Le lezioni che ho appreso stando in guardia contro i falsi cristi

19 Dicembre 2022

Ero un collaboratore di una chiesa domestica. Un giorno del 2000, i leader superiori hanno convocato una riunione dei collaboratori. Hanno detto: “Negli ultimi giorni, emergono dei falsi cristi per ingannare le persone. Alcuni predicano il Lampo da Levante e la loro predicazione sembra molto avanzata. Dicono anche che Dio Onnipotente è il Signore Gesù ritornato. Non ascoltateli e non entrate in contatto con loro. Dovete prendere delle precauzioni per evitare che i membri del Lampo da Levante penetrino nella chiesa per rubare le pecorelle. La Bibbia dice chiaramente: ‘Allora, se qualcuno vi dice: “Il Cristo è qui”, oppure: “È là”, non lo credete; perché sorgeranno falsi cristi e falsi profeti, e faranno grandi segni e prodigi da sedurre, se fosse possibile, anche gli eletti’ (Matteo 24:23-24). Questi versetti sono un segno della venuta del Signore Gesù. Avvertono inoltre i credenti che, negli ultimi giorni, dei falsi cristi mostreranno grandi miracoli per ingannare il popolo eletto di Dio, per cui dobbiamo porre un fondamento solido nella fede e non ascoltare i sermoni del Lampo da Levante. Altrimenti, se seguite i falsi cristi, perderete la possibilità di accogliere il Signore”. I collaboratori hanno discusso la questione e dichiarato di voler proteggere il gregge fino alla venuta del Signore. Anche secondo me non dovevamo essere avventati nell’accogliere il Signore e guardarci dai falsi cristi per non essere ingannati. Il giorno dopo, ho seguito le istruzioni dei leader: mi sono recato nei luoghi di riunione di cui ero responsabile ed ho esortato i credenti a guardarsi dai falsi cristi e a non ricevere gli estranei, soprattutto quelli che predicavano il Lampo da Levante. Anche se si trattava di collaboratori di livello superiore, se predicavano che Dio era venuto a svolgere una nuova opera non dovevano essere ricevuti. Altrimenti, coloro che erano stati ingannati da falsi cristi avrebbero creduto nel Signore invano. A quel tempo, tutti dicevano che non avrebbero mai ascoltato i sermoni del Lampo da Levante.

Qualche mese dopo, i nostri leader hanno detto che dei collaboratori di livello superiore, fratello Li e fratello Cao, avevano accolto il Lampo da Levante, e che non dovevamo riceverli mai per non essere ingannati. Ho pensato: “Sono collaboratori di livello superiore che conoscono bene la Bibbia. Ci avevano proibito di avere contatti con il Lampo da Levante. Come hanno potuto accettarlo?” Non capivo, ma d’altra parte, indipendentemente da ciò che facevano loro, dovevo seguire la via del Signore e proteggere il gregge. In seguito, in una riunione, ho detto ai fratelli e alle sorelle di non ricevere fratello Li e fratello Cao. Un giorno, il collaboratore Xiao è venuto a casa mia con un fratello e io mi sono subito messo in guardia. I leader superiori avevano detto che il collaboratore Xiao aveva accolto il Lampo da Levante. Non potevo farmi ingannare da lui e tradire il Signore. Perciò, per quanto quel giorno abbiano condiviso con me, ho fatto il muso lungo e li ho ignorati. Alla fine, non hanno potuto fare altro che andarsene. Mentre li guardavo andare via, ho tirato un sospiro di sollievo. Ero contento di non essermi lasciato ingannare. Poi, anche fratello Zhang della nostra chiesa è venuto a predicarmi il Vangelo, ma io mi sono nascosto, ho chiesto a mia moglie di occuparsi di lui e le ho detto di non ascoltare la sua comunione per evitare di essere ingannata. In seguito, la situazione nella nostra chiesa è peggiorata sempre di più. Il nostro predicatore parlava per frasi fatte e non riusciva a fornire nuova luce, e noi eravamo privi dell’opera dello Spirito Santo. I fratelli e le sorelle non ricevevano una provvista di vita, si trovavano nelle tenebre spirituali, erano passivi e deboli, e non volevano partecipare alle riunioni. La maggior parte di quelli che lo facevano seguiva solo le regole, e la conversazione era incentrata sulla famiglia, sul lavoro e simili. Ero confuso. Non capivo come una chiesa che in origine aveva la guida dello Spirito Santo potesse ridursi così, ma non conoscevo la causa né la soluzione. Sapevo solo che dovevo seguire l’insegnamento del Signore e aspettare la Sua venuta.

Due anni dopo, sempre più persone mi predicavano il Vangelo di Dio Onnipotente degli ultimi giorni. Condividevano con me: “Il Signore Gesù disse: ‘Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussate e vi sarà aperto’ (Matteo 7:7). Possiamo sapere se qualcosa è la vera via solo dopo aver ricercato e indagato. Se non ricerchiamo, come possiamo accogliere il Signore?” Allora, pensavo che avessero ragione, ma avevo paura di essere ingannato dai falsi cristi, così ho deciso: “Non ascolterò chi predica che il Signore è venuto a svolgere una nuova opera”. E così trascorrevo ogni giorno come se mi difendessi dai ladri. Mi nascondevo quando vedevo arrivare gli evangelisti, ma loro venivano comunque a casa mia a predicare il Vangelo come sempre. Pensavo: “Anche se li respingo, vengono lo stesso. Come possono avere così tanta fede e amore?” Mi sentivo un po’ in colpa. Avevano tanto amore per le persone, eppure io li trattavo ancora così. Questo non era in linea con la volontà del Signore. Ma, d’altra parte, i nostri leader avevano rimarcato che non dovevamo ascoltare i sermoni del Lampo da Levante. Se fossi stato ingannato, gli anni di sofferenza sopportata credendo nel Signore sarebbero stati vani. Dovevo seguire la via del Signore e non accettare mai un altro Vangelo. Non importava chi venisse a predicare: non potevo ascoltare. Così, non ho mai ricercato o indagato sui sermoni del Lampo da Levante.

In seguito, molti fratelli e sorelle della mia chiesa hanno accolto Dio Onnipotente, anche mia moglie. Spesso mi dicevano che credere nel Signore Gesù significa solo accettare l’opera di redenzione di Dio. Non tenersi al passo con l’opera di Dio degli ultimi giorni significava non credere veramente in Dio e non seguire le orme dell’Agnello. Ero scosso. Negli ultimi anni, la chiesa era diventata sempre più desolata, molte persone erano negative e deboli, la loro fede era fredda, persino i collaboratori non venivano alle riunioni, e la chiesa non aveva più l’opera dello Spirito Santo. Invece, i membri della Chiesa di Dio Onnipotente mi predicavano il Vangelo e, per quanto li respingessi, continuavano a venire. Se non per l’opera dello Spirito Santo, come avrebbero potuto avere un amore e una pazienza così grandi? Il Lampo da Levante era davvero opera di Dio? Per andare a fondo delle cose, leggevo di nascosto le parole di Dio Onnipotente quando mia moglie non era in casa. Un giorno mi sono imbattuto in questo passo. Dio Onnipotente dice: “Nessuno che creda in Gesù ha il diritto di maledire o condannare altre persone. Dovreste essere tutti ragionevoli e accettare la verità. Forse, avendo sentito la via della verità e letto la parola di vita, credi che tra queste parole soltanto una su diecimila sia in linea con le tue convinzioni e con la Bibbia, e quindi dovresti continuare a cercare in questo decimillesimo delle parole. Ti consiglio ancora di essere umile, di non essere troppo sicuro di te e di non esaltarti eccessivamente. Nel tuo cuore conservi un po’ di riverenza per Dio, allora guadagnerai una luce più grande. Se esamini attentamente e contempli ripetutamente queste parole, capirai se siano o no la verità, se siano o no la vita” (La Parola, Vol. 1: La manifestazione e l’opera di Dio, “Quando contemplerai il corpo spirituale di Gesù, Dio avrà creato nuovi cieli e nuova terra”). Leggere la parola di Dio Onnipotente mi ha toccato il cuore. Era vero. Come credente nel Signore, dovevo avere ragionevoleza e l’umiltà di ricercare. Non ero qualificato per giudicare o condannare nessuno. Nel corso degli anni, tante persone mi avevano predicato il Vangelo e testimoniato che Dio stava compiendo una nuova fase dell’opera, ma io non lo accettavo, e mi mancava completamente l’umiltà di ricercare. Che si conformasse o meno alle mie nozioni, avrei dovuto ricercare con umiltà. Se anche solo una parola su diecimila fosse stata in linea con la Bibbia, avrei dovuto ricercare e indagare su quell’unica parola e non rifiutarla. Ho anche pensato a come, da quando mia moglie credeva in Dio Onnipotente, il suo stato era molto migliore. Leggeva quotidianamente le parole di Dio Onnipotente, partecipava attivamente alle riunioni e predicava il Vangelo. Ho iniziato a chiedermi se mi stessi sbagliando. Era possibile che Dio Onnipotente fosse davvero il Signore Gesù ritornato? Ho deciso che, la volta successiva che qualcuno mi avesse predicato il Vangelo, non l’avrei respinto.

Un giorno, fratello Lin è tornato a predicarmi il Vangelo. In quell’occasione, mi ha chiesto: “Com’è il tuo attuale stato spirituale?” Ho risposto affranto: “Il mio spirito è nelle tenebre, non riesco a predicare sermoni e i miei fratelli e sorelle non possono ottenere sostentamento. Non abbiamo altra scelta che aspettare che il Signore ci porti nel Regno dei Cieli”. Fratello Lin mi ha detto: “Il Signore Gesù disse: ‘Chi beve dell’acqua che Io gli darò, non avrà mai più sete; anzi, l’acqua che Io gli darò diventerà in lui una fonte d’acqua che scaturisce in vita eterna’ (Giovanni 4:14). Dio è la fonte della vita, infinita e inesauribile. I credenti nel Signore dovrebbero essere riforniti dalla fonte dell’acqua di vita, senza patire la sete, ma ora non c’è nessuna nuova luce nella tua predicazione, e i fratelli e le sorelle sono spiritualmente assetati, passivi e deboli. È evidente che la chiesa non ha più l’opera dello Spirito Santo. Dunque, il Signore vuole che tu attenda il Suo ritorno? Sei sicuro che non sarai abbandonato dal Signore?” Le domande di fratello Lin mi hanno lasciato senza parole. Aspettare il Signore in quel modo non mi sembrava corretto, tuttavia stavo seguendo gli insegnamenti del Signore Gesù. Così, ho ribattuto: “La Bibbia dice chiaramente: ‘Allora, se qualcuno vi dice: “Il Cristo è qui”, oppure: “È là”, non lo credete; perché sorgeranno falsi cristi e falsi profeti, e faranno grandi segni e prodigi da sedurre, se fosse possibile, anche gli eletti’ (Matteo 24:23-24). Questi due versetti sono chiari: negli ultimi giorni, appariranno dei falsi cristi, e ogni affermazione che il Signore è venuto è falsa. Io sto seguendo gli insegnamenti del Signore. Il fatto che non indaghi quando altri predicano la venuta del Signore è forse un problema?” Fratello Lin ha risposto: “Il Signore Gesù dice chiaramente che tornerà negli ultimi giorni, ma tu dici che ogni affermazione che il Signore è venuto è falsa. Questo non è forse negare le parole del Signore, negare e condannare il Suo ritorno negli ultimi giorni? Pensa al ritorno del Signore negli ultimi giorni. Poiché appaiono dei falsi cristi, allora Cristo verrà sicuramente. Se ci guardiamo ciecamente dai falsi cristi, quando il Signore Gesù torna nella carne e ci rifiutiamo di ascoltare o leggere, non stiamo forse respingendo il Signore Gesù? Come possiamo accogliere il Signore in questo modo? Di fronte all’apparizione di falsi cristi negli ultimi giorni, non va bene temere semplicemente di essere ingannati. Ciò che conta è imparare a discernere tra il vero Cristo e i falsi. Questo ti impedirà di essere ingannato dai falsi cristi”. È proprio così. Imparare a discernerli è la chiave!

A queste parole, il mio cuore si è illuminato. La sua comunione era ragionevole. Se mi difendevo ciecamente, temevo i falsi cristi e mi rifiutavo di ascoltare, ricercare o indagare, se Dio Onnipotente era davvero il Signore Gesù ritornato, non avrei perso la possibilità di entrare nel Regno dei Cieli? Così, ho subito chiesto: “E come possiamo dunque discernere i falsi cristi?” Fratello Lin ha risposto: “La profezia biblica è il monito del Signore Gesù alle persone. Negli ultimi giorni, emergeranno dei falsi cristi per ingannare le persone, ma il Signore Gesù ci ha rivelato uno dei principi più importanti per il discernimento: i falsi cristi ingannano le persone mostrando segni e prodigi. Dovrebbe quindi essere ovvio che negli ultimi giorni Cristo viene senza compiere miracoli, poiché l’opera di Dio è sempre nuova, mai vecchia, e non si ripete mai. È sempre un’opera più nuova e più elevata. Cristo viene negli ultimi giorni per esprimere la verità, compiere l’opera di giudizio e purificare e salvare completamente l’umanità. Ma i falsi cristi e i falsi profeti non possiedono l’essenza di Dio. Sono tutti spiriti maligni. Pertanto, non possiedono alcuna verità e non possono esprimere la verità. Possono solo imitare il Signore e mostrare miracoli per ingannare le persone. Lo capiremo leggendo un passo delle parole di Dio Onnipotente. ‘Se, ai giorni nostri, dovesse emergere qualcuno che sia in grado di mostrare segni e prodigi, e che sappia cacciare i demoni, guarire i malati e compiere molti miracoli, e se questi sostenesse di essere Gesù che è venuto, allora si tratterebbe di una contraffazione ad opera degli spiriti maligni che imitano Gesù. Ricordatelo! Dio non ripete la medesima opera. La fase dell’opera di Gesù è già stata completata e Dio non intraprenderà la stessa opera. […] Nelle nozioni dell’uomo, Dio deve sempre mostrare segni e prodigi, guarire i malati e cacciare i demoni ed essere sempre proprio come Gesù. Eppure, questa volta Dio non è affatto così. Se, durante gli ultimi giorni, Dio mostrasse ancora segni e prodigi, e di nuovo cacciasse i demoni e guarisse i malati, se agisse esattamente come Gesù, allora ripeterebbe la medesima opera, e quella di Gesù non avrebbe alcuna importanza o valore. Pertanto, Dio realizza una fase dell’opera in ogni età. Una volta che una fase della Sua opera è completata, viene presto imitata dagli spiriti maligni e, quando Satana inizia a seguire le orme Dio, Egli cambia metodo. Una volta completata una fase della Sua opera, questa è imitata dagli spiriti maligni. Dovete avere le idee chiare su questo’” (La Parola, Vol. 1: La manifestazione e l’opera di Dio, “Conoscere l’opera di Dio oggi”). Fratello Lin ha proseguito: “Le parole di Dio Onnipotente sono molto chiare. Coloro che affermano di essere il Signore Gesù ritornato mentre compiono miracoli, guariscono i malati e scacciano i demoni sono sicuramente falsi cristi, perché il Signore Gesù ha già svolto questo tipo di opera, e l’opera di Dio non si ripete. Quando il Signore Gesù è venuto a operare, non ha ripetuto l’opera dell’Età della Legge. Invece, secondo il piano di Dio per l’opera di salvezza e in base ai bisogni dell’umanità, ha compiuto l’opera di redenzione. È stato personalmente inchiodato sulla croce per l’umanità come eterno sacrificio per il peccato, redimendo l’umanità dal peccato, concludendo l’Età della Legge e dando inizio all’Età della Grazia. Negli ultimi giorni, Dio appare e opera nella carne, senza segni e prodigi. Sulla base dell’opera del Signore Gesù, Egli compie una fase dell’opera più elevata e profonda, l’opera di giudizio degli ultimi giorni, in cui esprime la verità per giudicare e purificare i peccati degli uomini, e ci salva completamente dal peccato in modo che possiamo tornare a Dio ed essere portati nel Suo Regno. L’opera di giudizio di Dio Onnipotente conclude l’Età della Grazia e dà inizio all’Età del Regno. Quest’opera è diversa dall’opera di redenzione del Signore Gesù e non è una ripetizione. Da ciò si evince che l’opera di Dio è sempre nuova e mai vecchia. Questa è la caratteristica più evidente dell’opera di Dio: il rinnovamento. In ogni fase della Sua opera, Dio esprime parole nuove, dà inizio a una nuova era e indica alle persone la via e la direzione della pratica adatta a quell’era, in modo che, passo dopo passo, siano completamente salvate dal peccato e portate nel Regno di Dio. I falsi cristi, al contrario, non possono affatto esprimere la verità o compiere una nuova opera, e certamente non possono purificare o salvare le persone. Possono solo imitare l’opera compiuta dal Signore Gesù e mostrare segni e prodigi minori per ingannare le persone. Una volta compreso questo aspetto della verità e padroneggiato questo principio, non dovremo più temere di essere ingannati dai falsi cristi”.

Dopo aver ascoltato la comunione di fratello Lin, ho di colpo capito: “La caratteristica dell’opera di Dio è il rinnovamento. Proprio così. L’opera svolta da Dio nell’Età della Legge e nell’Età della Grazia era completamente diversa. Nella prima, Egli ha condotto gli uomini a vivere sulla terra e insegnato loro a osservare leggi e comandamenti, mentre nell’altra è stato crocifisso per redimere l’intera l’umanità. L’opera di Dio degli ultimi giorni è decisamente diversa da quella compiuta dal Signore Gesù. È un’opera nuova con un nuovo punto di partenza. Questa comunione è molto concreta”. A quel punto, mi sono aperto con lui e gli ho detto: “La tua comunione è molto concreta e la capisco perfettamente. I falsi cristi non possono compiere un’opera nuova, possono solo imitare l’opera passata di Dio, mostrando segni e prodigi per ingannare la gente. Ma c’è ancora una cosa che non capisco. Come possiamo essere sicuri che Dio Onnipotente è il Cristo degli ultimi giorni, il Signore Gesù ritornato?”

Fratello Lin ha risposto con gioia: “Ottima domanda. Le parole di Dio Onnipotente possono risolvere tutta la nostra confusione, e leggendole capiremo”. Dio Onnipotente dice: “Indagare su una cosa simile non è difficile, ma richiede che ciascuno di noi conosca quest’unica verità: Colui che è Dio incarnato deve possedere l’essenza e l’espressione di Dio. Poiché Dio Si fa carne, Egli porterà avanti l’opera che intende realizzare, e poiché Dio Si fa carne, Egli esprimerà ciò che è, e sarà in grado di portare la verità all’uomo, dargli la vita e indicargli la via. La carne che non ha l’essenza di Dio non è decisamente il Dio incarnato: su questo non c’è dubbio. Qualora l’uomo intenda indagare se si tratta dell’incarnazione di Dio, deve trarne conferma dall’indole che Egli esprime e dalle parole che Egli pronuncia. In altri termini, per trarre conferma che Egli sia o non sia Dio incarnato, e che sia o non sia la vera via, si deve discernere dalla Sua essenza. E così, nel determinare se si tratta di Dio incarnato, la chiave sta nella Sua essenza (la Sua opera, le Sue parole, la Sua indole e molti altri aspetti), piuttosto che nell’apparenza esteriore” (La Parola, Vol. 1: La manifestazione e l’opera di Dio, “Prefazione”). “Dio incarnato è chiamato Cristo, e così il Cristo che può offrire agli esseri umani la verità è chiamato Dio. Non vi è nulla di eccessivo in questo, poiché Egli possiede l’essenza di Dio e possiede l’indole di Dio e la sapienza della Sua opera, che sono irraggiungibili per l’uomo. Coloro che si proclamano Cristo ma non sanno eseguire l’opera di Dio sono degli impostori. Cristo non è solamente la manifestazione di Dio in terra, ma anche la carne particolare assunta da Dio nell’eseguire e nel portare a termine la Sua opera fra gli uomini. Questa carne non può essere soppiantata da un uomo qualunque, ma è una carne che può svolgere adeguatamente l’opera di Dio in terra, esprimere la Sua indole, ben rappresentarLo e fornire la vita all’uomo” (La Parola, Vol. 1: La manifestazione e l’opera di Dio, “Solo il Cristo degli ultimi giorni può offrire all’uomo la via della vita eterna”). Dopo aver letto le parole di Dio Onnipotente, fratello Lin ha condiviso: “Per determinare se Dio Onnipotente è il Signore Gesù ritornato, dobbiamo guardare alla Sua essenza più che al Suo aspetto esteriore. Cristo è il Dio del Cielo che viene sulla terra, Si riveste di carne comune, Si fa uomo, e appare e opera tra la gente. Dall’esterno, Cristo è una persona ordinaria e normale, ha i ritmi di vita di una persona normale, così come le gioie e i dolori di una persona normale. Le gioie Lo rendono felice e i dolori Lo intristiscono. Tuttvia, per quanto Cristo appaia ordinario e normale, ha un’essenza di vita completamente diversa da quella degli uomini. Il Cristo è lo Spirito di Dio che Si riveste di carne, lo Spirito di Dio abita nel Cristo e il Cristo è pienamente divino, per cui può esprimere la verità in qualsiasi momento, può smascherare e analizzare la corruzione umana, indicare la strada e la direzione perché le persone abbandonino i loro peccati e siano salvate da Dio, e può purificare e salvare completamente l’umanità. Ciò che Cristo esprime e rivela è l’indole di Dio e tutto ciò che Dio ha ed è, e ciò che fa è opera di Dio Stesso. Sono cose che nessun uomo potrebbe possedere o realizzare. Nell’Età della Grazia, quando Dio Si è incarnato per la prima volta, esteriormente era una persona ordinaria e normale, nata in una famiglia ordinaria, senza prestigio sociale o un’immagine alta e nobile, ma l’essenza del Signore Gesù era Dio. Egli ci ha donato il Vangelo del Regno dei Cieli e la via del pentimento, ha espresso la verità in ogni momento e in ogni luogo per rifornire e pascere le persone, e infine è stato inchiodato sulla croce per l’umanità e ha redento tutti gli uomini, in modo che i loro peccati potessero essere perdonati ed essi potessero sopravvivere e continuare a evolvere. Dalle parole e dall’opera del Signore Gesù, possiamo avere la certezza assoluta che Egli era Dio incarnato, il Cristo. Anche per determinare se Dio Onnipotente è il Signore Gesù ritornato dobbiamo guardare alle Sue parole e alla Sua opera. Negli ultimi giorni, Dio Onnipotente è venuto per esprimere milioni di parole sulla base dell’opera di redenzione del Signore Gesù e rivelare misteri della Bibbia che sono rimasti segreti per migliaia di anni, come i misteri dell’incarnazione, le tre fasi dell’opera, i nomi di Dio e così via. Inoltre, Dio Onnipotente giudica e smaschera l’essenza e la verità della corruzione dell’uomo da parte di Satana, e indica la via del pentimento e del cambiamento, come ottenere autentico pentimento, come vivere un’umanità normale, chi piace a Dio e chi Dio odia, quale tipo di persone viene salvato e quale scacciato, la fine e la destinazione del genere umano e la bellezza del Regno. Dio Onnipotente spiega tutte le verità necessarie agli uomini per essere salvati affinché abbiano un percorso e possano liberarsi dalla schiavitù del peccato, cambiare la loro indole ed essere salvati da Dio. Questo adempie completamente le parole del Signore Gesù: ‘Ho ancora molte cose da dirvi, ma non sono per ora alla vostra portata; quando però sarà venuto Lui, lo Spirito della verità, Egli vi guiderà in tutta la verità, perché non parlerà di Suo, ma dirà tutto quello che avrà udito, e vi annuncerà le cose a venire’ (Giovanni 16:12-13). E anche la profezia dell’Apocalisse: ‘Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese’ (Apocalisse capitoli 2-3). Consideriamo questo. Chi, in tutta l’umanità corrotta, potrebbe esprimere queste verità e questi misteri? Chi potrebbe compiere l’opera di giudizio per purificare e salvare completamente le persone? Chi ha la capacità di determinare l’esito delle persone e donare loro una meravigliosa destinazione? All’infuori di Dio, nessuno ha questa autorità o questo potere. Coloro che hanno un cuore e uno spirito si convincono leggendo ciò che Dio Onnipotente esprime, e sono certi in cuor loro che Dio Onnipotente è il Signore Gesù ritornato. Questo è fuori dubbio”. Le parole e l’opera di Dio Onnipotente dimostrano appieno che Dio Onnipotente è la manifestazione del Cristo degli ultimi giorni.

Quste parole mi hanno illuminato il cuore; commosso, ho detto a fratello Lin: “Grazie alla tua comunione, posso discernere tra il vero Cristo e i falsi, e so come determinare chi è Cristo. Cristo ha l’essenza di Dio, può esprimere la verità e compiere l’opera di Dio e purificare e salvare le persone. I falsi cristi, invece, non sono l’incarnazione di Dio e non possiedono l’essenza divina, quindi non possono esprimere la verità né compiere l’opera di salvezza. Possono solo ingannare le persone imitando l’opera passata di Dio e mostrando segni e prodigi”. A queste mie parole, fratello Lin ha risposto sinceramente: “Sia lodato Dio! Il fatto che tu riesca a capire in questo modo è veramente la misericordia e la grazia di Dio. Quando il Dio incarnato appare e opera, non importa quante persone Lo neghino o Lo condannino: anche se l’intero genere umano Lo rifiuta, Egli è comunque Dio e Cristo. Per quanto i falsi cristi possano testimoniare sé stessi, essi sono falsi e destinati a fallire”. Il vero non può essere falso, il falso non può essere vero. Questo è un fatto che nessuno può cambiare.

Poi, fratello Lin mi ha letto un passo delle parole di Dio Onnipotente che mi ha permesso di comprendere meglio il mistero delle tre fasi dell’opera di Dio e mi ha dato ancora più certezza che Dio Onnipotente è il Signore Gesù ritornato. Dio Onnipotente dice: “Dopo l’opera di Jahvè, Gesù Si è fatto carne per compiere la Sua opera fra gli uomini. La Sua opera non è stata svolta in maniera a sé stante, ma è stata costruita sull’opera di Jahvè. Era l’opera destinata a una nuova età, che Dio compì dopo aver concluso l’Età della Legge. Analogamente, una volta terminata l’opera di Gesù, Dio proseguì con la Sua opera nel periodo successivo, perché l’intera gestione di Dio va sempre avanti. Quando l’età antica passerà, verrà sostituita da una nuova, e una volta che l’opera antica sarà stata ultimata, un’opera nuova proseguirà la gestione di Dio. Questa è la seconda incarnazione di Dio che fa seguito all’opera di Gesù. Naturalmente, questa incarnazione non si verifica in modo indipendente, ma è la terza fase dell’opera dopo l’Età della Legge e l’Età della Grazia. Ogni volta che Dio inizia una nuova fase dell’opera, deve sempre esserci un nuovo inizio e deve sempre portare una nuova età. Allo stesso modo, ci sono analoghi cambiamenti nell’indole di Dio, nel Suo modo di operare, nel luogo della Sua opera e nel Suo nome. Non c’è da meravigliarsi, allora, che sia difficile per l’uomo accettare l’opera di Dio nella nuova età. Tuttavia, a prescindere dall’opposizione dell’uomo, Dio compirà sempre la Sua opera e condurrà sempre avanti l’intera umanità. Quando Gesù è venuto nel mondo dell’uomo, ha inaugurato l’Età della Grazia e ha posto fine all’Età della Legge. Negli ultimi giorni, Dio Si è fatto carne ancora una volta, e con questa incarnazione ha concluso l’Età della Grazia e ha dato inizio all’Età del Regno. Tutti coloro che sanno accettare la seconda incarnazione di Dio saranno introdotti nell’Età del Regno e in più saranno in grado di accettare personalmente la guida di Dio. Benché Gesù abbia compiuto molte opere tra gli uomini, ha soltanto completato la redenzione di tutta l’umanità e ne è diventato il sacrificio espiatorio; Egli, però, non ha liberato l’uomo da tutta la sua indole corrotta. Salvare pienamente l’uomo dall’influenza di Satana ha richiesto non solo che Gesù diventasse il sacrificio espiatorio e Si facesse carico dei peccati dell’uomo, ma ha anche richiesto che Dio compisse un’opera ancora maggiore per liberare completamente l’uomo dalla sua indole diabolicamente corrotta. E così, dopo che all’uomo sono stati perdonati i peccati, Dio Si è fatto di nuovo carne per condurlo verso l’età nuova, e ha iniziato l’opera di castigo e giudizio, opera che ha introdotto l’uomo in un regno più elevato. Tutti coloro che si sottomettono al Suo dominio godranno di una verità superiore e riceveranno maggiori benedizioni. Vivranno realmente nella luce e otterranno la verità, la via e la vita” (La Parola, Vol. 1: La manifestazione e l’opera di Dio, “Prefazione”). Fratello Lin ha condiviso: “Dalle parole di Dio Onnipotente, sappiamo che l’opera di Dio di salvezza dell’umanità ha tre fasi. Queste fasi non sono indipendenti. Ognuna di esse si svolge sulla base dell’opera precedente e, passo dopo passo, esse sono sempre più profonde ed elevate, in modo che alla fine le persone siano completamente salvate dal peccato e condotte nel Regno di Dio. Nell’Età della Legge, Dio ha promulgato delle leggi per guidare l’umanità a vivere sulla terra, insegnare alle persone cos’è il peccato e come adorare Jahvè Dio. Nell’Età della Grazia, Dio Si è incarnato per donare alle persone la via del pentimento, è stato crocifisso, ha redento tutta l’umanità e perdonato i suoi peccati, e ci ha permesso di essere salvati mediante la grazia, in modo da non essere più condannati dalla legge. Ma l’opera del Signore Gesù è solo l’opera di redenzione, il perdono dei peccati dell’uomo. La nostra natura peccaminosa è tuttora irrisolta e viviamo ancora nel peccato, sotto il potere di Satana. Nell’Età del Regno, Dio Onnipotente appare e opera, esprime la verità e compie l’opera di giudizio per purificare e salvare completamente le persone, affinché sfuggiamo all’influenza di Satana ed entriamo nel Regno di Dio. Da ciò si evince che tutte le fasi dell’opera di Dio si basano sui bisogni dell’umanità. Non si ripetono e non si contraddicono mai, e sono tutte volte a salvarci completamente dal peccato, affinché veniamo del tutto guadagnati da Dio. Queste tre fasi dell’opera formano l’intero piano di gestione di Dio per la salvezza dell’umanità. L’opera di giudizio degli ultimi giorni è l’ultima fase del piano di gestione di Dio. Se le persone non accettano il giudizio e la purificazione del Cristo degli ultimi giorni, non disporranno mai dei requisiti per entrare nel Regno di Dio”.

Dopo aver ascoltato la sua comunione, il mio cuore era ancora più luminoso. Ora sapevo che Dio compie tre fasi dell’opera di salvezza dell’umanità. Ogni fase dell’opera è più profonda della precedente e alla fine esse salvano le persone dal peccato. Questa comunione era in linea con la Bibbia e con i fatti. Credevo nel Signore da tanti anni, eppure non avevo mai sentito un sermone del genere. Nessun pastore o predicatore aveva spiegato l’opera di Dio di salvezza dell’umanità in modo così accurato. Odiavo la mia arroganza, la mia cieca fiducia nelle falsità dei miei leader e collaboratori. Erano anni che rifiutavo il Vangelo di Dio degli ultimi giorni. Ero così ignorante! In quel modo, avrei perso la possibilità di accogliere il Signore e di entrare nel Regno dei Cieli. Ho quindi deciso di continuare a indagare sull’opera di Dio Onnipotente degli ultimi giorni. Prima di andarsene, fratello Lin mi ha dato un libro della parola di Dio.

In seguito, ho letto avidamente le parole di Dio Onnipotente, sono arrivato a comprendere molti misteri e verità, e più leggevo, più credevo che Dio Onnipotente è il Signore Gesù ritornato, l’apparizione del Cristo degli ultimi giorni. Da quel momento, ho accettato ufficialmente l’opera di Dio Onnipotente. Accogliere il Signore mi ha fatto provare sia gioia che vergogna. Negli ultimi anni, i fratelli e le sorelle mi avevano predicato il Vangelo più e più volte, ma io ero testardo. Non solo non ho ricercato e indagato, ma li ho anche trattati come nemici. Ho persino isolato la chiesa e impedito agli altri di udire la voce del Signore e di accoglierLo. Stavo compiendo il male! Quando il Signore Gesù apparve e operò, i farisei diffusero ogni tipo di falsità, osteggiando e condannando il Signore Gesù per impedire ai credenti di seguire il Signore. Il mio comportamento non è stato diverso da quello dei farisei. Meritavo davvero di essere maledetto e punito da Dio. Ma Dio non ha ricordato le mie trasgressioni, e ha ripetutamente inviato fratelli e sorelle a predicarmi il Vangelo finché non ho finalmente sentito la voce di Dio. Dio aveva per me un amore e una misericordia smisurati! Dovevo possedere coscienza e ragione e predicare il Vangelo di Dio a coloro che anelavano all’avvento del Signore ma erano ingannati dalle dicerie, in modo da poterli portare nella casa di Dio e confortare il Suo cuore.

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Il Regno dei Cieli è in realtà sulla terra

Un giorno, mi recai a casa di mia sorella per sapere come stava nostra madre. Prima di andarmene, mia sorella mi diede un libro, raccomandandosi che lo leggessi con attenzione. Pensai tra me e me: “Il libro che mi ha dato mia sorella è di sicuro un’opera spirituale. Il caso vuole che il mio spirito si senta molto inaridito in questo momento; non ho la sensazione che il Signore sia con me, né mi sento illuminata dalla lettura della Bibbia. Al mio ritorno, dovrò leggere questo libro con attenzione.

Posta via “piccione”

di Su Jie, Cina Un giorno, nel 1999, finito l’incontro, il pastore mi disse: “Su Jie, c’è una lettera per te”. Appena la vidi, capii che...

Rispondi