L’App della Chiesa di Dio Onnipotente

Ascolta la voce di Dio e accogli il ritorno del Signore Gesù!

Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

La Parola appare nella carne

Colori a tinta unita

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Linea Spazio

Larghezza pagina

Risultati della ricerca 0

La ricerca non ha prodotto risultati

Capitolo 51

Oh! Dio Onnipotente! Amen! In Te ogni cosa è sciolta, libera, aperta, rivelata, luminosa, priva di occultamento o segretezza. Tu sei Dio Onnipotente fattoSi carne. Hai governato come Re. Sei stato rivelato apertamente, non più un mistero, bensì rivelato completamente per l’eternità! Sono davvero stato rivelato interamente, sono arrivato pubblicamente e Mi sono manifestato come il Sole di giustizia, perché oggi non è più l’era della manifestazione di Lucifero, la fase dell’occultamento. La Mia opera è come un lampo abbagliante, si compie con sorprendente rapidità. Oggi la Mia opera è progredita fino a questa fase e chiunque bighelloni o batta la fiacca può andare incontro soltanto a un giudizio spietato. In particolare devi capire chiaramente che Io sono maestà e giudizio e non più compassione e amore come immaginate. Se non hai ancora chiaro questo punto, allora ciò che riceverai è il giudizio, perché assaggerai di persona ciò che non hai riconosciuto, altrimenti avrai ancora dei dubbi e non oserai essere saldo nella fede.

Siete in grado di compiere con devozione ciò che vi ho affidato? Dico che occorre saggezza per intraprendere qualunque cosa, ma quante cose avete fatto in cui avete riflettuto più volte sulle Mie esortazioni e le avete esaminate ulteriormente? Anche se comprendete una parola delle Mie esortazioni e la giudicate soddisfacente quando la udite, in seguito non ve ne importa nulla. Quando la sentite, disprezzate voi stessi allorché la riferite alle vostre condizioni reali, ma cosa succede dopo? Dunque credete che sia una questione banale.[a] Oggi si tratta di stabilire se la tua vita possa progredire e non dipende dalla faccia che mostri all’esterno. Nessuno di voi ha alcuna risolutezza e non siete disposti ad avere determinazione, non desiderate pagare il prezzo, non volete accantonare l’effimero piacere terreno e tuttavia temete di perdere le benedizioni del cielo. Che razza di persona è un uomo come questo? Uno stolto! Non dovete sentirvi offesi. Ciò che ho detto non è basato sui fatti? Non ha evidenziato ciò che pensavi tra te e te? Non hai alcuna umanità! Non hai neppure la qualità di una persona normale e, anche se è così che stanno le cose, non ti consideri ugualmente impoverito, sei tranquillo e spensierato tutto il giorno, sei borioso! Non sai quanto siano grandi le tue carenze e cosa ti manchi. Che stolto!

Non vedi che la Mia opera è già giunta a un simile punto? La Mia volontà è tutta in voi. Quando sarete in grado di capirla? Quando le mostrerete un po’ di riguardo? Pigri! Non siete disposti a pagare il prezzo, a lavorare duramente, a investire tempo e a fare lo sforzo. Lascia che te lo dica! Più temi di incappare nelle avversità, e meno benefici avrà la tua vita. Inoltre, più ostacoli incontrerai mentre la tua vita cresce, e più improbabile sarà il suo progredire. Te lo rammento ancora una volta (non lo ripeterò più)! Sarò indifferente a chiunque non si assuma la responsabilità della propria vita e lo abbandonerò. Ho già cominciato a mettere in pratica questo principio; non l’hai visto chiaramente? Questa non è una transazione d’affari né commercio, bensì la vita, capisci?

Note a piè di pagina:

a. L’originale dice: “Dunque è una questione banale”.

Pagina precedente:Capitolo 50

Pagina successiva:Capitolo 52