Capitolo 115

Per te il Mio cuore esulterà; per te la Mia mano danzerà di gioia e ti concederò infinite benedizioni, perché tu provieni da Me prima del tempo della creazione. Oggi devi ritornare al Mio fianco, perché non sei parte del mondo o della terra, ma di Me. Ti amerò per sempre, ti benedirò per sempre e ti proteggerò per sempre. Solo coloro che provengono da Me conoscono la Mia volontà, e soltanto loro mostreranno considerazione per il Mio fardello e faranno ciò che Io voglio fare. Oggi tutto è stato compiuto. Il Mio cuore è come una sfera di fuoco e brama che i Miei figli prediletti si riuniscano presto con Me, e che presto la Mia persona ritorni completamente a Sion. Tu ne sai qualcosa. Anche se non possiamo spesso seguirci l’un l’altro nello spirito, possiamo spesso accompagnarci nello spirito e incontrarci nella carne. Il Padre e i figli sono per sempre inseparabili, sono intimamente connessi. Nessuno può portarti via dal Mio fianco fino al giorno del ritorno al monte Sion. Io amo tutti i primogeniti che provengono da Me e odio tutti i nemici che Mi si oppongono. Riporterò coloro che amo a Sion e getterò coloro che odio nell’Ade, nell’inferno. Questo è il principio fondamentale di tutti i Miei decreti amministrativi. Tutto ciò che dicono o fanno i Miei primogeniti è un’espressione del Mio Spirito. È avendo una chiara comprensione di questo che tutti devono rendere testimonianza ai Miei primogeniti. Questa è la successiva fase della Mia opera, e se qualcuno oppone resistenza, chiederò ai Miei figli prediletti di occuparsene. Adesso è diverso da prima. Se coloro che amo esprimono una parola di giudizio, Satana morirà subito nell’Ade, perché Io ho già concesso l’autorità ai Miei primogeniti. Vale a dire che d’ora in poi è tempo per Me e i Miei primogeniti di governare assieme. (Questo avviene nella fase della carne, cosa leggermente diversa dal governare insieme nel corpo.) Chiunque disobbedisca col pensiero subirà lo stesso destino di coloro che si oppongono alla persona che Io sono. I Miei primogeniti vanno trattati come sono trattato Io, perché siamo un corpo unico e non possiamo mai separarci. Oggi ai Miei primogeniti va resa testimonianza come nel passato è stata resa a Me. Questo è uno dei Miei decreti amministrativi; tutti devono alzarsi e rendere testimonianza.

Il Mio Regno si estende fino ai confini della terra, e i Miei primogeniti viaggiano fino ai confini della terra con Me. A causa degli impedimenti della vostra carne, sono molte le parole da Me pronunciate che voi non capite, perciò la maggior parte dell’opera deve essere compiuta dopo il ritorno a Sion. Dalle Mie parole si può vedere che non è lontano; in realtà, è quasi giunto il momento. Ecco perché parlo continuamente di Sion e delle questioni di Sion. Sapete qual è lo scopo delle Mie parole? Sapete che cosa c’è nel Mio cuore? Il Mio cuore brama di ritornare presto a Sion, di porre fine alla vecchia età nella sua interezza, di porre fine alla nostra vita sulla terra (perché Io aborrisco le persone, le questioni e le cose terrene e odio ancor più la vita nella carne, e gli impedimenti della carne sono grandi; solo col ritorno a Sion tutto prospererà) e di ripristinare la nostra vita nel Regno. Lo scopo della Mia prima incarnazione era porre le fondamenta per la Mia seconda incarnazione. Questo era il cammino che doveva essere percorso. Solo dedicandoMi completamente a Satana potevo redimervi, in modo che possiate ritornare nel Mio corpo durante l’ultima fase. (Se non fosse stato per la Mia prima incarnazione, non sarei riuscito a ottenere la gloria, né ad accettare il sacrificio espiatorio, così voi sareste venuti al mondo peccatori.) Poiché ho sapienza infinita, il fatto che vi abbia condotti fuori da Sion indica che mi assicurerò di riportarvi a Sion. I tentativi di Satana di bloccare la strada non avranno successo perché la Mia grande opera è stata compiuta tanto tempo fa. I Miei primogeniti sono uguali a Me, sono santi e immacolati, perciò Io ritornerò comunque a Sion con i Miei primogeniti e non ci separeremo mai.

Il Mio intero piano di gestione vi viene rivelato gradualmente. Ho cominciato a compiere la Mia opera in tutte le nazioni e fra tutti i popoli. Questo basta a dimostrare che il Mio ritorno a Sion non è troppo lontano perché compiere la Mia opera in tutte le nazioni e fra tutti i popoli è qualcosa da fare dopo il ritorno a Sion. Il Mio ritmo va accelerando sempre più. (Poiché il giorno del Mio ritorno a Sion si sta avvicinando, voglio finire la Mia opera sulla terra prima di allora.) Sono sempre più indaffarato con la Mia opera, eppure vi è sempre meno da fare per Me sulla terra, quasi niente. (La Mia operosità è rivolta all’opera dello Spirito, che non può essere vista dall’uomo a occhio nudo ma può solo essere ricavata dalle Mie parole; la Mia operosità non è paragonabile all’essere indaffarati nella carne, ma si riferisce invece alla Mia pianificazione di molti compiti.) Questo perché, come ho detto, la Mia opera sulla terra è già stata completamente portata a termine, e il resto della Mia opera deve aspettare fino al Mio ritorno a Sion. (Il motivo per cui devo ritornare a Sion per compiere l’opera è che l’opera futura non può essere realizzata nella carne; se fosse svolta nella carne, recherebbe disonore al Mio nome.) Quando sconfiggerò i Miei nemici e ritornerò a Sion, la vita sarà più bella e pacifica della vita prima dei secoli. (Questo perché ho completamente superato il mondo e, grazie alla Mia prima e alla Mia seconda incarnazione, ho ottenuto la gloria completa. Nella Mia prima incarnazione ho ottenuto solo una parte della Mia gloria, ma nella Mia seconda incarnazione la Mia persona ha ottenuto gloria completa, e così non vi sono più occasioni che Satana possa sfruttare. Pertanto la vita futura a Sion sarà ancora più bella e pacifica.) La Mia persona si manifesterà in maniera ancora più gloriosa davanti al mondo e a Satana per umiliare il gran dragone rosso: questo è il fulcro della Mia sapienza. Più parlo di cose esteriori, più voi siete in grado di capire; più parlo di cose di Sion che gli esseri umani non possono vedere, più penserete che tali cose siano vacue e più difficile sarà per voi immaginarle; penserete che Io stia raccontando favole. Però dovete essere vigili: nella Mia bocca non ci sono parole vuote, le parole che provengono dalla Mia bocca sono degne di fiducia. Per quanto sia difficile capirlo con il vostro modo di pensare, questo è assolutamente vero. (Per via delle limitazioni della carne, gli esseri umani sono incapaci di capire in maniera completa e profonda ciò che dico, e molte delle cose che ho detto non sono state rivelate completamente. Eppure, quando ritorneremo a Sion non avrò bisogno di spiegare nulla; lo capirete con naturalezza.) Questo non deve essere preso alla leggera.

Sebbene la carne e le nozioni umane abbiano delle limitazioni, Io voglio comunque migliorare il vostro pensiero di mortali e combattere le vostre nozioni mediante i misteri rivelati perché, come ho detto molte volte, questa è una fase della Mia opera (e tale opera non si fermerà fino all’ingresso a Sion). Vi è un “monte Sion” nella mente di ogni persona, e per ognuna è diverso. Poiché continuo a menzionare il monte Sion, vi darò qualche informazione generale in modo che possiate conoscerlo un po’. Essere sul monte Sion significa ritornare al mondo spirituale. Anche se si riferisce al mondo spirituale, non è un luogo che gli esseri umani non possano vedere e toccare; questo riguarda il corpo. Non è assolutamente invisibile o intangibile, perché quando il corpo si manifesta ha forma e configurazione, ma quando il corpo non si manifesta non ha forma né configurazione. Sul monte Sion non vi saranno preoccupazioni riguardo a cibo, vestiti, necessità quotidiane o alloggio, né vi saranno matrimonio o famiglia, né divisioni di genere (tutti coloro che sono sul monte Sion sono la Mia persona, in un unico corpo, perciò non vi sono matrimonio, famiglia e divisioni di genere) e tutto ciò di cui parla la Mia persona si realizzerà. Quando le persone non staranno in guardia, la Mia persona si manifesterà fra loro e, quando non presteranno attenzione, la Mia persona scomparirà. (Si tratta di qualcosa che le persone in carne e ossa non possono realizzare, perciò è difficile per voi immaginarlo adesso.) In futuro vi saranno ancora un sole, una luna, un cielo e una terra fisici, ma poiché la Mia persona sarà a Sion, il sole non brucerà, non ci sarà la luce del giorno e non si soffrirà per calamità naturali. Quando ho detto che non avremo bisogno né della luce di una lampada né della luce del sole perché Dio splenderà su di noi parlavo del trovarsi a Sion. Secondo le nozioni umane, ogni cosa dell’universo deve essere eliminata e tutti gli esseri umani devono vivere alla Mia luce. Pensano che questo sia il vero significato di “non avremo più bisogno né della luce di una lampada né della luce del sole perché Dio splenderà su di noi”, ma in realtà questa è un’interpretazione inesatta. Quando ho detto “l’albero che dà dodici raccolti, ogni mese”, Mi riferivo alla situazione di Sion. Questa frase rappresenta le condizioni di vita a Sion nella loro interezza. A Sion il tempo non sarà limitato e non vi saranno limitazioni di geografia e di spazio. Per questo ho detto “ogni mese”. “Dodici raccolti” non rappresenta il comportamento che vivete oggi, si riferisce alla vita di libertà a Sion. Queste parole sono una generalizzazione della vita a Sion. Da questo si può vedere che la vita a Sion sarà ricca e varia (perché qui “dodici” si riferisce alla pienezza). Sarà una vita senza dolore e lacrime, non vi saranno né sfruttamento né oppressione, perciò tutti saranno emancipati e liberi. Questo perché tutto esiste entro la Mia persona, nessuno può separarlo, e tutto sarà una scena di bellezza e novità eterna. Sarà un’epoca in cui tutto sarà pronto, sarà l’inizio della nostra vita dopo il nostro ritorno a Sion.

Anche se la Mia opera sulla terra è stata completamente portata a termine, ho ancora bisogno che i Miei primogeniti operino sulla terra, perciò non posso ancora ritornare a Sion. Non posso ritornare a Sion da solo, ma vi tornerò assieme ai Miei primogeniti quando avranno terminato la loro opera sulla terra. In questo modo, si può giustamente dire che otterremo gloria assieme; questa sarà la manifestazione completa della Mia persona. (Dico che l’opera dei Miei primogeniti sulla terra non è ancora completa perché i Miei primogeniti ancora non sono stati resi manifesti. Questa opera deve ancora essere svolta dai servitori leali e onesti.)

Pagina precedente: Capitolo 114

Pagina successiva: Capitolo 116

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Pratica (8)

Ancora non capite i vari aspetti della verità, e ci sono ancora parecchi errori e deviazioni nella vostra pratica; in molti ambiti vivete...

Dio Stesso, l’Unico III

L’autorità di Dio (II)Oggi continueremo la condivisione sull’argomento “Dio Stesso, l’Unico”. Ne abbiamo già avute due su questo tema, la...

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro