La Parola appare nella carne

Contenuti

Si deve proscrivere il servizio religioso

Sin dall’inizio della Sua opera nell’universo, Dio ha scelto molte persone per servirLo, di ogni estrazione sociale. Il Suo scopo è quello di adempiere la Sua volontà, onde garantire che sia portata a compimento la Sua opera sulla terra. Ecco perché Dio sceglie le persone per servirLo. Chi serve Dio, deve capirNe la volontà. Attraverso questa Sua opera, le persone possono cogliere meglio la sapienza e l’onnipotenza di Dio e capire i principi della Sua opera sulla terra. In realtà, Dio viene sulla terra per realizzare la Sua opera e contattare le persone affinché possano conoscere più chiaramente ciò che Egli intende compiere. Oggi servire Dio è un privilegio di un gruppo di persone quale è il vostro caso, e costituisce una grande benedizione per voi, in quanto Dio vi innalza. Quando sceglie una persona per servirLo, Egli segue sempre i Suoi principi. Servire Dio non è solo una questione di entusiasmo, come crede la gente. Oggi una persona può servirLo alla Sua presenza, come potete notare, perché è guidata da Lui e riceve la forza dello Spirito Santo, per andare alla ricerca della verità. Ecco i requisiti minimi per essere al servizio di Dio.

ServirLo non è un compito semplice. Non potrà mai servire Dio chi non ha cambiato la propria indole corrotta. Se quest’ultima non è stata giudicata e castigata dalla parola di Dio, appartiene ancora a Satana e ciò è sufficiente per provare che servire Dio in queste condizioni va al di là delle proprie buone intenzioni e si basa sulla natura di Satana. Tu servi Dio con il tuo carattere e secondo le tue preferenze personali; inoltre, ritieni che Dio ami qualsiasi cosa ti piaccia e detesti qualsiasi cosa non ti piaccia, e così svolgi i tuoi compiti in base alle tue preferenze. Si può definire tutto ciò un servizio a Dio? Alla fine, la tua indole vitale non cambierà di una virgola. In realtà, diventerai più testardo perché sei al servizio di Dio, e così la tua indole corrotta risulterà ancora più radicata. Dentro di te, si svilupperanno delle dottrine sul fatto di servire Dio, basate solo sul tuo carattere e sulla tua esperienza derivante dal servizio, secondo la tua indole. Tale è l’esperienza e la lezione umana. È la filosofia dell’esistenza. Queste persone si ritrovano tra i Farisei e i religiosi. Se non si svegliano e non si pentono, saranno trasformate nei falsi cristi che appariranno negli ultimi giorni. Saranno degli ingannatori. I falsi cristi e gli imbroglioni che sono stati preannunciati apparterranno a questo tipo di persone. Se quanti servono Dio, seguono la propria indole e agiscono in base alla propria volontà, corrono dunque il costante pericolo di essere cacciati via. Coloro che dedicano molti anni di esperienza al servizio di Dio per irretire i cuori delle persone e controllarle, dando lezioni ed elevando se stessi, senza mai pentirsi, confessarsi, rinunciare ai vantaggi della propria posizione, cadranno davanti a Dio. Sono degli individui presuntuosi come Paolo, e ostentano la loro anzianità. Dio non perfeziona gente simile. È un tipo di servizio che interferisce con l’opera di Dio. Le persone preferiscono aggrapparsi al passato, rimanere legate a concetti e a cose ormai andate. E ciò rappresenta un forte ostacolo al loro servizio. Se non si riescono a eliminare queste cose, esse finiscono per distruggere tutta l’esistenza. Dio non tesse affatto le lodi, nemmeno se non ci si ferma un minuto o se ci si spezza la schiena lavorando, e neanche se si è condannati al martirio al “servizio” di Dio. Anzi, al contrario: Egli ti considererà un malfattore.

A partire da oggi, Dio formalmente perfezionerà coloro che non hanno nozioni religiose, che sono pronti a mettere da parte il loro vecchio io per obbedire semplicemente a Dio, e quanti desiderano ardentemente la parola divina. Queste persone dovrebbero alzarsi in piedi e servire Dio. In Dio vi è infinita abbondanza e saggezza insondabile. La Sua incredibile opera e le Sue parole preziose sono a disposizione di tutti, perché tutti ne godano. Così come sono, queste cose nuove non possono essere accettate da chi ha delle nozioni religiose, da chi ostenta l’anzianità e non mette da parte il suo vecchio io. Lo Spirito Santo non ha alcuna possibilità di perfezionare tali persone. Se non si ha la volontà di obbedire e non si è assetati della parola di Dio, non si è in grado di ricevere le cose nuove. Si diventerà sempre più ribelli, astuti e si finirà per imboccare la strada sbagliata. Nell’opera di Dio ora, Egli innalzerà più persone che Lo amano con cuore sincero e che accolgono la nuova luce. E allora Dio farà cadere i funzionari religiosi che ostentano la loro anzianità. Dio non vuole che le persone resistano al cambiamento. E tu, vuoi essere una di queste persone? Presti il tuo servizio in base alle tue preferenze, o fai ciò che Dio vuole? Questo lo dovresti sapere da solo. Sei uno di quei funzionari religiosi, o sei nato da poco a vita nuova e Dio ti sta perfezionando? Quanto di ciò che fai viene lodato dallo Spirito Santo? E di quanto Dio non si ricorderà nemmeno? Dopo molti anni di servizio, quanto è cambiata la tua vita? Sono tutte chiare queste cose? Se si ha vera fede, si mettono da parte le vecchie nozioni religiose per servire meglio Dio in modo nuovo. Se ci si muove subito, non è troppo tardi. Le vecchie nozioni religiose soffocano la vita dell’individuo. L’esperienza che una persona acquisisce, la condurrà lontano da Dio, per fare le cose di testa propria. Se non vi si rinuncia, ciò diventerà un ostacolo alla sua crescita nella vita. Dio ha sempre perfezionato coloro che Lo servono. Egli non scaccia facilmente le persone. C’è futuro per chi accetta veramente il giudizio e il castigo della parola di Dio e mette da parte le vecchie pratiche e dottrine religiose, evitando di utilizzare nozioni religiose, ormai superate, come termine di paragone della Parola di Dio oggi. Ma se ci si aggrappa alle cose vecchie, facendone tesoro, allora non si potrà essere salvati. Dio non considererà tali persone. Se si vuole veramente essere resi perfetti, bisogna decidersi e abbandonare completamente tutto quello che esisteva prima. Anche se ciò che è stato fatto in precedenza era giusto, anche se era l’opera di Dio, deve essere messo da parte; bisogna lasciare tutto. Se anche fosse stata palesemente opera dello Spirito Santo, svolta direttamente dallo Spirito Santo, oggi è necessario lasciarla da parte. Non bisogna aggrapparvisi. Ecco quello che Dio esige. Tutto deve essere rinnovato. Nella Sua opera e nella Sua Parola, Dio non fa alcun riferimento alle vecchie cose precedenti, evitando di scavare nella storia passata. Dio è sempre nuovo e mai vecchio. Non resta legato nemmeno alle Sue stesse parole del passato, a dimostrazione del fatto che non segue alcuna dottrina. Se ci si aggrappa sempre saldamente alle cose del passato e si applicano rigidamente come rituali, mentre Dio non lavora più come ha fatto in passato, le parole e le azioni degli esseri umani non provocano forse disagio? Così facendo, non si diventa forse nemici di Dio? Intendi sprecare tutta la vita in cose vecchie? Queste cose passate ostacolano l’opera di Dio. È questo il tipo di persona che vuoi essere? Se non lo vuoi davvero, occorre fermarti subito, e voltarti e ricominciare tutto da capo. Dio non ricorda il servizio prestato nel passato.