Capitolo 105

Le persone Mi rinnegano a causa dei principi a base delle Mie parole e per via del modo in cui opero; questo è lo scopo del Mio parlare così a lungo (questo è diretto a tutti i discendenti del gran dragone rosso). È il metodo saggio della Mia opera; è il Mio giudizio sul gran dragone rosso. Questa è la Mia strategia, e non una sola persona può comprenderla pienamente. A ogni svolta, cioè a ogni fase di transizione del Mio piano di gestione, alcune persone devono essere eliminate; vengono eliminate secondo la sequenza della Mia opera. Questo, e solo questo, è il modo in cui funziona il Mio intero piano di gestione. Dopo aver scartato, a una a una, le persone che voglio eliminare, comincio la fase successiva della Mia opera. Tuttavia, questa è l’ultima cacciata (cioè all’interno delle Chiese in Cina) ed è anche il momento in cui la maggior parte delle persone sarà eliminata durante una fase di transizione sin dalla creazione del mondo. Nel corso della storia, ogni volta che le persone sono state eliminate, ne è rimasta una parte per rendere servizio in vista dell’opera successiva. Ma questa volta è diversa; è netta ed efficiente, la più critica e la più completa di tutte. Anche se, dopo aver letto le Mie parole, la maggior parte delle persone cerca di scacciare i dubbi dalla mente, alla fine non riesce a superarli e soccombe nella lotta. Non spetta all’uomo decidere, perché quelli che ho predestinato non possono sfuggire, e quelli che non ho predestinato posso solo disprezzarli. Le uniche persone che amo sono coloro che guardo con favore; altrimenti non una singola persona può uscire ed entrare liberamente dal Mio Regno. Questa è la Mia verga di ferro e solo questa è la potente testimonianza e la piena manifestazione dell’esecuzione dei Miei decreti amministrativi. Di sicuro non si tratta solo di essere determinati. Perché ho detto che Satana è stato impotente contro la caduta? All’inizio ha avuto forza, ma è nelle Mie mani; se gli chiedo di sdraiarsi, deve sdraiarsi; se gli chiedo di alzarsi per renderMi servizio, deve alzarsi e renderMi servizio, e farlo bene. Non è Satana a essere disposto a farlo, è la Mia verga di ferro a governarlo, e solo allora è convinto nel cuore e a parole. I Miei decreti amministrativi lo governano e Io ho la Mia forza, quindi Satana non può che essere completamente convinto; deve essere calpestato sotto il Mio sgabello, senza traccia di resistenza. In passato, quando rendeva servizio per i Miei figli, Satana era audace fino all’estremo e li tormentava deliberatamente, sperando così di umiliarMi e sostenendo che ero incapace. Com’è cieco! Ti calpesterò a morte! Avanti: ti sfido a essere di nuovo crudele! Ti sfido a trattare nuovamente i Miei figli con fredda indifferenza! Più le persone sono oneste e più ascoltano le Mie parole e si sottomettono a Me, più tu le tiranneggi e le isoli (Mi sto riferendo al tuo radunare complici per costituire una fazione). Ora i tuoi giorni di barbarie sono giunti alla fine e Io sto pareggiando il conto con te un po’ alla volta, e non ti permetterò di passarla liscia in alcun modo. Ora non sei tu, Satana, ad aver preso il potere; al contrario, ho ripreso Io quel potere ed è arrivato il momento di chiamare i Miei figli perché trattino con te. Devi obbedire e non opporre la benché minima resistenza. Non importa quanto bene ti sia comportato in passato dinanzi a Me, non ti sarà di aiuto oggi. Se non sei tra coloro che amo, allora non ti voglio. Uno di troppo è inaccettabile; deve essere il numero che ho predeterminato, e uno in meno è ancora peggio. Satana, non essere di disturbo! Possibile che Io non abbia chiaro nel Mio cuore chi amo e chi odio? Ho bisogno che Me lo ricordi? Satana potrebbe dare alla luce i Miei figli? Sono tutti assurdi! Sono tutti sciagurati! Scarterò tutti fino in fondo, e completamente. Non ne voglio nemmeno uno; devono andarsene tutti! Il piano di gestione di seimila anni è al termine, la Mia opera è conclusa, e Io devo eliminare questa orda di bestie e di bruti!

Quelli che credono alle Mie parole e le compiono devono essere coloro che amo; non ne abbandonerò neppure uno, non ne lascerò andare via neppure uno. Così quelli che sono i figli primogeniti non hanno di che preoccuparsi. Poiché è stato conferito da Me, nessuno può portarlo via, e Io sono tenuto a concederlo a coloro che benedico. Coloro che approvo (prima della creazione del mondo), li benedico (oggi). Questo è il modo in cui opero, è anche il principio fondamentale di ogni clausola dei Miei decreti amministrativi e nessuno può cambiarlo; non si può aggiungere un’altra parola, né un’altra frase, e può si può nemmeno omettere una singola parola o una frase. In passato ho spesso detto che la Mia persona Si manifesta a voi. Cos’è allora la Mia “persona” e come Si manifesta? Si riferisce semplicemente alla persona che Io sono? Sta semplicemente a significare ogni frase che dico? Questi due aspetti, pur essendo indispensabili, costituiscono solo una piccola parte, vale a dire che non forniscono la spiegazione completa della Mia persona. La Mia persona include il Mio io carnale, le Mie parole e anche le Mie azioni, ma la spiegazione più esatta è che Io e i Miei primogeniti siamo la Mia persona. Vale a dire, un gruppo di cristiani solidali che regnano e detengono il potere sono la Mia persona. Quindi, ognuno dei figli primogeniti è indispensabile ed è una parte della Mia persona, e perciò sottolineo che il numero delle persone non può essere né uno di troppo (recherebbe umiliazione al Mio nome) né, ancora più fondamentale, uno di meno (non sarebbe in grado di manifestarMi pienamente). Inoltre, continuo a sottolineare che i primogeniti sono i Miei cari, il Mio tesoro, la cristallizzazione del Mio piano di gestione di seimila anni; soltanto loro possono esprimere la Mia perfetta e piena manifestazione. Io Stesso posso essere solo una manifestazione piena della Mia persona, ma soltanto con i figli primogeniti si può dire che Io Stesso sia una manifestazione perfetta e piena. Perciò ho richieste precise per i Miei figli primogeniti, senza trascurare nulla, e più volte abbatto ed elimino tutti quelli che non sono i Miei figli primogeniti; questa è la radice di tutto ciò che ho detto, e ne è l’obiettivo ultimo. Inoltre, sottolineo ripetutamente che devono essere persone approvate da Me, che ho scelto personalmente sin dalla creazione del mondo. Quindi, come spiegare ora “manifestarsi”? Riguarda il momento in cui si entra nel mondo spirituale? La maggior parte delle persone crede che sia il momento in cui il Mio io carnale è stato unto, o il momento in cui hanno visto il Mio io carnale, ma tutto questo è falso; non si avvicina nemmeno alla verità. “Manifestarsi”, secondo il suo significato originale, non è affatto difficile da capire, ma lo è molto di più comprenderlo secondo la Mia intenzione. Si può dire così: quando ho creato l’umanità, stavo infondendo la Mia qualità in questo gruppo di persone che amavo, e questo gruppo di persone era la Mia persona. Per dirla diversamente, la Mia persona Si era già manifestata in quel momento. Non è che la Mia persona Si sia manifestata dopo che questo nome è stato ricevuto, ma piuttosto Si è manifestata dopo che ho predestinato questo gruppo di persone, perché contengono la Mia qualità (la loro natura non cambia, sono ancora una parte della Mia persona). Quindi la Mia persona, dalla creazione del mondo fino ai giorni nostri, Si è sempre manifestata. La maggior parte delle persone crede nella nozione secondo cui il Mio io carnale sia la Mia persona, il che non è assolutamente così; è un’idea originata semplicemente dai loro pensieri e nozioni. Se solo il Mio io carnale fosse la Mia persona, non sarebbe sufficiente a svergognare Satana. Non riuscirebbe a glorificare il Mio nome, e in realtà avrebbe un effetto opposto, disonorando così il Mio nome, e diventando un marchio di Satana che svergogna il Mio nome attraverso i secoli. Io sono il Dio Stesso saggio e non farei mai una cosa così sciocca.

La Mia opera deve portare a dei risultati, e ancora di più devo pronunciare parole con metodo; tutte le Mie parole e le Mie espressioni sono pronunciate insieme al Mio Spirito, e Io parlo secondo tutto ciò che fa il Mio Spirito. Quindi, attraverso le Mie parole, tutto dovrebbe sentire il Mio Spirito, capire cos’è che sta facendo il Mio Spirito, vedere cosa voglio fare esattamente, vedere il Mio modo di operare secondo le Mie parole, e vedere quali sono i principi del Mio intero piano di gestione. Io osservo l’intero quadro dell’universo: ogni persona, ogni evento e ogni luogo sono soggetti al Mio comando. Non c’è nessuno che osi violare il Mio piano; tutti avanzano passo dopo passo nell’ordine che ho stabilito. Questa è la Mia forza, è dove risiede la saggezza di gestire il Mio piano nella sua interezza. Nessuno può capire pienamente o parlare con chiarezza. Tutto è fatto personalmente da Me, e da Me solo è controllato.

Pagina precedente: Capitolo 104

Pagina successiva: Capitolo 106

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Dio Stesso, l’Unico III

L’autorità di Dio (II)Oggi continueremo la condivisione sull’argomento “Dio Stesso, l’Unico”. Ne abbiamo già avute due su questo tema, la...

Capitolo 18

Ogni animale viene rivelato nella sua vera forma da un lampo di luce. Così pure, illuminati dalla Mia luce, gli esseri umani hanno...

Dio Stesso, l’Unico VII

Dio è la fonte di vita per tutte le cose (I)Panoramica sull’autorità, sull’indole giusta e sulla santità di DioQuando avete finito di...

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro