La Parola appare nella carne

Contenuti

Nella tua fede in Dio dovresti ubbidire a Lui

Perché credi in Dio? La maggior parte delle persone sono confuse di fronte a questa domanda. Esse hanno sempre due punti di vista completamente diversi circa il Dio concreto e il Dio dei cieli, il che dimostra che credono in Dio non per obbedirGli, ma per ricevere determinati benefici o per sfuggire alla sofferenza della sventura. Solo allora diventano in qualche modo obbedienti a Dio, ma la loro obbedienza è condizionata, è funzionale all’interesse delle loro prospettive personali e imposta loro. Dunque, perché credi in Dio? Se è solo nell’interesse delle tue aspettative e del tuo futuro, allora sarebbe meglio che tu non credessi. Una fede come questa è autoinganno, autorassicurazione e autoapprezzamento. Se la tua fede non si basa sul fondamento dell’obbedienza a Dio, alla fine verrai punito come conseguenza della tua opposizione nei Suoi confronti. Tutti coloro che non cercano di obbedire a Dio nella loro fede, Gli si oppongono. Egli desidera che le persone cerchino la verità, che abbiano sete e si nutrano delle Sue parole, e che le mettano in pratica, in modo da poterGli obbedire. Se le tue motivazioni sono veramente queste, Dio sicuramente t’innalzerà e sarà misericordioso nei tuoi confronti. Nessuno può mettere in dubbio queste cose né, tantomeno, qualcuno può cambiarle. Se le tue motivazioni non sono in funzione dell’obbedienza a Dio, ma sono guidate da altri scopi, allora tutto quello che dici e che fai, le tue preghiere e persino le tue azioni, saranno in opposizione a Lui. Le tue maniere possono essere pacate e gentili, ogni tua azione o espressione può sembrare giusta, puoi apparire come uno che obbedisce, ma per quanto riguarda le tue motivazioni e le tue idee sulla fede in Dio, tutto quello che fai è malvagio e contrario a Lui. Le persone che appaiono obbedienti come pecore, ma che dentro ai loro cuori covano cattive intenzioni, sono lupi travestiti da pecora, offendono direttamente Dio ed Egli non risparmierà nessuno di loro. Lo Spirito Santo rivelerà ognuno di loro, in modo che tutti possano vedere che questi ipocriti verranno, senza dubbio, detestati e respinti dallo Spirito Santo. Non preoccuparti: Dio affronterà e Si occuperà di ciascuno di loro a turno.

Se non si riesci ad accettare la nuova luce di Dio, se non puoi comprendere che Egli svolge al giorno d’oggi e non lo cerchi ma, al contrario, lo metti in discussione, lo giudichi, lo studi e lo analizzi, allora è evidente che non hai alcuna intenzione di obbedire a Dio. Se, quando apparirà la luce del “qui ed ora”, sarai ancora legato alla luce di ieri e ti opporrai alla Sua nuova opera, allora non sei altro che un buffone e fai parte di coloro che si oppongono deliberatamente a Dio. La chiave per obbedirGli sta nell’apprezzare la nuova luce e nell’essere in grado di accettarla e di metterla in pratica. Solo questa è la vera obbedienza. Coloro che non sono disposti ad avere sete di Dio, sono altrettanto incapaci di obbedirGli e possono soltanto opporsi a Lui, come risultato della loro soddisfazione verso lo status quo. L’uomo non è in grado di obbedire a Dio, perché è ancora legato a ciò che è avvenuto prima. Le cose che sono accadute in precedenza, infatti, hanno contribuito a creare nelle persone molti preconcetti e molte illusioni su Dio, che sono poi diventati la Sua immagine nelle loro menti. Quello in cui credono, quindi, sono le proprie concezioni e dei modelli stabiliti dalla loro immaginazione. Se metti a confronto il Dio che opera concretamente ai giorni nostri con il Dio della tua immaginazione, allora la tua fede viene da Satana e si basa puramente sulle tue personali propensioni; Dio non vuole una fede come questa. Per quanto le competenze di questi uomini siano nobili e, indipendentemente dal loro impegno, anche se avranno dedicato una vita intera di sforzi all’opera di Dio e si saranno fatti martiri per Lui, Egli non approverà alcuno che abbia una siffatta fede. Egli si limita a mostrare loro un po’ di grazia e permette loro di goderne per un tempo limitato. Persone come queste non sono in grado di mettere la verità in pratica, lo Spirito Santo non opera dentro di loro e Dio eliminerà ognuno di loro in successione. Indipendentemente dal fatto che siano giovani o anziani, coloro che non obbediscono a Dio nella loro fede, ma agiscono secondo delle motivazioni sbagliate e malvagie, si oppongono e interrompono l’opera di Dio e saranno senza dubbio eliminati da Lui. Coloro che non obbediscono minimamente a Lui e che si limitano a riconoscere a malapena il Suo nome, coloro che hanno un’idea dell’affetto e della bellezza di Dio, eppure non stanno al passo con il percorso dello Spirito Santo e non ubbidiscono alla Sua opera attuale e alle Sue parole, pur vivendo nella grazia di Dio, non potranno essere conquistati e resi perfetti da Lui. Dio rende le persone perfette attraverso la loro obbedienza, mediante il loro nutrirsi e beneficiare delle Sue parole e tramite la sofferenza e il raffinamento delle loro vite. Solo attraverso una fede come questa l’indole degli uomini può cambiare, solo allora potranno acquisire una conoscenza autentica di Dio. Non essere soddisfatti di vivere nella grazia di Dio, ma cercare la verità, averne sete e cercare di essere conquistati da Dio, questo significa obbedire consapevolmente a Lui, questo è il tipo di fede che Egli desidera. Le persone che non fanno altro che godersi la grazia di Dio, non possono essere trasformate o rese perfette da Lui e la loro obbedienza, la loro devozione, il loro amore e la loro pazienza sono prettamente superficiali. Coloro che godono solo della grazia di Dio non possono veramente conoscerLo e, anche quando riescono a conoscerLo, la loro conoscenza è superficiale, dicono cose come “Dio ama l’uomo” o “Dio è compassionevole verso l'uomo”. Ciò non rappresenta realmente la vita dell’uomo e non dimostra che queste persone conoscano veramente Dio. Se, quando Egli le perfeziona attraverso le Sue parole o impone loro le Sue prove, queste persone non sono capaci di obbedirGli, ma diventano invece dubbiose e crollano, allora è evidente che non sono per nulla obbedienti. Dentro di loro si sono radicate molte regole e restrizioni che riguardano la fede in Dio, vecchie esperienze che sono il risultato di molti anni di fede e di varie dottrine basate sulla Bibbia. Potrebbero persone come queste obbedire Dio? Queste persone sono piene di cose umane, come potrebbero obbedirGli? La loro obbedienza si basa sulle proprie predilezioni personali, come potrebbe Dio desiderare questo tipo di obbedienza? Questo non significa obbedire a Dio, ma conformarsi a una dottrina, soddisfare e consolare se stessi. Se dici che questa è obbedienza a Dio, non Lo bestemmi? Sei come un faraone egizio, che commette malvagità e s’impegna apertamente ad opporsi a Dio, come potrebbe Egli volere tali servigi? Faresti meglio a pentirti in fretta e ad acquisire un po’ di autoconsapevolezza. In caso contrario, sarebbe preferibile che te ne tornassi a casa: faresti più bene a te stesso di quello che potresti servire Dio e non interromperesti o disturberesti la Sua opera; sapresti stare al tuo posto e vivresti meglio, non sarebbe preferibile? In questo modo almeno eviteresti di opporti a Dio e di essere punito!