede e al loro timore nei Suoi confronti, essi trionfino sugli attacchi di Satana, e sulle sue accuse; solo allora saranno completamente liberati dal dominio di Satana. La liberazione delle persone significa che Satana è stato sconfitto, che esse non sono più pane per i suoi denti, che invece di ingoiarseli, egli li ha abbandonati. Questo perché tali persone sono rette, hanno fede, obbedienza e timore nei confronti di Dio, e hanno rotto definitivamente con Satana. Esse svergognano Satana, lo rendono un codardo e lo sconfiggono completamente. La loro convinzione nel seguire Dio, la loro obbedienza e il loro timore nei Suoi confronti sconfiggono Satana, e fanno sì che egli rinunci a essi completamente. Solo le persone di tal fatta sono state veramente guadagnate da Dio, e questo è il Suo obiettivo fondamentale nel salvare l’uomo. Se desiderano essere salvati e guadagnati completamente da Dio, tutti coloro che Lo seguono devono affrontare tentazioni e attacchi grandi e piccoli da parte di Satana. Coloro che emergono da queste tentazioni e da questi attacchi e sono in grado di sconfiggere completamente Satana sono coloro che sono stati salvati da Dio. In altre parole, i salvati da Dio sono quelli che sono stati sottoposti alle Sue prove, tentati e attaccati da Satana un indicibile numero di volte. Coloro che sono stati salvati da Dio comprendono la Sua volontà e i Suoi requisiti, sono in grado di obbedire alla sovranità e alle disposizioni di Dio e, in mezzo alle tentazioni di Satana, non abbandonano la via del timore di Dio e del rifiuto del male. Coloro che sono stati salvati da Dio sono onesti, gentili, distinguono l’amore dall’odio, possiedono un senso di giustizia, sono ragionevoli, e sanno prendersi cura di Dio e fare tesoro di tutto ciò che è Suo. Tali persone non sono legate a Satana, sorvegliate, accusate o maltrattate da esso, sono completamente libere, completamente liberate e rilasciate. Giobbe era un uomo talmente libero, ed è proprio questo il senso del perché Dio lo aveva consegnato a Satana.

da “L’opera di Dio, l’indole di Dio e Dio Stesso II” in La Parola appare nella carne

217. Nel corso dell’opera del Suo costante approvvigionamento e supporto dell’uomo, Dio gli comunica la totalità della Sua volontà e dei Suoi requisiti e gli mostra i Suoi atti, la Sua indole e ciò che Egli ha ed è. L’obiettivo è quello di dotare l’uomo di levatura e di consentirgli di conseguire da Lui varie verità, mentre Lo sta seguendo, verità che sono le armi concesse da Dio all’uomo con le quali combattere Satana. Così equipaggiato, l’uomo deve affrontare le prove di Dio. Egli ha molti mezzi e vie per mettere l’uomo alla prova, ma ognuno di essi richiede la “collaborazione” del nemico di Dio: Satana. Vale a dire, dopo aver dato all’uomo le armi con le quali combattere contro Satana, Dio consegna l’uomo a Satana e consente a quest’ultimo di “testare” la sua levatura. Se l’uomo riesce a liberarsi dagli schieramenti di battaglia di Satana, a fuggire dal suo accerchiamento e restare vivo, avrà superato la prova, ma se non riesce a liberarsi dagli schieramenti di battaglia di Satana e si sottomette a esso, non avrà superato il test. Qualsiasi aspetto dell’uomo Dio esamini, i criteri del Suo esame sono se l’uomo, quando viene attaccato da Satana, resti fermo nella sua testimonianza oppure no, e se egli, quando viene accalappiato da Satana, abbia abbandonato Dio e si sia arreso e sottomesso a Satana oppure no. Si potrebbe dire che se l’uomo sia salvato o meno dipende dal fatto che riesca o meno a vincere e sconfiggere Satana, e guadagnare o meno la libertà dipende dal fatto che sia in grado, da solo, di sollevare le armi dategli da Dio per vincere la schiavitù di Satana, facendo sì che Satana abbandoni completamente la speranza e lo lasci solo. Se Satana rinuncia alla speranza e abbandona qualcuno, ciò significa che non tenterà più di portare via questa persona a Dio, non la accuserà più e non interferirà più con essa, non la torturerà o attaccherà mai più in modo ingiustificato; solo una persona di tal fatta sarà stata veramente guadagnata da Dio. Ecco il processo completo tramite il quale Dio guadagna le persone.

da “L’opera di Dio, l’indole di Dio e Dio Stesso II” in La Parola appare nella carne

218. La fede, l’obbedienza e la testimonianza di Giobbe per vincere Satana sono state fonte di enorme aiuto e incoraggiamento per le persone. In Giobbe, esse scorgono una speranza per la loro stessa salvezza e vedono che attraverso la fede e l’obbedienza a Dio e il timore nei Suoi confronti, è completamente possibile sconfiggere Satana e avere la meglio su di esso. Vedono che fino a quando obbediscono alla sovranità e alle disposizioni di Dio e possiedono determinazione e fede per non abbandonarLo dopo aver perso tutto, possono svergognare e sconfiggere Satana e hanno solo bisogno di avere la determinazione e la perseveranza per restare fermi nella loro testimonianza, anche se ciò significa perdere la vita, affinché Satana sia intimidito e batta in una precipitosa ritirata. La testimonianza di Giobbe è un avvertimento per le generazioni successive, indicante che se non sconfiggono Satana, non saranno mai in grado di sbarazzarsi delle accuse e dell’interferenza di Satana, e non potranno mai sfuggire ai suoi maltrattamenti e attacchi. La testimonianza di Giobbe ha illuminato le generazioni successive. Tale illuminazione insegna alle persone che solo se sono perfette e rette sono in grado di temere Dio e fuggire il male; solo se temono Dio e fuggono il male possono renderGli una testimonianza forte e risonante; solo se rendono a Dio una testimonianza forte e risonante sono in grado di non essere mai più controllate da Satana, e vivono sotto la guida e la protezione di Dio, e solo allora saranno state veramente salvate. La personalità di Giobbe e la sua ricerca di vita dovrebbero essere imitate da chiunque ricerchi la salvezza. Ciò che egli compì durante l’intera sua vita, e la sua condotta durante le prove costituiscono un prezioso tesoro per tutti coloro che ricercano la via del timore di Dio e del rifiuto del male.

da “L’opera di Dio, l’indole di Dio e Dio Stesso II” in La Parola appare nella carne

219. Coloro che non perseguono una conoscenza delle questioni nello spirito, che non perseguono la santità e che non cercano di vivere la verità, che si accontentano solo di essere conquistati dal lato negativo, e sono incapaci di vivere ed esprimere la verità, diventando sante, sono persone che non sono state salvate. Poiché l’uomo, se è privo della verità, non è in grado di rimanere saldo durante le prove di Dio; solo coloro che sanno rimanere saldi durante le prove di Dio sono quelli che sono stati salvati. Ciò che Io voglio sono persone come Pietro, persone che si prefiggono di essere rese perfette. La verità di oggi è data a coloro che la desiderano e la cercano. Questa salvezza è concessa a coloro che desiderano essere salvati da Dio e non è solo intesa per essere guadagnata da voi, ma è anche per far sì che voi possiate essere guadagnati da Dio. Voi guadagnate Dio in modo che Dio possa guadagnare voi. Oggi vi ho detto queste parole e voi le avete ascoltate e dovreste praticare in conformità con esse. Alla fine, quando le metterete in pratica, sarà il momento in cui vi avrò guadagnato attraverso quelle parole; allo stesso tempo, avrete anche fatto vostre queste parole, vale a dire, avrete guadagnato questa suprema salvezza. Una volta purificati, voi sarete veri esseri umani.

da “Le esperienze di Pietro: la sua conoscenza del castigo e del giudizio” in La Parola appare nella carne

220. Dio ha offerto liberamente la Sua vita e tutto ciò che Egli ha ed è agli esseri umani in modo che essi possano viverlo, in modo che possano trasformare ciò che Dio ha ed è, e la verità da Lui donata, nella direzione e nel cammino da vivere, cioè in modo che possano fare affidamento su questo per vivere e trasformare le Sue parole nella loro vita. Dunque possiamo dire che Dio ha donato liberamente la Sua vita agli esseri umani, facendola così diventare la loro vita? Allora cos’è che gli esseri umani hanno ottenuto da Dio? La Sua aspettativa? La Sua promessa? O cosa? Quel che hanno ottenuto da Dio non sono parole vuote, ma la vita di Dio! Oltre a donare la vita agli esseri umani, l’unico requisito che Egli richiede loro è che accolgano questa vita di Dio, la trasformino nella loro e la vivano. Quando Dio vede che le persone vivono questa vita, Si sente soddisfatto. Questo è l’unico requisito richiesto da Dio. Pertanto, ciò che gli esseri umani ottengono da Dio è inestimabile e, mentre Dio dà in dono all’umanità la più preziosa delle cose, Egli non vi ricava nulla; chi ne beneficia maggiormente è l’umanità. Gli esseri umani raccolgono più frutti in assoluto; sono i maggiori beneficiari. Nel momento in cui accettano la vita di Dio come la loro stessa vita, gli esseri umani giungono anche a comprendere la verità, acquisiscono i principi di cosa significhi essere umani, coltivano le radici di cui hanno bisogno per essere umani e ottengono la direzione che devono prendere per essere umani. Non sono più ingannati da Satana e suoi schiavi, non vengono più ingannati e usati da persone malvagie e non sono più contaminati, macchiati, vincolati o sedotti da tendenze malvagie. Gli esseri umani vivono liberi tra il cielo e la terra e vengono liberati. Non sono più vincolati né provano dolore. Non ci sono più difficoltà: vivono liberi e sono in grado di vivere autenticamente sotto il dominio di Dio e di non subire più il male causato da forze malvagie o oscure. Vale a dire che, mentre vivono questa vita, accettandola come la propria, non sentono più alcun dolore; anzi, vivono felici e senza avversità; vivono liberi e hanno un rapporto normale con Dio. Non possono più ribellarsi o opporsi a Lui; al contrario, possono vivere autenticamente sotto il Suo dominio. Conducono una vita giusta e adeguata, da dentro a fuori, e divengono autentici esseri umani.

da “L’uomo è il maggiore beneficiario del piano di gestione di Dio” in Registrazione dei discorsi di Cristo

Pagina precedente : O. Come servire Dio e renderGli testimonianza

Pagina successiva : Q. La trasformazione dell’indole e il perfezionamento da parte di Dio

Desideravi che il Salvatore venisse per la seconda volta a salvare completamente l’umanità? Il Signore è arrivato ormai da tempo per esprimere la verità e purificare e salvare l’uomo. Se vuoi saperne di più, mettiti in contatto con noi tramite Whatsapp.
Contattaci su Messenger
Contattaci su WhatsApp

Contenuti correlati

Introduzione

Nell’Età del Regno, Dio usa la parola per annunciare una nuova era, per cambiare i mezzi della Sua opera e per compiere l’opera per...

Capitolo 7

Tutti i settori occidentali dovrebbero prestare ascolto alla Mie parole:In passato, Mi siete stati fedeli? Avete seguito le Mie eccellenti...

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Linea Spazio

Linea Spazio

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro