La Parola appare nella carne

Contenuti

È molto importante stabilire un rapporto adeguato con Dio

Le persone credono in Dio, Lo amano e Lo appagano toccandoNe lo Spirito con il loro cuore, e perciò ottengono la Sua soddisfazione; quando intavolano un dialogo con le parole di Dio nel loro cuore, sono pertanto mosse dal Suo Spirito. Se desideri ottenere una corretta vita spirituale e stabilire un buon rapporto con Dio, in primo luogo devi consegnarGli il tuo cuore e placarlo dinanzi a Lui. Solo dopo aver riversato il tuo cuore interamente in Dio potrai sviluppare a poco a poco una corretta vita spirituale. Se le persone non consegnano a Dio il loro cuore credendo in Lui, se il loro cuore non è in Lui, se non considerano cosa loro il Suo fardello, allora non fanno altro che ingannare Dio e si comportano del tutto come persone religiose. Ciò non può essere lodato da Dio. Dio non può ottenere alcunché da questo tipo di persone, le quali non fanno altro che mettere in rilievo l’opera di Dio, come un arredo nella Sua casa, che ingombra e non serve a nulla. Dio non usa questo tipo di individui. Chi è così non solo non rappresenta in alcun modo un’opportunità per l’opera dello Spirito Santo, ma addirittura non ha alcun valore di perfezione: è un vero e proprio “morto che cammina”. Costoro non hanno alcun elemento che possa essere usato dallo Spirito Santo: Satana si è impossessato di tutti costoro e li ha corrotti all’estremo, ed essi sono oggetto dell’eliminazione di Dio. Oggi lo Spirito Santo utilizza le persone non solo mettendo in gioco le loro virtù, ma altresì perfezionando e modificando le loro carenze. Se il tuo cuore può essere riversato in Dio e tacere al Suo cospetto, avrai l’occasione e le qualifiche per essere usato dallo Spirito Santo, per ricevere la Sua intuizione e illuminazione, e anzi avrai modo che lo Spirito Santo colmi le tue lacune. Quando doni il tuo cuore a Dio, puoi penetrare più in profondità nell’aspetto positivo e trovarti su un piano più elevato di comprensione; quanto all’aspetto negativo, comprenderai maggiormente le tue colpe e i tuoi difetti, sarai più desideroso di cercare di soddisfare la volontà di Dio, e non sarai passivo, ed entrerai attivamente. Ciò significherà che sei una persona corretta. Assumendo che il tuo cuore sia calmo al cospetto di Dio, la chiave per ricevere o meno la lode dello Spirito Santo, per piacere o meno a Dio, è saper accedere o meno attivamente. Quando lo Spirito Santo illumina una persona e la usa non la rende mai negativa, ma la fa sempre progredire attivamente. Sebbene essa abbia delle debolezze, riesce a vivere senza assecondarle, a trattenersi dal ritardare la propria crescita nella vita, ed è in grado di continuare a cercare di soddisfare la volontà di Dio. Un simile standard dimostra in misura sufficiente che hai ottenuto la presenza dello Spirito Santo. Se una persona è sempre negativa, e persino dopo essere stata illuminata per conoscere se stessa continua a essere negativa e passiva, incapace di alzarsi in piedi e agire di concerto con Dio, allora riceverà solo la grazia di Dio, ma lo Spirito Santo non sarà con lei. Se uno è negativo, ciò significa che il suo cuore non si è volto verso Dio e che il suo spirito non è stato mosso dal Suo Spirito. Tutti dovrebbero riconoscerlo.

Dall’esperienza si può vedere come una delle questioni più importanti sia placare il proprio cuore dinanzi a Dio. È un problema che afferisce alla vita spirituale delle persone e alla crescita delle loro vite. Solo se il tuo cuore è in pace al cospetto di Dio, la tua ricerca della verità e della trasformazione della tua indole porterà frutto. Infatti, ti presenti a Dio gravato di fardelli e ti senti sempre fortemente manchevole, senti che ci sono molte verità che dovresti conoscere, molta realtà che avresti bisogno di sperimentare, e che dovresti prestare la massima attenzione alla volontà di Dio. Queste cose sono costantemente nella tua mente ed è come se ti opprimessero fino quasi a non lasciarti respirare: per questo avverti un gran peso nel cuore (ma non ti senti in una condizione negativa). Solo persone di questo genere sono qualificate ad accogliere l’illuminazione delle parole di Dio e a essere mosse dal Suo Spirito. È a motivo del loro fardello, del fatto che hanno il cuore pesante e, si può dire, a causa del prezzo che hanno pagato e dei tormenti che hanno patito dinanzi a Dio, che Ne hanno ricevuto intuizione e illuminazione, poiché Dio non riserva a nessuno un trattamento speciale. Nel Suo modo di trattare la gente Egli è sempre giusto, ma per contro non provvede a caso alle persone e non dà loro incondizionatamente. È uno dei tratti della Sua indole giusta. Nella vita reale, la maggior parte delle persone deve ancora raggiungere una simile condizione. Come minimo il loro cuore deve ancora volgersi completamente a Dio, e dunque non sono ancora avvenuti grandi mutamenti nella loro indole di vita. Questo perché si limitano a vivere in un contesto di grazia di Dio e devono ancora acquisire l’opera dello Spirito Santo. Le condizioni perché Dio possa utilizzare le persone sono queste: il loro cuore è volto a Dio, portano il fardello delle Sue parole, hanno un cuore anelante e si sono decise a cercare la verità. Solo chi è così può acquisire l’opera dello Spirito Santo, e spesso ottiene intuizione e illuminazione. Le persone di cui Dio Si serve all’apparenza sembrano irrazionali e paiono non avere rapporti normali con gli altri; pur parlando a modo, non lo fanno con noncuranza e sanno mantenere sempre quieto il loro cuore dinanzi a Dio. Ma basta semplicemente essere così per essere utilizzate dallo Spirito Santo. Queste persone “irrazionali” di cui parla Dio, non sembrano avere rapporti normali con gli altri e non hanno un amore apparente o pratiche superficiali, ma quando comunicano cose spirituali sanno aprire il loro cuore e trasmettere disinteressatamente al prossimo l’intuizione e l’illuminazione che hanno acquisito dalla loro esperienza personale di Dio. È così che esprimono il loro amore per Dio e Ne soddisfano la volontà. Quando gli altri sono tutti intenti a calunniarle e sbeffeggiarle, esse sanno sottrarsi al controllo di persone, eventi o cose esterne e riescono a mantenersi calme dinanzi a Dio. Persone di tal genere sembrano disporre di comprensioni uniche. A prescindere dagli altri, il loro cuore non si allontana mai da Dio. Quando altri chiacchierano allegri e divertiti, il loro cuore rimane alla presenza di Dio, contemplando la parola di Dio o pregando Dio in silenzio nel loro cuore, alla ricerca dei propositi divini. Mai mettono al primo posto il mantenimento di rapporti normali con il prossimo. Simili persone sembrano non avere filosofie di vita. All’apparenza sono vivaci, adorabili e innocenti, ma possiedono altresì un senso di calma. Questo il ritratto di una persona che Dio utilizza. Cose come la filosofia di vita o il “normale ragionamento” non toccano questo tipo di persone; costoro hanno dedicato il cuore interamente alla parola di Dio e sembrano avere solo Dio nel loro cuore. Questo è il tipo di persona a cui Dio allude quando parla di una persona “senza ragione”, ed è appunto la persona usata da Dio. L’impronta della persona usata da Dio è questa: in qualsiasi momento e ovunque si trovi, il suo cuore è costantemente in presenza di Dio, e a prescindere da quanto gli altri siano dissoluti, da quanto si abbandonino alla passione, da quanto indulgano nella carne, il suo cuore non abbandona mai Dio ed essa non segue la folla. Solo questo tipo di persone sono adatte all’uso da parte di Dio, e sono per l’appunto loro a essere perfezionate dallo Spirito Santo. Se non sei in grado di giungere a questo punto, allora non sei idoneo a essere acquistato da Dio, a essere perfezionato dallo Spirito Santo.

Se desideri avere un rapporto adeguato con Dio, il tuo cuore deve volgersi a Lui, e a partire da ciò avrai anche un buon rapporto con gli altri. Se non hai un rapporto adeguato con Dio, a prescindere da ciò che farai per mantenere i tuoi rapporti con gli altri, a prescindere da quanto di darai da fare o da quanta energia investirai, tutto ciò rientrerà pur sempre in una filosofia di vita umana. Stai mantenendo una posizione tra le persone ricorrendo a una prospettiva e una filosofia umane, affinché ti apprezzino. Non stabilisci rapporti adeguati col prossimo in base alla parola di Dio. Se non ti concentrerai sui rapporti con le persone ma manterrai un rapporto adeguato con Dio, se sarai disposto a dare a Dio il tuo cuore e a imparare a obbedirGli, i tuoi rapporti con gli altri diventeranno, in modo molto naturale, adeguati. In tal modo, simili rapporti non sono fondati sulla carne, ma sull’amore di Dio. Non vi è pressoché nessuna interazione basata sulla carne, ma nello spirito vi sono sia comunione che amore, consolazione e reciproco sostegno. Tutto ciò si compie a partire da un cuore che risponde pienamente a Dio. Simili rapporti non si mantengono confidando in una filosofia di vita umana, ma si formano molto naturalmente facendosi carico di Dio. Non richiedono sforzi umani, ma si praticano tramite i principi della parola di Dio. Sei disposto ad avere riguardo per la volontà di Dio? Sei disposto a essere un individuo “senza ragione” al cospetto di Dio? Sei disposto a donare completamente a Dio il tuo cuore e a non pensare alla tua posizione fra la gente? Di tutte le persone con cui sei in contatto, con quali hai i rapporti migliori? Con quali hai i rapporti peggiori? I tuoi rapporti con gli altri sono adeguati? Tratti tutti in maniera equa? I tuoi rapporti col prossimo si fondano sulla tua filosofia di vita oppure si basano sull’amore di Dio? Quando non si dona il proprio cuore a Dio, lo spirito diventa ottuso, intorpidito e inconsapevole. Chi è così non comprenderà mai le parole di Dio e non avrà mai un rapporto adeguato con Lui; un tal genere di persona non cambierà mai la propria indole. Il cambiamento dell’indole è un processo che ha luogo se si dona il cuore interamente a Dio e si riceve intuizione e illuminazione dalle Sue parole. L’opera di Dio può permettere a una persona di accedere attivamente e consentirle di liberarsi dei propri aspetti negativi una volta ottenuta la conoscenza. Quando riuscirai a donare il tuo cuore a Dio, sarai capace di percepire ogni sottile moto nel tuo spirito e conoscerai ogni intuizione e illuminazione ricevuta da Dio. Aggrappati a questo, e accederai gradualmente al cammino di perfezionamento a opera dello Spirito Santo. Più tranquillo saprà essere il tuo cuore dinanzi a Dio, più sensibile e delicato sarà il tuo spirito e più saprà percepire il movimento dello Spirito Santo; allora il tuo rapporto con Dio diverrà sempre più adeguato. Un rapporto adeguato tra persone lo si crea se esse donano a Dio i loro cuori, non lo si ottiene mediante sforzi umani. Senza Dio, i rapporti tra gli esseri umani non sono altro che rapporti carnali. Non sono corretti, ma inclini alla passione; sono rapporti che Dio detesta e odia. Se dici che il tuo spirito è stato toccato ma vuoi costantemente condividere la verità con persone di tuo gradimento o con chiunque tu stimi fortemente, e se vi è un altro alla ricerca che non ti garba, verso il quale nutri pregiudizi e con il quale non intendi impegnarti, ciò dimostra palesemente che sei una persona emotiva e che non hai affatto un rapporto adeguato con Dio. Stai cercando di ingannare Dio e di nascondere la tua abiezione. Se anche sei in possesso di un po’ di comprensione ma sei animato da intenzioni sbagliate, tutto ciò che fai va bene solo secondo gli standard umani. Dio non ti apprezzerà: stai agendo unicamente secondo la carne e non secondo il fardello di Dio. Solo se sei capace di placare il tuo cuore davanti a Dio e hai interazioni rette con tutti coloro che amano Dio, sei adatto a essere usato da Lui. In tal modo, a prescindere da come socializzi con il prossimo, non lo farai in nome di una filosofia di vita ma vivendo alla presenza di Dio, attento al Suo fardello. Quante persone di tal genere vi sono fra voi? I tuoi rapporti col prossimo sono realmente adeguati? Su cosa si fondano? Quante filosofie di vita esistono in te? Le hai rinnegate? Se il tuo cuore non può volgersi interamente a Dio, allora non Gli appartieni: provieni da Satana e a lui infine ritornerai, non meriti di far parte del popolo di Dio. È necessario che tu faccia molta attenzione a tutte queste cose.