Perché Dio compie l’opera di giudizio negli ultimi giorni?

09 Marzo 2022

Oggi, l’epidemia è globale, e i disastri stanno peggiorando. Abbiamo visto terremoti, carestie e guerre, e tutti i credenti aspettano con ansia la venuta del Salvatore, il Signore Gesù, di essere innalzati per incontrare il Signore e di sfuggire a questi disastri. Eppure, dopo così lunga attesa, non hanno ancora visto il Salvatore, il Signore Gesù, scendere su una nuvola, e certamente nessuno è stato innalzato in cielo per incontrare il Signore, con grande delusione di molti. La gente è completamente sorpresa: invece di accogliere il Signore Gesù, vedono il Lampo da Levante che testimonia ripetutamente il ritorno del Signore come Dio Onnipotente, il quale esprime la verità e compie l’opera di giudizio. Ed è una testimonianza che cattura l’attenzione. Tuttavia, a causa della soppressione del PCC, e della calunnia e blasfemia selvaggia degli anticristi nel mondo religioso, la gente ha accantonato la questione di approfondire la vera via. Inaspettatamente, in pochi anni, il Figlio dell’uomo, che era così disprezzato, ha espresso tanta verità; sempre più persone che hanno sentito la voce di Dio si sono tutte alzate per seguire Dio Onnipotente. Ciò non ha scosso solo il mondo religioso, ma l’intero globo. “La Parola appare nella carne”, che brilla come una vera luce da est a ovest, ha illuminato tutto il pianeta, e coloro che amano la verità e desiderano la manifestazione di Dio vengono verso quella luce, sentono la voce di Dio e partecipano al banchetto dell’Agnello. Questi fatti hanno sorpreso tutti: “Che tipo di persona è? Da dove è venuto? Come è riuscito a fare qualcosa di così potente?” Molti hanno chiesto: “Il Lampo da Levante è davvero opera di Dio?” “Le parole di Dio Onnipotente sono veramente la voce del Creatore che parla al genere umano?” Però si dicono: “Quando il Signore ritornerà, la prima cosa che farà sarà innalzare i credenti per incontrarLo in cielo. Non permetterà mai che i Suoi credenti cadano nel disastro, parlando per compiere l’opera di giudizio. No, non può accadere”. Oggi, in tanti guardano i film, gli inni e le video-testimonianze della Chiesa di Dio Onnipotente, e soprattutto le letture della parola di Dio Onnipotente. Una copiosa fonte di contenuti: la vita a Canaan è davvero un’esperienza meravigliosa. Le persone sono, pertanto, costrette ad ammettere che solo l’opera dello Spirito Santo potrebbe riuscire in questo. Senza la manifestazione e l’opera di Dio, nessuno potrebbe ottenere cose così grandi. Di conseguenza, molti credenti nel Signore si chiedono: perché Dio compie l’opera di giudizio negli ultimi giorni? Siamo stati perdonati dei nostri peccati e Dio ci ha giustificati. Allora, perché dobbiamo sperimentare il giudizio e il castigo? Il giudizio di Dio negli ultimi giorni dovrebbe colpire i non credenti. Allora, perché il giudizio inizia con la casa di Dio? Come stanno veramente le cose? Questo argomento sarà il fulcro della nostra condivisione di oggi.

Ma, prima di iniziare, cerchiamo di chiarire alcuni punti: Dio Si incarna come Figlio dell’uomo negli ultimi giorni per compiere l’opera di giudizio, secondo quanto predisposto da Dio molto tempo fa. Nonostante le nozioni della gente o altri impedimenti, il giudizio di Dio negli ultimi giorni non può essere alterato dalla volontà umana. E non può essere fermato da nessun Paese o da forza alcuna. Pertanto, qualcuno si chiederà se l’opera di giudizio di Dio trova fondamento nella Bibbia. Certo che esiste una base biblica ed è abbastanza solida. La Bibbia contiene almeno duecento riferimenti al “giudizio”, e il Signore Gesù ha anche profetizzato personalmente il Suo ritorno negli ultimi giorni, come Figlio dell’uomo incarnato, per esprimere la verità e compiere l’opera di giudizio. Ora guardiamo alcune delle profezie del Signore Gesù. “Se uno ode le Mie parole e non le osserva, Io non lo giudico; perché Io non sono venuto a giudicare il mondo, ma a salvare il mondo. Chi Mi respinge e non riceve le Mie parole ha chi lo giudica; la parola che ho annunciata è quella che lo giudicherà nell’ultimo giorno” (Giovanni 12:47-48). “Inoltre, il Padre non giudica nessuno, ma ha affidato tutto il giudizio al Figlio, […] e Gli ha dato autorità di giudicare, perché è il Figlio dell’uomo” (Giovanni 5:22, 27). “Ho ancora molte cose da dirvi, ma non sono per ora alla vostra portata; quando però sarà venuto Lui, lo Spirito della verità, Egli vi guiderà in tutta la verità” (Giovanni 16:12-13). C’è anche 1 Pietro 4:17, “Infatti è giunto il tempo in cui il giudizio deve cominciare dalla casa di Dio”. Senza dubbio queste parole sono piuttosto chiare: “La parola che ho annunciata è quella che lo giudicherà nell’ultimo giorno”, “affidato tutto il giudizio al Figlio”, “il giudizio deve cominciare dalla casa di Dio” e “Egli vi guiderà in tutta la verità”. Ciò dimostra che il Signore Si farà carne negli ultimi giorni per esprimere la verità e compiere l’opera di giudizio a partire dalla casa di Dio. È indiscutibile. Oggi, Dio Onnipotente esprime così tanta verità e compie l’opera di giudizio a partire dalla casa di Dio, che consiste nel giudicare e purificare tutti coloro che vengono davanti al Suo trono, e guidare il popolo da Lui eletto ad entrare in ogni verità. Egli ha formato un gruppo di vincitori prima dei disastri, a dimostrare che queste profezie sono completamente adempiute e realizzate.

Qualcuno chiederà: “Siamo credenti, quindi i nostri peccati sono perdonati, perché dobbiamo ancora accettare il giudizio e il castigo di Dio negli ultimi giorni?” Le parole di Dio Onnipotente rivelano questo mistero della verità, perciò diamo un’occhiata a ciò che Dio Onnipotente ha detto. Dio Onnipotente dice: “Prima che l’uomo fosse redento erano già stati insinuati in lui molti dei veleni di Satana e, dopo millenni di corruzione satanica, in lui si è consolidata una natura che resiste a Dio. Pertanto, quando è stato redento, non è stato altro che un caso di redenzione dell’uomo pagata a caro prezzo, ma senza che la natura velenosa che alberga in lui sia stata eliminata. L’uomo contaminato a quel modo deve subire un cambiamento prima di diventare degno di servire Dio. Attraverso quest’opera di giudizio e di castigo, l’uomo arriverà a conoscere appieno la sostanza sudicia e corrotta dentro di sé e sarà in grado di cambiare completamente e di diventare puro. Solo in questo modo può essere degno di tornare davanti al trono di Dio. […] Per quanto l’uomo possa essere stato redento e perdonato per i suoi peccati, si può solo ritenere che Dio non Si sia ricordato le trasgressioni dell’uomo e non lo abbia trattato in base ad esse. Tuttavia, quando l’uomo, il quale vive in un corpo fatto di carne, non è stato liberato dal peccato, può solo continuare a peccare, rivelando all’infinito la sua indole satanica corrotta. Questa è la vita che conduce, un ciclo infinito di peccato e perdono. La maggior parte degli uomini non fa che peccare durante il giorno per confessarsi la sera. In questo modo, anche se il sacrificio per il peccato è eternamente efficace per l’uomo, non sarà in grado di salvarlo dal peccato. Solo metà dell’opera di salvezza è stata portata a termine, poiché l’uomo ha ancora un’indole corrotta. […] Non è facile per l’uomo acquisire consapevolezza dei suoi peccati; egli è incapace di riconoscere la sua natura profondamente radicata, e deve fare affidamento al giudizio della parola per ottenere questo risultato. Solo così è possibile che l’uomo cambi, a poco a poco, a partire da questo momento” (“Il mistero dell’incarnazione (4)” in “La Parola appare nella carne”). Le parole di Dio Onnipotente sono molto chiare. Ciò che il Signore Gesù fece nell’Età della Grazia fu l’opera di redenzione. Se crediamo nel Signore, ci confessiamo e ci pentiamo, i nostri peccati sono perdonati. Non siamo più condannati e giustiziati per aver infranto la legge, e possiamo godere della grazia generosa del Signore. Ma il perdono del peccato ci rende santi? Ci assicura di raggiungere la vera obbedienza a Dio? No, per niente. Tutti noi vediamo chiaramente che i credenti peccano durante il giorno e poi confessano i loro peccati di notte. Viviamo intrappolati in questo ciclo; spesso pecchiamo, involontariamente, e poi preghiamo il Signore: “Soffro molto. Perché non riesco a liberarmi dai vincoli del peccato?” Tutti vogliamo liberarci dai grovigli di questo mondo per amore del Signore, vogliamo amare Lui e gli altri, ma quello che facciamo è involontario. E non riusciamo nemmeno a risolvere il problema di mentire frequentemente. Allora, perché è così? Perché le persone hanno indoli corrotte e nature peccaminose. E questa è la radice del peccato. Se non eliminiamo la radice del peccato, per quanto cerchiamo di trattenerci, continuiamo a peccare involontariamente. Anche se alcuni sanno spendersi sinceramente per il Signore, soffrire, e pagare un prezzo, e sopportare senza lamentarsi, nel profondo del cuore, sanno veramente obbedire a Dio? Lo amano davvero? La maggior parte di loro non vede chiaramente tale questione. Per ottenere benedizioni e ricompense, ed entrare nel Regno dei Cieli, le persone possono fare molte cose buone. Tuttavia, le loro buone azioni sono contaminate da alcuni elementi. Quali? Si tratta forse di secondi fini? Quando arriverà la catastrofe e noi non saremo innalzati, ma gettati in essa, ci lamenteremo contro Dio? Lo accuseremo? Addirittura Lo rinnegheremo? Se l’opera di Dio è in linea con le nozioni umane, Lo ringraziamo e lodiamo. Però, se la Sua opera non è in linea con le nostre nozioni e non è quello che vogliamo, Lo giudichiamo? Lo condanniamo? A coloro che predicano e scacciano i demoni nel Suo nome, il Signore dice: “Allontanatevi da Me, malfattori!” (Matteo 7:23). Queste persone svilupperanno nozioni, resisteranno al Signore e Lo condanneranno? Se il Signore Gesù tornasse nell’immagine del Figlio dell’uomo ebreo, per esprimere la verità nelle chiese, quante persone nel mondo religioso rinnegherebbero il Signore e si allontanerebbero da Lui? Quante persone accetterebbero la verità espressa dal Signore Gesù e direbbero che Egli è l’unico vero Dio? Quanti condannerebbero il Signore Gesù come un uomo invece che come Dio? Vale la pena riflettere su questi fatti. I farisei del giudaismo credevano in Dio da generazioni, e offrivano sacrifici espiatori a Dio. Quando Jahvè Dio Si incarnò e divenne il Signore Gesù, perché i farisei non sapevano che era la manifestazione di Jahvè Dio? Perché condannarono il Signore Gesù quando espresse la verità? Perché il Signore Gesù fu inchiodato alla croce? Qual è l’essenza di questo problema? Perché i farisei non riconobbero Dio, pur credendo in Lui da generazioni? Perché continuavano a resisterGli e a condannarLo? Abbiamo visto con i nostri occhi che Dio Si è fatto carne per operare negli ultimi giorni esprimendo così tanta verità. Allora perché molte persone nel mondo religioso resistono freneticamente a Dio Onnipotente, Lo condannano e persino bestemmiano? Se il Signore Gesù fosse tornato, ancora a immagine del Figlio dell’uomo ebreo, ed esprimesse la verità nel mondo religioso, sarebbe cacciato dalla chiesa, o addirittura condannato e poi messo a morte? È possibile. Dio Onnipotente esprime la verità allo stesso modo del Signore Gesù, ed entrambi sono normali figli dell’uomo. Il mondo religioso resiste così tanto a Dio Onnipotente, si mostrerebbe più aperto al Signore Gesù se avesse l’immagine di un Figlio dell’uomo? Perché il mondo religioso giudica ancora le persone che seguono Dio Onnipotente come credenti in una persona, invece che in Dio? Se fossero nati al tempo del Signore Gesù, non giudicherebbero coloro che seguono il Signore Gesù, perché credono in una persona, invece che in Dio? Qual è la vera natura di questo problema? Ciò accade perché gli esseri umani hanno nature sataniche, e vivono secondo un’indole corrotta. Ecco perché non è affatto strano che resistiamo a Dio e Lo condanniamo. Molti non lo vedono chiaramente. Pensano che, redenti dai peccati, Dio non ci vede come colpevoli e perciò diventiamo santi. E che, ottenuto il perdono dei peccati, possiamo guadagnarci l’approvazione di Dio attraverso le buone azioni. Ma sono punti di vista assai sbagliati. Il fatto che i farisei abbiano resistito al Signore Gesù, condannandoLo, è sufficiente per comprendere che le persone hanno una natura satanica e un’indole corrotta. Quindi non importa da quanti anni crediamo in Dio, quanto capiamo la Bibbia, o in quale età siamo nati, tutti continuiamo a odiare la verità, a resistere a Dio e a condannarLo, opponendoci a Lui. Pertanto, solo per questa ragione, l’opera di giudizio di Dio negli ultimi giorni è cruciale! A causa della nostra natura satanica, l’umanità dovrebbe accettare il giudizio e il castigo di Dio. Senza questo giudizio e castigo, corrotti come siamo, peccheremo sempre e resisteremo a Dio. Non saremo mai compatibili con Lui né obbedienti. E non potremo mai entrare nel Suo Regno. Anche se tutti noi sappiamo e comprendiamo che l’indole di Dio è giusta, nessuno vede quanto è spaventosa e profonda la nostra corruzione a opera di Satana, fino a che punto possiamo resistere a Dio, o quanto possiamo odiare il Figlio dell’uomo che sa esprimere la verità, cioè fino a che punto possiamo detestarla. La gente non riesce a vedere queste cose. Pertanto, abbiamo sempre molte nozioni e dubbi sull’opera di giudizio di Dio negli ultimi giorni. Tutti pensano che essere perdonati per i nostri peccati ci renda santi. Se Dio non ci considera peccatori, siamo santi. L’opera di salvezza di Dio è completa, ed Egli non ha più bisogno di compiere l’opera di giudizio. Quando il Signore Gesù ritornerà, ci porterà nel Regno dei Cieli e, una volta giunti lì, avremo la garanzia di obbedire a Dio e di adorarLo per sempre. Be’, non è una palese assurdità? Le persone credono in Dio sulla terra e godono della Sua grazia, eppure continuano a giudicarLo e condannarLo. Quindi potrebbero forse obbedire a Dio e adorarLo in cielo? È impossibile. Le parole di Dio menzionano “Senza la santificazione nessuno vedrà il Signore” (Ebrei 12:14). Questa frase è la verità, la regola del Cielo! Ora dovremmo capire perché Dio compie l’opera di giudizio negli ultimi giorni. Egli è venuto per salvare completamente le persone, per purificare e cambiare la nostra indole corrotta, oltre che per salvarci completamente dal peccato e dal potere di Satana. Dio Onnipotente ha espresso tutta la verità necessaria per purificare e salvare l’umanità, e sta compiendo l’opera di giudizio a partire dalla casa di Dio. Molti del Suo popolo eletto hanno sperimentato il Suo giudizio e la Sua purificazione, e ora lodano la Sua giustizia e santità dal profondo del cuore. Hanno visto quanto profondamente le persone sono corrotte da Satana, esattamente quali peccati possono commettere, e quanto possono resistere a Dio. Hanno raggiunto una reale comprensione di se stessi e visto la bruttezza della loro corruzione; sanno che, se non sperimentano il giudizio di Dio, ma vivono nella loro indole corrotta, stanno resistendo a Dio, tradendoLo e, vivendo come diavoli, saranno mandati all’inferno e puniti da Dio, indegni di vivere al Suo cospetto. Così provano un profondo rimorso e detestano se stessi, e raggiungono un vero pentimento e cambiamento. Solo quando sperimentiamo il giudizio e il castigo di Dio sappiamo che la Sua opera di giudizio è la Sua grande salvezza e il Suo grande amore per il genere umano.

Tanti non capiscono il significato dell’opera di giudizio di Dio negli ultimi giorni, convinti che, una volta terminata l’opera di redenzione, il genere umano è stato completamente salvato e l’opera di Dio per salvare l’umanità conclusa. Ma è un grave errore! Le parole di Dio Onnipotente sono assai chiare. Dio Onnipotente dice: “Benché Gesù abbia compiuto molte opere tra gli uomini, ha soltanto completato la redenzione di tutta l’umanità e ne è diventato il sacrificio espiatorio; Egli, però, non ha liberato l’uomo da tutta la sua indole corrotta. Salvare pienamente l’uomo dall’influenza di Satana ha richiesto non solo che Gesù diventasse il sacrificio espiatorio e Si facesse carico dei peccati dell’uomo, ma ha anche richiesto che Dio compisse un’opera ancora maggiore per liberare completamente l’uomo dalla sua indole diabolicamente corrotta. E così, dopo che all’uomo sono stati perdonati i peccati, Dio Si è fatto di nuovo carne per condurlo verso l’età nuova, e ha iniziato l’opera di castigo e giudizio, opera che ha introdotto l’uomo in un regno più elevato. Tutti coloro che si sottomettono al Suo dominio godranno di una verità superiore e riceveranno maggiori benedizioni. Vivranno realmente nella luce e otterranno la verità, la via e la vita” (Prefazione a “La Parola appare nella carne”). “Cristo degli ultimi giorni utilizza una serie di verità per insegnare all’uomo, rivelarne l’essenza e analizzarne le parole e le azioni. Queste parole comprendono diverse verità, quali il dovere dell’uomo, come l’uomo dovrebbe obbedire a Dio, come dovrebbe esserGli fedele, come dovrebbe vivere la normale umanità, così come la saggezza e l’indole di Dio, e così via. Queste parole sono tutte dirette all’essenza dell’uomo e alla sua indole corrotta. In particolare, le parole che rivelano come l’uomo rifiuta Dio vengono pronunciate a proposito di come l’uomo sia la personificazione di Satana e una forza nemica di Dio. Quando Dio comincia l’opera di giudizio, Egli non Si limita semplicemente a chiarire la natura dell’uomo con poche parole, ma compie la rivelazione, il trattamento e la potatura a lungo termine. Tale metodo di rivelazione, di trattamento e di potatura non può essere sostituito con parole ordinarie, ma con la verità che l’uomo non possiede affatto. Solo tale modo di lavoro viene considerato giudizio; solamente attraverso tale giudizio l’uomo può essere assoggettato, pienamente convinto a sottomettersi a Dio e inoltre può ottenere la vera conoscenza di Dio. Ciò che l’opera di giudizio realizza è la comprensione da parte dell’uomo del vero volto di Dio e la verità riguardo alla sua ribellione. L’opera di giudizio permette all’uomo di ottenere molta comprensione della volontà di Dio, dello scopo della Sua opera e dei misteri che per l’uomo sono incomprensibili. Inoltre, consente all’uomo di individuare e conoscere la sua sostanza corrotta e le radici della sua corruzione, come pure di scoprire la sua bruttezza. Questi effetti si realizzano tutti tramite l’opera di giudizio, perché la sua sostanza è di fatto l’opera di svelare la verità, la via e la vita di Dio a tutti coloro che hanno fede in Lui. Quest’opera è l’opera di giudizio svolta da Dio” (“Cristo compie l’opera di giudizio attraverso la verità” in “La Parola appare nella carne”).

L’opera di giudizio di Dio Onnipotente negli ultimi giorni ha messo fine all’Età della Grazia. Allo stesso tempo, ha dato inizio all’Età del Regno. Un aspetto del giudizio negli ultimi giorni è quello di purificare e salvarci completamente, liberarci dal peccato e dal potere di Satana, e permetterci di essere totalmente guadagnati da Dio. Un altro consiste nello smascherare ogni tipo di persone e dividerle secondo il loro genere, distruggere tutte le forze del male che resistono a Dio, e porre fine a questa età vecchia, oscura e malvagia. Ecco il significato dell’opera di giudizio di Dio negli ultimi giorni. Leggiamo un altro passo di Dio Onnipotente. “Nella Sua opera finale di conclusione dell’età, l’indole divina è quella del castigo e del giudizio, nella quale Egli rivela tutto ciò che è ingiusto al fine di giudicare pubblicamente ogni popolo e di perfezionare coloro che Lo amano con cuore sincero. Solo un’indole siffatta può portare a termine l’età. Sono già arrivati gli ultimi giorni. Tutte le cose nel creato saranno separate in base al loro tipo, e divise in diverse categorie secondo la loro natura. Questo è il momento in cui Dio rivela l’esito finale dell’umanità e la sua destinazione. Se gli uomini non si sottopongono al castigo e al giudizio, allora non ci sarà modo di smascherare la loro disubbidienza e iniquità. Solo attraverso il castigo e il giudizio può essere rivelato l’esito finale di tutto il creato. L’uomo mostra il suo vero volto unicamente quando è castigato e giudicato. Il male sarà messo con il male, il bene con il bene, e tutta l’umanità sarà separata in base al tipo. Attraverso il castigo e il giudizio sarà rivelato l’esito finale di tutto il creato, affinché il male sia punito e il bene ricompensato, e tutti gli esseri umani siano soggetti al dominio di Dio. Tutta quest’opera deve essere compiuta attraverso il giusto castigo e giudizio. Poiché la corruzione dell’uomo ha raggiunto il suo culmine e la sua disubbidienza è divenuta estremamente grave, solo l’indole giusta divina, che si compone principalmente di castigo e giudizio e si rivela durante gli ultimi giorni, è in grado di trasformare pienamente l’uomo e renderlo completo. Solo un’indole siffatta può smascherare il male e così punire severamente tutti gli iniqui. […] Durante gli ultimi giorni, solo un giusto giudizio può separare gli uomini secondo il loro tipo e condurli in un nuovo regno. In questo modo, viene posto fine all’intera età attraverso l’indole giusta divina del giudizio e del castigo” (“La visione dell’opera di Dio (3)” in “La Parola appare nella carne”). Negli ultimi giorni, Dio compie l’opera di giudizio con la verità, che rivela ogni tipo di atteggiamento umano verso la verità e verso Dio. Coloro che amano la verità e perseguono l’amore per Dio sono gli obiettivi della Sua salvezza e del Suo perfezionamento. Essi ascoltano la Sua voce, tornano al Suo trono, si nutrono delle Sue parole, sperimentano il Suo giudizio, le prove e l’affinamento, sono finalmente liberati dalla schiavitù e dal controllo del peccato, raggiungono il cambiamento della loro indole corrotta, e poi vengono perfezionati da Dio e diventano vincitori, cioè le primizie. Invece, coloro che Gli resistono subiranno l’abbandono e l’eliminazione di Dio. Si aggrappano ostinatamente al testo della Bibbia, e aspettano solo che il Signore venga sulle nuvole mentre resistono follemente a Dio Onnipotente. Così perdono la possibilità di essere rapiti, e cadranno nella catastrofe, piangendo. Ci sono altri che cercano soltanto benedizioni e accettano con riluttanza Dio Onnipotente solo per evitare i disastri. Credono esclusivamente nella parola, e la loro natura è quella di detestare la verità. Credono in Dio ma non praticano mai la verità, si rifiutano di accettare il giudizio e castigo di Dio, e di obbedirvi, e la loro indole corrotta non cambia mai del tutto. Sono non credenti e malfattori che si sono intrufolati nella casa di Dio, e saranno tutti smascherati ed eliminati. Ciò dimostra che l’opera di giudizio negli ultimi giorni ha già rivelato ogni tipo di persona. Le vergini sagge e quelle stolte, chi ama la verità e chi non la ama, il grano e la zizzania, i capri e le pecore, sono stati tutti divisi in categorie. Dio premia i buoni e punisce i cattivi, ripagando ognuno in base alle sue azioni a piena dimostrazione dell’indole giusta di Dio, e adempiendo l’Apocalisse: “Chi è ingiusto continui a praticare l’ingiustizia; chi è impuro continui a essere impuro; e chi è giusto continui a praticare la giustizia, e chi è santo si santifichi ancora” (Apocalisse 22:11). “Ecco, io vengo presto e con Me avrò la Mia ricompensa da dare a ciascuno secondo le sue opere” (Apocalisse 22:12).

Dio Onnipotente ha già creato un gruppo di vincitori prima del disastro, e l’opera di giudizio a partire dalla casa di Dio ha ottenuto un grande successo. Le parole espresse da Dio Onnipotente si sono diffuse in ogni nazione sulla terra e hanno scosso il mondo, dimostrando che Dio ha sconfitto Satana e ottenuto la gloria. In seguito, Egli farà scendere la catastrofe e comincerà a giudicare tutte le nazioni e i popoli. La catastrofe rappresenta il giudizio di Dio che scende su questa epoca malvagia e servirà a salvare l’umanità. Dio usa il disastro per costringere le persone a cercare e approfondire la vera via, a trovare l’opera del Salvatore, a venire dinanzi a Dio Onnipotente e accettare la Sua salvezza. Allo stesso tempo, Egli lo usa anche per eliminare tutte le forze del male e gli empi che Gli resistono e per porre completamente fine a questa era malvagia in cui Satana detiene il potere. Alla fine, tutti coloro che hanno sperimentato il giudizio di Dio e sono stati purificati saranno protetti da Lui in mezzo al disastro, e portati alla bella destinazione. Così l’opera di giudizio di Dio negli ultimi giorni sarà completata. Dopo di che, in un nuovo mondo, il Regno di Cristo sarà pienamente realizzato su questa terra.

Per concludere, guardiamo una video-lettura delle parole di Dio. Dio Onnipotente dice: “Capisci ora cos’è il giudizio e cos’è la verità? Se hai capito, ti esorto a sottoporti con obbedienza a essere giudicato, altrimenti non avrai mai l’opportunità di essere lodato da Dio o di essere portato da Lui nel Suo Regno. Coloro che accettano soltanto il giudizio ma non possono mai essere purificati, vale a dire coloro che fuggono nel mezzo dell’opera di giudizio, saranno per sempre detestati e ripudiati da Dio. I loro peccati sono molti di più, e molto più gravi, di quelli dei farisei, perché hanno tradito Dio e si sono ribellati contro di Lui. Uomini così, che non meritano nemmeno di prestare servizio, riceveranno punizioni più severe e, soprattutto, eterne. Dio non risparmierà alcun traditore che un tempo abbia dichiarato lealtà a parole e dopo, invece, Lo abbia tradito. Tale uomo riceverà la sua retribuzione attraverso la punizione dello spirito, dell’anima e del corpo. Questo non rivela esattamente l’indole giusta di Dio? Non è questo lo scopo di Dio nel giudicare l’uomo e nel rivelarlo? Dio abbandona tutti coloro che compiono ogni sorta di azioni malvagie durante il tempo del giudizio in un luogo infestato da spiriti maligni, affinché i loro corpi carnali vengano distrutti a loro piacimento. I loro corpi emanano l’odore di un cadavere e tale è la loro appropriata punizione. Dio annota nei loro registri ogni singolo peccato di quei falsi e sleali credenti, falsi apostoli e falsi lavoratori; dopodiché, al momento opportuno, Egli li getta tra gli spiriti immondi così che i loro corpi interi possano essere insozzati dagli spiriti immondi a loro piacimento e, in seguito, essi non si reincarnino mai più, né rivedano mai la luce. Quegli ipocriti che prestano servizio una volta, ma non sono capaci di rimanere fedeli fino alla fine, sono annoverati da Dio fra i malvagi, in modo da farli entrare nel consiglio degli empi, diventando parte della loro moltitudine disordinata. Alla fine, Dio li distruggerà. Egli mette da parte e non tiene in alcun conto coloro che non sono mai stati fedeli a Cristo o non Gli hanno dedicato alcuno sforzo, e li distruggerà tutti nel cambio delle età. Essi non esisteranno più sulla terra, men che meno otterranno il passaggio nel Regno di Dio. Coloro che non sono mai stati sinceri con Dio ma sono costretti dalle circostanze a trattare frettolosamente con Lui, sono annoverati fra quelli che servono il Suo popolo. Solo un numero limitato di tali uomini potrà sopravvivere, mentre la maggior parte perirà insieme a coloro che rendono un servizio inadeguato ai requisiti. Infine, Dio porterà nel Suo Regno tutti coloro che sono della Sua stessa opinione, la Sua gente e i Suoi figli, così come coloro che sono predestinati da Lui a diventare sacerdoti. Saranno cristallizzazioni dell’opera di Dio. Per quanto riguarda coloro che non possono appartenere a nessuna delle categorie stabilite da Lui, essi saranno annoverati fra i non credenti. E voi potete sicuramente immaginare quale sarà la loro fine. Vi ho già detto tutto quello che dovevo dirvi; la strada che scegliete deve essere solamente una vostra decisione. Quello che dovreste capire è questo: l’opera di Dio non aspetta nessuno che non possa stare al passo con Lui, e l’indole giusta di Dio non mostra pietà per nessuno” (“Cristo compie l’opera di giudizio attraverso la verità” in “La Parola appare nella carne”).

Coloro che sono in grado di rimanere saldi durante l’opera di giudizio e di castigo di Dio negli ultimi giorni – cioè, durante l’opera finale di purificazione – saranno coloro che entreranno nel riposo finale insieme a Dio; pertanto, tutti coloro che entrano nel riposo saranno stati liberati dall’influenza di Satana e guadagnati da Dio dopo aver subito la Sua opera finale di purificazione. Queste persone, che alla fine saranno state guadagnate da Dio, entreranno nel riposo finale. Lo scopo essenziale dell’opera di castigo e di giudizio operati da Dio è purificare l’umanità e prepararla al riposo finale; senza tale purificazione, nessun individuo potrebbe essere classificato in categorie diverse a seconda del tipo o entrare nel riposo. Quest’opera è il solo percorso che l’umanità ha per entrare nel riposo. Solo l’opera di purificazione di Dio monderà l’umanità dalla sua ingiustizia, e solo la Sua opera di castigo e di giudizio porterà alla luce quanti sono disobbedienti all’interno dell’umanità, separando così coloro che possono essere salvati da coloro che non possono esserlo, e coloro che rimarranno da coloro che non rimarranno. Quando quest’opera sarà compiuta, le persone a cui sarà consentito di rimanere verranno tutte purificate ed entreranno in una condizione più elevata di umanità in cui godranno di una seconda e più splendida vita umana sulla terra; in altre parole, cominceranno il loro giorno del riposo umano e vivranno insieme a Dio. Quanto a coloro che non possono rimanere, dopo essere stati sottoposti al castigo e al giudizio, la loro vera natura verrà interamente rivelata, dopo di che saranno interamente distrutti e, al pari di Satana, non sarà più concesso loro di continuare a vivere sulla terra. L’umanità del futuro non conterrà più alcuna traccia di questo tipo di persone; simili persone non sono adatte a entrare nella terra del riposo finale, né sono adatte a partecipare al giorno del riposo che Dio e l’umanità condivideranno, poiché sono oggetto della punizione e sono persone malvagie e ingiuste. Sono state redente una volta, e sono state anche giudicate e castigate; un tempo hanno anche reso servizio a Dio. Tuttavia, quando arriverà l’ultimo giorno, verranno comunque eliminate e distrutte per la loro malvagità e a motivo della loro disobbedienza e incapacità di essere redente; non verranno più in esistenza nel mondo del futuro e non vivranno più all’interno della razza umana del futuro. […] L’intero scopo dietro all’opera finale di Dio di punire il male e di ricompensare il bene è quello di purificare completamente tutti gli esseri umani, così che Egli possa condurre nel riposo eterno un’umanità interamente santa. Questa fase della Sua opera è la più cruciale; è la fase finale dell’intera Sua opera di gestione” (“Dio e l’uomo entreranno nel riposo insieme” in “La Parola appare nella carne”).

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Rispondi