Perché Dio Si incarna per compiere la Sua opera di giudizio degli ultimi giorni?

03 Gennaio 2022

Abbiamo già parlato diverse volte dell’opera di giudizio di Dio degli ultimi giorni. Oggi vorremmo approfondire su chi svolge quest’opera di giudizio. Tutti i credenti sanno che Dio compirà il Suo giudizio tra gli uomini negli ultimi giorni, che il Creatore apparirà all’umanità ed esprimerà personalmente le Sue parole. Ma in che modo Dio svolge questo giudizio? È il Suo Spirito che appare in cielo e ci parla? Questo non è possibile. Lo Stesso Signore Gesù ci ha detto: “Inoltre, il Padre non giudica nessuno, ma ha affidato tutto il giudizio al Figlio” (Giovanni 5:22). “E Gli ha dato autorità di giudicare, perché è il Figlio dell’uomo” (Giovanni 5:27). Da questo vediamo che l’opera di giudizio è svolta dal “Figlio”. Ogni volta che si menziona il “Figlio dell’uomo”, dovremmo sapere che si tratta di Dio incarnato, quindi questo significa che Egli viene nella carne negli ultimi giorni per svolgere l’opera di giudizio. Questo è estremamente importante! Allora, sapete in cosa consiste l’opera di giudizio degli ultimi giorni? Perché Dio dovrebbe farSi carne per compierla? Per dirla semplicemente, è il Salvatore che viene a salvare l’umanità. Quando Dio Si fa carne e viene sulla terra, è il Salvatore che discende. Egli compie personalmente l’opera di giudizio per salvare l’umanità dal peccato una volta per tutte. Accettando il Suo giudizio, potete essere liberati dal peccato, diventare puri ed essere salvati. Poi sarete protetti durante i disastri e alla fine accederete al Regno dei Cieli. Quindi, accogliere l’opera di giudizio del Salvatore è legato all’esito e alla destinazione di una persona: concorderete che è essenziale. Molti credenti potrebbero chiedere perché Dio debba assolutamente farSi carne per il Suo giudizio degli ultimi giorni. Pensano che il Signore Gesù verrà su una nuvola in forma di spirito, che Dio allungherà una mano e ci condurrà tutti direttamente nel Regno: non sarebbe meraviglioso? Questo tipo di pensiero non è solo eccessivamente semplicistico, ma anche irrealistico. Dovreste sapere che l’indole di Dio è santa e giusta. Egli accoglierebbe dei peccatori nel Suo Regno? Conosciamo tutti il versetto della Bibbia “Senza la santificazione nessuno vedrà il Signore” (Ebrei 12:14). Tutti peccano, e lo fanno costantemente. Dio non porterebbe mai gli uomini direttamente nel Regno, non è così che ci salva. Dio odia i peccatori, i quali non sono degni di vedere Dio. Non c’è dubbio al riguardo. Allora in che modo il Salvatore salva l’umanità negli ultimi giorni? Prima, Egli compie il Suo giudizio per purificarci dalla corruzione, salvandoci dal peccato e dalle forze di Satana, e solo dopo ci condurrà nel Regno. Dio non vi salverà dai disastri, e tanto meno vi porterà nel Regno, se la vostra peccaminosità non è stata risolta. I disastri sono già iniziati e tutti sentono che il mondo sta finendo, che la morte si avvicina. Tutti stanno aspettando che il Salvatore venga a salvare l’umanità, per questo accogliere Lui e la Sua opera di giudizio degli ultimi giorni ha la massima importanza! È cruciale per stabilire se i credenti saranno salvati ed entreranno nel Regno dei Cieli.

Ma prima spieghiamo cos’è l’opera di giudizio degli ultimi giorni. Le persone religiose pensano al giudizio degli ultimi giorni come a qualcosa di molto semplice, e, ogni volta che si parla del “giudizio”, sono sicuri che verrà compiuto dal Signore Gesù in forma di spirito, che il Signore verrà a prenderci e ci porterà nel Regno, e allora i miscredenti saranno condannati e distrutti. In realtà, questo è del tutto errato. In cosa si sbagliano? Ogni volta che Dio viene e compie un’opera per salvare l’umanità, è in realtà molto pratico e realistico, per nulla soprannaturale. Inoltre, trascurano le più importanti profezie bibliche riguardanti l’arrivo del Signore, quelle su Dio che Si fa carne come Figlio dell’uomo per compiere l’opera di giudizio. Il Signore Gesù parlò chiaro: “Infatti, come il lampo esce da levante e si vede fino a ponente, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo” (Matteo 24:27). “Inoltre, il Padre non giudica nessuno, ma ha affidato tutto il giudizio al Figlio” (Giovanni 5:22). “Chi Mi respinge e non riceve le Mie parole ha chi lo giudica; la parola che ho annunciata è quella che lo giudicherà nell’ultimo giorno” (Giovanni 12:48). “Ho ancora molte cose da dirvi, ma non sono per ora alla vostra portata; quando però sarà venuto Lui, lo Spirito della verità, Egli vi guiderà in tutta la verità” (Giovanni 16:12-13). E la prima lettera di Pietro 4:17 dice: “Infatti è giunto il tempo in cui il giudizio deve cominciare dalla casa di Dio”. Non sono profezie perfettamente chiare? Il Signore S’incarna negli ultimi giorni come Figlio dell’uomo, esprime verità e svolge l’opera di giudizio. Non c’è alcun dubbio su questo. L’opera di giudizio non è affatto come la gente immagina, con Dio che porta i credenti direttamente in cielo, poi condanna e distrugge i miscredenti, ed è finita lì. Non è così semplice. Il giudizio degli ultimi giorni ha inizio dalla casa di Dio e si svolge prima tra coloro che accettano il giudizio di Dio degli ultimi giorni. Ossia, il Figlio dell’uomo incarnato viene sulla terra, esprime molte verità per purificare e salvare l’umanità, e guida i prescelti di Dio ad accedere a tutte le verità. Questa è l’opera del Salvatore negli ultimi giorni, e Dio l’ha pianificata molto tempo fa. Quanto ai miscredenti, saranno direttamente condannati ed eliminati nei disastri. Ora, il Salvatore è già venuto come Dio Onnipotente incarnato, esprime tutte le verità necessarie per purificare e salvare l’umanità, e compie l’opera di giudizio a partire dalla casa di Dio. Le verità espresse da Dio Onnipotente hanno scosso il mondo intero, e quasi tutti in ogni nazione ne hanno sentito parlare. Possiamo vedere che le profezie della Bibbia sul ritorno del Signore si sono completamente adempiute.

Purtroppo, molti ancora non comprendono l’opera di giudizio di Dio degli ultimi giorni e continuano a sperare di vedere qualcosa di soprannaturale: Dio che appare in cielo e da lì ci parla. È una cosa talmente vaga. Leggiamo le parole di Dio Onnipotente per capire meglio come Dio svolge il Suo giudizio. “L’opera di giudizio è propria di Dio quindi, ovviamente, deve essere svolta da Lui Stesso; non può essere effettuata dall’uomo in Sua vece. Poiché il giudizio è la conquista dell’uomo attraverso la verità, è incontestabile che Dio appaia ancora come immagine incarnata per svolgere tale opera fra gli uomini. In altre parole, Cristo degli ultimi giorni dovrà utilizzare la verità per insegnare agli uomini su tutta la terra e per far conoscere loro tutte le verità. Questa è l’opera di giudizio di Dio” (“Cristo compie l’opera di giudizio attraverso la verità” in “La Parola appare nella carne”).

Cristo degli ultimi giorni utilizza una serie di verità per insegnare all’uomo, rivelarne l’essenza e analizzarne le parole e le azioni. Queste parole comprendono diverse verità, quali il dovere dell’uomo, come l’uomo dovrebbe obbedire a Dio, come dovrebbe esserGli fedele, come dovrebbe vivere la normale umanità, così come la saggezza e l’indole di Dio, e così via. Queste parole sono tutte dirette all’essenza dell’uomo e alla sua indole corrotta. In particolare, le parole che rivelano come l’uomo rifiuta Dio vengono pronunciate a proposito di come l’uomo sia la personificazione di Satana e una forza nemica di Dio. Quando Dio comincia l’opera di giudizio, Egli non Si limita semplicemente a chiarire la natura dell’uomo con poche parole, ma compie la rivelazione, il trattamento e la potatura a lungo termine. Nessuno di questi diversi metodi, la rivelazione, il trattamento e la potatura, può essere sostituito con parole ordinarie, ma con la verità che l’uomo non possiede affatto. Solo tale metodo di lavoro viene considerato giudizio; solamente attraverso tale giudizio l’uomo può essere assoggettato, pienamente convinto a sottomettersi a Dio e inoltre può ottenere la vera conoscenza di Dio. Ciò che l’opera di giudizio realizza è la comprensione da parte dell’uomo del vero volto di Dio e la verità riguardo alla sua ribellione. L’opera di giudizio permette all’uomo di ottenere molta comprensione della volontà di Dio, dello scopo della Sua opera e dei misteri che per l’uomo sono incomprensibili. Inoltre, consente all’uomo di individuare e conoscere la sua sostanza corrotta e le radici della sua corruzione, come pure di scoprire la sua bruttezza. Questi effetti si realizzano tutti tramite l’opera di giudizio, perché la sua sostanza è di fatto l’opera di svelare la verità, la via e la vita di Dio a tutti coloro che hanno fede in Lui. Quest’opera è l’opera di giudizio svolta da Dio” (“Cristo compie l’opera di giudizio attraverso la verità” in “La Parola appare nella carne”).

Ora dovremmo capire come Dio compie il Suo giudizio degli ultimi giorni. Principalmente lo fa esprimendo verità, e usandole per giudicare, purificare e salvare l’umanità. Ossia, negli ultimi giorni Dio usa quest’opera di giudizio per purificare la corruzione dell’uomo, per salvare, perfezionare e completare un gruppo di persone che hanno un solo cuore e una sola mente con Dio. Questo è il risultato del piano divino di gestione di 6000 anni, e il punto cruciale dell’opera di giudizio degli ultimi giorni. Ecco perché il Salvatore, Dio Onnipotente, esprime così tante verità, espone e giudica ogni indole corrotta dell’uomo, purifica e cambia le persone attraverso trattamento, potatura, prove e affinamento, estirpando la radice della peccaminosità dell’uomo, permettendoci di sfuggire completamente al peccato e alle forze di Satana, e di sottometterci a Dio e riverirLo. Questo può confondere un po’ alcune persone. Il Signore Gesù ha redento l’umanità, quindi perché Dio dovrebbe esprimere delle verità per giudicare l’umanità negli ultimi giorni? Non vedono quanto profondamente l’uomo sia stato corrotto da Satana. Dio salva l’uomo negli ultimi giorni risolvendo la nostra indole corrotta. Questa non è una cosa semplice. Non si tratta solo di riconoscere i nostri peccati, confessarci e pentirci con il Signore, ed è finita lì. Un’indole corrotta è diversa dalla peccaminosità. Non si tratta di comportamenti peccaminosi, ma di qualcosa che vive nella nostra mente, nella nostra anima. Sono manifestazioni di un’indole profondamente radicata in noi, tra cui arroganza, astuzia, malvagità e disprezzo per la verità. Si celano nel profondo del cuore delle persone e sono molto difficili da reperire. A volte il peccato non è evidente, e una persona può pronunciare parole piacevoli, ma serba in cuore motivazioni subdole e spregevoli, e inganna e fuorvia gli altri. Questo è un problema della sua indole. Senza il giudizio e le rivelazioni di Dio nel lungo termine, insieme al trattamento, alla potatura e alle prove, le persone non lo vedrebbero, e tanto meno cambierebbero. Chi tra i credenti nel Signore è sfuggito al peccato dopo una vita di confessione dei propri peccati? Nessuno. E quindi, sperimentare la redenzione del Signore senza il giudizio degli ultimi giorni permette solo di riconoscere il proprio comportamento peccaminoso; ma la propria natura peccaminosa, la radice del proprio peccato, ossia l’indole corrotta profondamente radicata in noi, non è qualcosa che si vede, e tanto meno si corregge. Questo è innegabile! Dunque, solo grazie a Dio che personalmente Si incarna e compie il giudizio negli ultimi giorni, esprimendo libri di verità, e attraverso la Sua rivelazione e il Suo giudizio a lungo termine, le persone possono vedere chiaramente la verità della loro corruzione e conoscere la propria essenza, ed è attraverso questo giudizio che arrivano a conoscere la giustizia e la santità di Dio, e a possedere un cuore timorato di Dio. Questo è l’unico modo per eliminare la corruzione e vivere una vera sembianza umana. Pertanto, solo grazie a Dio che Si incarna ed esprime verità per compiere il giudizio degli ultimi giorni si possono ottenere questi frutti. Alcuni potrebbero chiedere: perché Dio Stesso deve compiere quest’opera nella carne? Perché non può farlo in forma di spirito? Guardiamo il video di una lettura delle parole di Dio, affinché tutti comprendano più a fondo.

Dio Onnipotente dice: “La salvezza dell’uomo da parte di Dio non si compie tramite il metodo dello Spirito e l’identità dello Spirito, perché il Suo Spirito non può essere né toccato né visto dall’uomo e non può essere da lui avvicinato. Se Egli cercasse di salvare l’uomo direttamente alla maniera dello Spirito, l’uomo non sarebbe in grado di ricevere la Sua salvezza. Se Dio non indossasse la forma esteriore di un uomo del creato, per l’uomo sarebbe impossibile ricevere questa salvezza. L’uomo, infatti, non può in alcun modo avvicinarsi a Lui, proprio come nessuno poteva avvicinarsi alla nube di Jahvè. Solo diventando un essere del creato, ossia solo mettendo la Sua parola nel corpo di carne che Egli sta per divenire, Egli può personalmente operare la parola in tutti coloro che Lo seguono. Solo allora l’uomo può vedere e sentire personalmente la Sua parola, nonché entrare in possesso della Sua parola e in tal modo essere pienamente salvato. Se Dio non Si facesse carne, nessun uomo in carne e ossa potrebbe ricevere questa grande salvezza e neppure uno verrebbe salvato. Se lo Spirito di Dio operasse direttamente tra gli uomini, tutta l’umanità verrebbe stroncata o altrimenti, senza poter in alcun modo entrare in contatto con Dio, sarebbe tutta presa prigioniera e portata via da Satana” (“Il mistero dell’incarnazione (4)” in “La Parola appare nella carne”).

Nessuno è più adatto e qualificato di Dio nella carne per l’opera di giudicare la corruzione della carne umana. Se il giudizio fosse stato effettuato direttamente dallo Spirito di Dio, non sarebbe onnicomprensivo. Inoltre, tale opera sarebbe difficile da accettare per l’uomo, perché lo Spirito non è in grado di trovarSi faccia a faccia con l’uomo e, per questo, gli effetti non sarebbero immediati, tanto meno l’uomo sarebbe in grado di contemplare l’inoffensibile indole di Dio in modo più chiaro. Satana può essere completamente sconfitto solo se il Dio nella carne giudica la corruzione del genere umano. Essendo come l’uomo in possesso di umanità normale, Dio nella carne può giudicare direttamente l’ingiustizia dell’uomo; questo è il segno della Sua santità innata e della Sua straordinarietà. Solo Dio è qualificato e nella posizione di giudicare l’uomo, perché è in possesso della verità e della giustizia, e quindi è in grado di giudicare l’uomo. Coloro che sono senza verità e giustizia non sono adatti a giudicare gli altri. Se quest’opera fosse compiuta dallo Spirito di Dio, non significherebbe una vittoria su Satana. Lo Spirito è intrinsecamente più elevato degli esseri mortali e lo Spirito di Dio è intrinsecamente santo e trionfante sulla carne. Se lo Spirito avesse compiuto quest’opera direttamente, non sarebbe in grado di giudicare tutta la disobbedienza dell’uomo e non potrebbe rivelare tutte le sue iniquità. Poiché l’opera di giudizio viene effettuata anche attraverso le concezioni dell’uomo riguardo a Dio ed egli non ha mai avuto alcuna concezione sullo Spirito, lo Spirito non è in grado di rivelare meglio l’ingiustizia degli uomini né, tanto meno, di svelare completamente tale ingiustizia. Il Dio incarnato è il nemico di tutti coloro che non Lo conoscono. Attraverso il giudizio delle concezioni e dell’opposizione dell’uomo nei Suoi confronti, Egli rivela tutta la disobbedienza del genere umano. Gli effetti della Sua opera nella carne sono più evidenti di quelli dell’opera dello Spirito. E così, il giudizio di tutta l’umanità non viene effettuato direttamente dallo Spirito, ma è opera di Dio incarnato. Dio nella carne può essere visto e toccato dall’uomo, ed Egli può conquistare completamente l’uomo. Nel suo rapporto con Dio nella carne, l’uomo progredisce dall’opposizione all’obbedienza, dalla persecuzione all’accettazione, dalla concezione alla conoscenza e dal rifiuto all’amore. Questi sono gli effetti dell’opera del Dio incarnato” (“L’umanità corrotta ha più bisogno della salvezza del Dio incarnato” in “La Parola appare nella carne”).

Ora credo che tutti capiamo un po’ meglio perché Dio esege personalmente l’opera di giudizio nella carne. Perché la Sua incarnazione è l’unico modo che ha di interagire concretamente con le persone, di parlarci e di condividere con noi la verità sempre e dovunque, di smascherarci e giudicarci in base alla nostra corruzione, e di irrigarci, pascerci e nutrirci secondo i nostri bisogni. È l’unico modo in cui può comunicare chiaramente la volontà e le esigenze di Dio. Sentir parlare personalmente della via di Dio e comprendere le verità che Egli esprime non è forse il modo migliore per farci acquisire verità e salvezza? Inoltre, dal momento che Dio S’incarna in una persona normale e ordinaria, secondo voi le persone potrebbero nutrire delle nozioni e ribellarsi? Certamente. Quando vedono il più che ordinario aspetto esteriore di Cristo, emergono le loro nozioni, la ribellione e la resistenza, e anche se non dicono nulla e non lo lasciano trasparire, per quanto bene fingano, Dio osserva, e nulla di tutto ciò può esserGli in alcun modo nascosto. Dio mette a nudo tutto ciò che si cela nelle persone, colpendo dritto al punto. Quindi, solo Dio incarnato può esporre al meglio le persone, rivelandone ribellione e resistenza. Questo è di massima utilità per l’opera di giudizio. E se Dio pronunciasse parole direttamente attraverso lo Spirito? Le persone non potrebbero vedere, toccare o avvicinarsi al Suo Spirito, e se il Suo Spirito parlasse le terrorizzerebbe. A quel punto come potrebbero mettere a nudo i loro cuori con Dio, o comprendere le verità? E chi oserebbe nutrire nozioni di fronte allo Spirito? Chi oserebbe manifestare corruzione, o ribellarsi, o opporsi? Nessuno lo farebbe. Tutti tremerebbero di paura, impallidendo e prostrandosi. Se le persone fossero così spaventate, come potrebbero essere messe a nudo? Nessuna delle loro nozioni o ribellioni si mostrerebbe, quindi in che modo il giudizio potrebbe essere compiuto? Come si paleserebbero? Per questo l’opera dello Spirito di Dio non potrebbe portare alla luce i comportamenti più genuini delle persone, smascherandole, e l’opera di giudizio di Dio non potrebbe essere completata. Per l’opera di giudizio, l’incarnazione di Dio è più indicata del Suo Spirito. Possiamo vedere Dio Onnipotente vivere tra gli uomini, insime a noi, dalla mattina alla sera. Ogni nostro pensiero e azione, ogni tipo di corruzione che riveliamo, Dio li vede e comprende a pieno. Egli può esprimere verità per smascherarci e giudicarci sempre e dovunque, portando alla luce le nostre corruzioni, nozioni e fantasie su Dio, nonché la nostra intrinseca natura di ribellione e tradimento verso Dio. Quando leggiamo le parole di Dio, è come se Egli ci giudicasse faccia a faccia. È così commovente e imbarazzante, e vediamo così nettamente la verità della nostra corruzione nelle Sue parole. Ci odiamo e ci rammarichiamo di noi stessi, e ci sentiamo così indegni di vivere davanti a Dio. Attraverso il giudizio di Dio, vediamo anche che Egli è incredibilmente giusto e santo, e che scruta veramente nei nostri cuori e nelle nostre menti. Le idee e i pensieri corrotti sepolti in profondità nei nostri cuori, tra cui alcuni di cui neppure noi siamo consapevoli, vengono esposti e giudicati da Dio, uno per uno. A volte avviene attraverso una dura condanna e maledizione, che ci permette di vedere l’indole inoffendibile di Dio, e poi, finalmente, arriviamo a temere Dio. Senza subire il giudizio di Dio, nessuno di noi conoscerebbe la Sua giustizia e santità, né vedrebbe che le persone che vivono secondo la loro natura satanica appartengono al tipo che si oppone a Dio, e meritano la dannazione e il castigo di Dio. È grazie al giudizio, al castigo e alle prove di Dio che possiamo veramente pentirci, liberarci finalmente dalla corruzione ed essere purificati e trasformati. E, seguendo Cristo fino ad oggi, possiamo vedere che Dio incarnato vive tra noi, umile e nascosto, ed esprime con abnegazione e pazienza molte verità solo per salvare pienamente noi uomini corrotti. Se Dio incarnato non venisse personalmente a giudicarci e a purificarci, impartendoci tutte le verità, persone ribelli e corrotte come noi sarebbero certamente eliminate e punite. A quel punto come potremmo essere salvati? L’amore di Dio per l’umanità è così grande, e Dio è così amorevole. Dio Onnipotente esprime verità in mezzo a noi, guidando, nutrendo e accompagnando l’umanità concretamente. Questa è la nostra unica possibilità di sentire la voce di Dio e vedere il Suo volto, sottoporci al giudizio e alla purificazione di Dio, imparare e acquisire molte verità e vivere una vera sembianza umana. Chi guadagna di più dall’opera di Dio incarnato degli ultimi giorni è questo nostro gruppo di seguaci di Cristo. Quanto guadagniamo da Dio è davvero inestimabile. Proprio come dicono le parole di Dio Onnipotente: “La cosa migliore della Sua opera nella carne è che Egli può lasciare parole ed esortazioni accurate e la Sua specifica volontà per l’umanità a coloro che Lo seguono, in modo che, poi, i Suoi seguaci possano trasmettere più accuratamente e più concretamente tutta la Sua opera nella carne e la Sua volontà per l’intera umanità a coloro che accettano questa via. Solo l’opera di Dio nella carne tra gli uomini compie veramente il fatto che Dio sia insieme all’uomo e viva con lui. Solo questa opera soddisfa il desiderio dell’uomo di contemplare il volto di Dio, testimoniare la Sua opera e ascoltare la Sua parola personale. Il Dio incarnato pone fine all’età in cui erano mostrate all’umanità solo le spalle di Jahvè, e conclude anche l’età della fede dell’umanità in un Dio vago. In particolare, l’opera dell’ultimo Dio incarnato porta tutta l’umanità in un’età che è più realistica, più pratica e più bella. Egli non solo conclude l’età della legge e della dottrina; ma, cosa ancor più importante, Egli rivela all’umanità un Dio che è reale e normale, che è giusto e santo, che sblocca l’opera del piano di gestione e dimostra i misteri e la destinazione del genere umano, che ha creato l’uomo e porta a termine l’opera di gestione, e che è rimasto nascosto per migliaia di anni. Egli porta l’età della vaghezza ad una fine completa, conclude l’epoca in cui l’intera umanità desiderava cercare il volto di Dio, ma non era in grado di farlo, Egli pone fine all’epoca in cui l’intera umanità serviva Satana, e conduce tutta l’umanità lungo l’intero percorso, all’interno di una nuova era. Tutto questo è il risultato dell’opera di Dio nella carne, anziché dello Spirito di Dio” (“L’umanità corrotta ha più bisogno della salvezza del Dio incarnato” in “La Parola appare nella carne”).

Dio Onnipotente esprime verità e compie la Sua opera di giudizio degli ultimi giorni da trent’anni ormai. L’indole corrotta dei prescelti di Dio è stata purificata attraverso il giudizio delle Sue parole, e Dio ha creato un gruppo di vincitori prima dei disastri: essi sono le primizie. Hanno persistito nel seguire e testimoniare Cristo anche nella feroce oppressione da parte del gran dragone rosso. Hanno sconfitto Satana e sono stati testimoni clamorosi di Dio. Questo adempie la profezia dell’Apocalisse: “Sono quelli che vengono dalla grande tribolazione. Essi hanno lavato le loro vesti e le hanno imbiancate nel sangue dell’Agnello” (Apocalisse 7:14). Mentre Dio incarnato esprimeva verità, i leader e gli anticristi, maggiori o minori, di ogni confessione, sono stati del tutto smascherati. Essi vedono che Dio Onnipotente appare come una persona ordinaria, che non è lo Spirito, e così Gli si oppongono e Lo condannano senza pietà. Per difendere il loro prestigio e la loro vita, fanno di tutto per impedire ai credenti di sentire la voce di Dio e di approfondire la vera via. I veri volti di questi individui che odiano la verità sono stati esposti, e loro sono stati condannati ed eliminati. Senza l’incarnazione di Dio, sarebbero rimasti nascosti nelle Chiese, a succhiare il sangue ai credenti e a divorare le offerte di Dio, ingannando e rovinando moltissime persone. Poiché Dio compie il Suo giudizio nella carne, gli anticristi e i miscredenti, chi ama o non ama la verità, chi detesta o disprezza la verità, tutti sono stati messi a nudo. E coloro che amano e comprendono la verità hanno visto chiaramente il volto spregevole di Satana e il modo in cui Satana si oppone a Dio e inganna l’umanità. Hanno del tutto rifiutato e abbandonato Satana, e si sono rivolti completamente a Dio. Dio alla fine ricompensa il bene e punisce il male, annientando attraverso i grandi disastri tutte le forze del male che operano contro Dio, concludendo finalmente questa vecchia età in cui Satana detiene il potere, e poi conducendo a una meravigliosa destinazione chi è stato purificato attraverso il Suo giudizio. Questo adempie le profezie dell’Apocalisse: “Chi è ingiusto continui a praticare l’ingiustizia; chi è impuro continui a essere impuro; e chi è giusto continui a praticare la giustizia, e chi è santo si santifichi ancora” (Apocalisse 22:11). “Ecco, Io vengo presto e con Me avrò la Mia ricompensa da dare a ciascuno secondo le sue opere” (Apocalisse 22:12).

Concludiamo con un ultimo passo delle parole di Dio Onnipotente. “Molti hanno un sentimento negativo riguardo alla seconda incarnazione di Dio, poiché l’uomo trova difficoltoso credere che, per compiere l’opera di giudizio, Dio debba diventare carne. Ma devo dirti che spesso l’opera di Dio supera ampiamente le aspettative dell’uomo ed è difficile da accettare per le menti umane. Perché gli uomini sono soltanto vermi sulla terra, mentre Dio è l’Essere supremo che riempie l’universo; la mente dell’uomo è simile a un pozzo di acqua putrida che genera soltanto vermi, mentre ogni fase dell’opera diretta dai pensieri di Dio è un concentrato della Sua sapienza. L’uomo desidera costantemente competere con Dio; allora Io dico che, alla fine, è scontato chi ci rimetterà. Vi esorto tutti a non considerarvi più importanti dell’oro. Se altri possono accettare il giudizio di Dio, allora perché tu non puoi? Quanto in alto ti trovi, rispetto agli altri? Se altri possono chinare le loro teste di fronte alla verità, perché anche tu non puoi fare lo stesso? L’opera di Dio è inarrestabile. Egli non ripeterà l’opera di giudizio semplicemente per via del ‘contributo’ che hai apportato, e tu sarai sopraffatto dal rimpianto per esserti lasciato sfuggire una così buona occasione. Se non credi alle Mie parole, allora aspetta soltanto che quel grande trono bianco nel cielo esprima un giudizio su di te! Devi sapere che tutti gli israeliti disprezzarono e rinnegarono Gesù, eppure la realtà della redenzione del genere umano per opera di Gesù si è lo stesso diffusa a tutto l’universo e fino ai confini della terra. Non è questo un fatto che Dio ha compiuto molto tempo fa? Se stai ancora aspettando che Gesù ti porti in cielo, allora dico che sei un cocciuto ramo secco[a]. Gesù non riconoscerà un falso credente come te, che è sleale verso la verità e ricerca soltanto benedizioni. Al contrario, Egli non mostrerà misericordia, gettandoti nello stagno di fuoco dove brucerai per decine di migliaia di anni” (“Cristo compie l’opera di giudizio attraverso la verità” in “La Parola appare nella carne”).

Note a piè di pagina:

a. Un ramo secco: espressione idiomatica cinese che significa “senza rimedio”.

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Rispondi