Come ho segnalato un anticristo

26 Dicembre 2022

di Wenjing, Cina

Qualche anno fa, sono tornata da fuori città a compiere il mio dovere nella mia chiesa locale. Mi ha sbalordita sentire la leader, Zhang Xin, dire che il diacono dell’irrigazione era Xiao Liu. Sapevo che Xiao Liu seminava sempre discordia, soffocava e puniva le persone, e per ottenere potere nella chiesa lei e alcuni malfattori avevano attaccato i leader e i lavoratori come se fossero falsi, gettando la chiesa nel caos. All’epoca, i fratelli e le sorelle l’avevano identificata come malfattrice in base al suo comportamento e stavano preparando il materiale per espellerla. Perché ora era il diacono dell’irrigazione? Ho chiesto a Zhang Xin, mi ha risposto che Xiao Liu era cambiata, che portava un fardello nel suo dovere, e che avrei dovuto guardarla con amore da una prospettiva di crescita. Anche se avevo dei dubbi, ero appena tornata, quindi non sapevo cosa fosse successo, e ho considerato che, come leader, Zhang Xin non sarebbe andata contro i principi nella scelta delle persone, quindi non ho chiesto altro. Zhang Xin ha anche accennato al fatto che sorella Fang Ling, che era stata sua collaboratrice come leader in passato, da quando era stata rimossa non aveva svolto alcun dovere né partecipato alle riunioni, per cui doveva essere espulsa, e Zhang Xin mi ha chiesto di fornire esempi del comportamento malvagio di Fang Ling. Questo mi ha insospettita. Fang Ling semplicemente non portava un fardello nel suo dovere. Era una falsa leader che non svolgeva lavoro pratico. Ma, dopo la sua rimozione, ha continuato a predicare il Vangelo, si occupava degli affari generali e non compiva alcun male. Perché doveva essere espulsa? Più ci pensavo, più mi sembrava sbagliato. Mi sono ricordata, dai miei passati rapporti con Zhang Xin, che aveva un forte desiderio di vendetta. Una volta, Fang Ling aveva riferito ai leader superiori che Zhang Xin non si assumeva alcun fardello nel suo dovere. Era possibile che Zhang Xin serbasse rancore per questo e volesse vendicarsi di Fang Ling? In quel caso, Zhang Xin stava punendo Fang Ling, e questo era compiere il male! Tuttavia, non ero ancora a conoscenza del recente comportamento di Fang Ling, quindi non potevo essere certa che Zhang Xin manifestasse un problema. Ho deciso di aspettare finché non fossi stata sicura.

In seguito, ho saputo che Zhang Xin aveva distorto i fatti e giudicato Fang Ling durante una riunione e, quando una sorella l’aveva confutata, aveva condannato lei e Fang Ling per essersi coalizzate nell’attaccare una leader e disposto che quella sorella andasse in isolamento. Un’altra sorella ha detto che Fang Ling trattava gli altri con amore. Allora Zhang Xin ha mentito, dicendo che la sicurezza di quella sorella era a rischio, e ha disposto che restasse isolata in casa per tre mesi. Inoltre, Zhang Xin ha proibito a una sorella responsabile degli affari generali di svolgere il suo dovere solo perché le dava dei consigli. Anch’io sono rimasta sconvolta. Come poteva Zhang Xin non avere il minimo timore di Dio? Commetteva davvero molte malefatte per soffocare le persone. E coloro che soffocava erano le persone che perseguivano la verità nella chiesa. Zhang Xin aveva decisamente un problema. Mi sono rivolta a Sister Li Xinrui, che irrigava i nuovi arrivati, per fare comunione e discernere il problema. Xinrui mi ha detto: “Xiao Liu non mostra alcun pentimento. Continua a discolparsi e a difendersi in ogni riunione a cui partecipa, intralciando la vita della chiesa. Quando Fang Ling era leader, indagava sul comportamento malvagio di Xiao Liu, dunque Xiao Liu dice di volersi vendicare di Fang Ling”. Ero indignata. In realtà Zhang Xin aveva detto che Xiao Liu si era pentita. Stava chiaramente consentendo a una malfattrice di disturbare la chiesa. Non era forse una manifestazione da falsa leader? Ma ho anche pensato che Zhang Xin era una leader da poco tempo e che non l’avevo aiutata con la comunione. Ho deciso di farle prima notare quelle questioni. Ho detto a Zhang Xin che, impedendo a quelle sorelle di svolgere i loro doveri, violava i principi. Inaspettatamente, mi ha urlato contro: “Alcune persone si rifiutano di obbedirmi e parlano male di me alle mie spalle! So esattamente chi ha delle opinioni su di me. Se non mi obbediscono, vallo a riferire ai leader superiori! Tutto ciò che faccio è giusto e retto. Non ho paura che qualcuno dica cose su di me”. Tuttavia, la sua risposta maligna mi ha spaventata. Ora, solo lei aveva potere decisionale nella chiesa, e soffocava e puniva chiunque non la ascoltasse. Non era altro che una despota. Le ho fatto notare un problema e lei è stata così maligna che temevo che, se avessi continuato a farle notare le cose e a smascherarla, mi avrebbe proibito di svolgere il mio dovere. Se fosse accaduto, la mia vita non ne avrebbe forse risentito? Alla luce di questo, ho smesso di farle notare i suoi problemi. Tornata a casa, mi sentivo molto in colpa. Una malfattrice stava disturbando la chiesa e i fratelli e le sorelle venivano soffocati. Invece di occuparsi della questione, Zhang Xin stava soffocando le persone e, quando le ho fatto notare il suo problema, non l’ha accettato. Sapevo che avrei dovuto segnalare la situazione ai leader superiori. Poi, sono andata da Xinrui. Abbiamo discusso dei principi per scrivere una lettera di segnalazione e ci siamo preparate a segnalare Zhang Xin. Ma, quando abbiamo finito di scrivere dei comportamenti malvagi di Zhang Xin ed eravamo pronte a consegnarla, ho esitato di nuovo. E se Zhang Xin, saputo della nostra lettera di segnalazione, avesse inventato un’accusa e ci avesse incastrate e fatte espellere? Come avrei potuto salvarmi se fossi stata espulsa? Alla luce di questo, ho aspettato a lungo a consegnare la lettera. Ma, vedendo la chiesa nel caos, mi sentivo in colpa per non averlo segnalato.

Una sera, ero a casa di Xinrui, quando d’improvviso è arrivata Zhang Xin e ha accusato aggressivamente Xinrui di averla segnalata alla chiesa. Vedendo il suo atteggiamento maligno, mi sono infuriata. Era davvero troppo dispotica. Si scatenava a briglia sciolta nella chiesa, ma proibiva agli altri di smascherarla. Le persone non avevano nemmeno il diritto di parlare e l’intera chiesa era sotto il suo controllo. Dovevo difendere la giustizia e smascherare Zhang Xin per proteggere il lavoro della chiesa. Ma, considerando quanto fosse arrogante, il fatto che non ascoltasse nessuno e il suo fortissimo desiderio di vendetta, ho pensato che, provocandola, potevo essere la prossima a essere punita. Avrebbe potuto inventare qualche accusa per farmi espellere. Ero molto combattuta, così ho invocato Dio in silenzio perché mi desse coraggio e fiducia. Ho pensato alla parola di Dio: “In ogni chiesa vi sono persone che causano problemi alla chiesa o interferiscono nell’opera di Dio. Costoro sono tutti Satana che si sono infiltrati nella casa di Dio sotto mentite spoglie. […] Queste persone imperversano nella chiesa, diffondendo la loro negatività, diffondendo morte, facendo e dicendo ciò che piace loro, senza che nessuno osi fermarle. Sono colme dell’indole di Satana. Non appena cominciano a creare disturbo, un’aria di morte entra nella chiesa. Coloro che praticano la verità all’interno della chiesa sono respinti, impossibilitati a dare il loro tutto, mentre coloro che disturbano la chiesa e diffondono morte imperversano al suo interno e, per di più, la maggioranza della gente li segue. Simili Chiese sono palesemente governate da Satana; il diavolo è il loro re. Se le persone nella chiesa non insorgono e non eliminano questi capi demoni, anch’esse prima o poi andranno in rovina. D’ora in avanti devono essere presi provvedimenti contro questo tipo di chiesa. Se coloro i quali sono capaci di praticare un po’ di verità non si impegnano a cercarla, tale chiesa sarà eliminata. Se all’interno di una chiesa non c’è nessuno disposto a praticare la verità, nessuno che rimanga saldo nella testimonianza a Dio, tale chiesa andrebbe allora completamente isolata e i suoi legami con le altre Chiese dovranno essere troncati. Questo è ciò che viene chiamato morte per sepoltura; questo è quel che significa respingere Satana” (La Parola, Vol. 1: La manifestazione e l’opera di Dio, “Un monito per coloro che non praticano la verità”). La parola di Dio mi ha dato coraggio e forza e non ho più avuto paura. L’indole giusta di Dio non tollera offesa, e verso i più accaniti malfattori e anticristi Egli nutre solo odio e disgusto! Anche se per un periodo detengono il potere e si scatenano nella chiesa, alla fine vengono smascherati e scacciati. Le parole di Dio sono molto chiare. Quando i malvagi e gli anticristi detengono il potere nella chiesa, non mettendo in pratica la verità si permette alle forze del male di scatenarsi nella chiesa. Una tale chiesa è governata da Satana e, se i suoi membri non si pentono, saranno abbandonati e scacciati da Dio. Ero turbata. Zhang Xin era una despota nella chiesa, attaccava e puniva i fratelli e le sorelle, eppure, per proteggermi, non ho preso posizione per segnalarla e fermarla, e ho lasciato che lei e Xiao Liu compissero il male e disturbassero il lavoro della chiesa. Anche io mi schieravo dalla parte di Satana e mi opponevo a Dio. Prendevo parte al loro male. Resamene conto, ho trovato il coraggio di smascherare Zhang Xin perché aveva protetto una malfattrice, usato la sua posizione per punire gli altri e intrapreso il cammino di un anticristo. Questo ha lasciato Zhang Xin senza parole. Ha cambiato immediatamente argomento, ha acconsentito a riammettere Fang Ling nella chiesa e poi se n’è andata.

In seguito, due passi delle parole di Dio mi hanno fornito discernimento, e ho potuto vedere più chiaramente l’essenza di Zhang Xin. La parola di Dio dice: “Una delle caratteristiche più evidenti della sostanza di un anticristo è di essere un despota che gestisce la sua dittatura: non ascolta nessuno, guarda tutti dall’alto in basso e, a prescindere dai punti di forza delle persone, da ciò che dicono e fanno, dalle intuizioni e dalle opinioni che hanno, non presta loro attenzione; è come se nessuno fosse qualificato per lavorare con lui o per prendere parte a qualsiasi cosa egli faccia. Ecco l’indole che un anticristo possiede. Alcuni dicono che questo equivale a essere di scarsa umanità: come può trattarsi solo di una comune scarsità di umanità? Si tratta a tutti gli effetti di un’indole satanica, un tipo di indole estremamente feroce. Perché dico che l’indole degli anticristi è estremamente feroce? Un anticristo pensa agli interessi della casa di Dio e della chiesa come a qualcosa che gli appartiene interamente, come a una proprietà personale che dovrebbe essere gestita solamente da lui, senza che nessun altro interferisca. Le uniche cose a cui pensa quando svolge il lavoro della chiesa sono i suoi interessi, il suo prestigio e la sua immagine. Non permette a nessuno di danneggiare i suoi interessi, e tanto meno consente a chiunque possieda levatura e sia in grado di parlare delle proprie esperienze e testimonianze di minacciare il suo prestigio e la sua fama. E così tenta di sminuire ed escludere, in quanto antagonisti, coloro che sono in grado di parlare di esperienze e testimonianze, nonché chi sa condividere sulla verità e provvedere ai prescelti di Dio, e cerca disperatamente di isolarli da tutti gli altri, di trascinare il loro nome nel fango e di farli cadere. Soltanto allora l’anticristo si sentirà in pace. […] Prendono in considerazione gli interessi della casa di Dio? No. A cosa pensano? Pensano solo a come mantenere il proprio prestigio. Pur sapendo di essere incapaci di svolgere lavoro reale, non coltivano né promuovono le persone di buona levatura che perseguono la verità; le uniche che promuovono sono le persone che li adulano, che sono inclini a venerare altre persone, che li lodano e li ammirano nei loro cuori, che tramano con disinvoltura, che non hanno comprensione della verità e che sono incapaci di discernere. Gli anticristi promuovono queste persone al loro fianco perché esse li servano, li accompagnino ovunque vadano e siano dediti ogni giorno a obbedire agli ordini; questo conferisce agli anticristi potere nella chiesa e comporta che molte persone si avvicinino a loro e li seguano, e nessuno osi condannarli. Tutte queste persone che gli anticristi coltivano sono persone che non perseguono la verità. Per la maggior parte non comprendono le questioni spirituali e non sanno far altro che seguire le regole. A loro piace seguire le tendenze e il potere costituito. Sono quel genere di persone che traggono coraggio dall’avere un padrone potente: una banda di imbecilli. Gli anticristi si pongono come padrini di queste persone, addestrandole appositamente perché esse obbediscano ai loro ordini. Ogni volta che un anticristo è al potere in una chiesa, recluta sempre degli imbecilli e dei molestatori come suoi aiutanti, mentre esclude e opprime le persone dotate di levatura che sono in grado di comprendere e praticare la verità, che sono in grado di assumersi un lavoro, e soprattutto i leader e i lavoratori che sono capaci di svolgere lavoro concreto” (La Parola, Vol. 4: Smascherare gli anticristi, “Tema 8 – Parte prima”). “Chi sono le persone che un anticristo considera dissidenti? Come minimo, sono coloro che non prendono sul serio l’anticristo come leader; coloro che non lo ammirano o adorano, che lo trattano come una persona comune. Questo è un tipo. Poi ci sono coloro che amano la verità e la ricercano, che perseguono un cambiamento nella loro indole e l’amore per Dio; intraprendono una strada diversa da quella di un anticristo, e appaiono come dissidenti agli occhi di quest’ultimo. Oltre a ciò, chiunque osi offrire consigli a un anticristo e smascherarlo, o le cui opinioni siano differenti da quelle dell’anticristo, è da costui visto come un dissidente. C’è anche un altro tipo: coloro che eguagliano l’anticristo in levatura e capacità, la cui abilità nel parlare e nell’agire è simile a quella dell’anticristo, o che quest’ultimo percepisce come superiori a lui e capaci di identificarlo. Per un anticristo questo è inaccettabile, una minaccia al suo prestigio. Persone simili sono i maggiori dissidenti per un anticristo, che non osa trascurarle o cedere loro il passo. Le considera spine nel fianco, ed è sempre vigile e cauto nei loro confronti. Le evita in tutto ciò che fa. Quando un anticristo si accorge che un dissidente sta per identificarlo e smascherarlo, il panico lo attanaglia; cerca disperatamente di escludere e attaccare tale dissidente, al punto che non sarà soddisfatto finché non lo avrò allontanato dalla chiesa. Con tale mentalità e un cuore pieno di queste cose, di che tipo di azioni sono capaci gli anticristi? Tratterebbero questi fratelli e sorelle come nemici e penserebbero a come abbatterli e sbarazzarsi di loro? Certamente. Fare una cosa simile non è forse la più malvagia delle azioni? Non è forse un’offesa all’indole di Dio?” (La Parola, Vol. 4: Smascherare gli anticristi, “Tema 2”). La natura degli anticristi è estremamente subdola e maligna. Per monopolizzare il potere e instaurare un regno indipendente, promuovono i loro favoriti come loro bracci destri e, se qualcuno fa notare le loro carenze, li smaschera o minaccia il loro prestigio, lo considerano come una spina nel fianco, lo attaccano e lo escludono con ogni mezzo, arrivando a espellerlo dalla chiesa. Gli anticristi possiedono un’essenza da malfattori. Provano disgusto per la verità, sono privi di coscienza e ragione e, per quanto puniscano gli altri, non si sentono mai in colpa. Guardando al comportamento di Zhang Xin, come leader, non ha affatto sostenuto il lavoro della chiesa, e attraverso il suo potere si è procurata alleati per controllare la chiesa e attaccare ed escludere chi dissentiva. Xiao Liu era una malfattrice e doveva essere espulsa ma, poiché ha difeso Zhang Xin, Zhang Xin l’ha promossa e ha trovato vari motivi per assolverla dalle sue colpe. E, quando Fang Ling le ha fatto notare i suoi problemi, le ha portato rancore. Quando Fang Ling è stata rimossa, Zhang Xin ha visto un’occasione per vendicarsi, così ha fatto di tutto per far espellere Fang Ling dalla chiesa. Diverse altre sorelle non l’hanno assecondata nel condannare Fang Ling, e lei le ha soffocate e punite. Zhang Xin era subdola e maligna, puniva chiunque minacciasse il suo prestigio o non le obbedisse, era una despota che imperversava nella chiesa senza provare alcun rimorso. Era un autentico anticristo. Acquisito discernimento su Zhang Xin, abbiamo consegnato la lettera di segnalazione.

Non molto tempo dopo, Zhang Xin si è vendicata di noi. Zhang Xin mi ha isolata a casa, dicendo che ero in pericolo, e, poiché Xinrui e Sister Yuan Siyu avevano discernimento su di lei, ha isolato a casa anche loro due. Dopo qualche tempo, Zhang Xin ha incastrato me e Xinrui per aver osteggiato una leader, aver gettato la chiesa nel caos ed essere delle malfattrici, e poi ha chiesto a fratelli e sorelle di ripudiarci. Alcuni fratelli e sorelle hanno ascoltato le parole di Zhang Xin senza discernimento e, quando mi vedevano per strada, mi ignoravano freddamente. Questo mi ha fatta sentire ferita e offesa. Perché, dopo aver praticato la verità, venivamo soffocate, punite e incastrate dalle forze del male, e perché Zhang Xin poteva prosperare nella chiesa pur compiendo il male? Perché i fratelli e le sorelle ci fraintendevano e respingevano? Ero addolorata, non sapevo come avrei percorso il mio cammino in futuro ed ero in preda alla negatività. In quei giorni, quando nelle riunioni le sorelle discernevano il comportamento di Zhang Xin, non volevo parlare. Pensavo: “Ho preso posizione per segnalare Zhang Xin: non m’importa esser stata soffocata, ma i miei fratelli e sorelle l’hanno erroneamente interpretato come se volessi diventare una leader. Ora sono stata isolata e soffocata. Chi parlerà in mia difesa? Lasciamo stare, non voglio preoccuparmi degli affari della chiesa”. Ero in preda alla debolezza e a una profonda oscurità spirituale. Tormentata, mi sono inginocchiata molte volte davanti a Dio con le lacrime agli occhi e Gli ho detto: “Dio, questo ambiente mi fa soffrire. Perché vengo soffocata e respinta per aver praticato la verità al fine di proteggere gli interessi della chiesa? Dio, Ti prego, guidami a comprendere la Tua volontà”.

Poi, ho letto nella parola di Dio: “Quando affronti i problemi della vita reale, come devi conoscere e capire l’autorità di Dio e la Sua sovranità? Quando affronti questi problemi e non sai come comprenderli, gestirli e sperimentarli, quale atteggiamento devi adottare per dimostrare la tua intenzione e il tuo desiderio di sottometterti, e la realtà della tua sottomissione alla sovranità e alle disposizioni di Dio? Innanzitutto devi imparare ad aspettare, poi a cercare e quindi a sottometterti. ‘Aspettare’ significa attendere il momento di Dio, attendere le persone, gli eventi e le cose che Egli ha predisposto per te, attendere che la Sua volontà ti si riveli gradualmente. ‘Cercare’ significa osservare e comprendere le intenzioni premurose di Dio nei tuoi confronti attraverso le persone, gli eventi e le cose che Egli ha predisposto, capire la verità attraverso di essi, comprendere cosa gli esseri umani debbano compiere e quali cammini debbano seguire, quali risultati e obiettivi Dio intenda raggiungere negli esseri umani. ‘Sottomettersi’, naturalmente, si riferisce al fatto di accettare le persone, gli eventi e le cose che Dio ha orchestrato, accettando la Sua sovranità e, per suo tramite, arrivando a capire come il Creatore detti il destino dell’uomo, come lo doti della Sua vita e come gli instilli la verità” (La Parola, Vol. 2: Riguardo al conoscere Dio, “Dio Stesso, l’Unico III”). Dopo aver riflettuto sulla parola di Dio, ho improvvisamente capito: quando accadono cose che non mi risultano chiare, devo avere un atteggiamento di sottomissione, imparare a cercare la volontà di Dio e aspettare che procedano secondo i tempi di Dio. Mi sono resa conto che, dopo che abbiamo consegnato la lettera di segnalazione, c’era un processo che i leader superiori dovevano gestire. Prima che potessero occuparsene, Zhang Xin avrebbe sicuramente continuato a compiere il male, ad attaccare ed escludere chi dissentiva, rivelando così la sua natura malvagia. Durante quel periodo, dovevamo essere pazienti e aspettare. Era una parte necessaria del processo. Ma io non ho avuto la forza di obbedire e di aspettare, e non ho cercato di trarre un insegnamento da quell’ambiente. Poiché non si erano occupati di Zhang Xin e invece io ero stata soffocata e condannata, ho frainteso Dio e mi sono lamentata di Lui, L’ho ritenuto ingiusto, ed ero persino delusa da Lui. Ero davvero irragionevole!

Dopo di che, ho pregato Dio in merito al mio stato e Gli ho chiesto di guidarmi a conoscere la Sua indole giusta. Poi, ho letto questo passo della parola di Dio. “Come si giunge a conoscere e comprendere l’indole giusta di Dio? Quando i giusti ricevono la Sua benedizione e i malvagi vengono da Lui maledetti, le persone comprendono che questi sono esempi della giustizia di Dio. Dio premia i buoni e punisce i malvagi, e ricompensa ognuno secondo i suoi atti. Questo è esatto, ma attualmente si verificano alcuni eventi che non si conformano alle nozioni dell’uomo; ossia, coloro che credono in Dio e Lo adorano restano uccisi o vengono da Lui maledetti, oppure non sono mai stati benedetti né riconosciuti da Lui; per quanto Lo adorino, Egli li ignora. Dio non benedice i malvagi né li punisce, ma questi sono ricchi e hanno una prole numerosa, e a loro va tutto bene; hanno successo in ogni cosa. È questa la giustizia di Dio? Alcuni dicono: ‘Noi adoriamo Dio, eppure non abbiamo ottenuto le Sue benedizioni, mentre i malvagi, che non adorano Dio e addirittura Gli si oppongono, vivono meglio e più agiatamente di noi. Dio non è giusto!’ Che cosa vi dimostra questo? Vi ho solo fatto due esempi. Quale dei due indica la giustizia di Dio? Alcuni dicono: ‘Sono entrambe manifestazioni della giustizia di Dio!’ Perché dicono così? Dio Si attiene a dei principi nell’agire, solo che gli uomini non riescono a vederli chiaramente, e per questa ragione non possono dire che Dio non è giusto. L’uomo può vedere solo ciò che è in superficie; non può vedere fino in fondo le cose come sono. Dunque, ciò che Dio fa è giusto, per quanto poco si conformi alle nozioni e alle fantasie dell’uomo. Molte persone si lamentano costantemente del fatto che Dio non sia giusto. Questo perché non capiscono la situazione per quello che è. È facile che qualcuno commetta errori quando valuta sempre le cose alla luce delle proprie nozioni e fantasie. La conoscenza delle persone risiede tra i loro pensieri e punti di vista, o all’interno delle loro prospettive sul bene e sul male, sul giusto e sullo sbagliato, o sulla logica. Quando qualcuno vede le cose da queste prospettive, è facile che fraintenda Dio, che nutra delle nozioni, e che Gli si opponga e si lamenti di Lui” (La Parola, Vol. 3: I discorsi di Cristo degli ultimi giorni, “Parte terza”). “Che ne direste: la distruzione di Satana da parte di Dio è espressione della Sua giustizia? (Sì.) E se invece Dio consentisse a Satana di rimanere? Non osate dirlo, vero? L’essenza di Dio è giustizia. Anche se non è facile comprendere ciò che Egli fa, tutto ciò che fa è giusto; semplicemente gli esseri umani non lo capiscono. Quando Dio consegnò Pietro a Satana, come rispose Pietro? ‘L’umanità è incapace di conoscere a fondo ciò che Tu fai, ma tutto ciò che fai racchiude la Tua buona volontà; vi è giustizia in tutto. Come posso non lodare totalmente la Tua saggezza e le Tue opere?’ Ora dovresti capire che, mentre salva l’uomo, Dio non distrugge Satana affinché gli uomini possano vedere chiaramente come e fino a che punto Satana li ha corrotti e come Dio li purifica e li salva. Alla fine, quando gli uomini avranno compreso la verità e avranno visto chiaramente il volto odioso di Satana e il peccato mostruoso della corruzione che Satana ha operato in loro, Dio distruggerà Satana, mostrando loro la Sua giustizia. In qualunque momento Dio distruggerà Satana, vi saranno la Sua indole e la Sua saggezza. Tutto ciò che Dio fa è giusto. Anche se sembra per loro incomprensibile, gli esseri umani non dovrebbero emettere giudizi a piacimento. Se una cosa che Egli fa sembra loro irragionevole o se hanno delle nozioni al riguardo e questo li induce a dire che Egli non è giusto, allora sono davvero irragionevoli. Vedi che Pietro trovava incomprensibili alcune cose, ma era certo che fosse presente la saggezza di Dio e che in tali cose vi fosse la Sua buona volontà. Gli esseri umani non possono comprendere a fondo tutto; vi sono tante cose che non riescono a capire” (La Parola, Vol. 3: I discorsi di Cristo degli ultimi giorni, “Parte terza”). Riflettendo sulla parola di Dio, mi sono resa conto che, secondo le mie nozioni, giustizia significava equità e ragionevolezza. Una malfattrice e un anticristo intralciavano il lavoro della chiesa, e quindi, poiché le abbiamo segnalate e smascherate per salvaguardare gli interessi della chiesa, ero convinta che Dio avrebbe dovuto vegliare su di noi, proteggerci e non lasciarci soffocare, e che la malfattrice e l’anticristo avrebbero dovuto essere espulse immediatamente. Ritenevo che quella fosse la giustizia di Dio. Quando ho visto che, dopo la nostra lettera di segnalazione, nessuno si è occupato della malfattrice e dell’anticristo, che sono rimaste nelle loro posizioni elevate nella chiesa e ci hanno isolate e condannate, ho cominciato a dubitare della giustizia di Dio, e persino a chiedere irragionevolmente dove la giustizia di Dio fosse mai. Ero davvero arrogante! Ho pensato a Pietro che, quando fu messo alla prova, subì un doloroso affinamento. Anche se non riusciva a capire cosa Dio stesse facendo, credeva che Dio era giusto, qualunque cosa facesse, e che ciò che accadeva a lui celava la saggezza di Dio. Ecco perché seppe obbedire a Dio, e alla fine ottenne il massimo amore per Lui, obbedì fino alla morte e produsse una meravigliosa testimonianza. Io non capivo la verità, e mi limitavo a basarmi su quel poco che potevo vedere davanti a me, valutavo la giustizia di Dio da un punto di vista transazionale. Quando Dio agiva come volevo io, a mio vantaggio, Lo ritenevo giusto ed ero in grado di lodarLo. Quando sono stata soffocata da un anticristo, ed erano coinvolti il mio futuro e il mio destino, ho perso la fede in Dio, e ho persino dubitato della Sua giustizia e negato che nella casa di Dio regnino la verità e la giustizia. Valutavo la giustizia di Dio solo in base ai miei possibili vantaggi personali. Era davvero irragionevole. Dio è il Creatore, la Sua essenza è la giustizia, ed Egli, in conseguenza di questa Sua essenza, odia il male. Anche se per il momento la chiesa non aveva espulso la malfattrice e l’anticristo, non significava certo che Dio non disprezzasse le loro azioni, che non disprezzasse il male, e non significava che nella chiesa non regnasse la verità. Ciò che accadeva celava la saggezza e le buone intenzioni di Dio. Solo che io non lo capivo. Dovevo essere ragionevole, restare al posto di un essere creato, sottomettermi alle disposizioni sovrane di Dio, pregare Dio in ricerca e aspettare la Sua illuminazione e la Sua guida. Una volta capito questo, il mio cuore si è illuminato e le mie incomprensioni nei confronti di Dio sono svanite. Mi sono anche resa conto che alcuni fratelli e sorelle della chiesa non avevano ancora discernimento su Zhang Xin. Grazie a quelle circostanze, a poco a poco, tutti avrebbero visto chiaramente l’essenza di Zhang Xin. Prima di poterla respingere, dovevano discernerla. Quell’ambiente era molto utile a sviluppare discernimento. Dopo aver capito questo, ho pregato Dio, per dirGli che intendevo sottomettermi alle Sue disposizioni e trarre degli insegnamenti da quell’ambiente.

Poi, ho letto nella parola di Dio: “Se desideri essere salvato, non solo devi superare l’ostacolo del gran dragone rosso ed essere in grado di discernere il gran dragone rosso, di distinguere il suo volto orrendo e di abbandonarlo completamente: devi superare anche l’ostacolo degli anticristi. Nella chiesa, un anticristo non è solo nemico di Dio, ma anche dei Suoi prescelti. Se non sai riconoscere un anticristo, è probabile che tu venga ingannato e convinto, percorra il cammino di un anticristo, e sia maledetto e punito da Dio. Se ciò accade, la tua fede in Dio è un completo fallimento. Cosa devono possedere le persone perché sia loro concessa la salvezza? Innanzitutto, devono comprendere molte verità, ed essere in grado di identificare l’essenza, l’indole e il cammino di un anticristo. Questo è l’unico modo per assicurarsi di non adorare o seguire delle persone mentre si crede in Dio, e l’unico modo per credere in Dio sino alla fine. Soltanto le persone che sono in grado di identificare un anticristo sono in grado di credere davvero in Dio, seguirLo e renderGli testimonianza. Identificare un anticristo non è cosa semplice: richiede la capacità di vedere chiaramente la sua essenza e di discernere le trame, gli stratagemmi e gli obiettivi intenzionali dietro a ogni sua azione. In tal modo non sarai ingannato o controllato dall’anticristo, e potrai rimanere saldo, perseguire la verità senza pericolo e procedere risoluto sul cammino di ricerca della verità e di conseguimento della salvezza. Se non sai identificare un anticristo, allora si può dire che ti trovi in grave pericolo, e che corri il rischio di essere ingannato e cadere preda di un anticristo e di ritrovarti a vivere sotto l’influsso di Satana. […] Perciò, se desideri arrivare al punto in cui ti possa essere concessa la salvezza, la prima prova che devi superare consiste nell’essere capace di non farti ingannare da Satana; devi inoltre avere il coraggio di prendere posizione e di smascherare e rinnegare Satana. Dov’è Satana, dunque? Satana è accanto e tutto intorno a te; potrebbe persino annidarsi nel tuo cuore. Se stai vivendo secondo l’indole di Satana, si può dire che tu gli appartenga. Non puoi vedere né toccare il Satana e gli spiriti maligni della sfera spirituale, ma il Satana e i diavoli viventi che esistono nella vita reale sono ovunque. Qualunque persona che sia disgustata dalla verità è malvagia, e qualunque leader o lavoratore che non la accetta è un anticristo e un falso leader. Simili persone non sono forse Satana e diavoli viventi? Potrebbe trattarsi proprio delle stesse persone per le quali nutri riverenza e ammirazione; potrebbe trattarsi delle persone che ti guidano o di persone che ammiri da tempo, di cui ti fidi e sulle quali hai fatto affidamento e riposto le speranze nel tuo cuore. Tuttavia, esse sono di fatto ostacoli sul tuo cammino che ti impediscono di perseguire la verità e ottenere la salvezza: sono falsi leader e anticristi. Sono in grado di assumere il controllo della tua vita e del cammino che percorri, e possono vanificare ogni possibilità che ti venga concessa la salvezza. Se non sei in grado di identificarli e di non farti ingannare da loro, allora, potresti in qualsiasi momento essere ingannato, catturato e sequestrato da loro. Pertanto, corri grave pericolo. Se non riesci a liberarti da questo pericolo, sei la vittima sacrificale di Satana. In ogni caso, le persone che vengono ingannate e controllate, e che diventano seguaci di un anticristo, non potranno mai e poi mai ottenere la salvezza. Poiché non amano né perseguono la verità, possono essere ingannate e seguire un anticristo. È un risultato inevitabile” (La Parola, Vol. 4: Smascherare gli anticristi, “Tema 3”). Dopo aver riflettuto sulle parole di Dio, ho capito la Sua volontà. È Dio a permettere che nella chiesa emergano malfattori e anticristi, e dietro vi si cela la Sua saggezza. Dio usa il loro intralcio e inganno per fornire discernimento alle persone, affinché possano liberarsi dall’influenza oscura di Satana e ottenere la salvezza. Zhang Xin mi ha soffocata e punita, e i fratelli e le sorelle mi hanno fraintesa e respinta. Anche se ne ho sofferto, durante questo processo ho visto concretamente come gli anticristi ingannano e danneggiano le persone, ho acquisito conoscenza e discernimento, e ho visto chiaramente che Zhang Xin era un anticristo che odiava la verità ed era ostile a Dio. Così, non mi sono più sentita limitata e controllata da lei, ho imparato dai suoi fallimenti e ho potuto evitare di prendere la strada sbagliata. Tutto questo non era forse l’amore e la salvezza di Dio? Più ci pensavo, più mi rendevo conto che Dio è giusto e saggio, e più mi rammaricavo di non conoscere la Sua giustizia. Ero oppressa da un anticristo, così ho attribuito a Dio la colpa di tutte le ingiustizie, L’ho frainteso e mi sono lamentata di Lui. Ero davvero ribelle. Quando me ne sono resa conto, mi sono sentita profondamente in debito con Dio e volevo pentirmi. Smascherare i falsi leader e gli anticristi è un’azione buona e giusta, ed era una mia responsabilità e un mio obbligo. Se le malfattrici fossero state smascherate ed espulse, fratelli e sorelle avrebbero potuto avere una buona vita di chiesa e, anche se i miei fratelli mi avessero fraintesa o fossi stata espulsa dall’anticristo, non avrei avuto alcun rimpianto. Ho pensato a un altro passo della parola di Dio: “I malvagi saranno sempre malvagi e non potranno mai sfuggire al giorno della punizione. I buoni saranno sempre buoni e saranno rivelati quando l’opera giungerà al termine. Nessuno dei malvagi sarà considerato giusto, né alcuno dei giusti sarà ritenuto malvagio. Permetterei mai che anche un solo uomo fosse accusato ingiustamente?” (La Parola, Vol. 1: La manifestazione e l’opera di Dio, “Coloro che obbediscono a Dio con cuore sincero saranno certamente guadagnati da Lui”). Le parole di Dio sono chiarissime. Dio è giusto, dona misericordia e salvezza a coloro che Lo amano sinceramente e maledice e punisce i malfattori e gli anticristi, come diretta conseguenza della Sua indole giusta. Che io venga salvata o meno dipende da Dio, non dagli anticristi. Anche se la chiesa era controllata da un anticristo e noi eravamo soffocati, era solamente temporaneo. Dio vede tutto, lo Spirito Santo rivela ogni cosa, e prima o poi quell’anticristo sarebbe stato smascherato e scacciato. In quei giorni, ho riflettuto spesso sulla parola di Dio, e lentamente ho provato sollievo nel cuore e acquisito fiducia nell’opera di Dio.

Un giorno, i leader superiori hanno incaricato due sorelle di risolvere il caos in cui versava la nostra chiesa. Eravamo entusiaste e non facevamo che ringraziare Dio. Inaspettatamente, dopo la nostra sincera segnalazione del comportamento malvagio di Zhang Xin, lei è stata rimossa solamente in quanto falsa leader. Ognuno ha ripreso la vita della chiesa, ma non potevo evitare di sentirmi a disagio. Zhang Xin aveva un’umanità malvagia. Per il prestigio, puniva e soffocava abitualmente gli altri e avvicinava e difendeva i malvagi. Inoltre, non accettava affatto la verità e si rifiutava di pentirsi. Non era una falsa leader, ma un autentico anticristo. Ma poi ho pensato: “Se lo faccio presente, i fratelli non diranno che mi rifiuto ostinatamente di lasciar correre i suoi problemi? Lasciamo stare, non mi interessa. In ogni caso, ora non può farmi nulla”. Alla luce di questo, ho deciso di non parlare più dell’argomento. Nei miei devozionali, ho letto nella parola di Dio che gli anticristi non si pentono mai. Sapevo che Zhang Xin era un’anticristo e, se non fosse stata espulsa, avendo un’altra occasione, avrebbe sicuramente disturbato la vita della chiesa e creato il caos, cosa che avrebbe di nuovo fatto soffrire i fratelli e le sorelle. Dovevo prendere posizione e segnalare Zhang Xin. Non potevo più proteggermi. Nella parola di Dio, ho letto: “Una volta che la verità è diventata vita in te, quando noti qualcuno che è blasfemo verso Dio, non Lo teme, è incurante e superficiale mentre adempie il suo dovere, o interferisce con il lavoro della chiesa e lo interrompe, risponderai secondo i principi della verità, e sarai in grado di individuarlo e segnalarlo come è necessario fare. Se la verità non è diventata la tua vita e tu continui a vivere nell’ambito della tua indole satanica, allora, quando scopri persone malvagie e diavoli che creano ostacoli e intralci all’opera della chiesa, chiuderai un occhio e fingerai di non sentire; non ne terrai conto, senza rimproveri da parte della tua coscienza. Penserai perfino che chiunque provochi intralci all’opera della chiesa non abbia nulla a che fare con te. Per quanto il lavoro della chiesa e gli interessi della casa di Dio soffrano, a te non interessa, non intervieni e non ti senti in colpa, cosa che fa di te una persona priva di coscienza o senno, un miscredente, un servitore. Ti nutri e ti disseti di ciò che è di Dio e gioisci di tutto ciò che proviene da Lui, eppure percepisci qualsiasi danno agli interessi della casa di Dio come scollegato da te, il che fa di te un traditore che sputa nel piatto in cui mangia. Se non proteggi gli interessi della casa di Dio, puoi forse definirti umano? Sei un demone che si è insinuato nella chiesa. Tu simuli la tua fede in Dio, fingi di essere un eletto, e vuoi approfittare della casa di Dio. Non stai vivendo la vita di un essere umano e appartieni chiaramente alle fila dei miscredenti. Se sei una persona che crede veramente in Dio, allora, anche se devi ancora acquisire la verità e la vita, come minimo parlerai e agirai schierandoti dalla parte di Dio; come minimo, non starai a guardare quando vedi compromessi gli interessi della casa di Dio; Quando proverai l’impulso di chiudere un occhio, ti sentirai in colpa e a disagio, e dirai a te stesso: ‘Non posso starmene fermo qui e non fare nulla, devo prendere posizione e dire qualcosa, devo assumermi le mie responsabilità, devo smascherare questo comportamento malvagio, devo fermarlo, in modo che gli interessi della casa di Dio non siano compromessi e la vita della chiesa non venga intralciata’. Se la verità è diventata la tua vita, allora non solo avrai questo coraggio e questa determinazione e sarai in grado di capire a fondo la questione, ma farai anche fronte alla responsabilità che devi assumerti per l’opera di Dio e per gli interessi della Sua casa, e in tal modo si compirà il tuo dovere” (La Parola, Vol. 3: I discorsi di Cristo degli ultimi giorni, “Solo coloro che si sottomettono veramente a Dio hanno un cuore che Lo teme”). Dopo aver letto le parole di Dio, ho capito che avevo acquisito discernimento sulle azioni malvagie di Zhang Xin e Xiao Liu solo grazie alla guida di Dio. Se non le avessi segnalate, sarei stata priva di coscienza e non avrei salvaguardato il lavoro della chiesa. Non potevo più essere egoista e spregevole ed evitare di segnalare Zhang Xin. Ho ripensato a un decreto amministrativo: “Fai qualsiasi cosa contribuisca all’opera di Dio e non fare nulla che sia contrario agli interessi dell’opera di Dio. Difendi il nome di Dio, la testimonianza di Dio e l’opera di Dio” (La Parola, Vol. 1: La manifestazione e l’opera di Dio, “I dieci decreti amministrativi cui gli eletti di Dio devono obbedire nell’Età del Regno”). Ho capito meglio le richieste di Dio. Come membro della chiesa, poiché la questione riguardava il lavoro della chiesa, avevo la responsabilità di prendere posizione e proteggerlo. In seguito, i leader superiori sono venuti a controllare la situazione. Ho riferito del comportamento malvagio di Zhang Xin e Xiao Liu, e i leader superiori hanno indagato di nuovo per verificare le cose. Grazie alla comunione tenuta in una riunione riguardo alla verità sul discernimento degli anticristi, tutti i fratelli e le sorelle hanno acquisito discernimento. Uno dopo l’altro, hanno smascherato e segnalato le azioni malvagie di Zhang Xin e Xiao Liu. Zhang Xin è stata identificata come un autentico anticristo ed espulsa dalla chiesa. Xiao Liu ha rifiutato di pentirsi per la sua eccessiva malvagità ed è stata espulsa in quanto complice di un anticristo. Alcuni fratelli e sorelle ingannati da Zhang Xin sono rinsaviti, e hanno tutti respinto Zhang Xin e smesso di seguirla. Dopo di che, la vita della chiesa è tornata alla normalità. La mia segnalazione di quell’anticristo ha affrontato mille peripezie ma, attraverso l’oppressione che ho subito, ho sviluppato più discernimento sugli anticristi e una qualche comprensione, ho acquisito esperienza pratica e maggiore conoscenza dell’indole giusta di Dio, e la mia fede in Lui è cresciuta ulteriormente.

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Quando mamma è in carcere

di Zhou Jie, Cina Avevo 15 anni quando io e mia madre siamo fuggite da casa. Ricordo che era tarda sera, nel 2002. Lei improvvisamente mi...

Rispondi