Mi sono ricongiunta con il Signore

21 Agosto 2020

di Lilan, Corea del Sud

Dio Onnipotente dice: “Il Cristo degli ultimi giorni dona la vita e offre la via duratura e perpetua della verità. Questa verità è il cammino attraverso cui l’uomo guadagnerà la vita e l’unico cammino con cui egli conoscerà Dio e sarà da Lui approvato. Se non cerchi la via della vita, offerta dal Cristo degli ultimi giorni, non otterrai mai l’approvazione di Gesù e non avrai mai i requisiti per varcare la porta del Regno dei Cieli, poiché sei un fantoccio e un prigioniero della storia. Coloro che sono governati da regole, da lettere, e incatenati alla storia non potranno mai guadagnare la vita e acquisire la via perpetua della vita. Questo perché tutto ciò che hanno è acqua torbida alla quale sono rimasti attaccati per migliaia di anni, anziché l’acqua di vita che fluisce dal trono. […] Le fasi dell’opera di Dio sono vaste e poderose, come grandi ondate e tuoni rimbombanti, eppure tu stai seduto ad aspettare passivamente la distruzione, perseverando nella tua follia senza fare nulla. In questo modo come puoi essere considerato uno che segue le orme dell’Agnello? Come puoi considerare il Dio a cui ti attieni come un Dio sempre nuovo e mai vecchio? E come possono le parole dei tuoi libri ingialliti trasportarti verso una nuova era? Come possono indurti a cercare le fasi dell’opera di Dio? E come possono innalzarti al cielo? Ciò che tieni in mano sono le lettere che possono fornire solo un sollievo temporaneo, non le verità in grado di dare la vita. Le sacre scritture che leggi possono soltanto arricchire la tua lingua, non sono parole di sapienza in grado di aiutarti a conoscere la vita umana, tanto meno i percorsi in grado di condurti alla perfezione. Questa discrepanza non ti induce a riflettere? Non ti fa capire i misteri ivi celati? Sei in grado di presentarti da solo in cielo per incontrare Dio? Senza l’avvento di Dio, puoi raggiungere il cielo per godere di una felicità familiare con Lui? Adesso, stai ancora sognando? Ti suggerisco, allora, di smettere di sognare e di guardare chi è all’opera adesso, chi sta compiendo l’opera di salvare l’uomo durante gli ultimi giorni. Altrimenti non acquisirai mai la verità e non guadagnerai mai la vita” (La Parola appare nella carne). Questo brano delle parole di Dio Onnipotente mi ha fatto pensare alla mia fede di un tempo. Dato che restavo ancorata alle nozioni religiose e alle parole della Bibbia, avevo quasi chiuso la porta alla salvezza di Dio degli ultimi giorni. Dio ha usato mezzi prodigiosi per rendermi tanto fortunata da sentire la Sua voce e accogliere il ritorno del Signore.

Una mattina di un paio di anni fa, mi svegliai molto presto e aprii la Bibbia che tenevo accanto al cuscino. Lessi di come il Signore Gesù rimproverò i farisei: “Gesù entrò nel tempio e ne scacciò tutti quelli che vendevano e compravano; rovesciò le tavole dei cambiamonete e le sedie dei venditori di colombi. E disse loro: ‘È scritto: “La mia casa sarà chiamata casa di preghiera”, ma voi ne fate un covo di ladri’” (Matteo 21:12-13). In quel periodo, ero un po’ triste. Mi sembrava che l’attuale stato della Chiesa non fosse diverso da quello del tempio alla fine dell’Età della Legge. I pastori e gli anziani della chiesa continuavano a ripetere che i credenti dovevano amarsi l’un l’altro, ma loro erano i primi a perdersi in gelose controversie e a discutere per le offerte. Arrivavano persino a chiedere denaro ai credenti in cambio di preghiere, e a volte decidevano quanto avrebbero pregato in base a quanto avevano ricevuto. Per la maggior parte, i membri della Chiesa erano negativi e deboli, e ogni giorno sempre meno persone venivano alle riunioni. Pastori e anziani non mettevano il cuore nei sermoni e non cercavano il modo di pascere al meglio il gregge del Signore, eppure non si stancavano mai di officiare i matrimoni dei fedeli. Esatto. La chiesa dovrebbe essere un luogo di adorazione, ma era diventata una location per matrimoni. Non riuscivo a non pensare: “I pastori e gli anziani hanno smarrito la via del Signore. La chiesa sembra essersi del tutto secolarizzata. Proprio come alla fine dell’Età della Legge, quando il tempio era desolato ed era diventato un covo di ladri. Il Signore apparirà a una Chiesa come questa al Suo ritorno?”

Mentre pensavo questo, ricevetti d’un tratto una notifica sul mio cellulare e, quando lo spensi, notai un video di YouTube suggerito della Chiesa di Dio Onnipotente. Rimasi molto perplessa. Non mi ero mai iscritta al canale di quella Chiesa, quindi perché ricevevo quella notifica? Poi ricordai che un mese prima, un’amica mi aveva portata ad ascoltare un sermone lì e ciò che avevo sentito era stato molto nuovo e illuminante. Mi aveva davvero dato qualcosa. Avrei voluto saperne di più, ma avevano testimoniato che il Signore Gesù era già tornato, che Egli stava compiendo l’opera di giudizio negli ultimi giorni e pronunciando molte verità e che il libro “La Parola appare nella carne” conteneva parole espresse da Dio Onnipotente. Avevano detto questo nelle riunioni, avevano tutti letto e tenuto condivisioni sulle parole di Dio Onnipotente. Non riuscivo a capacitarmene. I pastori e gli anziani ci dicevano sempre che tutte le parole e l’opera di Dio erano contenute nella Bibbia e che le Sue parole e la Sua opera non esistevano al di fuori di essa. Come potevano testimoniare che il Signore avesse pronunciato nuove parole? Comunque sia, generazioni di credenti avevano basato la propria fede sulla Bibbia, quindi credere nel Signore significava credere nella Bibbia. Come poteva qualunque altra cosa essere fede nel Signore? Ogni volta che la mia amica mi chiedeva di tornare ad ascoltare altri sermoni in quella Chiesa, io rifiutavo. Così, quando vidi quel link della Chiesa di Dio Onnipotente sul mio cellulare, non ci cliccai sopra.

Ma, con mia sorpresa, nei giorni seguenti continuai a ricevere suggerimenti su YouTube di film e inni del canale della Chiesa. Pensai: “Non mi sono iscritta al loro canale, ma continuo a ricevere queste notifiche. È possibile che sia il Signore a guidarmi? È il Signore che vuole che io guardi il canale della Chiesa di Dio Onnipotente?” Con questo pensiero, pregai il Signore: “Oh, Signore! Perché questi video continuano ad apparire sul mio cellulare? Testimoniano che Tu sei già tornato. È proprio vero? Dovrei guardare questi video? Signore, Ti prego, guidami”. Dopo la mia preghiera, mi vennero in mente queste parole del Signore Gesù: “Beati i poveri in spirito, perché di loro è il Regno dei Cieli” (Matteo 5:3). La venuta del Signore è estremamente importante, così pensai che, quando ne avessi sentito parlare, avrei dovuto cercare con umiltà, indagare e riflettere attentamente per vedere se Dio Onnipotente fosse davvero il Signore Gesù ritornato. Se il Signore fosse tornato e io non avessi cercato e indagato al riguardo, non avrei perso la mia occasione di accogliere la Sua venuta? Con questo pensiero, decisi di guardare alcuni video della Chiesa. Quando andai sul suo sito, vidi che c’era una grande varietà di contenuti, tra cui film, video di inni, spettacoli corali e articoli sulle esperienze e le testimonianze. Uno dei video di inni era “Mio Amato, Ti prego, aspettami”, trovai le sue parole molto commoventi. Mi fecero pensare a tutto il tempo che avevo passato in una Chiesa desolata, cercando ovunque una Chiesa che avesse l’opera dello Spirito Santo. Più esploravo quel sito, più ne guadagnavo nutrimento. Volevo comprendere e informarmi meglio sulla Chiesa, così trovai dei film da guardare sul loro sito.

Un giorno guardai un film sul Vangelo che parlava soprattutto del rapporto tra Dio e la Bibbia. Citava un brano delle parole di Dio che non dimenticherò mai: “Dal momento in cui è esistita la Bibbia, la fede nel Signore da parte delle persone è stata fede nella Bibbia. Invece di dire che gli esseri umani credono nel Signore, è meglio affermare che credono nella Bibbia; piuttosto di sostenere che hanno iniziato a leggerla, è meglio dichiarare che hanno iniziato a crederle; e anziché ammettere che sono ritornati davanti al Signore, sarebbe meglio dire che sono tornati di fronte alla Bibbia. In tal modo le persone la adorano come se fosse Dio, come se si trattasse della loro linfa vitale, e perderla significherebbe il venire meno della propria vita. Gli uomini considerano di pari importanza la Bibbia e Dio e addirittura ci sono coloro che la ritengono superiore a Lui. Se gli esseri umani sono privi dell’operato dello Spirito Santo, se non possono sentire Dio, possono comunque continuare a vivere, ma non appena vengono privati della Bibbia o dei suoi famosi capitoli e delle sue massime, allora è come se avessero perso la propria vita. […] La maggior parte di loro semplicemente non capisce il motivo per cui dovrebbe credere in Dio, né come credere in Lui, e non fa altro che andare ciecamente alla ricerca di indizi per decifrare i capitoli della Bibbia. Le persone non hanno mai perseguito la direzione dell’operato dello Spirito Santo; per tutto il tempo, non ha fatto altro che studiare ed esaminare ardentemente la Bibbia, e nessuno ha mai trovato opere più moderne da parte dello Spirito Santo, al di fuori di essa, né se ne è mai allontanato o ha mai avuto il coraggio di discostarsene” (La Parola appare nella carne). Dopo aver guardato questa parte, pensai: “Questo è esattamente il mio atteggiamento verso la Bibbia. Sento che rappresenta il Signore, che credere in Lui sia credere nella Bibbia e che le due cose siano inseparabili. Ma ecco ciò che non capisco: la Bibbia è testimonianza del Signore e il fondamento della nostra fede. Come cristiani, fondiamo la nostra fede sulla Bibbia da duemila anni, perciò come potrebbe mai non essere in linea con la volontà del Signore? Cos’è che sta veramente accadendo qui?”

Continuai a guardare il film, desiderosa di ottenere una risposta a queste domande. Il personaggio che stava condividendo il Vangelo lesse un altro brano delle parole di Dio: “Credono nella Mia esistenza solo nell’ambito della Bibbia. Per loro, Io sono equivalente alla Bibbia; senza Bibbia Io non ci sono, e senza di Me non c’è Bibbia. Non prestano attenzione alla Mia esistenza e alle Mie azioni, ma dedicano piuttosto un’attenzione estrema e speciale a ogni minima parola della Scrittura, e molti di loro credono perfino che Io non debba fare alcunché di ciò che desidero se non è stato predetto dalla Scrittura. Assegnano alla Scrittura un’importanza eccessiva. Si può dire che assegnino un’importanza eccessiva a parole ed espressioni, al punto che utilizzano versetti della Bibbia per misurare ogni parola che dico e per condannarMi. Ciò che ricercano non è la via per essere in armonia con Me o la via per essere in armonia con la verità, ma la via per essere in armonia con le parole della Bibbia, e credono che tutto ciò che non si conforma alla Bibbia, senza eccezione, non sia opera Mia. Queste persone non sono forse i degni discendenti dei farisei? I farisei ebraici adoperavano la legge di Mosè per condannare Gesù. Non ricercavano l’armonia col Gesù dell’epoca, ma seguivano diligentemente alla lettera la legge, tanto che alla fine inchiodarono alla croce l’innocente Gesù, dopo averLo accusato di non seguire la legge dell’Antico Testamento e di non essere il Messia. Qual era la loro essenza? Non era forse che non ricercavano la via per essere in armonia con la verità? Si ostinavano su ogni minima parola della Scrittura, non prestando attenzione alla Mia volontà e ai passaggi e metodi della Mia opera. Non erano persone che cercavano la verità, ma persone che si attenevano rigidamente alle parole; non erano persone che credevano in Dio, ma persone che credevano nella Bibbia. Sostanzialmente erano i gelosi custodi della Bibbia” (La Parola appare nella carne). Dopo la lettura di queste parole di Dio Onnipotente, continuarono con la condivisione. Dissero che la gente di fede pensa che credere nel Signore sia credere nella Bibbia, altrimenti non è fede nel Signore, ma questa visione è sbagliata. Dissero anche: “Quando il Signore Gesù predicava e operava, i Suoi seguaci partirono dalle Scritture per accettare la Sua opera e le Sue parole, perciò potremmo mai dire che essi non erano davvero credenti nel Signore? I farisei del giudaismo si aggrappavano tutti alle Scritture, ma crocifissero il Signore Gesù che aveva espresso la verità e compiuto l’opera di redenzione. Qual era il problema? Questo significa forse che chi resta ancorato alle Scritture conosce il Signore? Significa che segue la via del Signore, Lo riverisce e si sottomette a Lui? Dio è il Signore della creazione, la fonte della vita di tutte le cose, mentre la Bibbia si limita a riportare l’opera e le parole passate di Dio. Può essere messa sullo stesso livello di Dio? I credenti nel Signore adorano e credono ciecamente nella Bibbia, e la trattano al pari di Dio, arrivando persino a sostituire il Signore e la Sua opera con la Bibbia. Non è forse blasfemia e sminuimento del Signore? Chi resta ancorato alla Bibbia senza cercare la manifestazione e l’opera del Signore è davvero un credente o un seguace del Signore? Ecco cosa disse il Signore Gesù ai farisei: ‘Voi investigate le Scritture perché pensate di avere per mezzo di esse vita eterna, ed esse sono quelle che rendono testimonianza di Me; eppure non volete venire a Me per avere la vita!’ (Giovanni 5:39-40). Disse anche: ‘Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di Me’ (Giovanni 14:6). Il Signore Gesù fu molto chiaro a proposito del rapporto tra Dio e le Scritture. Le Scritture sono una mera testimonianza di Dio: non rappresentano il Signore, né possono sostituire la Sua opera di salvezza. Seguire solo la Bibbia non può portarci la vita eterna. Solo Cristo è la via, la verità e la vita. Per guadagnare la vita, dobbiamo cercare il Signore!”

Ero così commossa dopo aver finito di guardare il film. Sentivo che tutto ciò che diceva era giusto e in accordo con le parole del Signore Gesù. Capii che la Bibbia non rappresenta davvero il Signore. Egli è Lui che ci dà la vita, non la Bibbia. Credere nella Bibbia non equivale a credere nel Signore e a seguirLo! Ma avevo sempre pensato che la Bibbia Lo rappresentasse. Non avevo elevato la Bibbia al di sopra del Signore? Più ci pensavo, più sentivo che vi era verità nelle parole di Dio Onnipotente, che potevano dirimere la mia confusione. Seppi di dovermi mettere a cercare e indagare seriamente, così da non perdere la mia occasione di accogliere il Signore. Allora, decisi di tornare alla Chiesa di Dio Onnipotente con la mia amica. I fratelli e le sorelle ci accolsero calorosamente quando arrivammo alla Chiesa e condivisero molto pazientemente con noi. Spiegai loro la mia confusione dicendo: “Alle riunioni, i pastori e gli anziani ci dicono sempre che tutta l’opera e le parole di Dio sono nella Bibbia, e che, quindi, tutto ciò che è al di fuori di essa non può contenere la Sua opera e le Sue parole. Ma voi testimoniate che il Signore Gesù è tornato come Dio Onnipotente e che Egli compie una nuova opera negli ultimi giorni e pronuncia nuove parole. Come stanno realmente le cose?”

In risposta, sorella Zhou lesse alcuni altri brani delle parole di Dio Onnipotente. “Molte persone credono che la comprensione e la capacità di interpretare la Bibbia equivalgano a trovare la vera via, ma in realtà le cose sono davvero così semplici? Nessuno conosce la realtà della Bibbia, che non è altro che un documento storico dell’opera divina, un testamento delle due fasi precedenti dell’opera di Dio, e non ti offre nessuna conoscenza degli obiettivi della stessa. Chiunque abbia letto la Bibbia sa che documenta le due fasi dell’opera divina durante l’Età della Legge e l’Età della Grazia. L’Antico Testamento documenta la storia d’Israele e l’opera di Jahvè dalla creazione fino al termine dell’Età della Legge. Il Nuovo Testamento mette per iscritto l’opera di Gesù sulla terra, che è narrata nei quattro Vangeli, come pure l’operato di Paolo; non sono forse documenti storici?” “Tutto ciò che è documentato nella Bibbia è limitato e incapace di rappresentare tutta l’opera di Dio. I quattro Vangeli hanno meno di cento capitoli complessivi, in cui è narrato un numero circoscritto di eventi, per esempio Gesù che maledice il fico; Pietro che rinnega il Signore tre volte; Gesù che appare ai discepoli dopo la crocifissione e la risurrezione; gli insegnamenti sul digiuno, sulla preghiera, sul divorzio; la nascita e la genealogia di Gesù, la nomina dei discepoli da parte di Gesù e così via. Tuttavia, l’uomo li considera tesori, addirittura cercando in essi conferma dell’opera di oggi. Crede persino che Gesù abbia fatto soltanto un determinato numero di cose nel periodo dopo la Sua nascita. È come se credesse che Dio possa fare solo un determinato numero di cose, che non ci possa essere un’opera ulteriore. Non è assurdo?” “All’epoca, Gesù Si era limitato a pronunciare ai Suoi discepoli una serie di sermoni nell’Età della Grazia, per esempio su come fare pratica, come riunirsi, come chiedere nella preghiera, come trattare gli altri, e così via. L’opera che Egli portò a termine era quella dell’Età della Grazia ed Egli spiegò soltanto ai discepoli e a coloro che Lo seguivano come dovessero fare pratica. Svolse soltanto il lavoro dell’Età della Grazia, e nulla che fosse degli ultimi giorni. […] L’opera di Dio in ogni epoca ha dei confini ben delineati; Egli svolge soltanto l’opera dell’epoca attuale e non svolge mai in anticipo la fase successiva dell’opera. Solo in questo modo, la Sua opera rappresentativa di ciascun periodo può essere portata in primo piano. Gesù aveva parlato unicamente dei segni degli ultimi giorni, di come essere pazienti e di come essere salvati, come pentirsi e confessarsi, nonché come portare la croce e sopportare la sofferenza; non parlò mai di come l’uomo negli ultimi giorni dovesse accedere, o come cercare di soddisfare la volontà di Dio. Di conseguenza, non sarebbe errato cercare nella Bibbia l’opera di Dio degli ultimi giorni? Che cosa puoi comprendere tenendo semplicemente in mano la Bibbia? Che sia un commentatore o un predicatore della Bibbia, chi può prevedere l’opera di oggi?” “Se desideri comprendere il lavoro dell’Età della Legge e vedere come gli Israeliti seguirono la via di Jahvè, devi leggere l’Antico Testamento; se vuoi capire l’opera dell’Età della Grazia, invece, devi leggere il Nuovo. Ma come fai a scorgere l’operato degli ultimi giorni? Devi accettare la guida del Dio odierno ed entrare nell’opera attuale, perché questo è il nuovo compito mai annotato da nessuno, in precedenza, nella Bibbia. […] Il lavoro odierno è un cammino che l’uomo non ha mai percorso e una via che nessuno ha mai visto. È un compito che non è mai stato svolto prima: è l’ultima opera di Dio sulla terra. […] Chi avrebbe potuto documentare ogni singolo tratto dell’operato attuale, senza omissioni, in anticipo? Chi potrebbe mettere per iscritto in un vecchio libro ammuffito quest’opera più potente, più saggia, che sfida le convenzioni? Il lavoro odierno non è storia e, come tale, se desideri percorrere il nuovo cammino attuale, devi allontanarti dalla Bibbia, andare oltre i libri di profezie o la storia biblica. Solo in quel momento potrai percorrere il nuovo cammino adeguatamente, ed entrare nel nuovo regno e nella nuova opera” (La Parola appare nella carne).

Dopo aver letto le parole di Dio Onnipotente, sorella Zhou proseguì la sua condivisione. Disse: “Tutti coloro che hanno familiarità con la Bibbia sanno che il Nuovo e il Vecchio Testamento riportano solo le due fasi dell’opera di Dio nell’Età della Legge e nell’Età della Grazia. Sono la testimonianza dell’opera di Dio. Ogni volta che Dio ebbe completato una fase dell’opera, coloro che la sperimentarono registrarono la Sua opera e le Sue parole, e poi, più avanti, queste parole vennero riportate nella Bibbia. Ma l’opera e le parole di Dio di quelle due età non vennero riportate nella Bibbia nella loro interezza. Le parole del Signore Gesù nella Bibbia sono solo la punta dell’iceberg. Come dice il Vangelo di Giovanni: ‘Ora vi sono ancora molte altre cose che Gesù ha fatte; se si scrivessero a una a una, penso che il mondo stesso non potrebbe contenere i libri che se ne scriverebbero’ (Giovanni 21:25). Ci sono alcune delle profezie dei profeti dell’Età della Legge che non vennero riportate nelle Scritture nella loro interezza. Questo è risaputo. Perciò, quando i pastori e gli anziani dicono che tutte le parole di Dio sono nella Bibbia e che la Sua opera e le Sue parole non esistono al di fuori di essa, non contraddicono i fatti? Non stanno mentendo e ingannando? Dio è il Signore della creazione. Egli è così grande e abbondante, come può un libro, la Bibbia, racchiudere pienamente la Sua opera e le Sue parole?” Poi lesse un brano del Libro dell’Apocalisse: “Vidi nella destra di colui che sedeva sul trono un libro scritto di dentro e di fuori, sigillato con sette sigilli” (Apocalisse 5:1). “Ma uno degli anziani mi disse: ‘Non piangere; ecco, il leone della tribù di Giuda, la radice di Davide, ha vinto per aprire il libro e i suoi sette sigilli’” (Apocalisse 5:5). Disse in condivisione: “Qui dice che questo libro è scritto sul lato interno e su quello esterno, ma è sigillato con sette sigilli, e che solo il Signore ritornato negli ultimi giorni può aprire il libro e i sette sigilli. Questo è l’unico modo in cui possiamo vedere cos’è scritto all’interno del libro. È anche profetizzato più volte nell’Apocalisse: ‘Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese’ (Apocalisse capitoli 2-3). Queste profezie bibliche provano che il Signore avrebbe pronunciato nuove parole al Suo ritorno. Perciò, avrebbe mai potuto la Bibbia riportare in anticipo l’opera e le parole del Signore ritornato? Avrebbero mai potuto le parole di Dio nella Bibbia prendere il posto di ciò che lo Spirito Santo dice alle Chiese negli ultimi giorni? Avrebbero mai potuto sostituire il libro aperto dall’Agnello? Avrebbero mai potuto sostituire l’opera di giudizio di Dio negli ultimi giorni?” Sentendo questo, pensai: “Ho letto molte volte questi versetti. Perché queste domande non mi sono mai passate per la mente?” La sorella proseguì la condivisione: “La Bibbia è la registrazione dell’opera passata di Dio. Molti anni dopo la produzione del Vecchio Testamento, il Signore Gesù venne e compì l’opera di redenzione dell’Età della Grazia. La Sua opera e le Sue parole si inserirono automaticamente nelle Scritture? L’opera e le parole di Dio dovettero essere riportate e rese parte della Bibbia. Dio Onnipotente è venuto negli ultimi giorni, ed Egli ha espresso tutte le verità per purificare e salvare l’umanità. Queste verità potevano inserirsi automaticamente nella Bibbia? Quindi, sostenere che l’opera e le parole di Dio sono tutte riportate nella Bibbia e che non possono essercene altre al di fuori di essa, è una visione sbagliata e assurda, interamente frutto delle nozioni e delle fantasie umane”.

Ascoltare la condivisione di sorella Zhou fu per me molto illuminante. Sentii che tutto ciò che aveva testimoniato era coerente con i fatti. La Bibbia è solo la registrazione delle prime due fasi dell’opera di Dio: l’Età della Legge e l’Età della Grazia. È una testimonianza della Sua opera, ma non può rappresentare il Signore o la Sua opera e le Sue parole negli ultimi giorni. L’opera e le parole del Signore Gesù non vennero neppure riportate nella Bibbia nella loro interezza, perciò come poteva la Bibbia riportare in anticipo l’opera e le parole di Dio negli ultimi giorni? Seguivo le parole di pastori e anziani, limitando l’opera e le parole di Dio a ciò che è riportato nella Bibbia, e credevo che niente al di fuori di essa venisse da Dio. I miei occhi erano aperti, ma non dicevo solo sciocchezze? Non stavo limitando e bestemmiando il Signore? A quel pensiero, mi riempii di rammarico. Perché non avevo letto prima le parole di Dio Onnipotente? Non avrei davvero dovuto seguire ciecamente pastori e anziani, limitando l’opera di Dio in base a nozioni e fantasie.

Sorella Zhou presentò poi un altro punto di discussione: perché chi si limita a rispettare la Bibbia senza accettare l’opera e le parole di Dio degli ultimi giorni non può entrare nel Regno di Dio e guadagnare la vita eterna? Disse: “La Bibbia è solo la registrazione di due fasi dell’opera di Dio. Non può sostituire l’opera di Dio di giudizio e purificazione dell’umanità negli ultimi giorni. Nell’Età della Legge, la principale opera di Dio fu proclamare la legge e i comandamenti per guidare la vita delle persone sulla terra. Nell’Età della Grazia, il Signore Gesù compì solo l’opera di redenzione. Venne crocifisso per redimere l’umanità dal dominio di Satana, redimerci dai nostri peccati e renderci idonei a pregare Dio, affinché tutti potessimo godere della grazia di Dio. Ma la nostra natura peccaminosa e la radice del nostro peccato non erano ancora state eliminate. Per questo mentiamo, pecchiamo, ci ribelliamo e resistiamo a Dio costantemente, e non siamo degni di entrare nel Regno di Dio. Per questo il Signore Gesù profetizzò che Egli sarebbe tornato e avrebbe espresso verità negli ultimi giorni per giudicare e salvare pienamente l’uomo. Il Vangelo di Giovanni dice: ‘Ho ancora molte cose da dirvi, ma non sono per ora alla vostra portata; quando però sarà venuto Lui, lo Spirito della verità, Egli vi guiderà in tutta la verità’ (Giovanni 16:12-13). Dice anche: ‘Chi Mi respinge e non riceve le Mie parole ha chi lo giudica; la parola che ho annunciata è quella che lo giudicherà nell’ultimo giorno’ (Giovanni 12:48). La venuta di Dio Onnipotente negli ultimi giorni per esprimere la verità e compiere l’opera di giudizio realizza perfettamente le profezie del Signore Gesù. Dio Onnipotente ha espresso milioni di parole, e queste parole coprono tutto quanto. I misteri della Bibbia sono rivelati, ci sono profezie per il futuro del Regno, alcune riguardano la destinazione dell’umanità e altre analizzano la radice dell’opposizione dell’umanità a Dio. Dio rivela anche molto chiaramente le verità di cui la gente ha bisogno per ottenere la piena salvezza. Questo comprende la storia segreta delle tre fasi dell’opera di Dio per salvare l’uomo, i misteri dell’opera di giudizio di Dio negli ultimi giorni e i misteri delle Sue incarnazioni. Dio rivela come Satana corrompe l’umanità, come Dio opera per salvare l’uomo, rivela l’essenza e la verità della corruzione dell’umanità da parte di Satana, rivela cosa siano la vera fede, la sottomissione e l’amore per Dio, come vivere una vita piena di significato e molto altro. Le verità espresse da Dio Onnipotente sono la via della vita eterna che Egli ci dà negli ultimi giorni. Se ci limitiamo a restare ancorati alla Bibbia senza accettare il giudizio e la purificazione di Dio negli ultimi giorni, non potremo mai guadagnare la verità, ricacciare il peccato, essere pienamente salvati e accedere al Regno dei Cieli”.

Le condivisioni dei fratelli e delle sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente mi hanno aiutata a capire che l’opera di giudizio di Dio Onnipotente negli ultimi giorni realizza pienamente le profezie bibliche. Le parole di Dio Onnipotente sono la verità, sono la voce di Dio, e sono la via della vita eterna che Dio ci dà degli ultimi giorni! Credevo che l’opera e le parole di Dio si limitassero a ciò che è contenuto nella Bibbia perché ascoltavo pastori e anziani e mi aggrappavo alle nozioni religiose. Mi rifiutavo di accettare o cercare l’opera di Dio degli ultimi giorni. Non potevo guadagnare il nutrimento delle parole attuali di Dio ed ero precipitata nell’oscurità. Senza la misericordia e la salvezza di Dio attraverso i suggerimenti di YouTube dei video della Chiesa di Dio Onnipotente che mi hanno concesso la fortuna di sentire la voce di Dio, seguirei ancora i pastori e gli anziani, e non avrei cercato né indagato l’opera di Dio negli ultimi giorni. Se così fosse stato, avrei potuto leggere la Bibbia per cento anni, ma non avrei mai accolto il ritorno del Signore. Comprendo che l’essere riuscita a guadagnare la salvezza di Dio negli ultimi giorni è dipeso interamente dalla Sua guida. Questa è la prodigiosa salvezza di Dio!

Desideravi che il Salvatore venisse per la seconda volta a salvare completamente l’umanità? Il Signore è arrivato ormai da tempo per esprimere la verità e purificare e salvare l’uomo. Se vuoi saperne di più, mettiti in contatto con noi tramite Whatsapp.

Contenuti correlati

Dopo aver ascoltato con il cuore, ho accolto il ritorno del Signore

Negli ultimi giorni, Dio Si è incarnato ancora una volta, per svolgere l’opera di giudizio che purifichi accuratamente e salvi l’uomo. Il Vangelo del Regno di Dio è già ampiamente conosciuto nella Cina continentale. Attualmente, l’opera di Dio Onnipotente è in procinto di essere diffusa in tutti gli angoli del pianeta.