Cosa hanno mai fatto per me il denaro e il prestigio?

17 Gennaio 2023

Sono nata in una famiglia divisa. Quando mia madre era incinta di me, mio padre è scappato con un’altra donna. Mia madre ha sofferto molto per prendersi cura di sei figli, e piangeva quasi ogni notte. Sentirla piangere così amaramente mi ha dato una visione negativa del matrimonio e delle relazioni. Mi dicevo: “Non puoi mai concedere a un’altra persona tutta la tua fiducia. Non fidarti mai di nessuno. Nella vita puoi contare solo su te stessa e sul denaro che guadagni con le tue mani”. Da quel momento, ho iniziato a pensare a come fare soldi. Al liceo, mentre tutti gli altri si godevano le vacanze, io e mia madre allestivamo una bancarella a bordo strada per vendere cibo. Ma, all’epoca, i soldi che guadagnavamo bastavano solo a farci sopravvivere. Al secondo anno di liceo, ho dovuto abbandonare gli studi perché non potevo pagare la retta. Poi ho continuato a gestire la bancarella. Ogni mattina mi alzavo alle quattro o alle cinque per preparare il cibo e verso le sei andavo alla bancarella. Tre anni dopo, avevo risparmiato abbastanza per andare a lavorare in una grande città. Mi alzavo presto e lavoravo sodo ogni giorno, ma non guadagnavo molto e non ero soddisfatta. Così, con l’aiuto del mio ragazzo, ho aperto un piccolo negozio con i miei risparmi di anni. Due anni dopo, avevamo guadagnato un po’ di soldi e avevamo dei figli. Proprio quando stavamo per sposarci, il mio ragazzo mi ha rubato ogni cosa. Ha preso tutti i soldi, è scappato e si è messo con un’altra donna. Anche loro hanno avuto un figlio. Ho perso tutti soldi che avevo guadagnato con fatica e mi sentivo depressa e infelice. Sulla base dell’esperienza di mia madre, sentivo che gli uomini erano inaffidabili, e che dovevo concentrarmi sul guadagnare abbastanza per poter crescere i miei figli. Ma ero molto sotto pressione, non avevo le energie per gestire il mio negozio ed ero malata. Non volevo più rimanere in quella città. In seguito, quando il padre del mio ragazzo ha saputo tutto, mi ha pagato la richiesta di un visto per il Regno Unito. Quattro anni dopo, ho ottenuto il permesso di soggiorno e sono entrata all’università. Per guadagnare di più, ho scelto un corso di gestione aziendale. Nel 2011, ho ricevuto una borsa di studio per studenti, e ho usato i soldi per aprire un negozio di cibo africano in città.

All’inizio, dato che il negozio era piccolo, ho assunto solo una persona. Ogni mattina, mi alzavo alle cinque per lavorare in negozio e quando finivo andavo all’università. Dopo le lezioni, tornavo di corsa al negozio per pulire, consegnare la merce e gestire la contabilità. Occuparti dell’attività, studiare all’università e crescere i figli allo stesso tempo deve essere stato molto difficile. Ma, quando tutti si complimentavano per le mie capacità e vedevo i loro occhi ammirati e invidiosi, mi sentivo molto soddisfatta. All’epoca, gli affari del negozio andavano bene e guadagnavo più di quanto avessi previsto, ma non mi sembrava abbastanza. Volevo avere abbastanza soldi da comprare la banca, così da essere lodata e invidiata dagli altri. In realtà era questo che volevo. Per ottenere più onore e lodi, dimostrare che ero forte e guadagnare più soldi per crescere i miei figli e vivere nel lusso, ho ampliato il negozio. Tre anni dopo, il mio piccolo negozio si era ingrandito e vendevo cibo di diversi Paesi africani. Ero anche riconosciuta come l’unica imprenditrice africana della città. Gli insegnanti delle scuole superiori e dell’università mi invitavano a parlare delle mie ambizioni e del mio successo per ispirare i giovani immigrati nel Regno Unito, e mi hanno insignita di un trofeo. Quando andavo a tenere discorsi con il trofeo, tutti mi riconoscevano. Sentivo che tutto il mio duro lavoro e la mia sofferenza di anni fossero valsi la pena, e che avevo raggiunto i miei obiettivi di vita. Ma non ho smesso di fare soldi, perché è più facile realizzare qualcosa e guadagnare dopo aver acquisito prestigio sociale, ed è anche aumentato il mio desiderio di fama. Ma, a quel punto, il mio corpo già ne risentiva. Riuscivo a stare in piedi per poco tempo, poi dovevo sedermi. Il medico mi ha diagnosticato reumatismi, fibromialgia e sciatica, che mi davano dolore a tutta la colonna vertebrale. Il medico ha detto che avevo bisogno di tempo per ristabilirmi e che non potevo più lavorare, ma non ho preso sul serio la malattia. Credevo di potermi riprendere con un po’ di esercizio. Inoltre, il negozio andava così bene che non volevo mollare, così ho continuato a lavorare.

All’inizio del 2014, le mie condizioni erano peggiorate e avevo dolori generalizzati. Sentivo tutto il mio corpo come bruciato dal fuoco. Avevo quasi sempre le gambe gonfie, le ossa delle anche sembravano rotte e la colonna vertebrale era debole. Dovevo indossare un tutore per tenerla dritta. Ho fatto un controllo, e il medico mi ha detto che avevo già i reumatismi ma, poiché entravo spesso nella cella frigorifera della macelleria, il freddo aveva raggiunto le mie ossa, quindi rischiavo da un momento all’altro una paralisi permanente. In quel momento ero terrorizzata, ma era troppo tardi. In seguito, non potendo più muovermi, non ho avuto altra scelta che chiudere il negozio. Inaspettatamente, altre persone in città hanno iniziato a imitarmi e ad aprire dei loro negozi. Ero invidiosa, e anche molto triste per la mia condizione. Perché avevo una malattia così grave? Il dolore era continuo, 24 ore su 24, e non dormivo mai tranquilla per una notte intera. Era come avere un fuoco che mi bruciava in petto, e il tormento fisico e mentale era estremamente doloroso. A quel punto, ho davvero iniziato a riflettere. Il denaro che avevo guadagnato non poteva curare la mia malattia, quindi a cosa serviva? Allora, mi sentivo vulnerabile e indifesa. Ero preoccupata per i miei figli, perché avevano solo me. Non volevo più pensare ai soldi e alla fama. Volevo solo smettere di soffrire e crescere i miei figli in pace. Per più di un anno, sono rimasta a letto, chiedendomi: “Perché le persone soffrono così tanto? Perché ci ammaliamo?” In preda all’infelicità e alla disperazione, ho invocato il Signore perché mi liberasse dal dolore.

Nel maggio del 2019, una volta, dopo dieci giorni di digiuno e preghiera, volevo ascoltare un inno. Ho cercato online e ho trovato il sito web della Chiesa di Dio Onnipotente. Dopo aver visto alcuni filmati, “Dov’è la mia casa” mi ha profondamente colpita. La vita della bambina rispecchiava la mia infanzia, e l’esperienza di sua madre era identica a quella della mia. Mi ha battuto forte il cuore per tutta la notte, e il giorno dopo ho contattato la Chiesa di Dio Onnipotente. Leggendo le parole di Dio Onnipotente, non ho avuto dubbi che Egli era il Signore Gesù ritornato. Ho accettato con gioia l’opera di Dio Onnipotente e ho iniziato a frequentare le riunioni online. Una volta, ho ascoltato un inno che mi ha molto colpita. “Se non fossi stato salvato da Dio, vagherei ancora per il mondo, dimenandomi con dolore nel peccato, senza alcuna speranza nella vita. Se non fossi stato salvato da Dio, sarei ancora oppresso dai diavoli, godendo dei piaceri del peccato, senza conoscere il cammino della vita umana. Dio Onnipotente è misericordioso con me; il suono delle Sue parole mi chiama. Sento la voce di Dio e sono stato innalzato dinanzi al Suo trono. Ogni giorno mi nutro delle parole di Dio, e ho compreso molte verità. Vedo l’estrema profondità della corruzione dell’umanità. Abbiamo davvero bisogno della salvezza di Dio. La verità di Dio mi purifica e mi salva. Ripetutamente vengo giudicato e raffinato, e la mia indole di vita è cambiata. Finché non ho assaporato la giustizia e la santità di Dio, non conoscevo la Sua bellezza. Posseggo un cuore che teme Dio e fugge il male, e vivo in parte una parvenza di umanità” (Seguire l’Agnello e cantare dei canti nuovi). Quest’inno spiega molto bene la mia vita. In passato, avevo sempre voluto crearmi una vita felice con le mie mani, e credevo di poter realizzare i miei sogni d’infanzia e tutti i miei desideri con le mie sole forze, ma alla fine ero profondamente ferita, priva di sostegno e infelice. È stato Dio a portarmi davanti a Lui, a lenire il mio dolore, a salvarmi dalle tenebre del mondo, a consentirmi di leggere le Sue parole e a darmi la possibilità di accettare il giudizio e la purificazione. Sia lodato Dio per la Sua salvezza! Allora, non vedevo l’ora di leggere altre parole di Dio Onnipotente, perché mi sono resa conto che contenevano le risposte a molte domande.

In seguito, ho letto un passo della parola di Dio. “Qual è l’origine della sofferenza derivante dalla nascita, dalla morte, dalla malattia e dalla vecchiaia che gli esseri umani devono patire per tutta la vita? Cosa ha fatto sì che le persone abbiano questa sofferenza? Gli esseri umani non la avevano quando sono stati creati inizialmente, vero? Dunque, da dove proviene questa sofferenza? È emersa dopo che gli esseri umani sono stati tentati e corrotti da Satana e sono diventati dei depravati. Il dolore della carne umana, le sue afflizioni e la sua vacuità, nonché le questioni estremamente miserabili del mondo umano sono arrivati solamente quando Satana ha corrotto l’umanità. Dopo che gli esseri umani sono stati corrotti da Satana, quest’ultimo ha cominciato a tormentarli. Di conseguenza, essi sono diventati sempre più degenerati. Le malattie dell’umanità sono diventate sempre più acute e la sua sofferenza sempre più grave. Le persone hanno avvertito in modo crescente il vuoto e la tragedia del mondo umano, così come la loro incapacità di continuare a viverci, e vivere nel mondo è diventato sempre più senza speranza. Così, questa sofferenza è stata inflitta agli esseri umani da Satana, e si è manifestata soltanto dopo la depravazione dell’uomo a seguito della corruzione da parte di Satana(La Parola, Vol. 3: I discorsi di Cristo degli ultimi giorni, “Il significato del provare da sofferenza del mondo da parte di Dio”). Dalla parola di Dio, ho capito che Egli ha creato un mondo senza malattie, dolore e morte. Dopo che Satana le ha tentate a tradire Dio e ad allontanarsi da Dio, le persone hanno iniziato a degenerare e a corrompersi, e si sono abbattute sul genere umano anche la malattia e la morte. Da allora, la vita è diventata sempre più infelice. Durante quei sei anni, sono stata malata e volevo persino suicidarmi. La mia vita era priva di significato e colma di dolore. Ma ora ho capito l’origine di quel dolore: ero stata corrotta da Satana e mi ero allontanata da Dio, e vivevo solo per la fama e la fortuna. Vivendo sotto il dominio di Satana, il mio dolore non poteva che aumentare e la mia vita essere priva di sgnificato. Più leggevo le parole di Dio, più il mio cuore era illuminato, e la parola di Dio nutriva la mia anima arida. Mi sono sentita risvegliata, come da un sonno pieno di incubi.

Poi, ho letto altre parole di Dio Onnipotente. “‘I soldi fanno girare il mondo’ è una filosofia di Satana. Essa prevale nell’intera umanità, in ogni società umana; si potrebbe dire che è una tendenza. Questo perché è stata instillata nel cuore di tutti gli uomini, i quali all’inizio non accettavano questo detto, ma poi lo hanno tacitamente accolto quando sono entrati in contatto con la vita reale, e hanno cominciato ad accorgersi che queste parole erano in effetti vere. Questo non è forse il processo di corruzione dell’uomo da parte di Satana? Forse le persone non intendono questo detto nello stesso modo, ma ciascuno ha diversi gradi di interpretazione e di riconoscimento in base alle cose che gli sono successe e alle esperienze personali. Non è così? A prescindere da quanta esperienza ciascuno abbia con questo detto, qual è l’effetto negativo che può avere sul cuore di una persona? C’è qualcosa che viene rivelato attraverso l’indole umana delle persone di questo mondo, compreso ognuno di voi. Di cosa si tratta? Dell’adorazione del denaro. È difficile cancellarla dal proprio cuore? Difficilissimo! Sembra che la corruzione dell’uomo da parte di Satana sia davvero profonda! Satana usa il denaro per tentare le persone e le induce ad adorare i soldi e a venerare le cose materiali. In che modo si manifesta nelle persone l’adorazione del denaro? Forse sentite che non potreste sopravvivere senza denaro in questo mondo, che per voi sarebbe impossibile anche solo per un giorno? Il prestigio e la rispettabilità delle persone dipendono da quanti soldi hanno. La schiena dei poveri è piegata dalla vergogna, mentre i ricchi godono della loro posizione elevata. Camminano orgogliosamente a testa alta, parlano con voce tonante e vivono con arroganza. Cosa portano questo detto e questa tendenza alle persone? Non è forse vero che molte persone fanno qualsiasi sacrificio pur di accumulare denaro? Molte non sacrificano la loro dignità e l’integrità andando in cerca di altri soldi? Molte non perdono l’opportunità di compiere il loro dovere e di seguire Dio a causa del denaro? Perdere la possibilità di acquisire la verità ed essere salvate non è forse la perdita più grave per le persone? Satana non è subdolo quando usa questo metodo e questo detto per corrompere l’uomo fino a questo punto? Non si tratta di un perfido stratagemma? Man mano che passi dall’obiettare su questo detto popolare all’accettarlo come verità, il tuo cuore finisce completamente nelle grinfie di Satana, e così arrivi tuo malgrado a vivere secondo questo criterio. Fino a che punto ti ha condizionato questo detto? Forse conosci la vera via, e forse conosci la verità, ma sei incapace di seguirla. Forse sai chiaramente che le parole di Dio sono la verità, ma non sei disposto a pagare il prezzo, o a soffrire per guadagnare la verità. Invece preferisci sacrificare il tuo futuro e il tuo destino per opporre resistenza a Dio sino alla fine. Per quanto Egli dica o faccia, per quanto tu ti renda conto di quanto sia grande e profondo il Suo amore per te, ti ostineresti a fare di testa tua e pagheresti il prezzo di questo detto. In altre parole, questo detto ha già ingannato i tuoi pensieri e ne ha assunto il controllo, ha già dominato il tuo comportamento, e tu preferisci permettere che decida il tuo destino piuttosto che mettere da parte la tua ricerca di ricchezza. Il fatto che le persone possano agire in questo modo, che possano essere controllate e manipolate dalle parole di Satana, non significa forse che sono state ingannate e corrotte da Satana? La filosofia e la mentalità di Satana, così come la sua indole, non hanno forse messo radici nel tuo cuore? Quando persegui ciecamente la ricchezza e abbandoni la ricerca della verità, Satana non ha forse raggiunto il suo scopo di ingannarti? È proprio così(La Parola, Vol. 2: Riguardo al conoscere Dio, “Dio Stesso, l’Unico V”). Solo dopo aver letto le parole di Dio ho capito che motti come “Il denaro non è tutto, ma senza non si può fare nulla” e “Il denaro fa girare il mondo”, in cui avevo sempre creduto, erano in realtà filosofie sataniche. Si erano radicati nel mio cuore e controllavano la mia mente, tanto che mettevo il denaro al di sopra di ogni altra cosa. Lo consideravo la mia unica ragione di vita, e pensavo che mi avrebbe portato felicità e onore, così l’ho perseguito disperatamente. Per avere più soldi, essere invidiata e ammirata e vivere una bella vita, ho lavorato duramente, senza curarmi del mio corpo, finché non sono quasi rimasta paralizzata e ho rischiato la vita. Era la conseguenza dell’aver accettato le filosofie di Satana ed essermene lasciata controllare. Anche se sapevo che Dio esisteva, non avevo la forza di seguirLo e di percorrere il vero cammino della vita, perché le parole e le filosofie di Satana mi controllavano. Hanno allontanato il mio cuore da Dio e mi hanno indotta a vivere solo per soddisfare la carne. Grazie alla guida delle parole di Dio, ho capito che stavo andando nella direzione sbagliata.

In seguito, ho letto un altro passo della parola di Dio e ho trovato una via d’uscita dal mio dolore. La parola di Dio dice: “Poiché le persone non riconoscono le orchestrazioni e la sovranità di Dio, affrontano sempre il destino con aria di sfida e con atteggiamento ribelle, e vogliono sempre sbarazzarsi della Sua autorità e sovranità e delle cose che la sorte ha in serbo, sperando invano di cambiare le proprie circostanze attuali e di modificare il proprio destino. Però non ci riescono mai e vengono frustrate a ogni piè sospinto. Questa lotta, che avviene nel profondo dell’anima, arreca un dolore profondo, del tipo che si scolpisce nelle ossa, mentre per tutto il tempo si sta sprecando la vita. Qual è la causa di questo dolore? La sovranità di Dio o il fatto che una persona è nata sfortunata? Ovviamente nessuna delle due cose. In fondo, la causa è la strada che le persone intraprendono, il modo in cui scelgono di vivere la vita. […] C’è un modo estremamente semplice per scrollarsi di dosso questa condizione, ossia dire addio allo stile di vita precedente, ai precedenti obiettivi esistenziali; riassumere e analizzare il proprio stile di vita, la filosofia, le ricerche, i desideri, gli ideali precedenti e poi confrontarli con la volontà di Dio e con le Sue richieste nei confronti dell’uomo, e vedere se siano coerenti con esse, se racchiudano i giusti valori dell’esistenza, conduce a una maggiore comprensione della verità e consente di vivere con umanità e con le sembianze di un essere umano. Quando indaghi ripetutamente e analizzi attentamente i vari obiettivi di vita che le persone perseguono e i loro infiniti stili di vita, scoprirai che nessuno di loro rispecchia l’intenzione originaria con cui il Creatore creò l’umanità. Allontanano tutti le persone dalla Sua sovranità e dalla Sua sollecitudine; sono tutti trappole che rendono gli uomini depravati, e che li conducono all’inferno. Dopo averlo riconosciuto, il tuo compito è accantonare la tua vecchia visione della vita, stare lontano dalle varie trappole, lasciare che Dio si faccia carico della tua esistenza e faccia programmi per te; è provare soltanto a sottometterti alle Sue orchestrazioni e alla Sua guida, a vivere privo di scelta individuale e a diventare una persona che adora Dio(La Parola, Vol. 2: Riguardo al conoscere Dio, “Dio Stesso, l’Unico III”). La parola di Dio mi ha fatto capire come liberarmi dal controllo del denaro, ossia abbandonare gli obiettivi che avevo perseguito in precedenza, non perseguire più fama e fortuna attraverso i miei sforzi, e lasciare che Dio decidesse e predisponesse per me. Dovevo sottomettermi alle orchestrazioni di Dio, praticare secondo i Suoi requisiti, e diventare una persona che Lo adora. Ero profondamente grata a Dio. Era la prima volta nella mia vita che Lo sentivo guidarmi. Sembrava che Dio mi parlasse di persona, indicandomi un cammino di pratica. Iniziato a credere in Dio Onnipotente, volevo compiere il mio dovere nella chiesa, ma all’epoca gestivo ancora un negozio online. Avevo investito molto denaro, ma non avevo ottenuto alcun profitto. Temevo di perdere ancora di più, quindi dovevo continuamente controllare gli ordini online, e ricevevo sempre messaggi durante le riunioni diurne, quindi non riuscivo ad acquietare il mio cuore, e continuavo a pensare a come investire e guadagnare di più. Gestire il mio negozio online durante il giorno era faticoso; così a volte, durante le riunioni serali, a causa dei dolori in tutto il corpo, ce la facevo solo sdraiandomi e prendendo delle medicine, ma i farmaci inducevano il sonno e mi addormentavo durante le riunioni. Volevo adorare sinceramente Dio. Non volevo vivere la mia vecchia vita. Così, ho chiuso il negozio online. In seguito, una mia amica voleva aprire un negozio di materiali edili; avendo studiato gestione aziendale, l’ho aiutata gratuitamente a sviluppare un progetto. Le piaceva molto e mi ha detto che voleva lavorare con me. Io mi sarei occupata dell’imballaggio e lei delle spedizioni, e avremmo diviso a metà il ricavato. Ero tentata. Mi pareva una buona occasione per guadagnare di più, e mi sono subito venute in mente molte idee. Quella sera, pregando Dio per riflettere sul mio stato, mi sono resa conto di star di nuovo rivelando la mia avidità di denaro. Mi sono ricordata dei dolori che avevo provato in passato. Ho anche constatato che, da quando credevo in Dio Onnipotente, il mio spirito non soffriva più. Avevo goduto di pace e stabilità, e il dolore fisico era molto diminuito, senza l’uso di farmaci. Era la protezione e la salvezza di Dio per me. Dio mi ha aiutata a sfuggire alle sofferenze della fama e della fortuna, e io invece volevo continuare a perseguire denaro e fama. Non stavo forse cadendo di nuovo nella trappola di Satana? Sapevo che avrei dovuto rifiutare di lavorare con la mia amica, ma non riuscivo ancora a rinunciarvi del tutto. In seguito, ho letto le parole di Dio e ho trovato un cammino di pratica. La parola di Dio dice: “Gli uomini passano la vita a inseguire il denaro e la fama; si aggrappano a questi fili di paglia pensando che siano i loro unici mezzi di sostentamento, come se, possedendoli, potessero continuare a vivere, potessero esonerarsi dalla morte. Soltanto quando stanno per morire, tuttavia, si rendono conto di quanto queste cose siano distanti da loro, di quanto essi siano deboli davanti alla morte, di quanto facilmente vadano in pezzi, di quanto siano soli e impotenti, senza alcun luogo in cui rifugiarsi. Si accorgono che la vita non si può comprare con il denaro o con la fama, che per quanto una persona sia facoltosa, per quanto alta sia la sua posizione, tutti sono parimenti poveri e insignificanti dinanzi alla morte. Si rendono conto che il denaro non può comprare la vita, che la fama non può cancellare la morte, che né l’uno né l’altra possono allungare l’esistenza di una persona anche solo di un minuto o di un secondo. Più gli uomini ragionano in questo modo, e più desiderano continuare a vivere; più ragionano in questo modo, e più temono l’avvicinarsi della morte. Solo a questo punto si rendono davvero conto che la vita non appartiene all’uomo, che egli non ne ha il controllo e che non ha voce in capitolo sul fatto di vivere o di morire, che tutto ciò va oltre il suo governo(La Parola, Vol. 2: Riguardo al conoscere Dio, “Dio Stesso, l’Unico III”). Dalla parola di Dio, ho capito che le persone pensano che aggrapparsi al denaro possa prolungare la vita e impedire loro di morire, ma solo sull’orlo della morte si rendono conto che il denaro non può salvarle, non può dare loro la vita eterna e non può aiutarle a recuperare la salute. Aprire gli occhi in punto di morte non è troppo tardi? Io facevo lo stesso: perseguivo ciecamente il denaro senza curarmi del mio corpo. Il medico mi ha detto di riposare e ristabilirmi, ma io temevo di non guadagnare soldi se fossi rimasta a casa, così ho lavorato pur essendo malata. Pensavo di poter controllare il mio destino, ma rischiando la vita ho capito che nulla era sotto il mio controllo. Ora, grazie alla salvezza di Dio, avevo la fortuna di ascoltare le parole di Dio. Ho capito che Dio ha la sovranità sul destino delle persone, e che dovevo obbedire alle disposizioni di Dio e non combattere più il destino da sola. Se avessi scelto i soldi, sarei stata di nuovo infelice. Mi sarei fatta in quattro per il denaro e Satana avrebbe continuato a controllarmi e a tormentarmi. A quel punto, ho capito che quella era una tentazione di Satana. Un’amica è venuta da me con un’idea imprenditoriale, era pronta a investire e a dividere il ricavato in parti uguali. L’offerta era molto allettante. Satana la stava usando per farmi ricadere nella trappola del denaro e della fama, e io volevo stupidamente tornare alla mia vecchia vita di tormento e infelicità. Non equivaleva forse a cadere nel tranello di Satana? Ho pregato Dio, dicendoGli che volevo rinunciare a fama e fortuna e compiere invece il mio dovere. Pregare mi ha molto rilassata. Era come se mi fossi liberata da un pesante fardello. Nei tre giorni successivi, per tenermi lontano dal vortice della fama e della fortuna, ho pregato ogni giorno più intensamente. Ho trovato il coraggio di rifiutare l’offerta della mia amica, ma lei ha tentato di convincermi: “Ora vivi grazie ai sussidi del governo. Non può bastarti. Questa non è la Nina che conosco”. Le ho risposto: “È vero, non sono più la Nina di una volta. Ho accettato l’opera di Dio degli ultimi giorni e ho compreso alcune verità. È stato Dio a salvarmi dal dolore. In ospedale, avevano dichiarato la mia malattia incurabile e si erano arresi con me. Nemmeno i tranquillanti riuscivano ad alleviare il mio dolore. Ma, quando ho letto le parole di Dio, si è placato senza che me ne rendessi conto. Se lasciassi la casa di Dio e tornassi nel mondo, ricomincerei a vivere nel dolore. Non voglio continuare a vivere così”. Le ho inoltre detto: “Puoi trovare un altro socio per il tuo negozio. Se hai bisogno di aiuto, posso darti qualche consiglio”. In seguito, è tornata da me diverse volte, finché non si è resa conto che non avrei cambiato idea.

Ora svolgo il mio dovere nella chiesa e provo un senso di libertà e di pace. Il mio dolore fisico si è ormai ridotto di oltre la metà, e riesco a camminare e a cucinare. Ma soprattutto posso svolgere il mio dovere nella chiesa. Sono grata a Dio per avermi salvata dal controllo del denaro e per aver cambiato la direzione della mia vita. Ora capisco che conoscere la sovranità di Dio, adorarLo e praticare in conformità alle Sue parole e ai Suoi requisiti è la cosa più significativa e preziosa della vita. Anche se la mia malattia mi ha causato molto dolore, è anche una benedizione per me. Mi dà la possibilità di tornare a Dio e di ottenere la Sua salvezza, qualcosa che nessuna somma di denaro può comprare. Sia lodato Dio Onnipotente!

Sei fortunatoad accederea questo sito Web,avrai l’opportunitàdi accogliere il Signoree trovare la viaper sbarazzarti della sofferenza. Vuoi guadagnare questa benedizione di Dio?

Contenuti correlati

Attenersi al proprio dovere

di Yangmu, Corea del SudMi sentivo così invidiosa quando vedevo i fratelli e le sorelle che si esibivano, che cantavano e danzavano in lode...

Rispondi