296 Nessun cuore è migliore di quello di Dio

Avendo scelto di amare Dio, Gli obbedirei, qualunque cosa Lui mi tolga.

Nonostante un po’ di dolore, non emetto nessun lamento.

Con un’indole corrotta, l’uomo merita il giudizio e il castigo.

La parola di Dio è la verità, non posso fraintendere la Sua volontà.

Riflettendo su me stesso, trovo spesso troppe impurità.

Se non mi sforzo, non posso essere perfezionato.

Anche se oggi le difficoltà sono molte, è un onore godere dell’amore di Dio.

Attraverso le difficoltà imparo la sottomissione. Nessun cuore è migliore di quello di Dio.

Con Dio, notte e giorno, mi rendo conto di quanto amabile Lui sia.

Attraverso la rivelazione e il giudizio delle parole di Dio, mi rendo conto della realtà della mia corruzione.

Attraverso lo scrutinio di Dio, sento quanto mi manca.

Apro il mio cuore per la condivisione, e comprendo con chiarezza la verità.

Tremo al pensiero di offendere l’indole di Dio.

Avverto me stesso di non ribellarmi di nuovo arrecando più dolore a Dio.

Anche se scelgo di amare Dio, il mio amore è contaminato dalle mie idee personali.

Devo sforzarmi per raggiungere uno spirito come quello di Pietro.

Non importa come Dio riceva il mio amore,

il mio unico desiderio è soddisfarLo.

Anche se oggi le difficoltà sono molte, è un onore godere dell’amore di Dio.

Attraverso le difficoltà imparo la sottomissione. Nessun cuore è migliore di quello di Dio.

Pagina precedente: 295 Alla ricerca di prediletti

Pagina successiva: 297 Lamento per un mondo tragico

Il Signore promise: “Ecco, Io vengo tosto”. Desiderate accogliere il ritorno del Signore il prima possibile?

Contenuti correlati

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro