La Parola appare nella carne

Contenuti

Solo amare Dio vuol dire credere veramente in Dio

Oggi, mentre cercate di amare e conoscere Dio, da un lato dovete resistere alle difficoltà e cercare di raffinare, e dall’altro dovete pagare un prezzo. Nessuna lezione è più profonda della lezione di amare Dio e si può dire che la lezione che le persone imparano da una vita di fede riguarda il modo in cui si ama Dio. Vale a dire che se credi in Dio devi amare Dio. Se ti limiti a credere in Dio e non Lo ami, non hai raggiunto la conoscenza di Dio e non hai mai amato Dio con un amore vero che viene dal cuore, e allora la tua fede in Dio è inutile; se, nella tua fede in Dio, non ami Dio, significa che vivi invano e tutta la tua esistenza è la più umile che ci sia. Se, nella vita non hai mai amato o soddisfatto Dio, qual è lo scopo della tua esistenza? E qual è lo scopo della tua fede in Dio? Non è questo uno spreco di energie? In altre parole, se le persone credono in Dio e amano Dio, devono pagare un prezzo. Anziché cercare di agire in un certo modo esternamente, dovrebbero cercare la vera conoscenza nel profondo del cuore. Se sei entusiasta di cantare e ballare, ma sei incapace di mettere in pratica la verità, si può dire che ami Dio? Amare Dio richiede la ricerca della volontà di Dio in tutte le cose; richiede che esplori nel profondo quando ti succede qualcosa, cercando di cogliere la volontà di Dio, e cercando di vedere la volontà di Dio in quello che ti accade, ciò che Egli desidera tu raggiunga e la tua consapevolezza della Sua volontà. Per esempio: si verifica qualcosa che ti richiede di sopportare delle difficoltà ed è in quel momento che dovresti capire qual è la volontà di Dio, che dovresti essere consapevole della Sua volontà. Non devi soddisfare te stesso: innanzitutto, metti te stesso da parte. Nulla è più abietto della carne. Devi cercare di soddisfare Dio e devi compiere il tuo dovere. Con questi pensieri, Dio ti darà un’illuminazione speciale e anche il tuo cuore troverà conforto. Che si tratti di grandi o piccoli avvenimenti, quando ti accade qualcosa devi prima mettere da parte te stesso e considerare la carne come la più bassa di tutte le cose. Più soddisferai la carne, più libertà essa si prenderà; se la soddisfi una volta, la prossima chiederà di più e, di questo passo, arriverai ad amare la carne ancora di più. La carne ha sempre desideri stravaganti, pretende sempre di essere soddisfatta e di essere gratificata, che si tratti delle cose che mangi o di quelle che indossi, del fatto di perdere le staffe o di assecondare le tue debolezze e le tue pigrizie… Quanto più soddisfi la carne, più grandi diventano i suoi desideri, e più dissoluta essa diventa, fino al punto in cui nutre concezioni ancora più radicate e disobbedisce a Dio, si esalta e diventa dubbiosa circa l’opera di Dio. Quanto più soddisfi la carne, maggiori sono le sue debolezze; avrai sempre la sensazione che nessuno simpatizzi con le tue debolezze, crederai che Dio abbia esagerato e ti dirai: “Come può Dio essere così duro? Perché non lascia in pace la gente?” Quando le persone sono troppo indulgenti nei confronti della carne e la amano troppo, si perdono. Se ami veramente Dio, e non soddisfi la carne, allora vedrai che tutto ciò che Dio compie è così giusto e così buono, e che la Sua maledizione della tua ribellione e il Suo giudizio circa la tua iniquità sono giustificati. Ci saranno momenti in cui Dio ti castigherà e ti disciplinerà e stravolgerà il tuo ambiente per temperarti, costringendoti a presentarti dinanzi a Lui; e nonostante questo sentirai sempre che ciò che Dio sta facendo è meraviglioso. Non avrai la sensazione di sentire molto dolore e penserai che Dio è soltanto amorevole. Se, invece, assecondi le debolezze della carne e affermi che Dio esagera, sentirai sempre dolore, e sarai sempre depresso e sarai confuso in merito a tutta l’opera di Dio e ti sembrerà che Dio non comprenda minimamente le debolezze dell’uomo e che sia ignaro delle sue difficoltà. E allora ti sentirai infelice e solo, come se avessi patito una grande ingiustizia e a quel punto inizierai a lamentarti. Quanto più assecondi le debolezze della carne in questo modo, tanto più penserai che Dio esagera, fino al momento in cui starai così male che negherai l’intera opera di Dio e comincerai a opporti a Lui, e diventerai in tutto e per tutto disobbediente. Pertanto, è necessario che ti ribelli contro la carne e non l’assecondi: tuo marito, tua moglie, i tuoi figli, le tue prospettive, il tuo matrimonio, la tua famiglia – niente di tutto questo importa! È necessario possedere questa determinazione: “Nel mio cuore c’è solo Dio e devo fare del mio meglio per soddisfare Lui e per non soddisfare la carne”. Se sei sempre animato da tale determinazione, allora riuscirai a mettere in pratica la verità, e a porre te stesso da parte, con uno sforzo contenuto. Si racconta che una volta c’era un contadino che vide sulla strada un serpente completamente congelato. Il contadino lo raccolse e lo strinse al petto e così, non appena il serpente si riebbe, morse l’agricoltore a morte. La carne dell’uomo è come il serpente: la sua indole è quella di danneggiare la vita – e quando riesce nel suo obiettivo, la tua vita sarà perduta. La carne appartiene a Satana. In essa vi sono desideri stravaganti, essa pensa solo per sé, vuole godere delle comodità, dilettarsi nel tempo libero, sguazzare nella pigrizia e nell’ozio e a un certo punto, dopo averla soddisfatta, ne sarai completamente divorato. Vale a dire che, se la soddisfi una volta, la volta dopo arriverà a chiederti di più. La carne ha sempre dei desideri stravaganti e nuove esigenze e sfrutta la tua propensione verso di lei per fartela amare ancora di più e per vivere tra le sue comodità – e così, se non la domini, in ultima istanza sarai perduto. Che tu riesca o meno a conquistarti la vita dinanzi a Dio e quale sarà la tua fine ultima, dipende da quanto saprai ribellarti contro la carne. Dio ti ha salvato, ti ha scelto e ti ha reso predestinato, ma se oggi non sei disposto a soddisfarLo, significa che non sei disposto a mettere in pratica la verità, che non sei disposto a ribellarti contro la tua stessa carne con un cuore che ama veramente Dio; in ultima istanza tu rovinerai te stesso, e quindi dovrai sopportare il dolore estremo. Se assecondi sempre la carne, Satana gradualmente ti fagociterà e ti lascerà senza vita o senza il tocco dello Spirito, fino al giorno in cui dentro di te sarà completamente buio. Quando vivrai nelle tenebre, sarai stato fatto prigioniero da Satana, non avrai più Dio e in quel momento negherai l’esistenza di Dio e Lo abbandonerai. Quindi, se vuoi amare Dio, devi pagare il prezzo del dolore e sopportare le difficoltà. Non vi è alcun bisogno di manifestare un fervore esterno e una resistenza, nessun motivo per leggere di più e per correre di più da una parte all’altra; piuttosto, è necessario ignorare ciò che è dentro di te: i pensieri stravaganti, gli interessi personali e le tue considerazioni, le tue idee, le tue motivazioni. Questa è la volontà di Dio.

Affrontare i comportamenti esteriori della gente è parte dell’opera di Dio; avere a che fare con l’umanità esteriore, anormale, delle persone, per esempio, o con il loro stile di vita e le loro abitudini, i loro usi e costumi, così come con le loro pratiche esteriori e il loro fervore. Ma quando Egli chiede che gli individui mettano in pratica la verità e modifichino la propria indole, ciò che in primo luogo viene affrontato sono le motivazioni e le idee dentro di loro. Avere a che fare solo con la tua indole esteriore non è difficile; è come chiederti di non mangiare le cose che ami, che è facile. Di contro, non è facile liberarsi da ciò che tocca le idee dentro di te: in questo caso ti viene chiesto di ribellarti contro la carne e di pagare un prezzo e di soffrire davanti a Dio. Questo è ancora più evidente con le motivazioni delle persone. Da quando cui ripongono la loro fede in Dio, le persone iniziano ad alimentare molte motivazioni sbagliate. Quando non metti in pratica la verità, senti che tutte le tue motivazioni sono corrette, ma quando ti succede qualcosa, capisci che ci sono molte motivazioni sbagliate dentro di te. Così, quando Dio rende le persone perfette, le induce a rendersi conto che ci sono molte idee dentro di loro che ostacolano la conoscenza di Dio. Quando riconosci che le tue motivazioni sono sbagliate, se sei in grado di smettere di agire in base alle tue idee e alle tue motivazioni e riesci a rendere testimonianza a Dio e a rimanere saldo nella tua posizione qualunque cosa ti accada, allora dimostri che ti sei ribellato contro la carne. Quando ti ribelli contro la carne, ci sarà inevitabilmente una lotta dentro di te. Satana cercherà di convincerti a seguirlo, cercherà di farti seguire le idee della carne e di difenderne gli interessi – ma la volontà di Dio farà luce nel tuo cuore e ti illuminerà e allora starà a te scegliere se vorrai seguire Dio oppure Satana. Dio chiede alle persone di mettere in pratica la verità in modo da poter affrontare ciò che è dentro di loro, soprattutto i pensieri e le idee che non sono rivolte verso il cuore di Dio. Lo Spirito Santo tocca le persone a un livello intimo e svolge la Sua opera in loro, e per questo dietro tutto ciò che accade vi è una lotta: ogni volta che le persone mettono in pratica la verità o l’amore di Dio, ha luogo una grande lotta, e anche se tutto può sembrare a posto per quanto riguarda la carne, nel profondo del cuore vi sarà una battaglia per la vita o la morte – e solo dopo questa intensa lotta, dopo una quantità enorme di riflessioni, la vittoria o la sconfitta potrà essere decisa. Non si sa se ridere o piangere. Poiché molte delle motivazioni nel cuore delle persone sono sbagliate o perché gran parte dell’opera di Dio è in contrasto con le loro idee, quando le persone mettono in pratica la verità una grande battaglia è combattuta dietro le quinte. Dopo aver fatto proprie questa verità, dietro le quinte le persone avranno versato innumerevoli lacrime di tristezza e infine si saranno decise a soddisfare Dio. È per questa battaglia che le persone devono sopportare la sofferenza e resistere per raffinare; questa è la vera sofferenza. Quando anche per te giunge l’ora di gettarti nella mischia, se sei in grado di stare veramente dalla parte di Dio, sarai in grado di soddisfarLo. La sofferenza, quando si pratica la verità, è inevitabile; se, quando si mette in pratica la verità, intimamente fosse tutto giusto, non ci sarebbe bisogno di essere resi perfetti da Dio e non ci sarebbero né battaglie né sofferenze. È perché dentro le persone ci sono molte cose che non sono adatte a essere utilizzate da Dio, soprattutto per quanto riguarda l’attitudine ribelle della carne, che gli individui hanno bisogno di imparare più in profondità la lezione della ribellione contro la carne. Questo è ciò che Dio chiama “sofferenza”, ciò che Egli ha chiesto all’uomo di subire insieme a Lui. Quando si incontrano delle difficoltà, ci si affretta a pregare Dio: “O Dio! Vorrei soddisfarTi, desidero sopportare le difficoltà estreme pur di soddisfare il Tuo cuore e, indipendentemente da quanto siano grandi gli ostacoli che incontrerò, desidererò ancora soddisfarTi. Se anche dovessi rinunciare a tutta la mia vita, vorrei comunque soddisfarTi!” Con questa decisione, pregando in questo modo, sarai in grado di rimanere saldo nella tua testimonianza di fede. Ogni volta che pongono in pratica la verità, ogni volta che si sottopongono alle prove, ogni volta che sono messe alla prova e che l’opera di Dio scende su di loro, le persone riescono a sopportare anche il dolore estremo. Tutto questo costituisce un esame per le persone e per questo in ogni individuo c’è una battaglia. È questo il prezzo effettivo da pagare. Leggere di più la parola di Dio e darsi maggiormente da fare è il prezzo da pagare. È questo ciò che le persone dovrebbero fare, è loro dovere e una responsabilità che esse dovrebbero assumersi, ma dentro di sé la gente deve dentro mettere da parte ciò che va messo da parte. Se non segui questa via, non importa quanto sia grande la sofferenza esteriore e quanto si insista: sarà tutto inutile! Ciò significa che solo i tuoi cambiamenti interiori possono determinare se il tuo sforzo esteriore ha valore. Quando, invece, la tua indole interiore cambia e metti in pratica la verità, tutta la tua sofferenza esteriore otterrà l’approvazione di Dio; se non vi è stato alcun cambiamento nella tua indole interiore, per quanta sofferenza sopporti o per quanto tu ti dia da fare al di fuori di te, non ci sarà l’approvazione da parte di Dio – e lo sforzo che non è confermato da Dio è vano. Così, il prezzo pagato conta o meno in relazione al cambiamento dentro te e in relazione al fatto che tu abbia messo in pratica la verità e che tu ti sia ribellato contro le tue motivazioni e contro le tue idee con l’intenzione di raggiungere la soddisfazione della volontà di Dio, la conoscenza di Dio e la fedeltà a Dio. Non importa quello che fai: se non ti sei mai ribellato alle tue motivazioni e ti concentri solo sulle azioni esterne e sul fervore e non presti attenzione alla tua vita, il tuo sforzo sarà stato vano. Se, in un determinato ambiente, hai qualcosa che vuoi dire ma dentro di te senti che non è giusto, che non reca beneficio ai tuoi fratelli e alle tue sorelle, e che anzi può fare del male, allora non dirlo: è meglio essere addolorato dentro, perché queste parole sono incapaci di soddisfare la volontà di Dio. In quel momento, ci sarà una battaglia dentro di te, ma sarai disposto a soffrire e a rinunciare a quello che ami, sarai disposto a sopportare questo disagio pur di soddisfare Dio e anche se dentro soffri, non asseconderai la carne e soddisferai il cuore di Dio e, così, intimamente sarai confortato. Questo vuol dire pagare davvero un prezzo ed è questo il prezzo voluto da Dio. Se ti comporti in questo modo, Dio non mancherà di benedirti sicuramente; se invece non riesci a raggiungere questo obiettivo, allora non importa quanto tu comprenda o quanto tu sia capace di parlare bene: ogni cosa sarà compiuta invano! Se, sulla strada dell’amore di Dio, sarai in grado di restare saldo in Dio quando Egli combatterà contro Satana, e di non andare dalla parte di Satana, allora avrai raggiunto l’amore di Dio, e avrai resistito saldamente nella tua testimonianza di fede.

In ogni fase dell’opera che Dio compie sulle persone, esternamente sembra che si tratti di un’interazione tra le persone, come se tutto nascesse da disposizioni o da interferenze umane. Ma dietro le quinte, in ogni fase del lavoro e di tutto ciò che accade, vi è una scommessa fatta da Satana davanti a Dio, una scommessa che richiede che le persone rimangano salde nella loro testimonianza di fede a Dio. Considera quando Giobbe è stato tentato, per esempio: dietro le quinte, Satana aveva fatto una scommessa con Dio e ciò che è accaduto a Giobbe era legato alle azioni degli uomini e alla loro interferenza. Dietro ogni passo che Dio compie dentro di voi, vi è la scommessa di Satana con Dio – dietro ogni cosa vi è una battaglia. Ad esempio, se hai dei pregiudizi verso i tuoi fratelli e le tue sorelle, proferirai parole che desideri proferire – parole che senti possano dispiacere a Dio –, ma interiormente avvertirai una difficoltà e così dentro di te, in quel momento, inizierà una battaglia: pronunciare o meno quelle parole? Questa è la battaglia. Così, in ogni cosa c’è una battaglia, e quando c’è una battaglia dentro di te, grazie alla tua continua collaborazione e alla tua vera sofferenza, Dio lavora dentro di te. In ultima istanza, dentro di te riesci a mettere da parte il problema e così la rabbia si spegne, naturalmente. Questo è l’effetto della tua collaborazione con Dio. Tutto quello che fai richiede di pagare un certo prezzo per i tuoi sforzi. Se non si affrontano delle difficoltà reali, non è possibile soddisfare Dio, non è possibile farlo nemmeno lontanamente e tutto diventa una mera vuota dichiarazione! E delle vuote dichiarazioni possono forse soddisfare Dio? Quando Dio e Satana combattono nel regno dello spirito, in che modo dovresti soddisfare Dio e in che modo dovresti essere fermo nella tua testimonianza di fede verso di Lui? Dovresti sapere che tutto ciò che ti accade è una grande prova ed è quello il momento in cui Dio ha bisogno che tu rimanga saldo nella tua testimonianza di fede. Dal di fuori, potrebbe non sembrare un grosso problema, ma, quando succedono, queste cose mostrano se ami o meno Dio. Se lo fai, sarai in grado di rimanere saldo nella tua testimonianza di fede a Dio, mentre se non hai messo in pratica il Suo amore, allora significa che non sei una persona che mette in pratica la verità, che non conosci la verità e sei senza vita, che sei uno scarto! Tutto ciò che accade alle persone dimostra che Dio ha bisogno che restino salde nella loro testimonianza di fede verso di Lui. Anche se non ti è successo niente di importante sino a questo momento e non rendi una grande testimonianza, ogni dettaglio della tua vita quotidiana si riferisce alla testimonianza di Dio. Se puoi guadagnarti l’ammirazione dei tuoi fratelli e delle tue sorelle, dei tuoi familiari e di tutti quanti intorno a te; se, un giorno, i non credenti verranno ad ammirare tutto ciò che dici e che fai e vedranno che tutto quello che Dio fa è meraviglioso, allora avrai reso la testimonianza di fede in Dio. Anche se non hai profondità di vedute e il tuo calibro è basso, attraverso la perfezione di Dio in te puoi essere in grado di soddisfarLo e di essere consapevole della Sua volontà. Altri vedranno quale grande lavoro Egli ha compiuto in persone di pochissimo spessore. La gente viene a conoscere Dio che vince su Satana e così, pian piano, diventa fedele a Dio. Così, nessuno sarà tutto d’un pezzo come lo è questo gruppo di persone. Questa sarà la più grande testimonianza. Anche se non sei in grado di fare un grande lavoro, puoi comunque essere in grado di soddisfare Dio. Gli altri non sono in grado di mettere da parte le loro idee, ma tu sì; gli altri non possono rendere testimonianza a Dio nelle loro esperienze di vita, ma tu puoi utilizzare la tua statura morale e le tue azioni concrete per ripagare l’amore di Dio e renderGli una testimonianza straordinaria. Solo questo conta realmente nell’amare Dio. Se non sei capace di ciò, allora non dai nessuna testimonianza di fede ai membri della tua famiglia, ai tuoi fratelli e alle tue sorelle, o dinanzi alla gente di tutto il mondo. Se non è possibile rendere testimonianza dinanzi a Satana, Satana riderà di te, ti tratterà come uno zimbello, come un balocco, si prenderà gioco di te e tu impazzirai. In futuro, ti si possono presentare grandi prove – ma oggi, se ami Dio con cuore sincero e se, indipendentemente dalla portata delle prove che ti si presenteranno e a prescindere da ciò che ti accadrà, sarai in grado di rimanere saldo nella testimonianza di fede e di soddisfare Dio, allora il tuo cuore sarà confortato e sarà senza paura, quali che siano le prove che incontrerai in futuro. Voi non potete vedere ciò che accadrà in futuro; voi potete solo soddisfare Dio nelle circostanze attuali. Siete incapaci di fare qualsiasi grande opera e dovreste concentrarvi sul fatto di soddisfare Dio, sperimentando le Sue parole nella vita reale e rendendo una testimonianza forte ed eloquente, che getti vergogna su Satana. Anche se la tua carne rimarrà inappagata e soffrirà, avrai soddisfatto Dio e svergognato Satana. Se pratichi la fede sempre in questo modo, Dio aprirà una strada dinanzi a te. Quando un giorno ti si presenterà una grande prova, altri cadranno, ma tu sarai comunque in grado di restare saldo: ciò accadrà grazie al prezzo che hai pagato, Dio ti proteggerà rendendoti risoluto e impedendoti di vacillare. Se, di solito, sei in grado di mettere in pratica la verità e di soddisfare Dio con un cuore che Lo ama veramente, allora Dio verrà di certo a proteggerti nelle prove future. Anche se sei uno stupido, di basso profilo e di poco calibro, Dio non ti discrimina. Dipende dalla correttezza delle tue motivazioni. Oggi, sei in grado di soddisfare Dio e nel farlo sei attento al più piccolo dettaglio, soddisfi Dio in tutte le cose, hai un cuore che ama veramente Dio, tu dai il tuo cuore sincero a Dio e anche se ci sono cose che non capisci, puoi presentarti dinanzi a Dio per correggere le tue motivazioni e per cercare la volontà di Dio e fare tutto il necessario per soddisfarLo. Forse, i tuoi fratelli e le tue sorelle ti abbandoneranno, ma il tuo cuore procurerà sempre soddisfazione a Dio e non tu desidererai i piaceri della carne. Se pratichi la fede sempre in questo modo, sarai protetto quando dovrai affrontare le grandi prove.

A quali stati interiori delle persone mirano queste prove? Esse sono rivolte all’indole ribelle nelle persone che impedisce loro di soddisfare Dio. Ci sono molte impurità nelle persone e molta ipocrisia e così Dio sottopone l’uomo a delle prove con il fine di purificarlo. Ma se oggi sei in grado di soddisfare Dio, allora le future prove serviranno a perfezionarti. Se oggi, invece, non sei in grado di soddisfare Dio, allora le future prove ti tenteranno e in quel momento vacillerai inconsapevolmente e non sarai in grado di aiutare te stesso, perché non riuscirai a tenere il passo con l’opera di Dio e non avrai una vera statura morale. E così, se desideri rimanere saldo in futuro, dare maggiore soddisfazione a Dio e seguirlo sino alla fine, oggi devi creare una base solida, devi soddisfare Dio mettendo in pratica la verità in tutte le cose, ed essere consapevole della Sua volontà. Se pratichi la fede sempre in questo modo, ci sarà un fondamento saldo dentro di te, Dio susciterà in te un cuore che Lo ama e ti darà la fede. Un giorno, quando davvero dovrai affrontare una prova, potrai anche soffrire e sentirti in una certa misura parte lesa e provare un dolore che ti schiaccerà, come se fossi morto. Ma il tuo amore per Dio non cambierà e sarà ancora più profondo. Tali sono le benedizioni di Dio. Se sei in grado di accettare tutto quello che Dio dice e fa oggi con un cuore obbediente, allora sarai sicuramente benedetto da Dio, sarai una persona benedetta da Dio, e riceverai la Sua promessa. Se oggi non pratichi la fede, quando un giorno ti si presenteranno le prove sarai senza fede o senza un cuore che ama, e in quel momento la prova diventerà tentazione; sarai immerso nella tentazione di Satana e non avrai possibilità di fuga. Oggi, puoi essere in grado di rimanere saldo quando una prova di poco conto si abbatte su di te, ma non sarai necessariamente in grado di rimanere saldo quando un giorno ti si presenterà dinanzi una grande prova. Alcune persone sono presuntuose e pensano di essere già quasi perfette. Se non vai maggiormente in profondità in quei momenti e continui a essere compiacente, sarai in pericolo. Oggi, Dio non invia prove maggiori, in apparenza tutto sembra andare bene, ma quando Egli ti metterà alla prova, scoprirai che sei carente, perché sei una persona di poco spessore e non sei in grado di sopportare grandi prove. Se oggi non vai avanti, se rimani nello stesso posto, quando arriverà il grande vento cadrai. Dovreste ricordarvi il più possibile quanto è limitato il vostro spessore; solo in questo modo farete dei progressi. Se è solo nella prova che riconosci la limitatezza del tuo calibro, la debolezza della tua forza di volontà, che troppo poco dentro di te è reale e che sei inadeguato alla volontà di Dio, e se ti rendi conto solo di una di queste cose, ebbene sarà troppo tardi.

Se non conosci l’indole di Dio, allora inevitabilmente cadrai durante le prove, perché non sei a conoscenza di come Dio rende le persone perfette e con quali mezzi Egli le perfeziona, e quando le prove di Dio scenderanno su di te e non corrisponderanno alle tue concezioni, non sarai in grado di rimanere saldo. Il vero amore di Dio è tutto nella Sua indole e quando tutta l’indole di Dio ti è manifesta, che cosa succederà alla tua carne? Quando l’indole retta di Dio ti si è rivelata, la tua carne inevitabilmente soffrirà molto. Se non provi questo dolore, allora non puoi essere reso perfetto da Dio e non sarai in grado di offrire vero amore per Lui. Se Dio ti rende perfetto, Egli sicuramente ti mostrerà tutta la Sua indole. Dalla creazione a oggi, Dio non ha mai mostrato tutta la Sua indole, ma nel corso degli ultimi giorni la rivela al gruppo di persone che Egli ha predestinato e selezionato, e rendendo le persone perfette Egli mette a nudo la Sua indole, attraverso la quale rende completo un gruppo di persone. Tale è il vero amore di Dio per gli uomini. Sperimentare il vero amore di Dio nei loro confronti richiede che l’uomo patisca il dolore estremo e paghi un prezzo elevato. Solo a questa condizione, essi saranno conquistati da Dio e saranno in grado di donare il loro vero amore a Dio e solo allora il cuore di Dio sarà soddisfatto. Se le persone vogliono essere rese perfette da Dio e se desiderano compiere la Sua volontà e donare completamente il loro vero amore a Dio, devono sperimentare tante sofferenze e tanti tormenti causati dalle circostanze, provare un dolore peggiore della morte, e in ultima istanza, saranno costrette a donare il loro vero cuore a Dio. Che qualcuno ami veramente Dio oppure no, lo si scopre nelle difficoltà e nel processo di raffinamento. Dio purifica l’amore delle persone e questo risultato si raggiunge solo attraverso la prova e la via del raffinamento.