La Parola appare nella carne

Contenuti

Solamente affrontando prove dolorose puoi conoscere la bellezza di Dio

Quanto ami Dio esattamente? E quanto conosci esattamente tutto ciò che Egli ha fatto per te? Queste sono le cose che dovresti imparare. Quando Dio arriva sulla terra, tutte le cose che ha compiuto nell’uomo e ciò che gli ha permesso di vedere, saranno tali che l’uomo Lo amerà e Lo conoscerà veramente. Che l’uomo possa soffrire per Dio e che sia potuto arrivare fino a questo punto è dovuto da un lato all’amore di Dio e dall’altro alla Sua salvezza; inoltre, è dovuto all’opera di giudizio e di castigo che Dio ha compiuto nell’uomo. Se Dio non vi giudica, non vi punisce, non vi mette alla prova e non vi fa soffrire, allora, onestamente, non amate veramente Dio. Maggiore è l’opera di Dio nell’uomo, maggiore è la sua sofferenza, più è in grado di mostrare quanto l’opera di Dio sia significativa e più il cuore dell’uomo è in grado di amarLo sinceramente. Come imparate ad amare Dio? Senza il tormento e la raffinazione, senza prove dolorose e se, per di più, tutto ciò che Dio ha dato all’uomo fosse grazia, amore e misericordia, riusciresti a raggiungere il vero amore di Dio? Da una parte, nelle prove di Dio l’uomo riconosce le sue mancanze e nota che è insignificante, indegno e umile, che non ha nulla e non è nulla; dall’altra, nelle Sue prove Dio crea contesti diversi per l’uomo, che lo rendono più capace di sperimentare la bellezza di Dio. Malgrado il dolore sia grande, a volte insormontabile, e raggiunga persino il livello di una pena opprimente, l’uomo provandolo vede quanto sia bella l’opera di Dio in lui e soltanto su questa base nasce nell’uomo il vero amore verso Dio. Oggi l’uomo realizza che solo con la grazia, l’amore e la misericordia di Dio è incapace di conoscersi veramente, tantomeno è in grado di conoscere la sua essenza. Solamente attraverso la prova e il giudizio di Dio, soltanto durante questa prova, l’uomo può conoscere le sue mancanze, impara di non avere nulla, e così l’amore dell’uomo verso Dio si costruisce in base alla raffinazione e al Suo giudizio. Se godi soltanto della grazia di Dio, con una vita familiare serena o con benedizioni materiali, allora non Lo hai conosciuto e la tua fede in Lui è venuta meno. Dio ha già completato una fase dell’opera di grazia nella carne ed ha già donato benedizioni materiali all’uomo, ma questo non può essere reso perfetto soltanto con la grazia, l’amore e la misericordia. Nelle sue esperienze l’uomo intravede parte dell’amore di Dio e vede il Suo amore e la Sua misericordia, anche se le sperimenta per un periodo di tempo, l’uomo nota che la grazia di Dio, il Suo amore e la Sua misericordia sono incapaci di renderlo perfetto, non sono in grado di rivelare ciò che è corrotto nell’uomo, né sono in grado di liberarlo dalla sua indole corrotta o di rendere perfetti il suo amore e la sua fede. L’opera della grazia di Dio è stata l’opera di un’epoca e l’uomo non può contare di godere della Sua grazia per conoscerLo.

Come realizza Dio la perfezione nell’uomo? Con la Sua retta indole. L’indole di Dio consiste principalmente nella giustizia, nella collera, nella maestà, nel giudizio e nella maledizione e rende perfetto l’uomo essenzialmente attraverso il Suo giudizio. Alcune persone non comprendono e si chiedono come mai Dio possa rendere perfetto l’uomo solo con il Suo giudizio e la Sua maledizione. Affermano che, se Dio dovesse maledire l’uomo, questo non morirebbe? Se Dio dovesse giudicare l’uomo, quest’ultimo non verrebbe condannato? Allora, come può essere reso comunque perfetto? Queste sono le parole delle persone che non conoscono l’opera di Dio. Ciò che Egli maledice è la disobbedienza dell’uomo e ciò che giudica sono i suoi peccati. Anche se parla con severità e senza la minima sensibilità, Egli rivela tutto ciò che si trova nell’uomo e con queste parole austere palesa ciò che è essenziale per lui; tuttavia con tale giudizio gli dona una conoscenza profonda dell’essenza della carne e perciò l’uomo obbedirà a Dio. La carne dell’uomo è composta dal peccato, da Satana, è ribelle ed è l’oggetto della punizione di Dio e perciò, per consentire all’uomo di conoscere se stesso, le parole del giudizio di Dio devono colpirlo e deve essere usato ogni tipo di raffinazione; soltanto allora la Sua opera sarà efficace.

Dalle parole pronunciate da Dio si può notare che Egli ha già condannato la carne dell’uomo. Queste, dunque, sono parole dettate dalla maledizione? Le parole pronunciate da Dio rivelano le vere intenzioni dell’uomo, attraverso tale rivelazione verrai giudicato e quando noterai di non essere in grado di compiere la Sua volontà, proverai dolore e rimorso, ti sentirai in debito verso Dio ed inadeguato alla Sua volontà. Ci sono delle volte in cui lo Spirito Santo ti educa da dentro e questa disciplina viene dal giudizio di Dio; ci sono volte in cui Dio ti rimprovera e ti nasconde il Suo volto, quando non ti presta attenzione e non agisce su di te, punendoti silenziosamente per raffinarti. L’opera di Dio sull’uomo consiste principalmente nel rendere chiara la Sua retta indole . Che testimonianza rende in sostanza l’uomo a Dio? Egli testimonia che Dio è retto, che la Sua indole rappresenta la giustizia, la collera, la punizione e il giudizio; l’uomo è testimone della Sua retta indole. Dio usa il Suo giudizio per rendere perfetto l’uomo, lo ama e lo salva, ma quante cose contiene il Suo amore? C’è giudizio, maestà, collera e maledizione. Sebbene Dio abbia maledetto l’uomo in passato, non lo ha cacciato in un pozzo senza fondo, ma ha usato questi strumenti per raffinare la sua fede; non ha condannato a morte l’uomo, ma ha agito per renderlo perfetto. L’essenza della carne è ciò che appartiene a Satana, Dio ha detto esattamente questo, ma le cose realizzate da Dio non vengono completate secondo le Sue parole. Ti condanna in modo che tu possa amarLo ed in modo che tu possa conoscere l’essenza della carne; ti punisce affinché tu possa rimanere attento, per permetterti di conoscere le tue mancanze e la tua indegnità assoluta. Quindi le maledizioni, il giudizio, la maestà e la collera di Dio hanno tutti lo scopo di rendere perfetto l’uomo. Tutto ciò che Egli compie in questi giorni e l’indole retta che Egli rende chiara a voi, hanno lo scopo di rendere perfetto l’uomo e questo è il Suo amore.

Nelle concezioni tradizionali dell’uomo l’amore di Dio è la Sua grazia, la Sua misericordia e la Sua compassione per la debolezza dell’uomo. Sebbene queste cose rappresentino anche l’amore di Dio, sono troppo unilaterali e non sono i mezzi principali con i quali Dio rende perfetto l’uomo. Il motivo per cui alcune persone hanno appena cominciato a credere in Dio è dovuto alla malattia. Questa malattia è la grazia di Dio verso di te; senza questa non crederesti in Dio e se non credessi in Lui, allora non saresti arrivato a questo punto, quindi persino questa grazia rappresenta l’amore di Dio. Nel periodo della fede in Gesù, la gente fece molte cose che Dio non amava, perché non capiva la verità, eppure Dio ha amore e misericordia ed ha portato l’uomo fino a questo punto, ed anche se l’uomo non capisce niente, Dio gli permette comunque di seguirLo e, inoltre, lo ha guidato fino ad oggi. Non è questo l’amore di Dio? Ciò che viene manifestato nell’indole di Dio rappresenta il Suo amore, questo è assolutamente giusto! Quando la costruzione della chiesa raggiunse l’apice, Dio compì il passo del lavoro di “servitore” e gettò l’uomo nel pozzo senza fondo. Le parole dell’epoca “dei servitori” erano tutte maledizioni: le maledizioni della tua carne, le maledizioni della tua indole satanica corrotta e le maledizioni delle tue cose che non compiono la Sua volontà. L’opera compiuta da Dio in quella fase venne espressa come maestosa; subito dopo che Dio ebbe portato a termine la fase dell’opera di punizione, giunse poi la prova della morte. In tale opera l’uomo vide la collera, la maestà, il giudizio ed il castigo di Dio, tuttavia vide anche la Sua grazia, il Suo amore e la Sua misericordia; tutto ciò che Dio fece e tutto ciò che si manifestò come la Sua indole, fu l’amore per l’uomo e tutto ciò che Egli fece fu in grado di soddisfare le esigenze umane. Egli fece questo per rendere perfetto l’uomo e provvide secondo la sua statura morale. Se Dio non avesse fatto questo, l’uomo non sarebbe stato capace di stare al Suo cospetto e non avrebbe avuto modo di conoscere il Suo vero volto. Da quando l’uomo iniziò a credere in Dio per la prima volta fino a oggi, Egli ha provveduto gradualmente all’uomo secondo la sua statura morale, cosicché questi è riuscito a poco a poco a conoscere Dio interiormente. Solo ad oggi l’uomo si rende conto di quanto sia meraviglioso il giudizio di Dio. La fase di lavoro dei “servitori” è stato il primo caso di opera di maledizione dal tempo della creazione fino ad oggi. L’uomo è stato dannato nell’abisso senza fondo. Se Dio non avesse fatto questo, oggi l’uomo non avrebbe una conoscenza reale di Lui; è soltanto con la maledizione di Dio che l’uomo riconosce ufficialmente la Sua indole. Quelle esperienze hanno mostrato all’uomo che la sua lealtà era inaccettabile, che la sua statura morale era troppo bassa, che era incapace di compiere la volontà di Dio e che le sue affermazioni di volerLo compiacere in ogni momento erano soltanto parole. Anche se durante la fase del lavoro di “servitore” Dio ha maledetto l’uomo, dalla prospettiva odierna quella fase dell’opera è stata meravigliosa: ha dato una grande svolta all’uomo ed ha provocato un grande cambiamento nella sua indole di vita. Prima dell’epoca dei “servitori”, l’uomo non aveva capito nulla della ricerca della vita, di cosa significasse credere in Dio o della saggezza della Sua opera, né aveva capito che la Sua opera può mettere alla prova l’uomo. A partire dal servizio fino a oggi, l’uomo ha visto quanto sia meravigliosa e imperscrutabile l’opera di Dio ed usando la sua mente non è in grado di immaginare come Egli lavori, ma può vedere quanto sia bassa la sua statura morale e quanto sia troppo disobbediente. Quando Dio ha maledetto l’uomo, lo ha fatto per ottenere un risultato e non lo ha condannato a morte. Anche se Egli ha maledetto l’uomo, lo ha fatto solo a parole e le Sue maledizioni non l’hanno davvero colpito, perché ciò che Dio ha condannato è stata la disobbedienza dell’uomo ed in questo modo le parole delle Sue maledizioni lo hanno comunque reso perfetto. Il fatto che Dio giudichi o maledica l’uomo, lo rende comunque perfetto. Entrambe le cose hanno lo scopo di rendere migliore ciò che non è puro in lui. Con questi mezzi egli è stato perfezionato e le sue mancanze sono state rese perfette dalle parole di Dio e dalla Sua opera. Ogni fase dell’opera di Dio, sia essa fatta di parole dure, di giudizio o di castigo, rende l’uomo perfetto ed è assolutamente appropriata. Dio non ha mai compiuto un’opera simile nel corso degli anni; oggi Egli opera in voi in modo che apprezziate la Sua saggezza. Malgrado abbiate provato la sofferenza, i vostri cuori sono saldi e sereni; è la vostra benedizione riuscire a godere di questa fase dell’opera di Dio. A prescindere da ciò che potrete ottenere in futuro, tutta l’opera di Dio che vedete in voi oggi consiste nell’amore. Se l’uomo non sperimenta il giudizio e la raffinazione di Dio, le sue azioni e il suo fervore saranno sempre apparenti e la sua indole rimarrà sempre immutata. Tutto ciò significa essere stato conquistato da Dio? Oggi, malgrado ci sia ancora molta arroganza e presunzione nell’uomo, la sua indole è molto più stabile rispetto ai tempi passati. Dio ti tratta in questo modo per salvarti ed anche se provi un po’ di dolore al momento, verrà il giorno in cui ci sarà un cambiamento in te. In quel momento guarderai indietro e noterai quanto sia saggia l’opera di Dio e quel momento arriverà quando saprai veramente comprendere la Sua volontà. Oggi c’è gente che afferma di comprendere la volontà di Dio, ma non è realista, dice assurdità, perché attualmente deve ancora comprendere se la volontà di Dio sia quella di salvare l’uomo o di maledirlo. Forse ora non lo vedi chiaramente, ma verrà il momento in cui vedrai che il giorno della glorificazione di Dio è arrivato, vedrai quanto sia importante amare Dio, che ti farà conoscere la vita umana e farà vivere la tua carne nel mondo di Dio amorevole; la tua anima verrà liberata, la tua vita sarà piena di gioia, starai per sempre vicino a Dio e Lo guarderai. In quel momento saprai veramente quanto sia preziosa l’opera di Dio in questi giorni.

Oggi, la maggior parte della gente non se ne rende conto: crede che la sofferenza non abbia alcun significato, viene abbandonata dal mondo, la sua vita familiare è instabile; Dio non ama queste persone e le loro prospettive sono tristi. La sofferenza di alcune persone raggiunge un certo punto e i loro pensieri si rivolgono alla morte. Questo non è il vero amore di Dio; questa gente è vigliacca, non ha la perseveranza, è debole ed inerme! Dio desidera che l’uomo Lo ami, ma più l’uomo Lo ama, maggiori saranno la sua sofferenza e le sue prove. Se Lo ami, ogni genere di sofferenza ti colpirà, in caso contrario, forse, tutto procederà senza ostacoli e tranquillamente, intorno a te. Quando ami Dio, sentirai che molte cose sono insormontabili e dato che la sua statura morale è troppo bassa, verrai raffinato e non sarai capace di compiacere Dio; avvertirai che la Sua volontà è troppo elevata, che va oltre la possibilità umana. Verrai raffinato grazie a tutto questo, in quanto c’è molta debolezza in te e molta incapacità di compiere la volontà di Dio, verrai raffinato interiormente. Tuttavia dovete comprendere chiaramente che la purificazione si raggiunge solo attraverso la prova. Perciò, negli ultimi giorni dovete rendere testimonianza a Dio. Non importa quanto sia grande la vostra sofferenza, dovreste continuare fino alla fine e persino fino al vostro ultimo respiro, dovete ancora essere fedeli a Dio e lasciare tutto di buon grado a Dio; solo questo è vero amore per Lui e una testimonianza forte ed eclatante. Quando sei tentato, dovresti dire: “Il mio cuore appartiene a Dio ed Egli mi ha già conquistato. Non posso soddisfarti, devo dedicare tutto me stesso a compiacere Dio”. Più soddisfi Dio, più Egli ti benedirà e maggiore sarà la forza del tuo amore verso di Lui; così, otterrai anche la fede e la determinazione e sentirai che niente è più degno o importante di una vita dedicata ad amare Dio. Si può dire che l’uomo non debba far altro che amare Dio per non provare dolore. Anche se ci sono momenti in cui la tua carne è debole e sei assalito da molte difficoltà reali, in queste occasioni ti affiderai veramente a Lui e verrai consolato nella tua anima, avrai la sicurezza e qualcosa su cui contare. In questo modo sarai in grado di superare molte circostanze e non ti lamenterai di Dio per l’angoscia che provi; vorrai cantare, ballare e pregare, costruire e condividere, riflettere su di Lui e sentirai che tutte le persone, gli argomenti e le cose intorno a te che vengono organizzate da Dio, si aggiusteranno. Se non ami Dio, tutto ciò che osservi ti sembrerà fastidioso, nulla sarà piacevole ai tuoi occhi; non ti sentirai libero nell’animo, ma oppresso, il tuo cuore si lamenterà sempre di Dio e riterrai di sentire così tanto dolore da sembrarti ingiusto. Se non insisti nella ricerca della felicità, ma per soddisfare Dio e non per essere accusato da Satana, allora tale ricerca ti darà grande forza per amare Dio. L’uomo è in grado di realizzare tutto ciò che Egli ha detto e tutto ciò che fa è in grado di compiacerLo, questo significa possedere la realtà. Cercare di compiacere Dio vuol dire usare l’amore di Dio per mettere in pratica le Sue parole; a prescindere dal momento, anche quando gli altri non hanno la forza, dentro di te c’è ancora un cuore che ama Dio, che Lo desidera profondamente e che avverte la Sua mancanza. Questa è autentica statura morale. La grandezza della tua statura morale dipende dall’intensità del tuo amore verso Dio, se rimani irremovibile una volta messo alla prova, se sei debole quando una determinata circostanza si abbatte su di te e se sai rialzarti quando i tuoi fratelli e sorelle ti rifiutano; l’arrivo degli eventi ti mostrerà semplicemente quale sia il tuo amore verso Dio. Si può notare dalla quantità dell’opera di Dio che Egli ama veramente l’uomo, solo che gli occhi del suo spirito devono ancora aprirsi completamente ed egli non è in grado di intravedere gran parte della Sua opera, della Sua volontà e molte cose di Dio che sono belle; l’uomo ama troppo poco Dio. Credi in Lui per tutto questo tempo ed oggi Egli ha bloccato tutte le vie di fuga. Realisticamente parlando, non hai altra scelta se non intraprendere la retta via verso la quale sei stato condotto dal giudizio severo e dalla salvezza suprema di Dio. Soltanto dopo aver affrontato le difficoltà e la raffinazione l’uomo impara che Dio è amorevole. Avendo avuto esperienza fino a oggi, si può affermare che l’uomo sia giunto a conoscere parte della bellezza di Dio, ma non è ancora abbastanza, perché egli è così carente. Deve sperimentare maggiormente l’opera meravigliosa di Dio e la raffinazione proveniente dalla sofferenza stabilita da Lui. Solo in quel momento l’indole dell’uomo potrà cambiare.