Il mistero del ritorno del Signore

09 Marzo 2022

di Li Chunmei, Corea del Sud

Ho ottenuto la fede nel Signore nel 2012. Spesso, durante le riunioni, ho sentito il pastore affermare: “Nella Bibbia c’è scritto: ‘Uomini di Galilea, perché state a guardare verso il cielo? Questo Gesù, che vi è stato tolto ed è stato elevato in cielo, ritornerà nella medesima maniera in cui lo avete visto andare in cielo’ (Atti 1:11). ‘Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nuvola con potenza e grande gloria’ (Luca 21:27). Il Signore Gesù è salito in cielo su una nuvola nel Suo corpo spirituale, quindi certamente ritornerà nello stesso modo, manifestandoSi su una nuvola. Molte profezie bibliche si sono ormai avverate: il Signore tornerà presto. Dobbiamo credere che Egli verrà su una nuvola. Chiunque affermi che il Signore Si è incarnato mente e non dobbiamo crederci, o saremo ingannati e perderemo la nostra occasione di accedere al Regno”. Ho sempre tenuto a mente le parole del pastore. Più tardi, ho iniziato a servire nella Chiesa. Mi ricordavo sempre di essere una buona amministratrice e di vegliare sulle pecore del Signore.

Nel giugno nel 2018, io e altre due sorelle siamo andate a leggere la Bibbia da sorella Li. C’era anche sua nipote, sorella Jin, così abbiamo approfondito le Scritture tutte insieme. Sorella Jin ha parlato di queste profezie sul ritorno del Signore: “Inoltre, il Padre non giudica nessuno, ma ha affidato tutto il giudizio al Figlio” (Giovanni 5:22). “Infatti è giunto il tempo in cui il giudizio deve cominciare dalla casa di Dio” (1 Pietro 4:17). Ha detto che Egli compirà l’opera di giudizio quando ritornerà. Separerà il grano dalla zizzania, le pecore dalle capre, e i buoni servitori da quelli cattivi attraverso la Sua opera di giudizio. La condivisione di sorella Jin è stata davvero nuova e illuminante. È stata piacevole e ne ho ricavato molto. Mentre stavamo concludendo, sorella Jin ci ha detto: “Il Signore Gesù è già ritornato. Egli è Dio Onnipotente, il Cristo degli ultimi giorni. Dio Si è fatto carne ed è venuto sulla terra, esprimendo le verità e compiendo l’opera di giudizio a partire dalla casa di Dio…” Sentirle dire questo mi ha immediatamente tolto il sorriso dalla faccia. Il Signore Gesù è tornato e sta operando nella carne? Com’era possibile? Il pastore ripeteva che il Signore sarebbe tornato nella Sua forma spirituale e che qualsiasi notizia sulla Sua incarnazione era falsa. Ho subito alzato la guardia nei confronti di sorella Jin. Non volevo sentire altro. Mentre ce ne stavamo andando, mi ha dato una copia de “Il libro aperto dall’Agnello” e mi ha esortata sinceramente a leggerlo con attenzione. Ho accettato il libro solo per salvare le apparenze.

Tornata a casa, ho guardato alcune pagine per curiosità; le ho trovate parole autorevoli e potenti ma ho smesso di leggere non appena ho ripensato al monito del pastore. Il giorno dopo, due sorelle mi hanno invitata ad ascoltare la condivisione di sorella Jin, così ho dato voce alle mie preoccupazioni. Hanno risposto che la venuta del Signore era un evento importante e, poiché la sua condivisione era stata illuminante, avremmo dovuto davvero cercare e approfondire. A loro avviso, quello era l’unico modo per determinare se il Signore era veramente tornato. Mi sembrava un discorso ragionevole, così sono andata di nuovo da sorella Li.

Quando ho visto sorella Jin, le ho chiesto: “Tu dici che il Signore Gesù Si è fatto carne ed è ritornato. Come fai a saperlo? Hai visto Dio?” Ha risposto, sorridendo: “Il Signore Gesù disse: ‘Le Mie pecore ascoltano la Mia voce e io le conosco, ed esse Mi seguono’ (Giovanni 10:27). ‘Ecco, Io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la Mia voce e apre la porta, Io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con Me’ (Apocalisse 3:20). Queste profezie affermano piuttosto chiaramente che il Signore ritornerà negli ultimi giorni e pronuncerà parole, e le pecore di Dio sentiranno la Sua voce e verranno davanti a Lui. Per accogliere il Signore, non possiamo basarci solo su quello che vediamo, ma dobbiamo ascoltare la voce di Dio così riconosceremo e accoglieremo il Signore. Sentire la voce di Dio è testimoniare la Sua apparizione. Quando Giobbe sentì Jahvè Dio parlare dal turbine, disse: ‘Il mio orecchio aveva sentito parlare di Te, ma ora l’occhio mio Ti ha visto’ (Giobbe 42:5). Giobbe affermò di averlo visto, ma vide Jahvè Dio con i suoi occhi? Sentì solo la voce di Jahvè provenire dal turbine e sapeva in cuor suo che era Dio. Era proprio come vedere Dio. E quando il Signore Gesù venne e operò, Pietro, Natanaele, la Samaritana e gli altri riuscirono tutti a riconoscere la voce di Dio dalle parole del Signore ed ebbero la certezza che Egli era il Messia e cominciarono a seguire il Signore. Se non ascoltiamo la voce di Dio, pur vedendoLo e trovandoci faccia a faccia con Lui, non Lo riconosceremo. È proprio come quando i farisei videro il Signore Gesù. Non Lo riconobbero come il Messia, ma Gli resistettero e Lo condannarono. Ecco perché non possiamo fare affidamento sui nostri occhi quando si tratta dell’apparizione del Signore. La cosa fondamentale è ascoltare la voce di Dio e verificarla nel nostro cuore. Accettiamo l’opera di Dio degli ultimi giorni leggendo le parole di Dio Onnipotente e vedendo che sono la verità e la voce di Dio, allora sappiamo nel nostro cuore che Egli è il Signore Gesù ritornato”. Io mi trovavo d’accordo. Poi, però, pensando alle parole del pastore, non riuscivo a credere del tutto che il Signore fosse tornato nella carne e ho detto: “Devo prima indagare”. Quella notte mi giravo e rigiravo, senza riuscire a prendere sonno. Continuavo a pensare alla condivisione di sorella Jin e mi dicevo: “La sua condivisione conteneva davvero la luce. Non ne avevo mai sentito una così meravigliosa. E se Dio Onnipotente fosse davvero il Signore Gesù ritornato? Se mi rifiuto di approfondire, non mi perderò la venuta del Signore? Tuttavia, il pastore ci ha detto molto chiaramente che il Signore ritornerà nel Suo corpo spirituale e non nella carne. Se imboccassi la strada sbagliata, potrei condurre gli altri alla rovina!” A quel punto, mi sono inginocchiata per pregare il Signore: “O Signore Gesù, mi sento davvero smarrita in questo momento. Non ho idea se Dio Onnipotente sia davvero il Tuo ritorno. Ti prego, illuminami e donami discernimento per non allontanarmi dalla Tua via”.

Il giorno seguente, mi sono imbattuta in fratello Wang, credente di lunga data, esperto della Bibbia e devoto nella ricerca. Gli ho parlato del ritorno del Signore. In risposta, fratello Wang ha detto: “Questo è il tempo critico della venuta del Signore. Se sentiamo qualcuno diffondere la notizia che Egli è tornato, dovremmo approfondire con una mente aperta. Non possiamo dare un giudizio alla leggera. Il Signore Gesù disse: ‘Beati i poveri in spirito, perché di loro è il Regno dei Cieli’ (Matteo 5:3). In Romani 10:17, c’è scritto: ‘Così la fede viene da ciò che si ascolta, e ciò che si ascolta viene dalla parola di Cristo’. Possiamo sapere se Dio Onnipotente è il Signore ritornato solo attraverso la ricerca e l’approfondimento. Se il Signore è veramente ritornato ma noi non ricerchiamo e non approfondiamo, non perderemmo la possibilità di essere rapiti?” Il discorso di fratello Wang mi sembrava ragionevole: dovremmo avvicinarci alla venuta del Signore con riverenza verso Dio, non solo esprimere un giudizio alla cieca. Così, ho deciso di andare a dare un’occhiata alla Chiesa di Dio Onnipotente.

Qualche giorno dopo, io e fratello Wang siamo andati alla Chiesa di Dio Onnipotente insieme a un paio di sorelle. Ho esternato la mia preoccupazione: “La condivisione di sorella Jin l’ultima volta era davvero illuminata e interamente in linea con la Bibbia, ma non posso proprio accettare la sua testimonianza che il Signore è tornato nella carne, perché nella Bibbia c’è scritto: ‘Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nuvola con potenza e grande gloria’ (Luca 21:27). Quando il Signore ritornerà, dovrebbe apparirci nella grande gloria del Suo corpo spirituale. Come è possibile che torni nella carne?”

Un fratello ha condiviso così: “Per quanto riguarda il modo in cui il Signore appare negli ultimi giorni, a parte le profezie bibliche secondo cui verrà apertamente su una nuvola, ce ne sono anche molte che sostengono il Suo ritorno nella carne, come Figlio dell’uomo”. Sono rimasta davvero sorpresa. C’erano profezie sul ritorno del Signore nella carne? Come avevo fatto a non notarlo? Poi il fratello ha detto: “Per esempio: ‘Anche voi siate pronti, perché il Figlio dell’uomo verrà nell’ora che non pensate’ (Luca 12:40). ‘Infatti, come il lampo esce da levante e si vede fino a ponente, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo’ (Matteo 24:27). E ‘Perché com’è il lampo che balenando risplende da una estremità all’altra del cielo, così sarà il Figlio dell’uomo nel Suo giorno. Ma prima bisogna che Egli soffra molte cose e sia respinto da questa generazione’ (Luca 17:24-25). Queste profezie menzionano il Figlio dell’uomo e la venuta del Figlio dell’uomo. ‘Figlio dell’uomo’ significa che Egli è nato dall’uomo e possiede un’umanità normale. Se fosse apparso nel Suo corpo spirituale, non sarebbe stato chiamato così. Per esempio, Jahvè Dio era uno Spirito e non veniva chiamato ‘Figlio dell’uomo’. Il Signore Gesù nella carne era il Figlio dell’uomo, era il Cristo, e questo perché era lo Spirito di Dio rivestito di carne. All’apparenza era di aspetto ordinario, ma era interamente divino e poteva compiere l’opera di Dio Stesso. E così, quando il Signore Gesù disse ‘il Figlio dell’uomo viene’ e ‘la venuta del Figlio dell’uomo’, Si stava riferendo a Dio che ritorna negli ultimi giorni nella carne. Questo versetto in particolare: ‘Ma prima bisogna che Egli soffra molte cose e sia respinto da questa generazione’ è una profezia di ciò che accadrà quando il Signore Gesù ritornerà. Non riguarda ciò che Egli ha sofferto la prima volta che Si è fatto carne. Se il Signore Gesù scendesse su una nuvola nella grande gloria del Suo corpo spirituale, scuoterebbe il mondo intero. Tutti cadrebbero prostrati, tremando. Chi oserebbe opporsi a Lui? Non soffrirebbe e non sarebbe rifiutato da questa generazione. Solo quando Dio appare e opera nella carne come Figlio dell’uomo, quando sembra molto normale, la gente non sa che Lui è Dio e Lo tratta come una persona normale. Gli si oppongono e Lo condannano in base alle loro nozioni, portando a compimento ciò che dice la Bibbia: ‘Ma prima bisogna che Egli soffra molte cose e sia respinto da questa generazione’. Quando esaminiamo il ritorno del Signore, se ci basiamo solo su uno o due versetti e stabiliamo che Egli scenderà su una nuvola, probabilmente ci opporremo a Dio e perderemo la nostra possibilità di salvezza negli ultimi giorni”.

Non ho potuto confutare la sua condivisione. Quei versetti profetizzavano davvero che il Signore sarebbe ritornato come Figlio dell’uomo, nella carne. Avevo letto la Bibbia così tante volte: perché non l’avevo capito? Ho abbassato un po’ la guardia ma poi ho pensato: se il Signore viene nella carne, allora come si può adempiere la profezia che sarebbe venuto su una nuvola e tutti Lo avrebbero visto? Poi ha mostrato un video chiamato “Il mistero della venuta del Figlio dell’uomo”, tratto da un film intitolato “Il Mistero della pietà” prodotto dalla Chiesa di Dio Onnipotente. Poi ho capito che il Signore viene in due modi diversi negli ultimi giorni. Uno è apertamente su una nuvola, e l’altro è in segreto. Questo non è affatto contraddittorio. Le profezie si adempiono man mano che l’opera di Dio procede. Negli ultimi giorni, Dio Si fa prima carne e vive tra gli uomini in segreto esprimendo verità e compiendo l’opera di giudizio e purificazione dell’umanità. Coloro che ascoltano la voce di Dio e accettano il Suo giudizio degli ultimi giorni sono le vergini sagge e vengono condotti dinanzi al Suo trono. Subiscono il giudizio e il castigo delle parole di Dio e la loro corruzione viene purificata. Egli li trasforma in vincitori prima dei disastri. Dopo che questo gruppo di vincitori viene creato, l’opera compiuta da Dio in segreto si concluderà ed Egli farà piovere disastri per premiare il bene e punire il male. Allora apparirà apertamente a tutti i popoli e le nazioni. Coloro che hanno accettato il giudizio di Dio e sono stati purificati sono condotti nel Suo Regno, mentre coloro che hanno rifiutato il giudizio di Dio degli ultimi giorni e si sono opposti a Cristo condannandoLo soccomberanno ai disastri, piangendo e digrignando i denti. Ciò adempirà questa profezia: “Ecco, Egli viene con le nuvole e ogni occhio Lo vedrà; Lo vedranno anche quelli che Lo trafissero, e tutte le tribù della terra faranno lamenti per Lui” (Apocalisse 1:7).

Nel film, c’era un passo delle parole di Dio Onnipotente che mi ha davvero commossa. Dio Onnipotente dice: “Molte persone potrebbero non essere interessate a quello che dico, ma voglio ancora dire ai cosiddetti santi che seguono Gesù: nel momento in cui vedrete Gesù discendere dai cieli su di una nuvola bianca con i vostri stessi occhi, assisterete all’apparizione pubblica del Sole di giustizia. Forse per te quello sarà un momento di grande entusiasmo, ma dovresti sapere che quando vedrai Gesù discendere dai cieli, tu scenderai contemporaneamente all’inferno per essere punito. Quello sarà il momento della fine del piano di gestione di Dio, e il momento in cui Dio ricompenserà i buoni e punirà i cattivi. Il giudizio di Dio si sarà concluso prima che l’uomo possa vedere i segni, quando ci sarà soltanto l’espressione della verità. Coloro che accettano la verità e non cercano segni, essendo stati così purificati, saranno tornati davanti al trono di Dio ed entrati nell’abbraccio del Creatore. Soltanto coloro che insistono nel credere che ‘il Gesù che non giunge su una nuvola bianca è un falso cristo’ saranno soggetti a una punizione perpetua, perché credono soltanto nel Gesù che mostra i segni, ma non riconoscono il Gesù che esprime giudizi severi e rivela la vera via e la vera vita. Pertanto, secondo queste persone, può accadere solo che Gesù tratti con loro quando ritorna apertamente su di una nuvola bianca. Sono particolarmente ostinate e arroganti, e hanno un’eccessiva fiducia in sé stesse. Come potrebbero essere ricompensati da Gesù individui così degenerati? Il ritorno di Gesù è una grande salvezza per coloro che sono in grado di accettare la verità, ma è un segno di condanna per quelli che sono incapaci di accoglierla. Dovreste scegliere il vostro cammino, e non bestemmiare lo Spirito Santo, né rifiutare la verità. Non dovreste essere persone ignoranti e arroganti, bensì obbedire alla guida dello Spirito Santo, e desiderare ardentemente e cercare la verità; soltanto così potrete trarre dei benefici” (“Quando contemplerai il corpo spirituale di Gesù, Dio avrà creato nuovi cieli e nuova terra” in “La Parola appare nella carne”). Queste parole mi sono sembrate come un avvertimento di Dio. Se mi fossi aggrappata all’idea della nuvola e non avessi accettato l’opera di Dio degli ultimi giorni, nel momento in cui avessi visto Dio manifestarSi apertamente, sarebbe stato troppo tardi. Allora ho abbassato completamente la guardia, però ancora non capivo perché Dio fosse venuto nella carne per salvare l’umanità invece che nella Sua forma spirituale. Ho condiviso la mia confusione.

Il fratello ha letto altri due passi delle parole di Dio Onnipotente. “La salvezza dell’uomo da parte di Dio non si compie tramite il metodo dello Spirito e l’identità dello Spirito, perché il Suo Spirito non può essere né toccato né visto dall’uomo e non può essere da lui avvicinato. Se Egli cercasse di salvare l’uomo direttamente alla maniera dello Spirito, l’uomo non sarebbe in grado di ricevere la Sua salvezza. Se Dio non indossasse la forma esteriore di un uomo del creato, per l’uomo sarebbe impossibile ricevere questa salvezza. L’uomo, infatti, non può in alcun modo avvicinarsi a Lui, proprio come nessuno poteva avvicinarsi alla nube di Jahvè. Solo diventando un essere del creato, ossia solo mettendo la Sua parola nel corpo di carne che Egli sta per divenire, Egli può personalmente operare la parola in tutti coloro che Lo seguono. Solo allora l’uomo può vedere e sentire personalmente la Sua parola, nonché entrare in possesso della Sua parola e in tal modo essere pienamente salvato. Se Dio non Si facesse carne, nessun uomo in carne e ossa potrebbe ricevere questa grande salvezza e neppure uno verrebbe salvato. Se lo Spirito di Dio operasse direttamente tra gli uomini, tutta l’umanità verrebbe stroncata o altrimenti, senza poter in alcun modo entrare in contatto con Dio, sarebbe tutta presa prigioniera e portata via da Satana” (“Il mistero dell’incarnazione (4)” in “La Parola appare nella carne”). “Perché quello che viene giudicato è l’uomo, che è di carne ed è stato corrotto, e non è lo spirito di Satana, che viene giudicato direttamente, l’opera di giudizio, pertanto, non viene effettuata nel mondo spirituale, ma tra gli uomini. Nessuno è più adatto e qualificato di Dio nella carne per l’opera di giudicare la corruzione della carne umana. Se il giudizio fosse stato effettuato direttamente dallo Spirito di Dio, non sarebbe onnicomprensivo. Inoltre, tale opera sarebbe difficile da accettare per l’uomo, perché lo Spirito non è in grado di trovarSi faccia a faccia con l’uomo e, per questo, gli effetti non sarebbero immediati, tanto meno l’uomo sarebbe in grado di contemplare l’inoffensibile indole di Dio in modo più chiaro. […] Se quest’opera fosse compiuta dallo Spirito di Dio, non significherebbe una vittoria su Satana. Lo Spirito è intrinsecamente più elevato degli esseri mortali e lo Spirito di Dio è intrinsecamente santo e trionfante sulla carne. Se lo Spirito avesse compiuto quest’opera direttamente, non sarebbe in grado di giudicare tutta la disobbedienza dell’uomo e non potrebbe rivelare tutte le sue iniquità. Poiché l’opera di giudizio viene effettuata anche attraverso le concezioni dell’uomo riguardo a Dio ed egli non ha mai avuto alcuna concezione sullo Spirito, lo Spirito non è in grado di rivelare meglio l’ingiustizia degli uomini né, tanto meno, di svelare completamente tale ingiustizia. Il Dio incarnato è il nemico di tutti coloro che non Lo conoscono. Attraverso il giudizio delle concezioni e dell’opposizione dell’uomo nei Suoi confronti, Egli rivela tutta la disobbedienza del genere umano. Gli effetti della Sua opera nella carne sono più evidenti di quelli dell’opera dello Spirito. E così, il giudizio di tutta l’umanità non viene effettuato direttamente dallo Spirito, ma è opera di Dio incarnato” (“L’umanità corrotta ha più bisogno della salvezza del Dio incarnato” in “La Parola appare nella carne”).

Poi ha detto: “Che Dio operi nello Spirito o nella carne, è sempre significativo. Dipende da ciò di cui Dio ha bisogno per la Sua opera e da quanto sono corrotti gli esseri umani. Egli sceglie il metodo che sarà più efficace per la Sua opera e per l’umanità corrotta. In quanto credenti, siamo tutti profondamente consapevoli che il Signore Gesù ci ha sì perdonato i peccati, ma la radice della nostra peccaminosità e la nostra natura satanica esistono ancora. Spesso riveliamo vari tipi di indole satanica come arroganza, inganno, malvagità e odio della verità. Mentiamo e imbrogliamo per il nostro tornaconto e combattiamo con gli altri per il denaro e il prestigio. Non possiamo fare a meno di peccare e resistere a Dio. Egli è santo, quindi come è possibile che persone ripugnanti come noi siano degne di vedere il Signore ed entrare nel Suo Regno? Negli ultimi giorni, Dio incarnato esprime la verità e compie l’opera di giudizio per eliminare la natura corrotta dell’umanità e purificarci e salvarci completamente. Solo Dio nella carne come Figlio dell’uomo vivendo realmente in mezzo a noi poteva realizzare tutto questo. Egli esprime la verità in qualsiasi momento in base a ciò di cui abbiamo bisogno. Smaschera e giudica la nostra indole corrotta e la natura satanica, e ci comunica direttamente la volontà di Dio, chi è amato e chi è detestato da Lui, come fare per essere una persona onesta, amare e obbedire a Dio, ecc. Così possiamo capire correttamente la Sua volontà e i Suoi requisiti. L’unico modo per scacciare il peccato è sottoporsi al giudizio e al castigo delle parole di Dio. La nostra corruzione viene allora purificata e siamo in grado di amarLo veramente e di sottometterci a Lui. Alla fine veniamo salvati e possiamo entrare nel Suo Regno. Se Dio operasse direttamente nello Spirito, la Sua voce sarebbe simile a un tuono. Spaventerebbe tutti. Nessuno riuscirebbe ad avvicinarsi a Lui, né a capire la Sua volontà. Le nozioni che la gente ha su Dio e sulla corruzione non sarebbero smascherate; le persone non conoscerebbero se stesse, non si pentirebbero e non cambierebbero veramente. Inoltre, se Dio apparisse nello Spirito, tutti avrebbero paura e nessuno avrebbe nozioni o Gli si opporrebbe. Allora le persone buone e cattive cadrebbero indistintamente davanti a Lui, quindi come si potrebbero differenziare e classificare gli uomini secondo il loro genere?”

La condivisione di questo fratello mi ha fatto capire quanta saggezza e importanza vi sia in Dio che Si incarna negli ultimi giorni. Se Egli apparisse e operasse nello Spirito, non nella carne, non potrebbe smascherare la ribellione o la falsa fede della gente, né purificare, eliminare e salvare le persone, suddividendo ognuno secondo il suo genere. Poi, abbiamo guardato molti video in cui venivano lette le parole di Dio e anche film evangelici. Dopo un po’ di tempo trascorso a cercare e indagare, abbiamo determinato che Dio Onnipotente è veramente il Signore Gesù ritornato. Abbiamo accettato l’opera di Dio Onnipotente degli ultimi giorni. La nostra gioia e la gratitudine erano immense: non riuscivamo a smettere di ringraziare e lodare Dio. Ho ripensato a quando non capivo l’opera di Dio, ma credevo ciecamente al pastore, secondo cui il Signore sarebbe venuto su una nuvola in forma spirituale. Ero in guardia contro l’opera di Dio degli ultimi giorni. Ero così sciocca. Se Dio non avesse usato quei fratelli per condividere con me più e più volte, avrei certamente perso la salvezza di Dio degli ultimi giorni a causa delle mie nozioni… che pericolo ho scampato! Ringrazio la guida di Dio per avermi permesso di sentire la Sua voce, accogliere il ritorno del Signore e seguire le orme dell’Agnello.

Pagina precedente: Finalmente ho accolto il Signore
Pagina successiva: La via della purificazione

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Il ritorno di un figliol prodigo

di Ruth, Stati Uniti Sono nata in una cittadina della Cina meridionale e la nostra famiglia crede nel Signore dalla generazione della mia...