La competizione genera sofferenza

16 Aprile 2023

Nell’aprile 2021, la chiesa ha messo me e Chen Xi a dirigere insieme il lavoro di irrigazione. Venirlo a sapere mi ha un po’ turbata. Chen Xi era capace e forniva condivisioni chiare sulla verità. Temevo che, dopo un po’ di pratica, mi avrebbe superata. In passato, ero stata suo supervisore: come avrei potuto mostrare la mia faccia se avesse ottenuto risultati migliori di me? In seguito, ho notato che la leader le forniva molto aiuto e sostegno e la faceva praticare in alcuni compiti importanti. Ho immaginato che la leader volesse coltivarla. Ero molto delusa e mi sono segretamente messa in competizione con lei, volendo lavorare sodo per evitare che mi superasse. Mi sono dedicata anima e corpo a condividere con gli altri durante le riunioni, e mi assicuravo di apprendere e affrontare i problemi nel lavoro di fratelli e sorelle. Parlavo con prontezza nelle discussioni di lavoro e gli altri erano quasi sempre d’accordo con me. Dopo un po’ di tempo, il nostro lavoro di irrigazione ha iniziato a dare dei risultati. Ero molto soddisfatta di me stessa e mi sentivo davvero realizzata. Poiché Chen Xi era nuova in quel tipo di lavoro, all’inizio non riusciva a padroneggiarlo e le risultava difficile. Sapevo che avrei dovuto aiutarla a familiarizzare rapidamente con il lavoro e ad apprendere i principi, ma temevo che sarebbe diventata migliore di me, così le ho fornito solo un breve e semplice abbozzo senza spiegarle i dettagli. Ero segretamente felice quando la vedevo in cattive condizioni a causa delle difficoltà nel suo dovere e mi sentivo ancora più capace di lei. Dopo un po’ di tempo, Chen Xi ha appreso gradualmente il lavoro e ha ottenuto qualche risultato nel suo dovere. Spesso ascoltavo le sue condivisioni su come risolvere i problemi dei fratelli e delle sorelle e mi parevano davvero chiare e concrete, cosa che mi agitava. È risultato che la sua levatura era superiore alla mia. Se continuava così, sarebbe migliorata sempre più nel suo dovere e a un certo punto gli altri l’avrebbero sicuramente ammirata. Questo non l’avrebbe fatta apparire migliore di me? Mi sentivo sempre più minacciata. Ogni volta che ci trovavamo in una riunione con altri, osservavo le sue condivisioni. Quando notavo che erano illuminanti, cercavo di pensare a un modo per fare comunione meglio di lei. Una volta, una sorella non riusciva a lavorare bene con gli altri a causa della sua arroganza e questo si ripercuoteva sul suo lavoro. Mi sono davvero scervellata su quale fosse la causa del suo problema, su quale passo delle parole di Dio usare e su come integrare la mia esperienza personale nella comunione. Ma, per via del mio approccio sbagliato, non riuscivo a riflettere con calma, e alla fine ho forzato la comunione sulla base di una comprensione superficiale e lei è rimasta nello stato sbagliato. Chen Xi, invece, ha unito la comunione sulle parole di Dio e la sua esperienza personale. La sorella è riuscita a identificarsi e poi si è sentita pronta a cambiare il suo stato. La cosa mi ha fatto davvero arrabbiare. Perché Dio illuminava Chen Xi e non me? Lei era al centro della scena, quindi gli altri non l’avrebbero ritenuta migliore di me? A questo pensiero, ho preso una decisione. Dovevo assolutamente fare buona impressione la prossima volta che qualcuno avesse avuto una difficoltà, per far vedere a tutti che sapevo condividere sulla verità per risolvere i problemi. In seguito, una sorella ha raccontato come fosse critica nei confronti degli altri dopo essere stata trattata. Ho pensato che, avendo avuto lo stesso tipo di esperienza, stavolta avrei potuto fornire una valida comunione. Ma, prima ancora che aprissi bocca, Chen Xi ha iniziato a condividere e ha parlato in modo molto chiaro, collegando il discorso alla sua esperienza reale e togliendomi le parole di bocca. Non ho potuto fare altro che fornire un semplice resoconto della mia comprensione. Vedendo che Chen Xi era di ottimo umore dopo la riunione, ho provato ancora più invidia e non volevo riconoscerle i suoi meriti. Quella sera, a letto, non riuscivo a prendere sonno. Pensare a quanto gli altri gradissero le condivisoni di Chen Xi mi faceva sentire davvero giù. Sembrava che non sarei mai stata in grado di superarla. All’epoca, sapevo di essere in uno stato sbagliato. Ho pregato Dio, chiedendoGli di illuminarmi e di guidarmi a conoscere me stessa.

In una riunione successiva, ho letto che Dio dice: “La spasmodica ricerca della fama e del profitto è il comportamento distintivo degli esseri umani, che hanno la natura malvagia di Satana. Nessuno fa eccezione. L’intera l’umanità corrotta vive per la fama e il prestigio; tutti gli esseri umani sono disposti a pagare qualsiasi prezzo nella loro lotta per la fama e il prestigio. Così è per tutti quelli che vivono sotto il potere di Satana. Pertanto, chi non accetta o non comprende la verità e non sa agire in conformità ai principi vive in un’indole satanica. Un’indole satanica è arrivata a dominare i tuoi pensieri e a controllare il tuo comportamento; Satana ti ha posto sotto il suo controllo, sei suo prigioniero: non gli sfuggirai mai se non accetti la verità e non rinunci a lui. […] Non pensare sempre a superare tutti, a fare tutto meglio degli altri e a distinguerti dalla massa in ogni modo. Che tipo di indole è questa? (Un’indole arrogante.) Le persone possiedono sempre un’indole arrogante e, anche se vogliono lottare per la verità e soddisfare Dio, non ci riescono. Sono controllate da un’indole arrogante che le porta facilmente a smarrirsi. […] Quando possiedi una tale indole, tenti costantemente di sorpassare gli altri, di surclassarli, di competere, di togliere loro qualcosa. Sei estremamente invidioso, non obbedisci a nessuno e cerchi sempre di distinguerti. Questo è un problema; è il modo in cui agisce Satana. Se vuoi veramente essere una creatura di Dio all’altezza dei requisiti, allora non perseguire i tuoi sogni personali. È malvagio cercare di essere superiore e più capace di come sei al fine raggiungere i tuoi obiettivi; dovresti obbedire alle orchestrazioni e alle disposizioni di Dio, e non spingerti al di sopra della tua collocazione; solo questo dimostra ragionevolezza(La Parola, Vol. 3: I discorsi di Cristo degli ultimi giorni, “I principi che devono guidare il proprio comportamento”). Le parole di Dio rivelavano il mio vero stato. Volevo sempre lottare per primeggiare su tutti e non essere inferiore a nessuno, quindi ero in costante competizione, desiderosa di superare gli altri. Avendo supervisionato il lavoro di Chen Xi in passato, quando collaboravamo non volevo essere peggiore di lei nelle abilità lavorative o nel condividere sulla verità. All’inizio ero molto soddisfatta quando non riusciva a superarmi. Ma quando l’ho vista progredire rapidamente, risolvere alcuni problemi e persino ottenere l’approvazione dei fratelli e delle sorelle, ero scontenta e invidiosa e non facevo che competere con lei. Volevo persino mettermi in mostra quando condividevo sulla verità e risolvevo i problemi, in modo che gli altri mi guardassero con ammirazione. Ma il mio intento era sbagliato. Mi concentravo solo su fama e guadagno, non sul riflettere seriamente sulle parole di Dio, e così riuscivo a condividere solo su qualche arida dottrina, cosa che non apportava agli altri alcun beneficio. Non ho riflettuto su me stessa alla luce di questo, anzi incolpavo Dio perché non mi illuminava e opponevo resistenza. Solo a quel punto mi sono resa conto di quanto fossi arrogante e irragionevole. La chiesa aveva incaricato me e Chen Xi di gestire il lavoro di irrigazione, quindi avremmo dovuto completarci a vicenda, sfruttare i nostri punti di forza individuali e svolgere bene insieme il nostro dovere. Chiaramente non ero alla sua altezza, ma non ne avevo alcuna consapevolezza. Cercavo sempre di essere migliore di lei e di mettermi al centro della scena, calcolando segretamente guadagni e perdite di prestigio, senza considerare affatto il mio dovere o il lavoro della chiesa. Ero davvero arrogante e irragionevole e manifestavo un’indole satanica, disgustando Dio.

In seguito, ho pregato Dio, chiedendoGli di guidarmi a correggere il mio atteggiamento e a lavorare bene con Chen Xi. Da allora, quando vedevo che la sua comunione sulla verità era più chiara della mia e sentivo di voler competere, mi assicuravo di pregare e di rinunciare a me stessa. Con questa pratica, il mio stato è gradualmente migliorato. Ma, poiché non avevo una vera comprensione della mia natura e della mia essenza, in breve tempo il mio problema è riaffiorato. Nelle riunioni che Chen Xi e io ospitavamo per alcuni fratelli e sorelle, lei si occupava della maggior parte della comunione, mentre io mi limitavo ad aggiungere qualcosa qua e là. Una o due volte poteva andare, ma col tempo ho iniziato a sentirmi invisibile e uscivo da ogni riunione con una sensazione di delusione. Sarei stata per sempre la ruota di scorta? Scontenta della situazione, ho iniziato a competere in segreto. Dato che non ero in grado di condividere sulla verità e di risolvere i problemi meglio di Chen Xi, mi sono dedicata a supervisionare e a seguire i compiti per rendere più efficace il lavoro di irrigazione. In questo modo, avrei dimostrato le mie capacità. Così, quando c’era da monitorare un lavoro, facevo da sola, senza parlarne con Chen Xi. Col tempo, ho iniziato a ottenere risultati leggermente migliori dei suoi in quell’ambito e sono di nuovo diventata arrogante. In fondo, a quanto pareva non ero più scarsa di lei! Da allora, ho ricominciato a voler superarla anche nella condivisione e nella risoluzione dei problemi. Una volta, in una riunione, volevo prendere io il timone invece di lasciarlo a lei come al solito, così ho iniziato a cercare attivamente di affrontare i problemi di una sorella. Ma, a causa del mio intento sbagliato, ho subito preso a condividere prima di aver capito il suo problema. Di conseguenza, ho parlato molto senza risolvere nulla. Notando il mio stato sbagliato, gli altri hanno condiviso con me che non dovevo competere con la mia collaboratrice per la fama e il prestigio, poiché questo avrebbe influito sulla nostra produttività. Sentirli evidenziare quel problema mi ha davvero imbarazzata e sconvolta. Inoltre, avevo rubato troppo tempo, e così non abbiamo potuto affrontare i problemi di lavoro e abbiamo dovuto concludere l’incontro frettolosamente. Mentre tornavo a casa, ho pensato a come mi ero comportata durante la riunione. Era un boccone amaro da mandare giù. Volendo solo mettermi in mostra per dimostrare di essere migliore di Chen Xi, avevo sprecato molto tempo, così i nostri problemi di lavoro erano rimasti irrisolti e la riunione non era stata fruttuosa. Stavo intralciando il lavoro e la vita della chiesa. Più ci pensavo, più mi arrabbiavo e mi sentivo davvero afflitta. Non sapevo come eliminare la mia indole corrotta. Per un po’ di tempo, poiché ero prigioniera della lotta per la fama e il guadagno, non ho voluto offrire aiuto a Chen Xi quando la vedevo in difficoltà con il suo lavoro e il suo stato, e spesso le suggerivo, più o meno direttamente, che non si stava impegnando, cosa che l’ha resa più negativa. Ci siamo allontanate sempre più e le nostre prestazioni lavorative ne hanno risentito. Quando la leader ha appurato il mio stato, mi ha trattata perché lottavo per la fama e il guadagno ed escludevo la mia collaboratrice, e mi ha detto che era un segno di cattiva umanità. Le sue parole sono state un duro colpo, così ho pregato, chiedendo a Dio di illuminarmi affinché conoscessi veramente me stessa e risolvessi così i miei problemi.

Poi, ho letto alcune parole di Dio. “Ognuno di voi è salito alla vetta delle moltitudini; siete ascesi per diventare i progenitori delle masse. Siete estremamente arbitrari, e vi scatenate tra tutti i vermi cercando un posto comodo e tentando di divorare i vermi più piccoli di voi. Siete malevoli e biechi nell’intimo, e superate persino gli spiriti che si sono inabissati nelle profondità del mare. Vivete in fondo al letamaio, e disturbate i vermi da cima a fondo finché non hanno più pace, si combattono per un po’ per poi calmarsi. Non conoscete la vostra condizione, tuttavia combattete l’uno contro l’altro nel letame. Cosa potete guadagnare da questa lotta? Se davvero nel vostro cuore c’era una reverenza sentita per Me, come avete potuto combattervi l’un altro dietro le Mie spalle? Indipendentemente da quanto sia elevato il tuo rango, non sei forse comunque un piccolo verme ripugnante nel letame? Sarai capace di farti crescere delle ali e diventare una colomba nel cielo?(La Parola, Vol. 1: La manifestazione e l’opera di Dio, “Quando le foglie d’autunno torneranno alle loro radici, ti rammaricherai di tutto il male che hai commesso”). Valutandomi sul metro delle parole di Dio, ho visto che ero proprio così. Avevo sempre avuto un’eccessiva opinione di me, convinta di dover essere migliore di Chen Xi sotto ogni aspetto perché in passato ero stata suo supervisore. Lottavo per superarla sia apertamente che in segreto. Non discutevo con lei di come seguire il lavoro di irrigazione, agendo da sola, e nelle riunioni volevo risolvere i problemi altrui per dimostrare di essere migliore di lei, senza considerare se fossi in grado o no di risolvere i problemi reali delle persone o se questo avrebbe avuto un impatto sulla produttività degli incontri. Quando ho notato che aveva difficoltà nel lavoro e non era in buone condizioni, non solo non ho aiutato Chen Xi, ma ho gioito della sua infelicità, sminuendola intenzionalmente e godendo della sua sofferenza. Questo l’ha resa sempre più negativa. Mi sono resa conto di essere del tutto priva di umanità. Ho inoltre visto che Dio smaschera i vermi che non conoscono il proprio valore ma vogliono sempre volare alti nel cielo come colombe. Mi vergognavo molto. Mi sentivo altrettanto spregevole, e spudorata. Chiaramente non possedevo molta realtà della verità e non sapevo risolvere i problemi pratici delle persone, ma volevo comunque mettermi in mostra e superare gli altri. Questo non solo feriva quella mia sorella, ma si ripercuoteva sul lavoro della chiesa. Più ci pensavo, più mi sentivo in colpa e in debito al riguardo. Ho anche letto alcune parole di Dio che smascherano gli anticristi. Dio Onnipotente dice: “Qual è il motto degli anticristi, a prescindere dal gruppo a cui appartengono? ‘Devo competere! Competere! Competere! Devo competere per essere il più eminente e il più potente!’ È questa l’indole degli anticristi; ovunque vadano, competono e cercano di raggiungere i loro scopi. Sono i lacchè di Satana e perturbano l’opera della chiesa. L’indole degli anticristi è fatta così: cominciano a guardarsi intorno nella chiesa per capire chi crede in Dio da molti anni e abbia capitale, possieda qualche dono o qualche competenza particolare, sia stato utile ai fratelli e alle sorelle per l’ingresso nella vita, sia stimato, abbia anzianità di servizio, goda della buona opinione dei fratelli e delle sorelle, abbia più cose positive. Tali persone rappresenteranno per loro la concorrenza. Insomma, questo è ciò che fanno gli anticristi ogni volta che sono in un gruppo di persone, sempre. Competono per il prestigio, per una buona reputazione, per l’ultima parola sulle questioni e per il sommo potere di prendere decisioni nel gruppo, cosa che, una volta ottenuta, li rende soddisfatti. […] L’indole degli anticristi è arrogante, odiosa e irragionevole fino a questo punto. Non hanno coscienza né ragione, nemmeno un briciolo di verità. Dalle azioni e dalle imprese di un anticristo si può vedere che non hanno nulla della ragione di una persona normale, e sebbene si possa condividere con un anticristo riguardo alla verità, lui non l’accetterà. Per quanto giusto sia ciò che dici, con lui non funzionerà. Le uniche cose che gli piace perseguire sono la reputazione e il prestigio, per i quali nutre un gran rispetto. Finché può godere dei benefici del prestigio, si sente appagato. Questo è, così crede, il valore della sua esistenza. A prescindere dal gruppo di persone in cui si trovano, devono mostrare agli altri la ‘luce’ e il ‘calore’ che emanano, i loro talenti speciali, la loro unicità. Ed è perché ritengono di essere speciali che pensano naturalmente di dover essere trattati meglio degli altri, che dovrebbero ricevere il sostegno e l’ammirazione delle persone, che queste ultime debbano ammirarli, adorarli. Pensano che tutto questo spetti loro di diritto. Simili persone non sono forse sfacciate e spudorate?(La Parola, Vol. 4: Smascherare gli anticristi, “Tema 9 – Parte terza”). Dio rivela che gli anticristi non sono capaci di collaborare con nessuno. Vogliono sempre occupare il centro della scena, essere ammirati e adorati dagli altri. Simili persone hanno un’indole maligna: Dio ne è disgustato e le maledice. Riflettendoci, ho visto che anch’io manifestavo un’indole da anticristo. La chiesa aveva incaricato me e Chen Xi di lavorare insieme, ma io volevo essere l’unica stella a brillare. Vedere che Chen Xi condivideva con chiarezza e che gli altri la approvavano mi rendeva invidiosa di lei, e sentivo che non avrei mai avuto il mio momento di gloria finché fosse rimasta nella chiesa. La trattavo come una mia avversaria. Vedevo che aveva difficoltà sul lavoro, ma non la aiutavo, anzi, la escludevo e lavoravo da sola, cosa che l’ha portata a sentirsi negativa. Poiché l’ho ripetutamente esclusa, il suo stato è peggiorato, ma io non provavo senso di colpa né turbamento. Al contrario, ora sentivo di poter farmi notare e giocare un ruolo da protagonista. Ho detto intenzionalmente alcune cose denigratorie per minare il suo entusiasmo nel dovere, in modo che non potesse sfruttare i suoi punti di forza. Questo l’ha davvero ferita. Vivevo secondo veleni satanici come “Ci può essere solo un maschio alfa” e “Nell’intero universo, solo io regno sovrano”. Volevo essere l’unica a distinguersi. Non mi sono fermata davanti a nulla pur di escluderla e l’ho ferita solo per poter spiccare sugli altri. Ero del tutto priva di coscienza. Ho pensato ad alcuni anticristi della chiesa. Si preoccupano solo del prestigio di cui godono tra gli altri e di essere ammirati. Non sopportano che qualcuno li superi e, non appena il loro prestigio viene minacciato, usano tattiche ignobili per opprimere e punire l’altra persona. Finiscono per essere smascherati e scacciati da Dio per tutto il male che fanno. Volevo sempre essere ammirata e approvata dagli altri e sminuire la mia collaboratrice, senza permetterle di emergere. Ero sul cammino di un anticristo. Se non avessi cambiato strada, continuando a lottare per fama e guadagno e disturbando il lavoro della chiesa, avrei fatto la stessa fine degli anticristi, sarei stata punita e maledetta da Dio! Questo pensiero mi ha spaventata, così mi sono affrettata a pregare e a pentirmi.

Ho letto diversi passi. Dio Onnipotente dice: “Abbandonare la reputazione e il prestigio non è facile: dipende dal perseguimento della verità. Solo comprendendo la verità si può arrivare a conoscere sé stessi, a vedere chiaramente la vacuità del perseguimento di reputazione e prestigio e a riconoscere la verità della corruzione dell’umanità. Solo allora si possono veramente abbandonare il prestigio e la reputazione. Non è facile liberarsi di un’indole corrotta. Magari hai riconosciuto di essere sprovvisto della verità, di essere afflitto da mancanze e di rivelare troppa corruzione, eppure non fai alcuno sforzo per perseguire la verità e ti camuffi ipocritamente, inducendo gli altri a credere che tu sia in grado di fare qualsiasi cosa. Questo ti mette in pericolo, e prima o poi ne pagherai le conseguenze. Devi ammettere di non possedere la verità e avere il coraggio di affrontare la realtà. Sei debole, riveli corruzione e manifesti ogni sorta di inadeguatezza. Questo è normale: sei una persona ordinaria, non sei sovrumano né onnipotente, e devi riconoscerlo(La Parola, Vol. 4: Smascherare gli anticristi, “Tema 9 – Parte terza”). “Quali sono i vostri principi di comportamento? Dovete comportarvi secondo la vostra collocazione, trovare la collocazione giusta per voi e svolgere il dovere che vi spetta; solo chi si comporta così è ragionevole. Per fare un esempio, alcuni sono esperti in determinate competenze professionali e afferrano i relativi principi, e allora dovranno assumersi quella responsabilità e compiere le verifiche finali in tale area; altri sanno offrire idee e intuizioni, ispirando gli altri e aiutandoli a svolgere al meglio loro i doveri, e allora dovrebbero fornire idee. Se sai trovare la collocazione giusta per te e collabori in armonia con fratelli e sorelle, starai compiendo il tuo dovere e ti comporterai secondo la tua collocazione(La Parola, Vol. 3: I discorsi di Cristo degli ultimi giorni, “I principi che devono guidare il proprio comportamento”). “Dato che non è facile per nessuno realizzare le cose da solo, in qualsiasi campo sia coinvolto o qualunque cosa stia facendo, è sempre bene avere qualcuno che metta in luce le cose e offra assistenza: è molto più facile così che fare da soli. Inoltre, ci sono dei limiti alle capacità della levatura delle persone e a ciò che possono sperimentare. Nessuno può essere un esperto in tutti i mestieri, non è possibile per una sola persona sapere tutto, imparare tutto, realizzare tutto: è impossibile, e tutti dovrebbero possedere tale senno. E quindi, indipendentemente da ciò che fai, che sia importante o meno, ci dovrebbe sempre essere qualcuno disposto ad aiutarti, a darti indicazioni e consigli, e a fare cose in collaborazione con te. Questo è l’unico modo per essere sicuro che agirai in maniera più corretta, commetterai meno errori e avrai meno probabilità di smarrirti, il che è una buona cosa(La Parola, Vol. 4: Smascherare gli anticristi, “Tema 8 – Parte prima”). Nelle parole di Dio, ho trovato un percorso di pratica. Dovevo abbandonare il mio desiderio di perseguire fama e prestigio, imparare ad affrontare adeguatamente i miei difetti e mancanze, stare al mio posto, considerare gli interessi della chiesa e la vita degli altri quando accadeva qualcosa, cooperare con la mia collaboratrice per sostenere insieme il lavoro della chiesa e compiere bene il nostro dovere. In passato, ero stata responsabile del lavoro di Chen Xi e avevo una certa esperienza lavorativa, ma nella comunione sulla verità e nella risoluzione dei problemi ero ancora molto indietro. Non avevo esperienza pratica e non sapevo rilevare né risolvere molti problemi. Queste erano le mie carenze. Dovevo riconoscerle e affrontarle. Mentre la comunione di Chen Xi era illuminante e utile per l’ingresso nella vita dei fratelli e delle sorelle. Avrei dovuto sostenerla e permetterle di sfruttare i suoi punti di forza, da cui poter anche io imparare per compensare le mie debolezze, cosa che avrebbe giovato al mio ingresso nella vita e al lavoro della chiesa.

In seguito, quando cooperavo con Chen Xi per condividere nelle riunioni, mi assicuravo di avere le giuste intenzioni e di fare comunione solo su ciò che capivo. Lasciavo che Chen Xi condividesse su ciò che comprendeva e poi lo integravo. A volte, mi sentivo in competizione quando vedevo che gli altri approvavano la sua comunione, ma sapevo subito capire che il mio stato era sbagliato, pregare, rinunciare a me stessa e di conseguenza essere disposta a mettere al primo posto il lavoro della chiesa e a collaborare con Chen Xi. La mia invidia è col tempo diminuita e ho smesso di escogitare modi di competere con lei. Pensavo invece a come collaborare con lei per risolvere i problemi degli altri. Non ero più frenata dalla mia indole corrotta ed ero in grado di fare la mia parte. Collaboravo intenzionalmente con Chen Xi nel lavoro e le offrivo il mio aiuto quando incontrava delle difficoltà. Col tempo, il nostro lavoro di irrigazione è migliorato ed entrambe siamo riuscite a fare progressi. Mi sentivo davvero in pace.

Sei fortunatoad accederea questo sito Web,avrai l’opportunitàdi accogliere il Signoree trovare la viaper sbarazzarti della sofferenza. Vuoi guadagnare questa benedizione di Dio?

Contenuti correlati

Rispondi