238 Il giudizio di Dio è così prezioso

1 Avendo creduto in Dio per molti anni ed essendo in grado di predicare molte dottrine spirituali, pensavo di aver compreso la verità e di aver acquisito la realtà della verità. Avendo ottenuto in qualche misura dei risultati nel compiere il mio dovere, mi mettevo in mostra e facevo sfoggio di me stesso. Ero ostinato nella ricerca del prestigio e della reputazione, e spesso mi mettevo a confronto con gli altri. Anche se ho compiuto sacrifici, mi sono speso, ho lavorato e sofferto, ho fatto tutto per essere benedetto e incoronato. Ho ingoiato l’umiliazione e sopportato il pesante fardello per amore del mio prestigio e del mio rango, eppure mi ritenevo ancora leale a Dio. Esteriormente ero modesto e paziente, ma la mia natura era straordinariamente arrogante e ipocrita. Oggi, solo sperimentando il giudizio e il castigo di Dio ho aperto gli occhi sul fatto che, nonostante anni di fede in Dio, la mia indole è rimasta invariata, e appartengo ancora a Satana.

2 Smascherato dalle prove, mi sono reso conto di quanto fosse profonda la mia corruzione: tenevo in gran conto il prestigio e l’autorità, ed emulavo Paolo nel percorrere il cammino dell’opposizione a Dio, spesso deliziandomi dell’ammirazione e dell’approvazione altrui, desiderando sempre di essere un leader che potesse signoreggiare sugli altri: quanto ero arrogante e sconsiderato. Le parole di Dio hanno trafitto la mia natura satanica come una spada a doppio taglio: se desideravo sempre esercitare il potere di un re e controllare gli altri, in cosa ero diverso da Satana? L’indole di Dio è giusta, santa e nessun uomo può offenderla. Mi sono inchinato davanti a Dio, tremante di paura, e penitente ho confessato i miei peccati. Il giudizio di Dio mi ha purificato e salvato. Ho avuto un assaggio di quanto è reale l’amore di Dio.

3 Solo dopo aver sperimentato il giudizio sono arrivato a capire che nulla è più significativo del credere in Dio e ottenere la verità. Il prestigio e la reputazione sono vuoti e possono solo condurre l’uomo a un’ulteriore degradazione. Sono il giudizio e il castigo di Dio che hanno tenuto a bada i miei passi malvagi; ho ottenuto l’illuminazione e il giudizio delle parole di Dio e l’odio per il mio grado di corruzione è cresciuto in me. Sono arrivato a comprendere che per me non c’è amore e protezione più grande del giudizio di Dio. Ho visto quanto è preziosa la verità; essa può purificare e perfezionare l’uomo e, anche se dovessi patire il massimo della sofferenza e dell’affinamento, seguirò comunque Cristo fino alla fine. Non importa quanto grande sia il dolore, anche fino al mio ultimo respiro compirò comunque il mio dovere e glorificherò Dio. Solo l’amore di Dio è il più reale, e io renderò grazie a Dio e Lo loderò sempre.

Pagina precedente: 237 L’amabilità di Dio è sempre nei miei pensieri

Pagina successiva: 239 È Dio che mi ha salvato

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

210 Come cercare le orme di Dio

IPer trovare le orme di Dio,dobbiamo cercare la Sua volontà,cercar le parole e i discorsi di Dio.Dove ci son le Sue nuove parole,là c’è la...

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro